Sto caricando...

Midwest
Whatever You Bring We Sing

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il cartello piantato per terra dice "Whatever You Bring We Sing". Sono alle porte di un paese in mezzo alla campagna americana, un Whiteriver o Dermotville qualsiasi, chiamiamolo magari Blushtown, fatto sta che si trova in pieno Midwest.

Non appena supero il cartello, inizio a sentire musica e non può che essere quella delle classiche e bizzarre fiere di paese, suonata da una simpatica banda su un piccolo palco fatto di legno, folk, country e bluegrass. Vedo una chitarra, un organetto, archi, un harmonium, una slide guitar e quant'altro. Sono in quattro a suonare, sono molto giovani, sembrano forestieri, e infatti il barbiere mi dice che vengono addirittura da oltreoceano, "from Italy", dice, anche se stento a credergli.
Dice che sono al secondo album e che il primo, "Town And Country", era già splendido, appena più nebbioso e metropolitano.

Qui la luce è chiara.
Odd Fair è proprio il pezzo ideale per entrare nell'atmosfera. La tuba ne scandisce il tempo saltellante e il trombone accompagna i bambini che girano tra le bancarelle.
In effetti sembra proprio uno di quei bambini a cantare, di sicuro è il più monello, che gioca a fare ora il divertito, ora lo spaurito (Release The Catch), ora lo sguaiato (When The Motor Dies); ma con quella sua voce trasognata non è un canto, è un incanto.
Ci sono dei giocolieri che si esibiscono ubriachi sulle note di Chewing Its Name, mentre glockenspiel e farfisa mi rapiscono.
C'è un poeta di nome Mark che viene dalla Virginia su un cavallo scintillante e sussurra i suoi versi dolci e surreali, e quando sente Warmed By The Coming Season si ferma e si commuove. Quel verso, "winter gently closes his eyes", in mezzo ai violini lenti, lui lo canterebbe proprio così.

C'è un signore sulla sessantina che si aggira per la fiera, nessuno sembra fare caso a lui, ha uno strano cappello e pantaloni impolverati, pare a suo agio qui, la sua smorfia si allarga in un sorriso durante J. Rides A Donkey e We're The Madcap, anche se nasconde la bottiglia di whiskey dietro la schiena e mi sa che ha lasciato a casa il coltello.
Aspetta, ho capito chi è, è il vecchio Tom, e probabilmente i quattro ragazzi sul palco lo conoscono bene, ma loro stessi non sanno che è qui.
E io stesso non sono sicuro di essere davvero qui.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaQuattro

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera:
Recensione:
Che bello cominciare la giornata (ri)leggendo dolci parole :)


Giubbo
Giubbo
Opera:
Recensione:
Eneathedevil
Eneathedevil
Opera:
Recensione:
Curioso, anche i catanesi provano sensazioni... :)


Eneathedevil
Eneathedevil
Opera:
Recensione:
josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Grazie mille a tutti... ma il disco? :)


antimo_d
antimo_d
Opera:
Recensione:
mmm... ne ho letto molto bene, ma era una velina pubblicitaria su 'blow-up'... ora c'è l'autorevole parere di mr. josi. Sembra che vadano ascoltati, ma così faccio overdose di italiani! (franklin delano, bachi da pietra, larsen lombriki, non voglio che clara, offlaga...)


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Già il disco ... bisognerebbe davvero ascoltarlo. Diavolo tentatore :)


zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera:
Recensione:
Quale disco?
Mi è sembrato moooooolto bluegrass, non tipico bluegrass varesotto però.


josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Sarà vostro! :)


easycure
easycure
Opera:
Recensione:
molta bella rece.. però il disco non mi attira.. non perchè italiano eh...;-) è questa roba alt country che non mi va molto giù


samterra
samterra
Opera:
Recensione:
una slendida istantanea di vita, bravo josi. Ne ho sentito parlare molto bene di questi giovani varesotti, riesci a mettere qualche sample?


damaskinos
damaskinos
Opera:
Recensione:
josi, dire che sai scrivere è ancora poco, dire che la recensione è bella dovrebbe introdurre una perifrasi che occupi tutto lo schermo per ribadirlo. Il disco? eh, ne avevo letto e mi garberebbe molto ascoltarlo.
p.s. se trovi la mia lingua come screensaver, non cestinarla, rimandamela via mail. ciao


damaskinos
damaskinos
Opera:
Recensione:
lecchiamo un po'anche con i voti ehhh...


zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera:
Recensione:
Mi piace Blushtown, hanno tutti un bel colorito laggiù.


MaledettaPrimavera
MaledettaPrimavera
Opera:
Recensione:
lecco anch'io!!!!! :)) Non ancora ascoltato, ma lo faro' subito. Josi il primo disco di loro (che tu mi regalasti) l'ho dovuto lasciare ad Edinburgo in occasione del concerto dei dEUS. C'era questa mia amica che mi ospitava che se ne innamoro', e dovetti lasciarlo. D'altronde era un modo per sdebitarmi. Bella storia, eh? Neanche lei ci credeva che erano italiani (aveva me come termine di paragone..). Poi l'ho ricomprato, non temere. :)))) Ciao josi! Questo qui' lo ascolto al piu' presto possibile e ti faccio sapere!


vv
vv
Opera:
Recensione:
speachless... :))


guesswho
guesswho
Opera:
Recensione:
wonderfulll :)voglio anch'io il disco,k!?


G__á
G__á
Opera:
Recensione:
che schifo di recensione...


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Davvero! proprio obbriobriosa! :DD


josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Midwest per tutti! :D


maryP
maryP
Opera:
Recensione:
arteficio letterario??? da quando la bravura dello scrittore si sostituisce al commento di un disco???... vanità di vanità nient'altro. Cmq i Midwest sono bravi!


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Ma ci sono pose da gangsta e storie di strada? Se si lo ascolto :D No sul serio, vedo molti punti di contatto tra un certo indie-folk-lo fi e qualcosa prodotta dalla Anticon (almeno come attitudine). Magari un ascolto ve lo dò. Onore a Mr. Josi


lukin
lukin
Opera:
Recensione:
che dirti? hanno già detto tutto gli altri :)


zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera:
Recensione:
Il jewel case più libretto più copertina sono molto belli, il cd... chissà :)


poddoski
poddoski
Opera:
Recensione:
Sembrava di essere lì....o no?


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Leggete di meno e ascoltate di più....le praterie si riveleranno accanto a voi.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
molto bello il disco, anche se non son patita per il folk, questo ha qualcosa di speciale


josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Ecco i samples. Ci volevano. Più ascolto Warmed By The Coming Season e più adoro questi ragazzi di Varese.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
sei troppo bono in de-shirt Josi


Melissa
Melissa
Opera:
Recensione:
Li ho ascoltati per caso su DeAscoltiCasuali, mi sono piaciuti ed ora ho il disco, ottimo!!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Whatever You Bring We Sing è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link