Mark Knopfler
Live in Rome at Teatro delle Terme di Caracalla (7-21-2019)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


In una calda serata estiva tra i suggestivi ruderi romani del Teatro delle Terme di Caracalla, il chitarrista scozzese ripercorre la sua carriera solista dove seguendo sempre quel personale stile sonoro in cui un semplicità e levigatezza ne costituiscono da sempre gli ingredienti essenziali: un alternarsi di esplorazioni country venate di rock e tracinanti suoni blues a cui fa da collante una poetica semplice e diretta, fuoriuscita in tutta la sua essenza nella magica rievocazione della sempre affascinante musica di quel gruppo che tutti i convenuti ( a dispetto del "sultano" ) portano da sempre nel cuore: i Dire Straits!

Quando si parla di Mark Knopfler non si può non tener conto della peculiare macchina organizzativa dell’attività artistica del musicista, che comprende sì la registrazione e la pubblicazione di un disco, ma anche la promozione che ha il suo imperativo fulcro nei concerti. Non è un caso che ancor di più dopo aver intrapreso il cammino solista, Knopfler abbia prediletto quasi sempre il mese di settembre (dal 2000 con SAILING TO PHILADELPHIA fino a PRIVATEERING del 2012 è andata proprio così), per dare alle stampe gli album realizzati, dando il via con la primavera successiva alle porte, all’attività concertistica capace di raggiungere, - compresi brevi periodi di recupero, - anche l’oramai prossimo autunno, concludendo l’intero ciclo nell’arco un anno. Sarà una casualità o figlio della precisa organizzazione a cui è stato fatto riferimento, ma dando un’occhiata ai calendari trascorsi delle esibizioni live tenute nella capitale dal chitarrista, non potrà non saltare all’occhio che la data del 13 giugno per il GET LUCKY tour del 2010, è andata a ripetersi esattamente tre anni dopo nel PRIVATEERING tour del 2013, cosi come per il DOWN THE ROAD WHEREVER tour il 21 luglio 2019 - anche se parliamo di una seconda serata, - il concerto si è venuto a svolgere nello stesso giorno di quattro anni prima, durante il TRACKER tour.


Lasciando da parte osservazioni dal carattere forse puramente enciclopedico capaci di destare solo curiosità di pochi e passando alla musica, c’è da dire che le due date romane (20 e 21 luglio) hanno fatto il tutto esaurito, dimostrando che nonostante un percorso singolare del Knopfler solista, il pubblico gli è sempre stato fedele anche dopo lo scioglimento dei Dire Straits avvenuto nel 1993.


In una calda e piacevole serata estiva il Teatro delle Terme di Caracalla, che ospita un educato e multiforme pubblico, si rivela un posto indovinato per l’esibizione della seconda data romana di Knopfler. L’impatto visivo è dominato dalle rovine romane che si stagliano in un ampio spazio aperto in cui ad essere evocata, è una purezza di atmosfera dai rimandi bucolici che aspetta solo di essere respirata appieno. Una semplicità che viene ribadita dall’annuncio dato da un pittoresco e multicolore presentatore (quasi fossimo ad un incontro di boxe) con una Union Jack adattata a camicia e dal conseguente ingresso sul palco di Mark e della sua fedele band che fa ingresso alle 21.15 precise. Una crescente ed avvolgente base ritmica preannuncia “Why Aye Man” (che nel 2002 anticipava il campestre THE RAGPICKER’S DREAM del 2002): semplice ed avvolgente in cui le accennate vibrazioni alla chitarra del leader, non fanno che surriscaldare una famelica audience capace di apprezzare uno di quei brani in grado di guadagnare ancor più consensi in sede live. Al colorato blues elettrico di “Corned Beef City” (lo slang per definire la città di Dagenham) il compito di tradurre in note una situazione di disagio che vedeva la classe lavoratrice negli anni ‘30, muoversi tra i problemi di disoccupazione e relativa indigenza. “Sailing To Philadelphia” resta un caposaldo per bellezza melodica di un’intera discografia, e l’interpretazione del drummer Ian Thomas (ovviamente insieme a Mark), pur non avendo l’ardire di sostituire quella di James Taylor immortalata sul disco omonimo, è comunque in grado di esprimere un’intensità non comune e capace di rendere quasi reale la conversazione immaginaria tra i due astronomi Charles Mason e Jeremiah Dixon, passati alla storia per aver demarcato il confine che aveva risolto tra il 1763 ed il 1767 una disputa tra le colonie britanniche tra gli stati americani della Pennsylvania e del Maryland, nota proprio come linea Mason-Dixon. Il ripescaggio di “Once Upon a Time In The West” dal celebre COMMUNIQUÉ del 1979 (che fu immeritatamente bistrattato da molta della stampa del tempo, in quanto visto come niente più di una clonazione pure parzialmente riuscita dell’omonimo ed impeccabile esordio dei Dire Straits!) genera un unanime consenso nell’audience che canta le strofe del testo che piaccia o meno è diventato anch’esso storia. Un suadente tappeto di tastiere ed il pizzicato del Dobrointroducono “Romeo and Juliet”, incantevole dalla prima nota sino a quell’assolo finale che tutti conoscono e che non vedono l’ora di far proprio. Probabilmente non è stato facile scegliere i due brani per presentare l’ultima fatica discografica DOWN THE ROAD WHEREVER, facendo ricadere la scelta su atmosfere oltremodo rilassate come per “My Bacon Roll” (piacevolmente orecchiabile e scorrevole) e “Matchstick Man” (toccante ed essenziale nel contempo), entrambe accolte da un rispettoso silenzio durante l’esecuzione ed applausi nel finale. Per la band introduction che negli anni siamo stati abituare a sentire come intermezzo tra i ritmi caraibici di “Postcards from Paraguay” (anche stasera presente in una caliente e trascinante versione), per questa tournée viene propinata al pubblico come un vero momento di presentazione all’affettuoso pubblico che sembra gradire una presentazione ricca tanto per gli ultimi arrivati Graeme Blevins (saxophone) e Tom Walsh (trumpet) quanto per gli storici Guy Fletcher (keyboards) , Richard Bennett (guitars, bouzouky), Jim Cox (piano), Glenn Worf (bass), Ian Thomas(drums), John McCusker (violin), Mike McGoldrick (flute and tune) e Danny Cummings (percussions and vocals). L’evocativa “Done With Bonaparte” (presa dal buon GOLDEN HEART del 1996) mantiene quell’aura di semplicità che “Heart Full of Holes” (da KILL TO GET CRIMSON del 2007) tende ancor di più a diffondere anche per via di “She’s Gone” (tratta da quella METROLAND, per Mark ultima colonna sonora del millennio trascorso) ove la dolcezza della tromba nel finale fa presagire e la riconoscibile intro della splendida “Your Latest Trick”. Ancora Dire Straits con il trainante giro di accordi arpeggiato di “On Every Street” ed una sfrenata versione di “Speedway At Nazareth” con un meraviglioso alternarsi di luci tiepide sulle rovine romane, a cui fa seguito l’inossidabile “Money For Nothing” (con tanto di rimaneggiata e comunque vincente introduzione) ed il commiato di “Going Home: Theme of the Local Hero”.

Un altro viaggio musicale che giunge al termine dopo quasi due ore, in cui momenti del passato e del presente del glorioso percorso musicale del chitarrista scozzese, si sono succeduti tra gli applausi dei presenti. Uno show privo di trovate scenografiche pur se gli storici ruderi che contornavano il palco non ne hanno fatto sentire il bisogno, facendo sì che una performance dove a dominare è stata una musica diretta e senza fronzoli, vincesse anche l’imperdonabile delusione preannunciata – come già accaduto nel citato Get Lucky tour, - l’assenza della storica “Sultans of Swing”. Un’eccessiva coriaceità caratteriale che ha sempre caratterizzato anche vita artistica e professionale del nostroverrebbe da pensare, ma a noi Mark ha sempre lasciato decidere: prendere o lasciare. E venendo qui stasera abbiamo già fatto la nostra scelta.

Questa DeRecensione di Live in Rome at Teatro delle Terme di Caracalla (7-21-2019) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/mark-knopfler/live-in-rome-at-teatro-delle-terme-di-caracalla-7-21-2019/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

JOHNDOE
Opera: | Recensione: |
Mi sarebbe piaciuto vedere Mark Knopfler (mito della mia adolescenza) a Caracalla (qua vidi Paolo Conte è un posto meraviglioso per assistere ad un concerto).

claudio carpentieri: Che dire John, i miti della propria adolescenza non sono facili da dimenticare e te lo dice uno che Mark, lo ha visto "crescere" artisticamente, pur se molte delle scelte del buon MK non le ho condivise neanche io. Dopo aver visto il grande Mark all'Auditorium e all' ippodromo delle Capannelle, sicuramente l'atmosfera del Teatro ne risulta vincitrice alla grande. Grazie anche a te per il tuo bel pensiero.
JOHNDOE: Io me ne innamorai nel 1986 quando uscì "Brothers in Arms". Da allora recuperai tutti i dischi dei Dire Straits. Conoscevo i testi a memoria e li traducevo, praticamente per un annetto ascoltai solo loro.
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Bella storia Claudio, anche a me come a JOHNDOE sarebbe piaciuto moltissimo esser lì, ciao.

claudio carpentieri: Beh Stan accontentati del mio modesto scritto ed accendi lo stereo e fai girare un disco di MK e vedi che le cose andranno meglio;-). Grazie per la generosa valutazione e per il tuo imperdibile intervento.:-)
zzot
Opera: | Recensione: |
Ma il Knopfler solista non fa uso comunque a man bassa anche dei suoi vecchi Dire usandoli spesso come turnisti? Per me Il Disco con la D maiuscola del Knopfler sarà in eterno quello con Chet Atkins

claudio carpentieri: Caro zzot, effettivamente alcuni dei suoi ex musicisti, il buon Mark li prende, li lascia poi li richiama di nuovo e ne è una riprova lo stesso Danny Cummings che con il chitarrista scozzese quest'estate era in tourneé, mentre fino a qualche mese fa girava il mondo con i Dire Straits Legacy capitanati da Alan Clark e Phil Palmer! Il disco di Mark con Chet è sicuramente gradevole, pur se tra i lavori solisti di MK, forse ce ne sono di migliori. Grazie per il tuo intervento.
zzot: La mia affezione chitarristica mi porta più vicino a Neck to Neck piuttosto che a Golden Heart, non ho memoria di dischi che mi abbiano fatto battere il cuore di MK solista, ma forse non ne conosco, suggerimenti?

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: