Sto caricando...

Michael Jackson
Off The Wall

()

Voto:

Tra il 1977-1978, mentre Michael Jackson è impegnato nella parte di spaventapasseri in The Wiz con Diana Ross, comincia a crearsi nella sua mente la voglia di un album da solista. Contatta Quincy Jones, con il quale ha un grande rapporto di amicizia, e gli chiede un consiglio a proposito della sua idea.

Nell'autobiografia di Michael (Moonwalk 1988), è scritto che Quincy, detto "Q" per la sua passione per il barbecue, si propone come produttore pensando che il ragazzo di Gary gli avesse teso un tranello... ma Michael giura che non ci aveva neanche pensato di chiedere a Quincy Jones di diventare il suo "mentore".

Comunque, nel 1979, esce il primo capolavoro firmato Micheal Jackson senza famiglia al seguito. All'album partecipano i grandi della musica tra cui Paulinho da Costa alle percussioni, Rod Temperton compositore ed arrangiatore, Louis "Thunder Thumbs" Johnson, George Duke, Stevie Wonder, Paul McCartney e tanti altri. I maligni diranno che ormai i Jacksons fanno musica "obsoleta", ed è per questo che il più dotato del gruppo li lascia. In realtà invece Michael aveva una gran voglia di cimentarsi in qualcosa di suo e solo suo, senza più condividere oneri e onori con i fratelli e il babbo (notare che l'anno seguente registrerà un album con i Jacksons).

Il bambino sta crescendo. Nel 1979 Micheal ha 21 anni e sono già più di 13 che calca le scene.
E grazie a Quincy Jones, la musica contenuta in Off The Wall sarà più funkeggiante ed attuale con il trend che si stava diffondendo in quel periodo: la Black Music.

"Off the Wall" (Epic Records) racchiude delle perle che rimangono ancora oggi delle icone della Disco Music fine anni '70, esaminiamole:

"Don't Stop Till You Get Enough" è la canzone che apre l'album. Un pezzo R&B con venature dance da tenere in ogni discoteca con un ritmo vivace e sostenuto. "Rock With You" è ufficialmente la canzone che fa impazzire le donne per quella voce tremolante e sensuale che ti entra nelle viscere e non ti esce più. Anche "Working Day And Night" è una canzone molto vivace, ottima da ballare, peccato per la mancanza di carattere che purtroppo non riesce mai a farla entrare nel "Best Of....". In "Girlfriend" e in "I Can't Help It" si sente molto l'influenza di Paul McCartney nel primo e di Wonder nel secondo ed entrambi aiutano Michael a sfondare, aiuti che si ripeteranno in "Thriller" e in "Bad" e che lanceranno un'altra manciata di stelle sulla testa di MJ. In seguito ci emoziona con "She's Out Of My Life", ci fa sognare con "It's The Fallin' In Love" e ci esalta con "Burn This Disco Out".

Ho voluto apposta lasciare alla fine la title-track perché riassume quella che sarà la mentalità di Mike in futuro: prendi la vita con semplicità. Mentre "Off The Wall", la traccia, ci consiglia di ballare anche nei momenti più difficili, come se fosse una ragione di vita, Off The Wall (senza virgolette quindi l'album) ci riassume la black_music anni '70 e quelle che sono state le tendenze di un decennio e ovviamente, ci narra le origini del mito, punto.

Se ho dimenticato qualcosa, scusate, stavo ballando.

Commenti (Venti)

Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Vai Ronnie, continua così ke t salvo tutte le rece!! :)


Bubi
Bubi
Opera:
Recensione:
Povero Michael, che vita di merda ha fatto.


Bonny91
Bonny91
Opera:
Recensione:
povero recensore,che carriera di merda che si è scelto..


London
London
Opera:
Recensione:
"Girlfriend" è un brano dei Wings scritto da McCartney e pubblicato su "London Town" (1978)


uxo
uxo
Opera:
Recensione:
Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Ok Ronnie,basta.


Riccardo
Riccardo
Opera:
Recensione:
michael jackson...oddio...


happypippo
happypippo
Opera:
Recensione:
cos'à che non va questo disco? avete pregiudizi forse? è un eccellente album di black music e Michael Jackson era un signor artista


Doctor J
Doctor J
Opera:
Recensione:
NEl suo genere, un must


woodstock
woodstock
Opera:
Recensione:
bè ragazzi ascoltare "don't stop 'til you get enough" e capirete cos'era il VERO mj. imperdibile.


woodstock
woodstock
Opera:
Recensione:
hardrock92 recensisce solo aerosmith, ronnie92 recensisce solo michael jackson


misterNo
misterNo
Opera:
Recensione:
"don't stop 'til you get enough" è il miglior brano Dance di sempre... assolutamente il migliore... per il resto trovo Michael Jackson "quasi" trascurabile...


happypippo
happypippo
Opera:
Recensione:
VOTI CORRETTI


iside
iside
Opera:
Recensione:
voto solo per "don't stop..." brano immortale


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
ma una volta era nero?


Slim
Slim
Opera:
Recensione:
anche "Rock with you" è belloccia no? Gli strumenti son suonati con una precisione ritmica da sembrare sequenze elettroniche! Grande Quincy!


pi-airot
pi-airot
Opera:
Recensione:
Se solo non avesse smesso di sentirsi funky...


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Un po' stringata la descrizione del disco, ma mi è piaciuta. Oh yeah!


beekh
beekh
Opera:
Recensione:
Il suo migliore.


cristoincroce
cristoincroce
Opera:
Recensione:
Una volta la mamma per errore lo buttò nella lavatrice insieme al bucato con la varrecchina. Vabbè il resto lo sapete. Ispirandosi a questa storia i Nirvana fecero Bleach.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Off The Wall è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link