Lucio Battisti
Volume 4

()

Voto:

LUCIO BATTISTI - "Volume 4"

Con "Volume 4" (1971) si chiude il rapporto di Lucio Battisti con la Ricordi. È una raccolta che riassume il periodo 1966-'71, con brani tratti dagli album precedenti e altri mai usciti su LP.
Il brano migliore è la nuova Le tre verità, un brano quasi psichedelico, con le chitarre in grande evidenza, in cui Lucio mostra la versatilità della sua voce, in un'interpretazione tesa, tra apparenti raucedini e sorprendenti acuti in falsetto.

Altro brano interessante è Dio mio no (da 'Amore e non amore'): 7 minuti di rock torrido, basato su un solo accordo sul quale i musicisti si scatenano (notevole l'hammond di Dario Baldan Bembo), mentre Battisti dispiega le sue doti interpretative in un drammatico crescendo.
Adesso sì, di Sergio Endrigo, è uno dei rari brani incisi da Battisti a non portare la sua firma: l'interpretazione (una delle prime prove di Lucio) è piuttosto acerba. Meglio l'originale.
La latineggiante La mia canzone per Maria e il r'n'b Luisa Rossi, sono episodi piacevoli ma decisamente secondari del primo album, da cui sono tratte anche 29 settembre, una delicata ballad acustica, valorizzata da belle armonie e dall'arrangiamento sobrio e l'intensa e raffinata, in bilico tra rock e melodia Io vivrò (senza te), ripresa anche nel secondo album, "Emozioni" (!).
Da "Emozioni" viene Mi ritorni in mente, che fonde atmosfere blues e arrangiamenti orchestrali. Un altro blues è Insieme a te sto bene, in cui Lucio dimostra di non aver nulla da invidiare ai bluesmen americani. Questo brano era da poco uscito in 45 giri con Pensieri e parole, qui ripresa: è uno dei momenti più emozionanti del disco, una ballata acustica in cui Battisti sperimenta soluzioni ardite, alternando la sua voce su due temi contrapposti. Questo brano, anche grazie al testo di Mogol che unisce semplicità e ricercatezza, più di ogni altro anticipa quello che sarebbe accaduto nei dischi successivi.

"Vol. 4", insomma, pur con tutti i limiti delle raccolte, è comunque un disco da avere, come testimonianza del passaggio di Lucio Battisti dal rhythm'n'blues delle origini a un percorso musicale originale, capace di unire il gusto per la sperimentazione con la piacevolezza dell'ascolto.

Questa DeRecensione di Volume 4 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/lucio-battisti/volume-4/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Otto)

Enciclopedia Poletti
Opera: | Recensione: |
Nessuno ha commentato ancora questa recensione sul grandissimo Lucio Battisti, bhe dai, ci penso io. Recensione accurata, disco che non conosco, ma se i pezzi sono questi il 5 è doveroso. A proposito: "Le tre verità" la conoscono pochi, eppure andrebbe rivalutato al più presto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

iside
Opera: | Recensione: |
Le Tre Verità, anche la Bertè con Lavezzi e Leali ne fanno una bella interpretazione,forse anche migliore della versione di Lucio. Mi chiedevo se era in questo disco che Pensieri e Parole (il meglio di Battisti sicuramente)aveva una lunga coda orchestrale......
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

aries
Opera: | Recensione: |
Pronta risposta a Iside: in questo disco, "Pensieri e parole" si conclude col cantato di Battisti. Mi è venuta la curiosità di rintracciare la versione che mi hai segnalato. Qualcuno ne sa di più?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

iside
Opera: | Recensione: |
grazie comunque
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

a
a
Opera: | Recensione: |
raccolta

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

tiziocaio
Opera: | Recensione: |
Malgrado sia una raccolta un pò raffazzonata ha il grande pregio di presentare Battisti come un musicista che ha saputo interpretare e fare suoi diverse attitudini, dal r'n'b alla canzone d'autore, dal pop canzonettistico al progrssive delle "Tre Verità" e al rock in pieno stile Cream-Hendrix di "Insieme a te sto bene". A proposito di quest'ultima, lode ai Lombroso per averla riproposta ma la loro interpretazione è ben lontana dal fuoco che pervade Battisti in quella canzone.
Un disco da cui cominciare se si vuole conoscere e approfondire Battisti, icona fondamentale della musica popolare internazionale.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

José de Buenos Aires
Opera: | Recensione: |
In una recensione letta poco tempo fa si descriveva "Le tre verità" come una sorta di brano indie/post-rock con venticinque anni d'anticipo. È vero: il pezzo è portato avanti da un arpeggio di chitarra un po' in stile Byrds o Buffalo Springfield, ma piú scarno, ostinato e minimale. Cosa che a quei tempi forse potevi sentire dai Velvet Underground o da Moby Grape. Il fatto è che Lucio in quel 1971 poteva anche incidere "La canzone el sole" o "Amore e non amore". Notevole...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

rafssru
Opera: | Recensione: |
Battuta d'arresto dopo i primi lavori formidabili. Pezzi non tutti rimasti nella memoria collettiva. "Le tre verità" gioiello di canzone.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: