Sto caricando...

Joni Mitchell
Shadows and Light

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


E' sconsigliabile avvicinarsi alla musica della Mitchell ascoltando questo disco, in quanto tutti gli altri album che si potranno successivamente ascoltare della stessa artista non si avvicineranno alla perfezione come questo, ad eccezione di un altro live "Miles of Aisles", antecedente a questo, che ne è la controparte acustica. La magia del disco si deve a due fattori: le canzoni scintillanti scritte dalla Mitchell (e da Charles Mingus in qualche caso) e un gruppo di supporto che comprendeva i più grandi musicisti della musica Jazz-Fusion di quel periodo, (siamo nel 1979). parliamo di artisti ormai entrati nel mito, primo fra tutti il leggendario bassista Jaco Pastorius, la star della chitarra elettrica Pat Metheny, il tastierista spesso collaboratore di Metheny, Lyle Mays, l'illustre sassofonista Michael Brecker e il batterista Don Alias, già collaboratore di Miles Davis e dei Weather Report: una All Stars Band insomma. E' un doppio album che ripropone soprattutto i brani del disco precedente a questo cioè "Mingus"(1979), "God must be a Boogie man", "Goodbye Pork Pie Hat", "The Dry Cleaner from Des Moines" e soprattutto quelli tratti da "Hejira" (1975) "Amelia", "Coyote", "Furry Sings the Blues", "Black Crow" e la title track "Hejira". Le altre canzoni del repertorio della Mitchell subiscono tutte il trattamento rivitalizzante di questa favolosa band che con l'ausilio anche del gruppo vocale dei The Persuasions, regala agli ascoltatori vette irraggiungibili come la spirituale "Shadows and Light" e l'effervescente "Why do Fools Fall in Love".

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

London
London
Opera:
Recensione:
La più grande compositrice della storia della musica meritava dei periodi meglio concepiti. Mi spiace ma il voto è negativo. Il disco è leggendario, come tutte le note/parole incise prima da Joni a cominciare da "Joni Mitchell" del '68.


Miss Kinotto
Miss Kinotto
Opera:
Recensione:
"Miles of Aisles" controparte acustica di questo album??? Miles scompare totalmente al cospetto di questo che è secondo me tra i migliori live di sempre. Non nomini quelli che secondo me sono i pezzi migliori del disco, "In France They Kiss On Main Street" e "Edith and the Kingpin", provenienti da un disco fantastico come "Hissing of Summer Lawns". Ma queste versioni sono per me decisamente migliori di quelle in studio, lavoro di Pastorius e interpretazione di Joni fenomenali. Sulla rec la penso come London.


hjhhjij: Il che è tutto dire che la versione studio di Edith per me è un capolavoro.
orecchiodoro
orecchiodoro
Opera:
Recensione:
E' uno dei miei dischi preferiti di sempre...


Miss Kinotto: ... che non hai sentito manco una volta.
Miss Kinotto: ... ah! ti hanno bannato. Non avevo visto.
Giorno serale
Giorno serale
Opera:
Recensione:
Non è onanistico votare la propria recensione? Così, per sapere.


orecchiodoro: può darsi, del resto l'onanismo è uno dei miei hobbies preferiti.
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Uno dei live più belli di sempre, l'hanno già detto qui sopra e hanno ragione. Il punto di arrivo di un'evoluzione musicale straordinaria per questa autrice e compositrice immensa. La Mitchell bandleader Jazz con dietro Pistorius, Metheny, Mays, Brecker e Don Alias è qualcosa di sublime.


orecchiodoro
orecchiodoro
Opera:
Recensione:
ma che ho fatto di male per averti sempre fra le palle?


hjhhjij: E per quale motivo io non dovrei commentare una recensione su uno dei dischi che più amo ? Ti rendi conto vero che il mio è un neutralissimo commento sul disco ? E che stai facendo la figura di uno che sarà bannato tra circa 34 secondi continuando così ? Bravo, seriamente, poi lamentati degli insulti che da adesso in poi, dopo il TUO attacco totalmente a caso, non mancherò di farti avere :)
orecchiodoro
orecchiodoro
Opera:
Recensione:
nessuno ha bannato te gli altri stronzi che avete rotto il cazzo sulla recensione di Maurice, quindi non mi rompere, baciapile gregario, Voi fate bullismo su internet ma avete trovato la persona sbagliatissima con cui prendervela. per il resto fa quello che cazzo ti pare.


hjhhjij: Peccato che io con te non me la sia proprio mai presa, continua con i deliri paranoici da fake di serie z, tanto duri poco @[G] che facciamo la alziamo sta categoria di fake e buttiamo fuori 'sti pesci piccoli ?
hjhhjij: Ah dimenticavo io con te no, ma tu con me te la sei presa e pure senza motivo, quindi tanto per giocare, la figura del "bullo" manco la sto facendo io, questa pagina sta proprio in bella vista. Figo.
hjhhjij: "nessuno ha bannato te gli altri stronzi che avete rotto il cazzo sulla recensione di Maurice" Forse perché nessuno ha cagato il cazzo.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Shadows and Light è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link