Lucio Battisti
Una donna per amico

()

Voto:

Probabilmente, insieme a "Umanamente uomo: il sogno" (1972), è il miglior album del Battisti prima maniera (quello cioè pre-Panella). "Una donna per amico" è un disco ricco di sonorità intriganti e curiose contaminazioni jazz e blues. Nettamente superiore rispetto a "Anima latina" seppur questa volta non vi siano tracce nè di sperimentazione folle nè di elettronica d'avanguardia. Eppure, certe intuizioni musicali, sono più geniali, e forse persino più folli, rispetto al precedente "Anima latina". È un Battisti maturo, insuperabile nella propria istrionica gigioneria, capace di illuminare i testi (peraltro eccellenti) di un Mogol in evidente stato di grazia.

L'album si compone di otto canzoni, fra cui spiccano "Prendila così" e "Aver paura d'innamorarsi troppo". La prima è una splendida composizione pop con chiarissime influenze jazz (la lunga coda finale è stupefacente e elaboratissima) mentre la voce di Battisti pare fondersi alla perfezione con le chitarre che, in sottofondo, addolciscono un testo leggermente cattivello ("E tu sai che io potrei purtroppo anzi spero non esser più solo"). Da ricordare che gli arrangiamenti del brano (e di tutto il disco) sono a cura di Geoff Westley, super boss anglosassone che tenterà, vanamente, di esportare il fenomeno Battisti in Inghilterra. Westley compie un lavoro miracoloso sulle bellissime musiche di Battisti e per Lucio, aver cambiato città di lavoro (dalla Lombardia a Londra), è fonte di meraviglia e ispirazione. Anche "Aver paura di innamorarsi troppo" è un super brano pop da hit permanente in cui Battisti cerca di cantare utilizzando la propria proverbiale voce roca come malandrino strumento di seduzione. Impossibile resistergli quando sussurra "Non farsi vivo e non telefonare, parlar di tutto per non parlar d'amore, cercar di farsi un pò desiderare è proprio un vero dolore". Ed è la complicità, la seduzione, l'ironia, l'arma che Lucio utilizza quasi senza ritegno: le parole di Mogol paiono veri e propri colpi di fucile, impossibile schivarli. Il brano più famoso è, ovviamente, "Una donna per amico": tipica canzone da primo posto stabile e solido, è uno di quei brani che non invecchieranno mai nemmeno fra un milione di anni. Si tratta di una furbissima (eppure bellissima) canzone dance, costruita attorno ad una sequenza esilissima di note e un giro armonico sempre uguale. La bravura di Battisti, e la furbizia di Westley, fanno della canzone un eterno sempreverde: dopo l'esperimento, in parte non riuscito, di "Ancora tu" in cui le cadenze pop lasciavano il posto a quelle dance, Battisti trova finalmente la tanto agognata soluzione. "Una donna per amico" rimarrà in hit parade per quasi sei mesi e non mollerà le classifiche almeno fino al 1980. Un motivo ci sarà, o sbaglio? Da ricordare inoltre "Donna selvaggia donna", ritratto di una donna atipica e controcorrente, folgorante e modaiola, bellissimo brano con cui Battisti sfodera tutta la propria anima blues (e ne aveva tanta, credetemi). Impossibile non amare "Perchè no", stupenda composizione in cui il suono violentissimo del pianoforte sembra voler dolcemente accompagnare la voce di Battisti in strofe languide e romanticissime ("In un grande magazzino una volta al mese, spingere un carrello pieno sotto braccio a te, e parlar di surgelati rincarati, far la coda mentre sento che ti appoggi a me"): una versione più romantica e ottimista di "Anche per te" (1972). Infine un trittico un pò sottovalutato: "Nessun dolore" è splendidamente pop (con chiari accenni rock) e gira attorno ad una sequela di note e strumenti che farebbero invidia a qualsiasi musicista moderno. Ascoltate attentamente la voce di Lucio durante il primissimo ritornello: non vi sembra toccare note quasi paradisiache? (forse nemmeno Aretha Franklin avrebbe potuto tanto); "Maledetto gatto" è la classica canzone ironica e sempliciotta, eppure assolutamente divertente; "Al cinema" è una canzone apparentemente sciocca eppure assai complessa: il ritornello è elaboratissimo e le strofe non cedono mai nè a sentimentalismi gratuiti nè a mediocrità sentite e risentite. Insomma, un gran bel disco. C'è altro da aggiungere?

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Una donna per amico è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/lucio-battisti/una-donna-per-amico/recensione-viva-li

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Tredici)

Lewis Tollani
Opera: | Recensione: |
a questo 5 e a Don Giovanni 3... temo di non capire...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

sexyajax
Opera: | Recensione: |
ohohhohohahahahauuhuhuhuhahahahohohohoh.......inse guendo una libellula su un prato un giorno che le palle mi ero castrato.....
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
In "Donna Selvaggia Donna" alla chitarra acustica c'è il chitarrista dei Wings Lawrence Juber , e si sente.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Eneathedevil
Opera: | Recensione: |
Ci sono sempre degli assunti sbagliati, a mio modo di vedere. Che questo sia il migliore insieme a "Umanamente" è ancora da dimostrare. Anzi, te lo dimostro io: non lo è, punto e basta. :) Però Prendila Così è uno dei vertici. E comunque la recensione mancava, good
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

misterNo
Opera: | Recensione: |
senza far confronti con gli altri album, dico che questo il 5 lo merita, è davvero strepitoso, e per me i brani migliori sono "Perchè no" "Al cinema" "Nessun Dolore", quest'ultima malamente rifatta da diverse star italiane... bella la descrizione dell'album...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Fagen85
Opera: | Recensione: |
Peccato per lo scivolone degli ultimi due pezzi, avrebbe potuto essere un capolavoro...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Battisti non mi è mai piaciuto, eppure a sentire i commenti delle quaranta recensioni mandate dal Caro Poletti mi vien da pensare che Battisti fosse un genio inarrivabile...e cmq: 3 al disco di Bob Dylan??????? tiè!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Grasshopper
Opera: | Recensione: |
Quasi come Fagen85, ma salverei "Al cinema". Lo scivolone lo vedo più che altro in "Maledetto gatto" e (parziale)anche nella celebratissima title-track, che pure a suo tempo fu un tormentone, il che non è garanzia di qualità, anzi... Comunque ottimo disco, e non male la recensione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

London
Opera: | Recensione: |
Basta "Donna Selvaggia Donna" per farne un lavoro prezioso.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

pippocalippo
Opera: | Recensione: |
Non ricordo chi lo disse alla radio o in tv: Una donna per amico: Alvaro Amici...
Certo per chi non è nato nella zona de li castelli romani, Alvaro Amici non dice molto,
eppure l'inizio della title-track di questo LP gli si ponno cambia' le parole:
'Dajje de punta, dajje de fino''...' :-)))
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

pippocalippo
Opera: | Recensione: |
pippocalippo
Opera: | Recensione: |
Non ricordo chi lo disse alla radio o in tv: Una donna per amico: Alvaro Amici...
Certo per chi non è nato nella zona de li castelli romani, Alvaro Amici non dice molto,
eppure l'inizio della title-track di questo LP gli si ponno cambia' le parole:
'Dajje de punta, dajje de fino''...' :-)))
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

rafssru
Opera: | Recensione: |
Capolavoro commerciale. Brani studiati apposta per il successo radiofonico. Il finale di "Prendila così" è strepitoso!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy