Luigi Comencini
La finestra sul Luna Park

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Forse vi ricorderete di Luigi Comencini per il favoloso sceneggiato televisivo di Pinocchio che secondo il sottoscritto rimane ad oggi la miglior trasposizione del libro di Collodi mai realizzata, nonostante qualche perdonabile concessione disneyana. Uscito nell’aprile 1972 lo sceneggiato mostrava la capacità del regista di dirigere un attore bambino e realizzare una storia in cui a dominare fosse l’empatia dello spettatore nei suoi confronti. Be’, non era la prima volta che ciò accadeva: nel 1957 uscì un film diretto da lui, ‘La finestra sul luna park’, un gioiello tardo-neorealista oggi, forse per la presenza di attori quasi sconosciuti se si eccettua Gastone Renzelli nel ruolo del papà Aldo, ricordato nel capolavoro 'Bellissima' di Luchino Visconti, in cui recitava sempre la parte del padre, inspiegabilmente caduto nel dimenticatoio.

Tardo-neorealista non è un aggettivo messo a caso: inevitabile rintracciare nel rapporto conflittuale tra Mario, il bambino protagonista, e il proprio papà che lotterà per guadagnare l’affetto del piccolo, echi dei film di De Sica, dal capolavoro ‘Ladri di biciclette’ sino a spingersi più indietro con ‘I bambini ci guardano’. In effetti Comencini costruisce una pellicola dotata di tutti i crismi (dalla trama, all’ambientazione ad ancora la classe sociale di appartenenza dei protagonisti) da essere perfettamente ascrivibile nel solco tracciato dal nostro luminare del Neorealismo, compresa la presenza in fase di sceneggiatura della penna di Suso Cecchi D'Amico. E insomma, l’unico elemento di distinguo parrebbe essere l’anno di ambientazione: è il 1957 e nonostante la configurata situazione di povertà dei due protagonisti si profilano all’orizzonte avvisaglie di benessere: mentre in un Ladri di biciclette il padre lavoratore impazziva per tutta la città nella ricerca del mezzo necessario per portare a termine un lavoretto alla fin dei conti umile atto a guadagnare il piatto caldo della serata, il padre del nostro Mario ha un lavoro niente male tra le mani assai più redditizio. Unico sacrificio? Deve emigrare in Africa lasciando soli la moglie e il figlioletto. Ed è proprio su questo conflitto che si snoda il cuore drammaturgico del film: cosa è meglio per le persone care della famiglia, che abbiano più comodità (addirittura viene citato quel “lusso” che era per quegli anni la televisione) a costo di una penuria d’affetto? Tale dilemma diventa ancora più greve quando a causa di un incidente stradale la presenza femminile viene a mancare e Mario rischia di rimanere solo al mondo ed essere rinchiuso in un collegio.

Ma gli occhi di Comencini sono benigni verso il suo figlioletto cinematografico: e così grazie all’escamotage di un lungo flashback nel momento di risoluzione finale, ci mostra la sopita sofferenza dettata dalla solitudine che madre e figlio avevano provato durante l’assenza del marito, come Mario stesso non avesse mai potuto conoscere il padre, come serene giornate al mare in compagnia del tuttofare dei nonni di Mario, Righetto, qui nelle vesti di genitore e marito putativo avessero ben più valore dei beni materiali e delle due righe stringate di lettere che venivano spedite da laggiù. Insomma il messaggio, la morale del film è chiara, e il padre riesce ad aprire gli occhi appena in tempo, la notte prima della sua ipotetica partenza. Rimarrà lui insieme al figlio, mentre il sempre affidabile e onesto Righetto che mai s’era azzardato a corrompere quel buon nome di famiglia nonostante la palese affezione sviluppatasi nei loro riguardi, decide di farsi da parte permettendo così che bambino e genitore irrobustiscano il loro rapporto.

Ed è proprio qui che scatta la seconda differenza coi film di De Sica il quale ha da sempre prediletto un finale e una chiave di lettura assai più pessimistici: il padre di Ladri non riesce a ritrovare la bicicletta e scampa miracolosamente alla prigione per pura pietà, il bambino de ‘I bambini ci guardano’ passa attraverso l’abbandono definitivo della madre e il suicidio del padre e viene messo in collegio; qua certo, non si sa nulla dell’avvenire che si prefigura incerto (il padre d’altronde rinuncia a una ghiotta occasione lavorativa per un più precario e meno redditizio “vivere alla giornata” attraverso impieghi manuali e altri lavoretti e indispensabile diventa l’aiuto dei retrogradi nonni, osteggiati fino a poco prima), ma non ha più importanza, giacché si è insieme. Emblematica l’ultima inquadratura dei due a cavallo di un’attrazione da luna park, il trionfo di un affetto destinato a crescere e, in vista delle avversità future, fonte da cui trarre forza e nutrimento.

Questa DeRecensione di La finestra sul Luna Park è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/luigi-comencini/la-finestra-sul-luna-park/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

adrmb
Opera: | Recensione: |
Chiedo scusa per "generi:rock" ma non mi uscivano quelli cinematografici, se qualcuno sa come risolvere il problema si faccia avanti ahah
BËL (00)
BRÜ (00)

adrmb
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «affidabile al posto di dignitoso». Vedi la vecchia versione La finestra sul Luna Park - Luigi Comencini - Recensione di adrmb Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Oltre al bellissimo "Pinocchio" con quel Manfredi indimenticabile che è tra i ricordi indelebili dell'infanzia, benedetto Saturnino, Comencini merita l'immortalità per quello straordinario ritratto dell'8 Settembre in "Tutti a casa", un film bellissimo che segue la strada dell'evoluzione della commedia italiana in qualcosa "Di Più" tracciata l'anno prima da "La Grande Guerra". Ecco "Tutti a casa" è davvero splendido. Poi ovviamente ce ne sono altri. Questo non lo conosco, sembra anche bello, rimedierò.
BËL (00)
BRÜ (00)

adrmb: No, questo era il mio primo film che ho visto di suo, alle spalle avevo Pinocchio e Cuore (e te ne parlai pure mi pare).
Tutti a casa non l'avevo mai sentito, mentre avevo già addocchiato Lo scopone scientifico.
Questo invece lo trovi completo su Youtube. Oh, comunque secondo me il titolo richiama volontariamente il film di Hitchcock perché di finestre onestamente non ce ne sono nel film ahahah
hjhhjij: Può darsi, andava di moda rifarsi ai "filoni di titoli" all'epoca ahahaha "Lo scopone scientifico" è un altro classico. Amarissimo. Ma "Tutti a casa" fino ad ora dei suoi è il più bello a mio gusto.
Cialtronius
Opera: | Recensione: |
questo di Comencini mi manca...
BËL (00)
BRÜ (00)

adrmb: Recuperaa
Tucidide
Opera: | Recensione: |
Il Pinocchio di Comencini è la prima cosa che ricordo di aver visto in televisione. A bocca aperta. Avevo sei anni. Il film che recensisci è una piacevole novità . Conosco bene il filone del bambino nei film del dopoguerra, pensa che mia moglie ha fatto la tesi di laurea magistrale proprio su questo tema.


BËL (00)
BRÜ (00)

adrmb: Uh, hai altro da consigliarmi?
Comunque pure io l'ho trovato piacevolissimo questo film, peccato che appunto non sia cagato come dovrebbe
Tucidide: Oltre ai titoli già stranoti (Roma città aperta, Paisà, Sciuscià ecc.), ti segnalo questi: Mio figlio professore, L'onorevole Angelina, Fuga in Francia, Molti sogni per le strade, Cielo sulla Palude, Il Cammino della speranza, Prima comunione. Non facili da rintracciare, ammetto.
adrmb: Ho segnato tutto, grazie mille :)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: