Ilaria M. Orsini
La leggenda della nave di carta

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Può benissimo succedere di trovare interessante un libro anche se alla fine i suoi contenuti non siano poi all’altezza delle aspettative o - come in questo caso - di mio particolare gusto. Questa è la prima considerazione che mi sento di fare a proposito di questa raccolta di racconti di fantascienza giapponese ristampata Italia da Fanucci Editore lo scorso aprile. Una premessa che considero fondamentale anche ai fini della considerazione complessiva che intendo suggerire riguardo questa opera.

La raccolta, curata Ilaria M. Orsini, che si è occupata personalmente delle traduzioni dalla lingua inglese, e introdotta da Carlo Pagetti, porta il nome di uno dei racconti proposti e in particolare di un’opera di Tetsu Yano del 1986 intitolata ‘La leggenda della nave di carta’. I racconti sono in totale sedici e risalgono tutti al ventennio compreso tra gli anni settanta e gli anni ottanta. Tra questi trovano spazio autori che in Giappone sono considerati tra i massimi esponenti del genere come Ryo Hammura, Shinichi Hoshi e Sakyo Komatsu, che tra tutti nei suoi due racconti (‘La bocca selvaggia’ e ‘Fate la vostra scelta’) è forse l’unico - menzionerei anche ‘Triceratopo’ di Tensei Kono - a osare e proporre una fantascienza che per gli anni in cui è stata proposta, si possa considerare al passo coi tempi e in qualche maniera avere i connotati tipici dei classici del genere.

Del resto per avere una chiave di lettura sui contenuti dell’opera ritengo sia funzionale leggere la interessante introduzione di Carlo Pagetti che compiendo un'opera di ricostruzione storica per quello che riguarda il rapporto tra la sci-fi e il Giappone, oltre sconfessare il ‘mito’ che vuole la fantascienza giapponese legata a mostri giganteschi come Godzilla oppure confinata al mondo dei manga, ci spiega come già nella seconda metà dell’ottocento quelli che consideriamo i primi autori del genere fossero conosciuti grazie alla diffusione delle opere di autori come Jules Verne e H.G. Wells. Tuttavia, come si può evincere dalla lettura dei racconti proposti, è mancato in Giappone quel rinnovamento del genere e quel 'salto di qualità' compiuto negli Stati Uniti e nel resto del mondo dopo la seconda guerra mondiale con l'arricchimento di contenuti per lo più fantastici con tematiche di attualità e contenenti anche questioni di natura sociale e geopolitica. La causa, evidente, va ricercata negli eventi traumatici di Hiroshima e Nagasaki. Senza sottolineare quella che può essere stata anche una certa censura da parte degli USA nell'affrontare determinate tematiche nel periodo post-bellico. Hiroshima è stato il punto zero. Dopo, tutto fu diverso. Paure come l’olocausto nucleare e lo scoppio di un nuovo conflitto mondiale in Giappone furono da quei tragici momenti considerati temi da letteratura ‘alta’ e che di conseguenza non sono mai stati trattati dalla fantascienza, che nel paese del Sol Levante diviene così qualche cosa dai contenuti per lo più simbolici e fiabeschi, riprendendo una certa tradizione che sicuramente affonda le sue radici nella cultura del paese, e le cui ambientazioni paradossalmente non sono le grandi città metropolitane come Tokyo ma per lo più piccole comunità rurali. Sono comunque trattati temi complessi come i rapidi processi di modernizzazione, gli strascichi del militarismo degli anni fino alla seconda guerra mondiale, l’inquinamento ambientale, l’isolamento culturale e il ruolo della donna, ma è come se tutti questi racconti mancassero di vere e sostanziali argomentazioni di natura critica che guardassero in maniera concreta e forte al tempo presente e a quello futuro.

Non c’è mordente nei racconti (una formula che peraltro non amo particolarmente, preferendo storicamente i romanzi) proposti in questa raccolta in cui non a caso i momenti più interessanti li troviamo invece nella parte che precede il corpus vero e proprio dell’opera e in cui sono raccolte alcune delle testimonianze dirette di ragazzi e ragazze sopravvissuti a Hiroshima. Le testimonianze, raccolte da Arata Osada, uno studioso del pedagogista svizzero Johann Heinrich Pestalozzi, risalgono al 1950 e furono pubblicate l’anno successivo. Sono proprio queste testimonianze la parte più suggestiva così di una raccolta che non definirei brutta, ma che costituiscono a questo punto più una testimonianza storica vera e propria e che tuttavia per i loro contenuti potrebbero non essere apprezzati appieno da un appassionato di fantascienza.

Questa DeRecensione di La leggenda della nave di carta è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ilaria-m-orsini/la-leggenda-della-nave-di-carta/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Ho aggiunto una virgola.». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Mi consenta la DeDomanda un poco irrispettosa e decisamente fuori contesto:
ma tale Johann Heinrich Pestalozzi risulta, per caso, anche parente di terzo/quarto di quel Bartolomeo Pestalozzi (da Pinerolo) che c'ha incendiato tutti in gioventù?

BËL (02)
BRÜ (00)

sotomayor: Ahah non lo so. Ma... credo di no! Però non lo conoscevo, grazie per avermi dato una informazione in più. :)
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Sfatato il mito dell'onnipresente Godzilla.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Era ora!
lector
Opera: | Recensione: |
Ecco, sulla fantascienza giapponese, mi proclamo del tutto ignorante. Ben venga questa tua segnalazione.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: È interessante perché riferito alla fantascienza giapponese diciamo 'classica'. Quella moderna è chiaramente più... moderna ecco. Penso che sia più interessante comunque la letteratura alta tradizionale che quella di fantascienza per quanto riguarda il giappone, per quanto io credo di saperne poco. Ho letto più di qualcosa di Mishima ovviamente. Grande pensatore e personaggio incredibile... magari potrebbe diventare uno dei personaggi impossibili... Ma ho già scelto il prossimo, è altrettanto leggendario.
lector: Aspetto con impazienza.
sotomayor: Non ti deluderò.
psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non avevo riconosciuto la copertina, letto post laurea. Concordo sul voto, decisamente poco interessanti come racconti, anche per un nipponista come me. Però sinceramente non concordo su quanto scrivi sull'evoluzione della S/F giapponese, che se non genere molto battuto in letteratura, è molto vitale sia nei film di animazione che nel fumetto, con temi che hanno influenzato anche l'immaginario occidentale. Ci ho in pratica fatto una tesi sull'immaginario fantascientifico giapponese
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: MOlto itneressante quello che dici e il fatto tu ne abbia fatto un argomento della tua tesi. Sicuramente come ho precisato, questo libro si discosta dall'immaginario sci-fi dei film sui mostri giganti come Godzilla così dal mondo dei manga (a partire da Mazinga in poi) e che sono stati e sono comunque una realtà tipicamente giapponese e che come si fa a dire che non abbiano avuto successo? Hanno avuto successo e un sacco di seguito e hanno pure influenzato l'immaginario occidentale. Nessun dubbio. Allo stesso tempo sono diventati anche dei clichè. Penso che lo scopo di questo libretto fosse un po' smontare questi luoghi comuni e parlare di altro. Lo fa ma mostrandoci una sci-fi veramente priva di mordente, come ho detto e mi pare di capire che sei d'accordo. Ma la fantascienza giapponese oggi è molto diversa e essa stessa poi influenzata anche dai vari Godzilla e Mazinga e da quei temi che richiami, reinterpretati chiaramente in un contesto più maturo e "intelligente" (senza nulla togliere al semplice intrattenimento di opere di questo tipo).
sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Modifica.». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: