Marty Friedman
True Obsessions

()

Voto:

La cosa che più apprezzo in un grande musicista come Friedman è il saper svariare tra i vari generi musicali con assoluta autorevolezza e tranquillità “compositiva”. La versatilità esposta nelle sue opere soliste è un segno concreto della fantastica destrezza di questo maestro chitarrista.

Dopo aver attraversato varie estensioni musicali, cominciando dai Cacophony e passando dai Megadeth, il guitar hero ha confezionato un altro bel lavoro da solista.
Il piacere di evolversi continuamente passa anche attraverso “True Obsessions”, che risulta abbastanza diverso dai suoi precedenti lavori solisti “Scenes” e “Introduction”, vicini a sonorità new-age. In questo disco invece dominano varie tendenze e stili di rock ed un background sempre nuovo e fresco. Sonorità metal qui non c’entrano nulla.
A tratti l’hard rock deflagra più forte che mai; in altre parti si sente un tocco alternative; in altre ancora si sente un easy-rock basato su riff genuini e piacevoli.
Ma l’unica cosa che in questo disco non manca mai è il senso di melodia. Fra un sfuriata alle sei corde da guitar hero, un solo pazzo o un arpeggio classico, Marty non fa mai mancare il terminale principale di tutti i suoi lavori: la melodia.
Proprio su queste basi si viene a formare l’originalissimo songwriting di Friedman. L’obiettivo è quello di creare spazi per la libera espressione della chitarra, senza mai eccedere in inutili virtuosismi.
Un lavoro semplice, ma geniale, reso ancora più incantevole da armonie orientali, da sinfonie etnologiche e da eufonie sognanti.

È scontato dire chi è il protagonista del disco, targato 1996 (facile quindi da trovare…perché VOI DOVETE trovarlo!!). Difficile trovare un chitarrista padrone di tanti stili musicali e che riesce ad esprimerli, anche tutti insieme, con tanta eleganza.
Il disco è formato da 11 brani ed è essenzialmente strutturato sulla prestazione delle(a) chitarre(a) ed è quasi tutto strumentale (se non erro sono tre i brani cantanti). Qualsiasi amante di musica non può non ascoltare questo bel guitarwork, meritevolissimo di appartenere alla discografia di quel ricciuto talento naturale che prende il nome di Friedman... Marty Frideman.

Questa DeRecensione di True Obsessions è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/marty-friedman/true-obsessions/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentUno)

turkish
Opera: | Recensione: |
se sbagli un'altra volta il titolo di un disco che recensisci ti uccidiamo
BËL (00)
BRÜ (00)

Coelum
Opera: | Recensione: |
Bella cliff
BËL (00)
BRÜ (00)

Coelum
Opera: | Recensione: |
Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Bravo Cliff
BËL (00)
BRÜ (00)

cliffburton86
Opera: | Recensione: |
ho appena mandato dei sample. quando arrivano ascoltatevi e fatemi sapere
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Per favore cliffburton86, spiega CON PAROLE TUE il concetto di "eufonie sognanti" (o anche solo di "eufonia"). Poi, se hai tempo e voglia, elabora un pochino anche quello di "sinfonie etnologiche". Grazie
BËL (00)
BRÜ (00)

cliffburton86
Opera: | Recensione: |
perchè mi dovrei mettere a spiegare un concetto di suoni ad un anonimo? frimati e poi se ne parla..
BËL (00)
BRÜ (00)

cliffburton86
Opera: | Recensione: |
ah ascoltati i sample e forse ci arrivi da solo
BËL (00)
BRÜ (00)

Coelum
Opera: | Recensione: |
Eufonia: dal greco eu/phonè: bel suono. Non so se esista effettivamente, ma è interessante
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
allora non lo sai, cliff...
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Eufonia: dal greco euphonía, composto di êu 'bene' e un derivato di phoné 'voce'. Definizione: buon suono; in particolare, effetto gradevole prodotto dall'incontro di certi suoni nel corpo di una parola o in parole consecutive.
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Sinfonia: composizione musicale per orchestra, che nella forma in uso fra la metà del sec. XVIII e la metà del XIX si articola in quattro o tre movimenti
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Etnologia: disciplina che studia le culture dei vari gruppi umani, in particolare le strutture delle società primitive; antropologia culturale
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Sinfonie etnologiche = composizioni musicali per orchestra scritte da un team di antropologi?
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Eufonie sognanti = buoni suoni addormentati?
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Conclusione: cliff, parla come mangi!
BËL (00)
BRÜ (00)

cliffburton86
Opera: | Recensione: |
conclusione: allora tu i sample non li hai asoltati, vero? con eufonie un pò ci sei quasi..sinfonie sei proprio fuori strada...aspetto la tua firma, siccome ancora non lo hai fatto. vorrà dire che hai paura di un confronto diretto. allora...scrivi in relazione al tuo coraggio. saluti
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
sì bravo, però adesso fai la nanna
BËL (00)
BRÜ (00)

cliffburton86
Opera: | Recensione: |
come vuoi. resta anonimo...piacere tuo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lordsandreik
Opera: | Recensione: |
Lassa perde 'sti buffoni cliff...
Stay Tuned.
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Basterebbe sentire Rio per capire che siamo di fronte ad un vero maestro .Un disco imperdibile,dove tutti possono trovare la loro canzone.Sono lontanissimi i tempi di dragon's kiss e di rust in peace(addio orge di note),ma ci troviamo di fronte comunque ad un disco bellissimo.Friedman è un vero Dio,ma vaglielo a spiegare a tutti quei cazzoni che si sentono Jovanotti ,Vasco e Laura Menopausini.....
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: