Lungo la scogliera, guardando il mare

Breve estratto di un racconto che mi piacerebbe scrivere...

... camminavo su un sentiero di un posto isolato, ai bordi di un precipizio che scendeva scosceso ad aspro, quasi impraticabile fino al mare. Era primavera e sul quel dirupo impervio e brullo, avevano trovato la forza di crescere e fiorire mandorli, ciliegi, qualche cespo di rose selvatiche e anche alberi dalla vasta chioma, che facevano ombra alle piante più basse e qualche animaletto che era nascosto alla vista. La strada, polverosa e sinuosa, era costeggiata da muretti di pietra, tutto intorno crescevano erbacce e cespugli. Sotto, cento metri più in basso, c'era il mare. Le onde mosse dal vento s'infrangevano sugli scogli, rivestendosi di schiuma bianca, facevano volare verso l'alto una gran moltitudine di goccioline, che formavano giochi d'acqua naturali, sempre diversi, sempre suggestivi e sorprendenti. Un'acqua pulita e trasparente, che, a guardarla, riempiva il cuore e la vista. Vedendo quello spettacolo, ogni superbia di noi umani, avrebbe dovuto placarsi e farci tornare ad un assennato rapporto con la natura e la nostra vita. Vedendo quello spettacolo, era facile perdersi nell'illusione che ad un creato così bello, corrispondesse un altrettanto nobile indole di noi poveri uomini, purtroppo, sappiamo bene che è una mera speranza.

Bubi , Otto giorni fa — DeRango: 5,92

BËL (03)
BRÜ (01)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

Bubi
Modifica all'editoriale: «Modifica ». Vedi la vecchia versione Lungo la scogliera, guardando il mare
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Modifica all'editoriale: «Modifica ». Vedi la vecchia versione Lungo la scogliera, guardando il mare
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Io introdurrei dei personaggi per animare un po' l'ambiente.
Chessò.
Un cattedratico balbuziente che beve solo Pastis Henri Bardouin che una volta al mese si fa fare le carte da una fattucchiera presbite capace di leggerle solo a distanza.
Ecco, cose così.
BËL (01)
BRÜ (00)

Bubi: Mi pare una buona idea per il prossimo editoriale, però. Magari aggiungo Normanni bevevan calvados, Unni che cucinavano bistecche alla tartara, e perché no, anche dei Gaulois fumavano gitanes... Ci sto già pensando e, ti dirò, qualche buona idea mi sta già frullando per la testa. Ti piacerà, vedrai.
harlequin: Beh, per par condicio dovresti anche narrare di gitanes che fumano Gauloises!
Bubi: I Gaulois credo siano i galli del tempo di Cesare oppure i Gallesi i Gitanes saranno i Rom, quindi ci sta 👍
harlequin: Ma soprattutto il tuo commento mi ha fatto riaffiorare ricordi di infanzia.
No! Non ero un fumatore precoce. Sono semplicemente figlio di un tabaccaio e marche di sigarette come Gauloises e Gitanes non le sentivo nominare da almeno 30 anni!
harlequin: *il tuo = di carriage breaker.
JonatanCoe
Bella descrizione. La natura ridimensiona e acquieta l'animo umano.[autocitazione]😉
BËL (01)
BRÜ (00)

Bubi: Quanto mi piace questa interpretazione. Aggiungo : acquieta l'animo umano di chi è sensibile, ci sono anche quelli che sono del tutto indifferenti a queste cose, ma molto interessati ad altre... mi pare che ne abbiamo già parlato. 🍀
algol
Ridatemi @[luludia] . Almeno questi svolazzi li ricama senza banalità.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: Niente di personale, è che sono un cattivo e insensibile.
Bubi: A rieccolo... 😱😁😱
Bubi: Vide lo stronzo fumante, era bello scuro e caldo... siamo fratelli gli venne da pensare... Così come parenti che si ritrovano di notte, parlammo da una stanza all’altra, finché il muschio raggiunse le labbra e i coprì i nostri nomi............. Questo ti piace, dì la verità. Non ci sono riferimenti né a te né a me, solo che son sicuro che questo l'apprezzi. Ma che c'hai in testa? Difficile, difficilissimo scoprirlo. Non ce l'ho con te, credimi, però mi fa schifo l'atteggiamento che hai avuto con alcune persone. Non sei il sorvegliante del sito, non hai né la delega né la la competenza per farlo. E poi, perché? Serenella mi stava a cuore e tu e quell'atra stronza dal nome impronunciabile avete fatto in modo che andasse via. Non ce l'ho con te, lo voglio ripetere, ce l'ho con la tua ignoranza con il tuo atteggiamento da inquisitore... se non ti piace quello che ho scritto... chi se ne frega. Caro Algol, per me sei come una zanzara che rompe i coglioni a luglio. Però, se vuoi parlare con me, mandami un messaggio privato e ci chiariamo. Con il numero di telefono... se no non serve a niente... Baci baci
algol: Bubi carissimo. Scambi l'inquisizione con le normali regole del gioco, che vado a riassumere: l'utente scrive, altri utenti commentano. Secondo il proprio gradimento o (in)sensibilità. Fossi poi a rompere i coglioni per ogni flatulenza che scrivi. Non è inquisizione, accetta il dissenso.
Certe persone mi avevano rotto le palle, con il loro di atteggiamento. Ma ripeto, fa parte del gioco.
Il punto è che se a certi utenti gli si fa notare che magari quel che hanno scritto non è di primissima qualità si fanno venire un attacco isterico.
Come te, o come Serenella, che almeno qualche argomento l'aveva.
Per quanto riguarda i chiarimenti "privati" non vedo l'utilità.
Tu non mi piaci (ma chissà, se un giorno riuscissi anche a formulare qualche pensiero originale potrei cambiare anche idea). Io non ti piaccio, e convivo benissimo con questo convincimento.
Non te ne frega del mio dissenso? Non mi sembra, ma stai tranquillo che il tuo palese fastidio non mi indurrà a rinunciare ad esprimere un opinione. Su chiunque e di qualsiasi tenore.
Argomentata anche.
Nel tuo caso l'argomentazione è sempre quella. Scrivi ovvietà.
Bubi: Mamma mia, che ovvietà che scrivi. Il dissenzo, qualcosa che ti fa venire un attacco isterico... con me, se vuoi, parla come magni, non ti dare arie da intellettuale o chissà che cazzo vuoi fare intendere. Per me sei un tragico ignorante che vuole accreditarsi per quello che non è. Tornando a Serenella mi sono dispiaciuto che sia andata via per le tue stupide accuse e anche di quell'altra dal nome impronunciabile. Siete due imbecilli, è tutta lì la sostanza, non devo dire molto di più. Però, se vuoi, in un messaggio privato il mio numero di telefono te lo dò. Ma mi devi promettere che mi chiami, senza paura, non ti mangio...
algol: Quanto ti prendi sul serio, coglione che non sei altro. Al punto di pensare che possa interessarmi un chiarimento o che possa aver paura di un poveretto del tuo livello.
Sei tragico, davvero. Il bello è che altri ti fanno notare la sequenza di banalità e truismi che rilasci con ammirevole costanza. Ma sei impermeabile, talmente convinto di avere qualcosa da dirci.
Continua così frustrato, che mi diverto.
Bubi: Divertiti, và. Però, per favore, non rompere più i coglioni. Speranza vana... ma continua pure, per me sei come un giocattolino in mano ad un bambino, mi diverto con te. Lo vedi? 😁😁😁 Dai, ho provato a discorrere seriamente, ma non capisci... Lo sai che tutto ciò che è assoluto rientra nella patologia? Che ci posso fare? Son cazzi tua... Ma se vuoi, possiamo anche appianare le divergenze, basta che ti inchini... 😁😁😁
algol: Mi sa che gli inchini li preferisci tu. Te li lascio volentieri Au revoir
Bubi: Ciao ciao caro Algol, spero che la discussione [chiamola così] finisca qui. Ti auguro di guarire in fretta, davvero non ce l ho con te. Spero che ti metti in gioco e poi capisci quello che non funziona in te.... Ciao baci baci...
algol: Saluti a te. Continua ad ammorbarci con i tuoi pensierini del cazzo. Anzi, ti do un consiglio, raggiungi la tua adorata maestrina Serenella, così magari può insegnarti a scrivere, ci vorrà del tempo anche per minimi miglioramenti ma ne varrà la pena. Segui il suo esempio e levati dalle palle che non ti caga nessuno qua.
Bubi: Serenella non l'ho mai vista né sentita, ma me l'immagino bella e intelligente, te sei l'esatto contrario, uno stupido al quadrato ti calza bene. Adesso, per favore, vai a rompere le palle su altri siti...
algol: Continua pure a immaginare. Gesù ... sogna Bubi. Ahahahah.
CosmicJocker
La penso un po' come algol..
Secondo me quello che stona è la descrizione particolareggiata del paesaggio abbinata a considerazioni un po' troppo generali (e abusate) sulla razza umana..
Forse il risultato sarebbe stato migliore con un po' più di coraggio e immaginazione..
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: Si. Ad avercene
Bubi: @[CosmicJocker] È solo un estratto che ho cambiato anche un po' per renderlo autonomo. Le considerazioni sulla razza umana, se sono di quel tipo, non sono mai abbastanza perché ci stiamo dimenticando i valori importanti... cho scritto anche un editoriale su questo, è un argomento che sento molto.
CosmicJocker: Quello che voglio dire è che (quasi) ogni tema, se relegato in due righe e se preso solamente nelle sue linee generali, perde 3/4 della sua portata e il rischio è che passi un po' come filosofia spiccia..
Secondo me invece, se canalizzato in un' immagine che ne suggerisca l'urgenza, diventa più interessante..
Bubi: È solo un raccontino che non ha pretese di fare filosofia. È un uomo che cammina in un posto insolito e affascinante, dinanzi alla bellezza del mare e della natura, gli viene di fare mentalmente le considerazioni che ho scritto sul finale. Prendo ancora in prestito il commento di @[JonatanCoe] La natura ridimensiona e acquieta l'animo umano.
Non ci sono altri intenti. Ad ogni modo tengo in considerazione quello che hai scritto...
loStraniero
secondo me hai solo bisogno di berci su e pure io mi sa.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi: Se è Aranciata te la servo io...
loStraniero: un abbraccio forte!
Bubi: Anche a te caro....
Stanlio
mah, considerando solo l'ultimo paragrafo, io questo creato non lo vedo poi così "bello", anzi lo definirei come minimo "feroce" (almeno a livello animale e vegetale...)
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi: Scusa il ritardo ma non sono a casa.
Sono cresciuto a Livorno e, soprattutto d'inverno, spesso andavo a vedere il mare quando si ingrossava mosso dal libeccio e gli altri venti. L'ho sempre visto come uno spettacolo affascinante. La prima parte che è descrittiva, delinea una natura insolita e immaginaria perché è conforme al racconto del quale parlo nella prima riga. È un fantasy anche se non sembra dall'estratto.
Stanlio: Eh, a Livorno ci son stato 2 volte (in a&r) a prendere il traghetto verso Bastia in Corsica e non ricordo nulla tranne del meduse gigantesche che s'intravedevano dal ponte della nave ancorata al porto...
Stanlio: p.s. era nell'ottanta mi pare...
Bubi: Nell'ottanta. Io a Bastia Corsica non ci sono mai stato però andavo all'Elba, (da Piombino) vidi il concerto di John Mayall che pochi giorni prima l'aveva fatto a Livorno. Meglio all'Elba, meno gente. Comunque le meduse non sono un bel vedere. Quando prendevo il traghetto da Algesiras in Spagna vedevo sempre molti delfini. Quelli sì che mi piacevano.
Stanlio: Grandissimo il Gion Maial...

Mah, sarò strano ma a me le meduse piacciono un sacco purchè non mi sfiorino... XD
Onirico
Bello, ma occhio alla punteggiatura!
BËL (01)
BRÜ (00)

Bubi: Grazie per il bello, occhio alla punteggiatura mi sa che te l'ha suggerito qualcuno 😁😁😁😁 lo so, che la sbaglio, ormai è il mio segno distintivo. Buona serata, colgo l'occasione per salutare perché sto partendo, non adesso, domani. Ma prima devo arrivare a Roma e sono 800 km che mi farò stanotte. Speriamo che l'aereo non caschi 😁😁
Onirico: chi me l'avrebbe suggerito? o_o'
Bubi: Non lo so, ma me l'hanno detto tante volte che ora lo prendo come complimento. Anzi, a volte lo faccio apposta. Ciao che devo dormire un paio d'ore... 🍀

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: