Sto caricando...

Metallica
...And justice for all

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il 27 Settembre 1986, nei pressi del paesino danese di Ljungby, muore in un incidente stradale, l’eccentrico bassista dei Metallica, Cliff Burton.
Dopo una incerta pausa lunga quasi 2 anni, Ulrich e co. scrivono, insieme al nuovo bassista Newsted, una delle pagine più belle nella storia del metal. Come un fulmine a cielo sereno, come una Ferrari che scorazza via a 280km per il centro della città,…”And justice for all” arriva è devasta il mondo!

Una pulizia del suono invidiabile, tecnica a livelli altissimi, testi ispirati e perfettamente integrati! I metallica creano un album preciso, ma complesso allo stesso tempo; cupo, oscuro, cattivo, veloce! Semplicemente perfetto!

Un lavoro, che si differenzia da 3 precedenti album, per l’elaborazione, per la ricerca di nuove frontiere nella musica, per la sonorità, che và molto sullo speed-metal, mantenendo le radici THRASH!
Un disco che ha fatto, fa e farà la gioia di ogni batterista. Lars Ulrich , manager-batterista della band di San Francisco, compie veri e propri miracoli, tenendo, con la sua “Tama ”, dei tempi quasi impossibili; doppio pedale da urlo, colpi di rullante estremamente thrash.
Kirk Hammet, invece ci regala, assieme a Hetfield, melodie e riff storici, e assoli che fanno venire la voglia di pogare.
Il nuovo bassista, Jason Newsted, soprannominato dai fans “the new kid boys”, si adatta benissimo allo spirito della band, stando dietro a ritmi velocissimi e potenti. Non è mai stato l’erede di Cliff, nessuno lo ha mai messo sullo stesso piano del suo precedessore, ma ha sempre fatto il suo dovere, in 12 anni di alti e bassi della metal band.

Nel 1989, anno dell’uscita dell’album, molti videro in “And justice for all”, il disco della svolta, sia in negativo che in positivo. Infatti i critici vedano questo (capo)lavoro, come un tradimento delle sonorità di “Master of puppets”, ma contemporaneamente si contraddicevano, annunciandolo come l’album più bello, che segnava l’ascesa verso il successo, grazie ad un suono mai visto prima.

Canzoni storiche sono presenti nel disco. Si incomincia con la cupa “Blackened”, con un intro silenzioso e un outro galvanizzante! Un assolo, quello di Blackned, fra i più belli ideati da Kirk. La title-track, con il suo sarcasmo, nella voce di Hetfield, nei testi, nella musica. La tambureggiante “Eye of the beholder”, con il suo ritornello inneggiante alla libertà. Traccia n°4..la stupenda “One”, la ballad che parte triste e sfocia in pura rabbia, esperimento già riuscito con “Fade to black” e “Welcome Home- Sanitarium”. Un pezzo bellissimo che rievoca il dolore della guerra. Devastante “the shortest strow”, che all’inizio tuona come poche altre song. Con il suo continuo “Stop and go” e le sue frustate, “Harvester of sorrow”, ci fa capire come l’amore si trasforma in odio. “The frayed ends of sanity” è la traccia più strana dell’album, musicalmente, negli effetti e nei testi. Lo spirito è sempre molto “battente”. Il ritornello non sfigurerebbe in una canzone black – metal. Il culmine della tecnica e dell’emozione viene raggiunto con “To live is to die, l’ultima canzone composta da Burton. La batteria fa la parte di un direttore d’orchestra, dando i tempi ad arpeggi commoventi, effetti di violino e assoli di chitarra sublimi. Indimenticabile il pensiero di Cliff Burton, “narrato” da James nella track. “Dyers eve”, sembra uscita dall’inferno, con una velocità assurda, che ricorda molto “Damage inc”.

Forse l’ultimo, vero, stupendo, indimenticabile capolavoro dei Metallica……………………….facciamo gli scongiuri… “When a man lies he murders some part of the world. These are the pale deaths which men miscall their lives. All this I cannot bear to witness any longer. Cannot the kingdom of salvation, take me home?”….

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su DuecentoDue

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
cazzo che disco sono troppo forti in amplificazione, poi quì danno tutto, tittle-track
e one meritano un 10 lode


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Prustaps sapientone il primo batterista ad usare la doppia cassa è stato louie bellson big band drummer negli anni '50


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Per essere precisi ha cominciato ad usarla nel '40 a 15 anni quando Cozy e Keith non erano ancora nati


Blazeag
Blazeag
Opera:
Recensione:
Figli di puttana il primo a suonare la doppia cassa è stato mio nonno piero che lo faceva nel '32 per tenere il ritmo alle mucche.

Andate tutti a cagare


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
tanks for "Figli di puttana"


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
E' un ottimo disco


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
DI GRUPPI IPERTECNICI NELLA STORIA DEL METAL CE NE SONO STATI TANTI MA NESSUNO CHE ABBIA SAPUTO TRASMETTERE "EMOZIONI" THRASH COME I METALLICA NEGLI ANNI 80... per me solo D.M.M. DEEP PURPLE, MOTORHEAD E METALLICA. AND JUSTICE FOR ALL MI PIACE MA IL MIO PREFERITO E' KILL 'EM ALL(primo album metal ascoltato) E RITENGO "NO REMORSE" LA CANZONE THRASH PIU' BELLA IN ASSOLUTO... dal vivo nel video Cliff'em all è il massimo. THRASH TILL DEATH!


strawberryNgarlic
Opera:
Recensione:
il canto del cigno...
prima che si trasformasse in brutto anatroccolo


strawberryNgarlic
Opera:
Recensione:
one
to live is to die...


babbANO
babbANO
Opera:
Recensione:
quant'è bella one.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
BABBANO.....MA BAFFANCULO......UN INSULTO (KE è ANKE UN CONSIGLIO)A TUTTI IMETALLARI LAVATEVI E CAMBIATE GUSTIMUSICALI!!!!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
la legge del METAL


otrebla86
otrebla86
Opera:
Recensione:
Dai! Tempi impossibili? Sono belle le scelte e il gusto di ulrich, ma sono convinto che riuscirei anch'ho a fare lo stesso lavoro. E poi tecnico? Rispetto agli altri lavori dei metallica si, ma se dici che questo cd è tecnico allora non hai ascoltato abbastanza. Per la pulizia del suono ti do ragione


egr
egr
Opera:
Recensione:
Invece di discutere sul fatto che la musica techno è presumibilmente migliore del thrash metal, discutiamo piuttosto su questo: che sarebbe successo se i Metallica avessero all'epoca collaborato con i Red Hot Chili Peppers (che brutto rimanere fan delle solite band!!!)?


cliff
cliff
Opera:
Recensione:
bella la rece, grande cliff86 ma a quanto riguarda l'album è troppo pesante e complesso.


wildchild
wildchild
Opera:
Recensione:
mi trovo molto d'accordo con la recensione, è un cd irripetibile, ma la rece mi sembra un pò troppo da fan accanito...ti dirò cliff,anch'io sono un gran fan dei MetallicA ma la rece è troppo di parte...però bel lavoro


Woody
Woody
Opera:
Recensione:
Mancavo solo io... 2 bei 5 da Woody Il Terribile, con affetto, a tutti i metallari del mondo. METAL FOR PRESIDENT!!!!!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Trujillo il peggiore


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
A me piace la musica trash metal, ma nn porto affatto vestiti di pelle,croci rovesciate o tantomeno capelli lunghi,mi piace la musica e basta...e cmq cara federica e compagni il trash metal è senza dubbio migliore della musica techno che a mio avviso è il genere che fà più cagare in assoluto!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
W i metallica e gli iron maiden... techno merda...impasticcatevi da qualche altra parte!!! p.s. trujillo mi fà pena


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Mi sono letto un pò di commenti di questa pagina e sono rimasto allibito...come sarebbe a dire che se ne trovano a migliaia come cliff burton??? nn sbagliate a commentare e fidatevi... è il miglior bassista che la storia della "musica" abbia mai avuto!!!!!!!!! questo 5 è per lui!


Stoney
Stoney
Opera:
Recensione:
Ma perché invece di fare confronti fra bassisti, batteristi, chitarristi, metallari, truzzi, vacche e puttane non vi ascoltate la cazzo di musica che vi pare e rompete di meno i coglioni?


dececcobruno
dececcobruno
Opera:
Recensione:
Mamma mia quanta gente che spamma su DeBaser...


andre86
andre86
Opera:
Recensione:
Ljungby è un comune svedese di 27.093 abitanti, situato nella contea di Kronoberg. Il suo capoluogo è la cittadina omonima. leggi nn spare....


metalselo
metalselo
Opera:
Recensione:
Io sono un batterista, e t assicuro che l'album è banale per quanto riguarda la batteria,anche perchè come detto Ulrich non è niente di che...le uniche che possono essere ritenute abbastanza difficoltose sono Blackened e Justice (si narra persino che quest'ultima non sia nemmeno Lars a suonarla sul CD!)...doppio pedale?..sentitevi Joey Jordison..Ulrich è solo all'inizio delle strada che porta ad esser un grande batterista.


hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
3,5 pieno ci può stare, però per me, che non sono un grande amante del metal, questo è l'ultimo ascoltabile dei Mettalica, dopo questo...goodbye


ottakku
ottakku
Opera:
Recensione:
Questo disco fa schifo.


Cloud85
Cloud85
Opera:
Recensione:
Disco sicuramente differente dai precedenti ma cmq valido


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di ...And justice for all è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link