Sto caricando...

Profonda incomprensione nei confronti dei fan degli Autechre post-Chiastic Slide ostinatamente intenti a concentrarsi sui suoni più che sulle atmosfere musicali. Questo era un brano di "Amber" dei primi '90 ed è una trivella che scava nei meandri più reconditi della coscienza Autechre - Piezo
Eneathedevil 28 set — DeRango: 14,96


Cover Autechre - Amber

AutechreAmber

Album - 7 novembre 1994
Guardi quelle montagne sulla copertina e ti chiedi cosa nascondano, se, una volta superate, ci sia il baratro, il precipizio, magari l'infinito di leopardiana memoria. Non ci è dato di saperlo, occorre affidarsi all'immaginazione. "Amber", secondo lavoro degli Autechre, è un disco dagli spunti mistici, dove la techno ambientale della… [di più]
Canzone 06 - Piezo

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

lector
E' proprio una trivella.....

sfascia carrozze: Per fortuna non possiedo una coscienza: sennò sai che gran mal di testa.
Eneathedevil: Parole sarde!
sfascia carrozze
Molti fini intenditori di pallone sostengono che sia la colonna sonora preferita di Ricardo Andrade Quaresma Bernardo.

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Ma nel senso di "quelli che dicono che Untilted è meglio di Amber"? (così, due a caso)

... Esistono?

puntiniCAZpuntini: Dato che ci siamo volevo segnalare il fatto che "gli ultimi" dischi degli Autechre, son divertenti da sentire cambiando velocità. Non su youtube che va a botte del 50%, ma un lettore da pc ti permette di modificare percentuali a tua scelta. A volte becchi robe da paura.

Poi ti dimentichi come si chiamava il pezzo (co' sti nomi...) e come avevi modificato, e qui quindi ti rimane un ricordo di "quel pezzo lâ velocizzato minchia fighissimo". E si sâ, i ricordi son sempre migliori.
Eneathedevil: Vieni proprio tu a domandarmelo? A parte il fatto che se vai in giro sul Web trovi gente entusiasta per quella badilata sulle palle di 8 ore delle NTS Sessions, forse non ti sei accorto che anche qui su Debaser ci sono - o ci sono state - decine di fan degli Autechre seconda maniera, con cui sovente ho avuto da discutere difendendo strenuamente la produzione risalente ai tempi di Incunabula, Amber, Tri Repetae. Non…
puntiniCAZpuntini: Eh ma stai facendo una crasi di pensiero che io non ricordo di aver sentito.

Ho sentito gente che dice "bello l ultimo periodo Autechre, suonacci da paura!" ma non ricordo di aver ssntito nessuno dire "MEGLIO l ultimo periodo rispetto al primo" o ancor peggio "Untilted meglio di Amber".

Le NTS le avevo addirittura rimosse, figurati. Untilted boh, mi ricordo molto il polverone all uscita, i segoni mentali del "va sentito cosí e non cosâ" o forse era una roba tipo "suona così perché in realtà è al contrario e se conti i battiti in linguaggio Mors significa viva_la_patonza_sugosa"... Però non ricordo la musica che c'è.

Draft 7.30 me lo ricordo, non è così esagerato. Chiastic Slide idem, me lo ricordo, forse un po' più esagerato di Draft (poi magari si scopre che li sto invertendo).

Ma meglio di Amber MAMMANCO PER IL CAZZO, io poi l'ho sentito appena uscito, da ragazzino, figurati se possa confrontarlo con un disco sentito a 25 o 26 anni o giù di lì.
Eneathedevil: Guarda: cercherò anche nelle vecchie recensioni e vedrai che troverò anche degli utenti debaserioti che sostenevano che l'ultima produzione fosse quantomeno non inferiore alla prima. Poi ė vero che tu avevi posto quella domanda specifica sul confronto tra i due periodi, ma per me il tema è che non capisco nemmeno come si possa lontanamente apprezzare il post-Chiastic Slide. Da quel disco sono diventati mediamente inascoltabili e ripeto, se vogliamo fare una speculazione sui meriti relativi alla ricerca del suono, ti dico che sono fighissimi e ganzissimi, ma è inconcepibile ascoltarsi anche solo l'ora abbondante di Untilted tutta di seguito, quindi figurati i 5 dischi di elseq 1-5 e le 8 ore di NTS sessions. Se un disco lo ascolti al 20, al 30, al 40% solo per far tremare lo stereo, è un giochetto simpatico fine a se stesso, ma cui prodest? Non è un ascolto che concepiresti di sentire più e più volte nella sua interezza, non ha un senso compiuto e non puoi nemmeno ambire ad avere una valutazione critica o estetica dei brani. Non è merda, perché ha lo stesso metro delle provocazioni: sono come gli ultimi quindici minuti dell'incontrista che entra per rinforzare il centrocampo e blindare l'1 a 0. È semplicemente non giudicabile.
Bartleboom: Enea, vergogna! Ho letto i tuoi commenti ai miei bambini e adesso piangono e mi chiedono "Papà, perché questo signore è un pornografico?!?" e poi piangono ancora un po'. Il Maresciallo della Polizia Postale mi ha detto che questa volta non ti farai franca!
Eneathedevil: C'è uno che si chiama CAZ e il pornografico sono io? Comunque per il bene della discussione ho trovato i riferimenti che cercavo. Basta leggere la recensione di Giubbo su "Untilted" di un po' di anni fa dove lo stesso Giubbo diceva di preferire gli ultimi e per Zion i migliori dischi del duo inglese sono LP5 e Draft 7.30. Poi in altri lidi ricordo sicuramente josi_ che incensava Draft 7.30 dicendo che il loro lavoro migliore (sì, ok, conoscendo il soggetto, dubito però che avesse ascoltato i primi). Se cerchiamo in altre recensioni, sicuramente troviamo altri che preferiscono gli ultimi ai primi (ricordo anche una recensione di MORPHEO33 abbastanza recente su "Exai" dove c'era più di un seguace degli AE seconda maniera).

Untilted - Autechre - recensione

Quindi, come vedi, questi esseri mitologici esistono eccome, sono tra di noi e succhiano le nostre energie vitali quando ci addormentiamo di notte sui nostri letti di spine.
puntiniCAZpuntini: BRUTTI PEZZI DELLAMMERDA.
puntiniCAZpuntini: Comunque Bartle ha scritto alle 4 del mattino.

ALLE QUATTRO DEL MATTINO.
Eneathedevil: Eh, ma lui ha scelto la sua vita impiegatizia da padre di famiglia con risvegli notturni e urla bambinesche da sedare con tettarelle e medicamenti omeopatici per il mal di denti. La notte, mentre la sua signora va a consolare gli infanti, trova quei tre minuti netti per ficcare il naso su Debaser e poi torna a letto con la copertina di pile sulle gambine. Sveglia alle 6 in punto, doccia per ultimo con acqua gelata (lo scaldabagno basta al massimo per un paio di persone), colazione con caffè di sottomarca comprato all'Unes e poi via di corsa ad accompagnare la prole a scuola prima di arrivare in ufficio da cui smonterà tipicamente non prima delle 8 di sera. A quel punto c'è solo il tempo per scongelare la fettina di carne, guardare le previsioni del meteo dell'indomani e ricacciarsi di nuovo a letto mentre la temperatura di casa è scesa a 18 gradi e ci vogliono già due piumoni. Poi alle quattro del mattino si risveglia e ricomincia il giro.
Bartleboom: Ovviamente sappiamo tutti e tre che ero sveglio perchè avevo da poco terminato una sessione di accoppiamento particolarmente intensa e il mio corpo e la mia mente erano ancora un ricettacolo di adrenalina e umori femminili. Per la cronaca, la mia casa è stata realizzata con tecniche costruttive all'avanguardia sotto il profilo energetico e ciò mi consente di deambulare tranquillamente per casa nudo o, al più, vestito sommariamente di intimo in raso. Ho copiose evidenze fotografiche di quanto appena sostenuto, che, peraltro, ho già consegnato agli inquirenti che si occupano delle indagini a tuo carico.
Eneathedevil: Beh, posto che l'assunto sia vero, il dramma reale è che al culmine dell'accoppiamento non hai trovato attività più interessante da fare che commentare una succosissima discussione sugli Autechre. Non per fare il gradasso, ma intuisco bene la natura della tua casa: sarai certo ubicato in uno di quegli agglomerati suburbani del varesotto con villette a schiera con paramano e nebbia incorporata 24/7 nei mesi autunnali, garage in dotazione, cancelletto verde con pigna ornamentale e finta telecamera comprata da Leroy Merlin a 11,90 per scoraggiare i ladri. Sono case di nuova costruzione (il paramano ha avuto un irragionevole boom negli anni 2000), quindi stanno sicuramente a menarla con le dotazioni "green" e le fenomenali performance in ambito di risparmio energetico. Poi, vabbè, si scopre che la caldaia la tenete dentro casa sopra il piano cottura, ma l'importante è vivere in una casa ecocompatibile e sostenibile.
Eneathedevil: Mentre Bartle rimugina sulla prossima minchiata da sparare in risposta alla mia, devo assolutamente chiamare in causa Scaruffi, che ha speso parecchie parole sugli ultimi Autechre (con tanto di curiosa foto dei due e relativa teoria delle copertine dei dischi stile necrologio in principio di scheda) in maniera secondo me illuminata perché sembra dar voce ai miei dubbi sulla significatività di una produzione che indulge a ripetizioni infinite e lunghezze sproporzionate dei brani. The History of Rock Music. Autechre: biography, discography, reviews, links

In generale poi lo Scaruffi-pensiero qui sembra piuttosto in linea con le nostre speculazioni, perché preferisce di gran lunga i primi Autechre mentre ridimensiona la produzione del post-Chiastic Slide. Assolutamente da leggere.
Bartleboom: Cos'è un paramano? Un inedito degli Autechre?
puntiniCAZpuntini: Comunque è cosa risaputa che i BartlePargoli non vanno a scuola, ma a cucire palloni per la Nike di Abbiategrasso, sotto contratto inesistente per Cinesi ormai padroni del Nord.

Qualcuno dovrà pur pagare gli intimi di raso e la Wolfhaus A++ con X-Lam da 38cm, cappotto e giro di perle intorno al comignolo del BBQ.
puntiniCAZpuntini: Aspè ma Scaruffi scrive ancora? Ho paura di cliccare il Link, il sito è ancora in HTML sfondo viola?
puntiniCAZpuntini: VAKKA LA PUTTANA HO CLICCATO, È ANCORA COSÌ!
Eneathedevil: Eh, non fa specie difatti trovare pure un paio di foto all'inizio della pagina? Deve aver fatto una sorta di patto col diavolo per arrivare ad un così profondo snaturamento della purezza della pagina in pure HTML e font rigorosamente con le grazie
Eneathedevil: No, "paramano" sarebbe un termine troppo intelligibile per gli Autechre che ormai chiamano i loro pezzi con sequenze rigorosamente random di caratteri e cifre tipo tt1pd, fLh, t1a1. Comunque devo assolutamente ricopiare qui questo preziosissimo corollario dove Scaruffi spiega il perché della sua scelta di usare il maiuscolo per i nomi dei pezzi degli Autechre.

"Ho reso in maiuscolo tutti i titoli delle canzoni perché la loro tendenza al minuscolo è fuorviante. Potrebbe portare a confondere la musica col design: i titoli in minuscolo fanno parte del design, ed il loro design resta sicuramente di classe; ma questo non si traduce in un apprezzamento per la musica, anche se qualcuno potrebbe dire che del “contenuto” fanno parte sia il design che la musica"

È una mente superiore, c'è poco da fare. Tutto il resto è derivativo.
Farnaby
A me piaquono tutti...

Eneathedevil: Anatema su di te!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: