Sto caricando...

Manuel Göttsching
E2-E4

()

Voto:

Masse ultraleggere e magmatiche di atmosfera intropulsa, estroflessa, nuclei di uranio impoverito sospesi nel plasma, lampi allucinogeni, una fottuta morsa implacabile per il cervello e lo stomaco.
Scarti elettronici, campionamenti, drum machines, sintetizzatori, circuiti elettrici post-fusi in una zuffa furibonda ma metodica. Accompagnati a braccetto da due accordi di chitarra filtrata, effettata, de-umanizzata, due accordi ripetuti per un'ora.

Una pozione dall'effetto stordente, inebriante, maledettamente sensuale. Un vortice ipnotico.
Casualità e metodo vanno a nozze; analisi e sintesi finalmente coincidono.

SCACCHI: un gioco per artificiali cervelli-cyborg. Eppure talvolta l'uomo può superare il computer. La scena dance/techno/house nasce e muore su questa scacchiera old-fashioned, crema e cioccolato.

1981: una musica che proviene direttamente dal futuro, talmente avanti da essere già pensata per il CD. Cinquantotto minuti e quarantatre secondi di flusso live ininterrotto e non frammentabile sulle due facce di un vinile. Nato perfetto. Quando il CD ancora non esisteva. Quando la scena dance/techno/house ancora non esisteva.

E2-E4 è una delle più comuni aperture ma qui si va ben oltre: scacchiere tridimensionali a sei lati (?), esercizi/massaggi fisioterapeutici per la mente, avete mai provato a giocarlo bendati?

Cinquantotto minuti e quarantatre secondi di improvvisazione sovraincisa su due accordi: minime variazioni a-melodiche, precisi e puntuali scarti melodici a sinistra, perpetua ripetizione sfiancante/rinvigorente del tema portante. Musica concepita come linguaggio di programmazione, infiniti loop di brevi intermezzi, sub-routines ri-eseguite ad oltranza.

Lo stesso Göttsching non capiva se fosse una presa per il culo o un colpo di genio eccezionale.

Ultimi Trenta commenti su CinquantOtto

odradek
odradek
Opera:
Recensione:
La raccolta non so, i dischi dei nomi che citi li ho.. Ma 'sto/sti Jessamine?


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
"Masse ultraleggere e magmatiche di atmosfera intropulsa, estroflessa, nuclei di uranio impoverito sospesi nel plasma, lampi allucinogeni": io credo che col tempo si stia perdendo sempre più il concetto di musica...


azzo
azzo
Opera:
Recensione:
Scusa la pignoleria, ma il disco mi risulta del 1984. In ogni caso grazie per la scoperta. Ogni tanto è bello essere ignoranti e scoprire cose che non si conoscevano. Voto il sample, ma so già che adorerò tutti i 58 minuti. Cazzo, ma quanto avanti era costui?


azzo
azzo
Opera:
Recensione:
Doppia scusa, vedo ora che nel commento spieghi che aveva iniziato a lavorarci nel 1981 ed è uscito nel 1984. Non vedo l'ora di trovare il mio spacciatore. Ancora grazie.


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Forse sì, anonimo, ma provaci tu a recensire Gottsching


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
piano piano giovani, sennò qua mi perdo. ultimamento sono fermo ad elettronica (pure a causa di un'economia piuttosto forzata) ma le cose che citate me le segno. io al solito vorrei ricordare il dischetto uscito a fine dell'anno scorso di Andy Stott perchè è davvero meritevole e l'ho pure recensito. e, per restare in campo elettronico, proprio adesso ho messo su Dubnobasswithmyheadman (Underworld, oramai lontano 1993). bè, da avere.


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
@Arnld: davvero ti piace così tanto?!


Antmo
Antmo
Opera:
Recensione:
Attizzzza. mai sentito


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Questo si ghemi, fosti tu a consiglaimrelo giusto?


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
a certo mio caro...


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
cioè, insomma, anche se lo preferisco ai tempi degli Ash Ra non si può non ammettere la genialità di sto disco


giorgioladisa
giorgioladisa
Opera:
Recensione:
Ottima recensione per un disco fondamentale.Fondamentale, perchè ha gettato le basi per tutta la musica elettronica degli anni seguenti, soprattutto in ambito house e techno.Personaggi come Larry Levan o Frankie knuckles "spingevano" questo disco insieme a "Planet rock" di Afrika Baambataa o allo stesso "Trans Europe express" dei Kraftwerk durante il periodo pionieristico dell'house.Che tempi! Da questo disco è tratto il sample utilizzato in "Sueno Latino" del 1989, un colosso house italiano che non ha ancora avuto uguali finora.Bella Festwca!


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
...Ma i Sueno Latino non erano i Righeira, in versione "updated"? :D


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Te siento... Te quieeeero.... Sueno latiiiiiiiino... Con tutti quei gemiti... Veramente un cult! :-)


giorgioladisa
giorgioladisa
Opera:
Recensione:
I Righeira hanno usato questo nome ma non so in quale contesto. Su Wikipedia il disco viene "spacciato" per loro ma i veri autori sono Massimino Lippoli e Ricky Persi e Andrea Gemolotto.Bye :-)


Festwca
Festwca
Opera:
Recensione:
@odradek: sui Jessamine c'è una recensione qui su DeB di Marcel Proust (esperto di droni di tutti i tipi) su un loro disco non drone. @mah: hai letto solo la prima frase? Perché poi in seguito mi pare di scendere piuttosto nel dettaglio, anche troppo nel tecnico forse. @Arnoldlayne: anch'io sono rimasto sorpreso dal tuo apprezzamento: ti piace la dance commerciale post-77??? @ghemison: ovviamente segno anch'io, ma chissà quando ascolterò. @tutti quanti: grazie


Festwca
Festwca
Opera:
Recensione:
Sueno Latino l'ho sentito solo nominare, Trans-Europe Express è uno dei miei dischi elettronici di sempre.


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Interessantissima proposta. Di Manuel fin'ora ho ascoltato solo inventions for electric guitar. Rece originale


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Festwca, non so di che parli. So solo che sto disco mi piace, e non poco! :D


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
E poi i voti di tutti parlano chiaro: questo non è un disco da mezze misure


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
e dal minuto 32 in poi prende una piega stupefacente, toh!


Festwca
Festwca
Opera:
Recensione:
Lewis Tollani
Lewis Tollani
Opera:
Recensione:
Mizziga... questa l'avevo proprio persa...


paloz
paloz Divèrs
Opera:
Recensione:
I cossidetti "mattonazzi"! Eheh :) Lo sto ascoltando ora per la prima volta e devo ammettere che mi trovo abbastanza in difficoltà, visto il sound estremamente familiare (in senso negativo, intendo). Capisco bene l'importanza, in ogni caso, e vedrò di arrivarci in fondo. Non immaginavo che mr. Ash Ra Tempel si fosse lasciato dietro 'sta roba.


giola
giola
Opera:
Recensione:
"Lo stesso Göttsching non capiva se fosse una presa per il culo o un colpo di genio eccezionale": nel mio periodo revival Kraut sei una manna dal cielo!


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma sta recensione piega le chiappe! Bravissimo festucone! la aggiungo subito alle preferiterrime...


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Anche io vi amo ragazzi :)


Gaiger
Gaiger
Opera:
Recensione:
E2-E4 è avanti,ancora oggi attuale..il primo esempio di loop culturale, ogni angolo nasconde una novità fra i meandri dell'apparente uguaglianza.Ottimo!


Kotatsu
Kotatsu
Opera:
Recensione:
Incredibilmente seminale. E non solo per Sueno Latino.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di E2-E4 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link