Sto caricando...

Mazzy Star
So Tonight That I Might See

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Minirecensione su uno dei dischi più importanti della mia crescita musicale. [Cavoli, mi sembra di essere il Frusciante!]

Nonostante il Wikipedia italiano definisca questo album di poco cambiato rispetto al precedente, "She Hangs Brightly" del '90, trovo in realtà che la maturità e la creatività siano di molto maggiori in "So Tonight That I Might See", uscito tre anni dopo.

"Fade Into You", che apre le danze, è una di quelle ballate con le quali si va sempre sul sicuro: magica, sospesa in una dimensione altra, un quasi-valzer a velocità ridotta, poche note, precise, allungate attraverso l'effetto slide, che richiamano la California, che evocano l'infanzia e scene da estate americana malinconica.

C'è da considerare che l'LP esce in un periodo in cui il grunge domina il mercato, e quindi un periodo in cui la maggior parte dei giovani si identifica nella rabbia comunicata da artisti come Nirvana, Soundgarden, Pearl Jam, Alice in Chains, Melvins, Tad, ecc. Nel Regno Unito, invece, si sta facendo avanti un nuovo genere: il trip hop, da Bristol. Gli U2 e i Depeche Mode vivono di strascichi, e abbracciano l'elettronica, - soprattutto i primi - dividendo le proprie fandom. Mentre gli U2 sposano l'elettronica al pop-rock di loro matrice, il gruppo di Gahan e di Lee Gore aggiunge più parti di chitarra elettrica. Si profila, intanto, la nuova tendenza, prettamente british, che non a caso verrà chiamata "britpop", con i Suede, gli Oasis e i Pulp. Sempre di rabbia e di scontento adolescenziale si parla.

Per quanto siano nobili tutte queste ramificazioni, ritengo il contributo dei Mazzy Star alla musica del tempo molto più sostanziale, originale e magico: niente rabbia, o meglio rabbia soffocata da dolcezza e abbandono. La voce della Sandoval è qualcosa di rilassante e conturbante al contempo - seducente e minacciosa. Il compianto David Roback, che, insieme a Hope, costituiva il nucleo compositivo dei Mazzy Star (tutti i brani sono firmati dalla coppia), tesse trame di chitarra mesmeriche, e se la cava egregiamente anche alle tastiere. Poco più di un paio di sessionman (basso, batteria e archi) sono quanto basta all'edificazione delle canzoni che vanno a comporre la tracklist - ognuna dimostrazione della grande capacità di sintesi, senza che manchi la profondità.

Ascoltare "So Tonight That I Might See", per me, è come rifare un tuffo nel passato dei primi anni '90, pur non avendolo vissuto, e approdare a un'altra dimensione. Brano più bello dell'album? "Mary of Silence", terza traccia, che richiama la "The End" doorsiana.

Voto: 9,5/10

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Che disco! Bel colpo, PF!


musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
sanvalentino3
sanvalentino3
Opera:
Recensione:
Se non ci fosse quella moretta lì che canta non li avrei cagati neanche di striscio!


paolofreddie: Beh, Hope Sandoval è tanta roba! Voce e charm che non ti dico. Però Roback non è da sottovalutare: aveva fatto parte anche degli Opal. Sapeva il fatto suo pure lui. Come si dice dei cani e dei gatti, che manca loro solo la parola, a Roback mancava solo la patacca, per prendere in prestito un'espressione à la Fellini.
paolofreddie: "Charm" (all'inglese) o "charme" (alla francese) che dir si voglia
Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
A stranger's heart without a home..
La cover fatta da Au Revoir Simone mi piace un sacco...


Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
E si che quando questa dea sostituì Kendra Smith negli Opal apriti cielo...infatti un secondo album con quella intestazione era già pronto e pare che il tutto confluì in "She Hangs Brighlty" per non sconsacrare il mito. Voci...chissà. Comunque, da lì, un pugno di lucenti lavori e questo, per me, il più brillante. E per fortuna la dea c'è ancora...


RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
questo è un disco che commuove; un disco senza tempo. Roback purtroppo non c'è più mentre Hope è da un po' che non la si sente.


ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
Bel disco che a modo suo ha segnato un'epoca, magari qualcuno per curiosità è andato a cercare i,dischi per esempio degli Opal, chi era D. Roback.
Nella recensione non capisco la parte dove descrivi superficialmente la scena del periodo fino al Brit Pop.
Anche per me il pezzo migliore "Mary Of Silence"


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Nei Mazzy Star suonava Keith Mitchell alla batteria, membro dei Monitor nei primi anni '80, gran gruppo anche quello.


Farnaby: Deceduto anche lui qualche anno fa. Aveva suonato anche nei Green On Red, altro gruppo di punta del cosiddetto "Paisley Underground"
Caspasian: 👍. Anche nei Romans, "The Last day at the ranch" è un bel lavoro.
Caspasian: Avevo fatto una recensione sui Monitor...
Monitor - Monitor - Recensione di Caspasian

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di So Tonight That I Might See è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link