Sto caricando...

Morbid Angel
Illud Divinum Insanus

()

Voto:

Otto anni di vuoto. Probabilmente in questo lunghissimo arco di tempo molti avevano rinunciato a sperare in un nuovo album. E forse sarebbe stato meglio che le cose rimanessero così, che il deludente ma pur sempre dignitoso "Heretic" diventasse il testamento di un gruppo che ha contribuito a creare ed influenzare un intero genere per oltre una decade. Morbid Angel, ovvero "Altars Of Madness", "Blessed Are The Sick", "Covenant" e via discorrendo, in rigoroso ordine alfabetico come da tradizione.

Giunti nel 2011, però, qualcosa ha iniziato a muoversi.

Rivelato un titolo.
Poi una copertina.
Una tracklist.
E un nuovo brano online.
"Sì, è la volta buona. Stavolta ci siamo."

Otto anni di vuoto, otto anni di tempo per mettere in piedi questo "Illud Divinum Insanus": nient'altro che il nuovo fratellino di "St. Anger" e "The Unspoken King"; quindi, da annoverare tra gli "esperimenti" (virgolette d'obbligo) più osceni e disastrosi di tutto il metal, se non della musica tutta.

Ora, immaginatevi un miscuglio tra i seguenti:
- Marilyn Manson,
- Combichrist,
- Rammstein,
- Justin Bieber versione rave party e, infine,
- un’avara spolverata di death metal. Giusto per non mandare a puttane la propria fanbase.

Ed ecco a voi, ladies and gentlemen, "Illud Divinum Insanus"! Non ci credete? Allora andate a sentirvi quell’aborto di “Too Extreme!”: un fracasso agghiacciante costruito su stupidissimi gabber beats (!), stesso identico ritmo per sei minuti, un’irritante voce filtrata, melodie senza alcun senso e testi ridicoli (“We are the new religion”? No grazie, a questo punto credo che mi darò al buddhismo); ma che razza di scempio è mai questo? Per non parlare poi di “Destructos vs. The Earth / Attack” e soprattutto “Radikult”, entrambe groovy, martellanti, fighette, pacchianissime e incredibilmente prolisse. A sentire tutto ciò verrebbe spontaneo rimpiangere un po’ di sano death metal, territorio che definire familiare per i Morbid Angel è un eufemismo.

Ahimè, di death metal in questo disco ce n’è ancora ed è tutto fuorchè una consolazione. Brani come “Blades For Baal”, “Existo Vulgoré” (prego?!) e il singolo “Nevermore” sembrano buttati lì giusto per gonfiare il minutaggio e dare un misero contentino ai propri fans: compitini privi di spessore, senza infamia nè lode, ma sempre con quel taglio tamarro e cafone che ben si adatta allo stile di questo disco. “I Am Morbid” e “10 More Dead” semplicemente non hanno ragione di esistere, sono solo canzonette metal innocue, vuote, con ritornelli un po’ anthemici e ingenui che cercheranno di strappare qualche headbanging sotto il palco, molto probabilmente senza neanche riuscirci vista la totale inconsistenza dei riffs.

Stendiamo un velo pietoso sulla produzione e i suoni in generale: “Illest Divine Anus” è ricoperto di plastica asettica e la musica ne risente tanto, troppo, e quel poco di death rimasto è reso ancor più finto e sfigurato da una produzione sterile e ultramoderna. Ah, e davvero c’è Tim Yeung dietro le pelli? Un essere umano? Really? No perchè a me sembra di sentire piuttosto una fredda drum machine programmata alquanto grossolanamente.

Insomma, non c’è scampo, non si salva proprio nulla. Nel migliore dei casi “Ilaria Divina Senz’Ano” suona poco ispirato, incoerente e tedioso; nel peggiore... Beh, fate voi. Ora ci ritroviamo con un imbarazzante collage di pseudo-esperimenti fuori tempo massimo e fiacche incursioni metalliche, una tracklist ridicola quanto i testi, una copertina chiaramente copiata da un ipotetico nuovo album dei Behemoth e, ciliegina sulla torta, un titolo in latino da terza media a coronare l’epic fail di proporzioni gargantuesche.

Tutto ciò è davvero divertente, sul serio. Ma il nuovo album dei Morbid Angel dov'è?

Ultimi Trenta commenti su CinquantOtto

Rocky Marciano
Rocky Marciano
Opera:
Recensione:
io direi che finiscono alla G invece.


Core-a-core
Core-a-core
Opera:
Recensione:
Io mi ero innamorato del metallo con Blessed Are The Sick. Iniziò tutto da lì. Poi, proprio ieri sera, ero in un negozio di dischi e arriva un tipo magrissimo, calvo, bianco malato, balbuziente, 40 passati con una maglia Nike nera che chiede alla tipa se fosse arrivato questo disco. Presagio funesto. Per curiosità torno a casa e ascolto. Davvero una brutta figura i MA. Imbarazzato per loro. E pensare che bastava rifare un Domination paro paro, per non essere spernacchiati.


Cornell
Cornell Evangelìsta
Opera:
Recensione:
Passo anch'io solo per il voto alla rece caro Hell, questo non è proprio pane per i miei denti però...


Alì Murtacc
Alì Murtacc
Opera:
Recensione:
Ieri pomeriggio ho sentito "Too Extreme!". Esilarante a dir poco!


progknight94
progknight94
Opera:
Recensione:
Ascoltandola ho pensato quanto impegno devono averci messo per concepirla (too extreme)


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Insomma, se avessero voluto dire "quel divino folle" (con riferimento a una persona) ci voleva ILLE DIVINUS INSANUS, se avessero invece inteso riferirsi a una qualche "divina follia" se la potevano sfangare alla grande con ILLA DIVINA INSANIA. Ma erano in grado di intendere e di volere?


Hell
Hell Divèrs
Opera:
Recensione:
In realtà sarebbe andato bene anche il neutro, volendo. Divinum è un sostantivo e può significare "il divino/cosa divina" oppure anche "divinazione". In ogni caso dubito che un gruppo cazzaro come i Morbid Angel abbia voluto comunicare qualcosa di preciso con quel titolo... Avranno pescato dal dizionario latino le prime tre parole che più si avvicinavano alla traduzione in inglese per poi declinarle a cazzum canis. Come del resto gran parte dei gruppi medal che infilano qualche frasetta in latino nelle canzoni o nei titoli (vedasi Dark Funeral), per motivi che devo ancora capire... P.S. un grazie agli ultimi passanti, Corneluzzo regalati qualche sana risata e ascolta "Too Extreme!"! :D


Cornell
Cornell Evangelìsta
Opera:
Recensione:
No, ma... E' uno scherzo vero? ("Too Extreme")


Claypool
Claypool
Opera:
Recensione:
Sembra un bel disco, lo ascolterò.


The Decline
The Decline
Opera:
Recensione:
Questa me l'ero persa. Fantastica stroncatura! Il disco? Una patacca clamorosa. Dopo l'ascolto di Too Extreme, I am Morbid, Destruction vs The Earth ((ma chi ha scelto i titoli delle songs? Topo Gigio?) pensavo seriamente che si trattasse di uno scherzo e invece...
Restano alcuni interrogativi: perchè i nostri, tra gli inventori del Death, hanno deciso di scimmiottare nel 2011 il Manson dei poveri? Perchè far aspettare 8(OTTO) anni ai fan per questa ciofeca incommensurabile? Perchè si sono intestarditi ad usare la lingua latina che, in alcune declinazioni (anche il titolo, cristo di un Dio!), risulta, come detto, pure sbagliata? Non si saprà mai. Ad ogni modo, Illud Divinum Insanus verrà ricordato comunque come un lavoro storico: il peggior disco estremo dei primi anni 2000.


MORPHEO 33
MORPHEO 33
Opera:
Recensione:
qualcosa di buono c'è, ma un salto così apocalittico di sound, beh, non è del tutto normale! se ne sono fregati di tutti, e questo gliene va dato atto!! bella la rece come al solito!


Insect_Reject
Insect_Reject
Opera:
Recensione:
Sarò blasfemo ma a me piace da bbestia! Il cunicolo dell'industrial death metal è stato già scavato da band quali: The Monolith Deathcult, The Project Hate MCMXCIX, The Amenta e The Berzerker. Non resta che considerarlo come un piccolo esperimento nell'importantissimo percorso musicale dei Morbid Angel!


progknight94
progknight94
Opera:
Recensione:
Solo il rolling stone può dare TRE STELLE E MEZZA a questa roba


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
rolling stones come rivista fa abbastanza pena; mi ricordo che alle superiori un mio amico la prendeva e mi ricordo che il giornale si divideva più o meno così: 50%pubblicità, 45% (ab)uso sproporzionato del termine "rock n roll" di solito associato a vaneggiamenti come "libertà, fuck da system, etc" e infine un 5% di cazzate varie


ProgRock
ProgRock
Opera:
Recensione:
Molto meglio Tv Sorrisi e Canzoni che Rolling Stone, almeno da lì posso sapere se qualche partita infrasettimanale di coppa la trasmettono in chiaro.


progknight94
progknight94
Opera:
Recensione:
Non so... io mi vergogno come un cane di averne 3-4 in camera...


progknight94
progknight94
Opera:
Recensione:
Comprati rigorosamente soltanto per le interviste a Plant, Young, Lemmy ecc. Li mortacci loro che hanno i soldi per farle.


The Decline
The Decline
Opera:
Recensione:
Per comprendere la reale competenza di una rivista come Rolling Stones basta prendere la classifica che stilò riguardo ai 100 più grandi chitarristi della storia: Jack White 17° e David Gilmour 82°; Kurt Cobain 12°, Hammett 11°, Johnny Ramone 16° piazzati prima di Santana, di Randy Rhoads, di Van Halen, con Steve Vai e Zakk Wylde nemmeno presi in considerazione! L'unico posto dove è degna di stare è dalla parrucchiera in mezzo a Top Girl, Astrella e Barbie Magazine.


progknight94
progknight94
Opera:
Recensione:
Nella classifica dei migliori brani mi sembra ce ne fosse uno di Beyoncè O.O


venom2303
venom2303
Opera:
Recensione:
Voglio dire la mia: ascolto i M.A. dagli inizi e non mi hanno mai deluso, certo, non tutti i dischi sono uguali e Illud non fa eccezione. Vado controcorrente con la maggior parte di voi e dico che questo disco non mi dispiace, lo ascolto spesso e, tranne qualche pezzo, non è male. Hanno avuto le palle di fare qualcosa di diverso dal solito, al contrario degli Iron Maiden che sfornano dischi "fotocopia" da più di 20 anni. Adesso linciatemi pure!! :-)
Morbid Angel rulez!! \m/ \m/


Hardrock92
Hardrock92
Opera:
Recensione:
L'ho ascoltato per curiosità e son d'accordo con meme. Cioè, questi sono tra le piglie portanti del genere (che, sinceramente, conosco non molto), son musicisti che suonano da anni, avranno una conoscenza illimitata della scena probabilmente, mi fa strano facciano un disco così senza rendersi conto dell'impatto che avrà sul pubblico (pubblico assolutamente di settore peraltro). Fossero un gruppo di idioti al primo disco direi senza problemi che è uno schifo. Però sono i Morbid Angel. Non tiene neanche l'idea che potrebbe essere un tentativo di sfondare commercialmente, perchè è, obiettivamente, impossibile con sto album. Non è che han fatto un disco death metal brutto e finita lì. Sta roba è qualcos'altro. Sembra che tutto coincida: titolo grammaticalmente sbagliato (mai studiato latino, però mi fido di voi), nomi delle canzoni comici, testi ridicoli, parti musicali orripilanti. Io son propenso a credere che ci sia una sorta di "messaggio" di fondo "concettuale". Scusate il segone xD


Frankie89
Frankie89
Opera:
Recensione:
Io non sono un esperto di metal. E nonostante ciò posso dire che "Too Extreme" non è un pezzo metal. Almeno non nel senso classico/ortodosso del termine. Però è un pezzo niente male: è pesante in culo anche se in modo diverso da quello che un metallaro potrebbe aspettarsi. È irritante e fastidioso: sembra il suono di un martello pneumatico giù in strada alle 2 di notte mentre cerchi di dormire, ma quello non smette mai di trapanare. In un certo senso è un pezzo veramente riuscito. Forse andava smussato da qualche parte ma se anche il resto dell'album è fatto così direi che è un album molto interessante. Ovvio che ai puristi non piacerà. Bisogna essere di mentalità un po' aperta per apprezzarlo.


Hell
Hell Divèrs
Opera:
Recensione:
Ciao Frankie, no il resto dell'album non è affatto come "Too Extreme!". Ci sono certe cacchette stitiche degne dei peggiori Trivium come "I Am Morbid", branetti insipidi che non sanno di niente, oppure come già detto nella rece c'è qualche compitino death metal per accontentare i cosiddetti "puristi" (io non rientro fra questi, sia ben chiaro) e che nel contesto suona plasticosissimo. Questo disco è molto incoerente e frammentario, i cosiddetti esperimenti (che secondo me fanno comunque cagare) si contano sulle dita di una mano monca, mentre tutti gli altri brani sono i più insulsi e scontati scritti dai Morbid. Prova ad ascoltare.


The Monarch
The Monarch
Opera:
Recensione:
no no hell, i puristi del death non si accontentano di una batteria monotona e priva di fantasia sotto riff che scriverebbe anche mio nonno e un ritornellone ripetuto minimo quattro o cinque volte a pezzo. Tra l'altro i pezzi death sono pure simili tra loro, soprattutto nei ritornelli. Qualcosa di buono c'è, a me i am morbid non dispiace e nemmeno existo vulgore, come singoli dei Devildriver non farebbero schifo. La voce quando non è filtrata è bella. I fan di quelle merde di manson e rammstein saranno contenti, se voglio industrial fatto bene metto su i Godflesh. L'intro è imbarazzante, secondo me si chiama Im Potens e gliel'hanno scritta i Nanowar ;)


PAZZO AL SACCO
PAZZO AL SACCO
Opera:
Recensione:
Una cagata contro vento. Namose a risentì i primi 4 dischi va'


Radioactive Toy
Radioactive Toy
Opera:
Recensione:
D'accordo con Frankie89: "Too Extreme!" è un pezzo veramente strano, ma riuscito. Cioè, fa schifo (basi da rave-party, chitarre astruse, cori assurdi, Vincent che canta come quello dei Frost, testo con frasi in spagnolo), ma una ti viene voglia di riascoltarlo. Il resto non l'ho sentito.


Frankie89
Frankie89
Opera:
Recensione:
L'ho sentito tutto e m'è piaciuto. Tanto. Capisco che chi ha apprezzato i dischi storici dei Morbid Angel (io personalmente non troppo) possa trovare spiazzante - specie dopo 8 anni d'attesa - l'associazione di questo sound a quel brand. Ma me mi frega una sega e sto disco mi ha fatto godere di brutto.


ThrashFantasy
ThrashFantasy
Opera:
Recensione:
Allora, parto con il dire che ascolto principalmente Thrash Metal e Progressive Metal, ogni tanto mi concedo l'ascolto di alcune perle dei Death e dei Morbid, ma solo in rari casi. Assurdamente mi fanno altamente cagare le sperimentazioni, ma questo disco, e sinceramente non so proprio spiegarmi il perché, mi è piaciuto abbastanza. Probabilmente perché sono riusciti, tramite l'elettronica, ad estremizzare ancor più la loro proposta musicale... Comunque sono sincero, preferisco vedere gruppi come Morbid Angel che fanno quel cazzo che gli pare, mettendo nella loro musica le cose più assurde anche a rischio di perdere la propria fanbase, a gruppi come Metallica che se ne escono con cose commerciali e ritrite. Il punto debole dell'album sono proprio i pezzi death metal, che tranne Existo Vulgore (??? CHE CAZZO SIGNIFICA!?!?), sono piatti e scialbi. I migliori sono Too Extreme! e sicuramente un pezzo che per gli amanti della musica elettronica estrema rimarrà negli annali, profundis-Mea Culpa: Un pezzo che i Deathster e chi ascolta metal, come me, odieranno, ma si deve ammettere che qui l'elettronica non è un semplice orpello, ma una vera e propria mazzata sui denti. L'unica album in cui l'utilizzo di sonorità electro mi piacciono, offendetemi, perché non me ne capacito manco io ._.


Dav
Dav
Opera:
Recensione:
ragazzi sveglia siamo nel 2014 punto primo. punto secondo. mica vi aspetterete che i MA faccian ancora l n+1 fotocopia di domination \ altars etc. onore ai ragazzi perche a loro modo hanno fatto un "black album" come i tallica si. anche commerciale ma secondo me e da godere sto disco . blades for baal e un super pezzo death. existo vulgore e' puro brutal di qualita too extreme e profundis sono super innovative e soprattutto l ultima e' memorabile. il riffing per tutto l album e su livelli ottimi. eche altro dire. linga vista ll angelo morboso. morboso piu che mai . inoltre con i am morbid ho scoperto che hanno pure il senso dell 'umorismo cosa che nella gita non guasta mai


venom2303: Sono d'accordo con te Dav \,,\ \,,\
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Ho amato ferocemente il Death Metal che ha avuto nei Morbid Angel uno dei gruppi più rappresentativi per quanto riguarda importanza e capacità in musica; considero il loro "alfabeto" perfetto fino alla lettera E, con il mio capolavoro che rimane da vent'anni quel "Covenant" che si apriva con due canzoni che rappresentavano in peno l'approccio sonoro destabilizzante dei ragazzi floridiani: "Rapture" e "Pain Divine". Questo disco l'ho scaricato, masterizzato su cd riportando il titolo dei brani, pronto poi nel successivo ascolto...Credimi Hell non sono riuscito ad arrivare alla fine, e la delusione è stata sconvolgente; avevo letto i primi sommari commenti in rete che non davano molte speranze, ma fino all'ultimo ho voluto sognare...inutilmente. Ho concluso, voto cinque alla tua recensione, mentre mi astengo da questo obbrobrio sonoro, almeno dal mio punto di vista.


De...Marga...: Errata Corrige: l'ultima parola della seconda riga è da leggersi "pieno"...Ogni tanto l'età avanzante si fa sentire.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Illud Divinum Insanus è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link