Neil Young And Crazy Horse
Everybody Knows This Is Nowhere

()

Voto:

Nella sterminata carriera del cantautore/rocker canadese gli album che più preferisco sono quelli registrati in compagnia dei Crazy Horse come gruppo di supporto. Sicuramente "Everybody Knows This Is Nowhere" non è ancora al livello di un "After The Gold Rush" ma rappresenta un ottimo disco di transizione verso una forma di rock che possa amalgamare le morbidezze acustiche e le sfuriate elettriche a cui ci ha sempre abituato il nostro. Sicuramente un disco da un impronta più elettrica e marcatamente rock rispetto ad altri lavori.

Si parte infatti con un ottimo brano che sfiora l'hard rock, ossia "Cinnamon Girl" col suo ritmo quadrato e il riff che rimane impresso. La voce di Neil, unica nel suo genere, fragile ma potente si staglia su chitarre graffianti senza però risultarne aliena ma amalgamandosi molto bene e sostenuta da ottimi backing vocals. Si prosegue con "Everybody Knows This Is Nowhere", una canzone dai toni più leggeri e spensierati sempre sostenuta da una parte strumentale elettrica ma stavolta sicuramente meno "hard" con un buon assolo di chitarra elettrica. La melodia vocale rimane subito impressa soprattutto nel ritornello dal grande impatto. Si segnalano le ottime backing vocals. Una canzone semplice, corta, ma efficacissima.

Con "Round and Round" si passa invece a una canzone accompagnata da sole chitarre acustiche e voce, dalla melodia sognante ma forse un po' ripetitiva. Ottima comunque la seconda voce d'accompagnamento eseguita da Robin Lane che in questo caso aiuta a dare qualcosa in più alla linea vocale di Young. La seguente "Down By The River" è a mio avviso la canzone migliore dell'intero album. Si torna alle distorsioni sentite a inizio album e la canzone dopo una strofa e un imponente ritornello si snoda per piu di nove minuti in un lungo ma mai stancante assolo di chitarra elettrica che non tocca mai il virtuosismo ma proprio per questo è efficace e funzionale alla canzone. "The Losing End" è invece una canzone sui i soliti ottimi binari country-rock con la solita melodia vocale che rimane in testa e una più che buona parte strumentale. La seguente "Running Dry (Requiem For The Rockets)" è una canzone dalla struggente bellezza. In sé già molto buona per la voce di Young molto drammatica è impreziosita dall'accompagnamento al violino suonato da Bobby Notkoff che dà proprio quel tocco da requiem come suggerisce il sottotilo della canzone.

A concludere in maniera più che ineccepibile "Cowgirl In The Sand", dalla durata anche superiore, che segue lo schema da jam session quasi blues-rock di "Down By The River" con suoni che se vogliamo sono anche più pesanti della precedente.

In definitiva forse non un capolavoro ai livelli di "Hearvest" o "After the Gold Rush" o "Rust Never Sleeps" ma è pur sempre uno dei primi dischi dell'intera carriera del canadese e non può quindi che essere ottimo soprattutto per l'ottima vena rock presente in alcune sue tracce.

Questa DeRecensione di Everybody Knows This Is Nowhere è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/neil-young/everybody-knows-this-is-nowhere/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (QuarantaTre)

donjunio
Opera: | Recensione: |
per me questo è da 5 stelle: è l'album in cui Neil mette in ordine voce e chitarra, e grazie all'aiuto dei crazy horse trova l'elisir di lunga vita del rumore chitarristico, influenzando centinaia di epigoni. I pezzi sono tutti dei classici. Splendida l'alchimia con Danny Whitten, anche se i migliori albhm targati Neil-Crazy Horse paradossalmente saranno quelli successivi,"Zuma" e "Rust never sleeps".
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

donjunio
Opera: | Recensione: |
x gli editors: è possibile intestare l'album con la sua corretta dicitura, ossia "Neil Young and Crazy Horse"?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Roby86
Opera: | Recensione: |
Da 5 stelle anche per me!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

c'è
Opera: | Recensione: |
"Down By The River" è una delle sue cavalcate elettro-folk migliori, inferiore secondo me solo a "The Last Trip To Tulsa", "Cortez The Killer" e soprattutto "Ambulance Blues". L'album è un po' che non lo ascolto, da quel che ricordo è un bel 4
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

azzo
Opera: | Recensione: |
Invece per me "Down by River" è la sua cavalcata migliore, le parti di chitarra sono fra le più lancinanti e coomoventi di tutta la storia del rock. L' accoppiata con "Cowgirl..." mi costringe a dargli 5. Rece che non mi convince granché: 'sti due capolavori non possono essere liquidati in due righe. P.s.: che strano che 'sto disco non avesse manco una rece!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

lariana56
Opera: | Recensione: |
Devo ammettere che per molto tempo ho avuto pregiudizi nei confronti di Young, adesso sono del parere che i dischi dei primi 10 anni, (Gli unici che conosco) sono quasi tutti belli. Specialmente quelli che sono già stati citati, Rust never sleeps, After the Gold Rush, Zuma, Harvest.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

lariana56
Opera: | Recensione: |
Cercherò di procurarmi pure "Everybody Knows This Is Nowhere" la copertina non mi è nuova e sicuramente l'ho già ascoltato, ma non me lo ricordo. Dei pezzi che ho scaricato dei dischi degli anni 80 - 90 e seguito, sono rimasta delusa.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

donjunio
Opera: | Recensione: |
sbagli azzo, nel de-detabase puoi trovare un'altra recensione di EKTIN, ad opera di uno dei migliori youngofili del sito, cece65: la trovi sotto la dicitura "Neil Young & Crazy Horse".
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

azzo
Opera: | Recensione: |
Grazie per la dritta don, in effetti mi sembrava strano...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Antmo
Opera: | Recensione: |
mdrededios....di recente ho rimesso su il live elettrico al Fillmore e.. cazzo che bomba!!! questo pure è una panacea per tutti i mali. neil regna sovrano
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
come si fa a meetere 4 a questo disco???
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

happypippo
Opera: | Recensione: |
è un grande e uno dei miei cantanti preferiti, soprattutto perchè è stonato. aggiungo il consiglio di sentire Tonights the night. Irregolare, discontinuo, intenso genio canadese, affascinante proprio per i suoi alti e bassi da capogiro
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

maryg
Opera: | Recensione: |
la migliore è la stupenda 'cinnamon girl'.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

trickykid
Opera: | Recensione: |
Benchè non sia il suo esordio solista, è questo disco dal magnifico titolo (trad. lett.TUTTI SANNO CHE QUI E' UN NON LUOGO) con cui YOUNG imposta la sua carriera a venire. Verranno subito dopo due album strepitosi: AFTER THE GOLD RUSH e HARVEST, nonchè altri momenti altissimi (come altri hanno già ricordato). Ma è da qui che bisogna partire. Disco da avere. Per me *****, in valore assoluto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

pretazzo
Opera: | Recensione: |
tornare dalle vacanze piu merdose della storia e poter commentare una rece di uno dei 10 dischi rock piu grandi di sempre non puo che arrecarmi immenso piacere
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

presoblu
Opera: | Recensione: |
c'è
Opera: | Recensione: |
come si fa a mettere 4? semplice: innanzitutto a mio avviso non è il suo migliore, gli preferisco "Tonight's The Night" e "Rust Never Sleep"; secondo 8/10 per me è il voto più giusto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Alfredo
Opera: | Recensione: |
donjunio
Opera: | Recensione: |
un punto in più alla recensione per aver parlato di "running dry", uno dei pezzi più sottovalutati e misconosciuti di Neil....
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

bjorky
Opera: | Recensione: |
grande disco anche se preferisco altri capolavori come Harvest, On the Bdeach e Tonight the night
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Slim
Opera: | Recensione: |
"like an Hurricane" tra le migliori cavalcate...... 5 senz'indugio!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Spaccamascella
Opera: | Recensione: |
everybody seems to wonder what it's like down here
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

RocKnR0ll
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti per aver commentato e forse avete ragione a dirmi che magari l'album merita un bel 5 ma il mio è un parere soggettivo e diciamo che non mi sento di dare più di un 4.5 a quest'album ma solamente confrontandolo con lavori come quelli che ho citato che a mio avviso sono perfetti.
Alla prossima recensione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Mandrappa
Opera: | Recensione: |
Blackdog
Opera: | Recensione: |
Gran disco -'Cinnamon girl', 'Cowgirl in the sand' e 'Down by the river' classici da urlo, e la rece d cece già rendeva justice al '69 de Nellogiovine. Buona recensione, sono d'accuerdo con donjunio su 'Running dry'. Non è 5stelle solo pecché gli preferisco 'After the gold rush', 'On the beach' e 'Rust never sleeps'.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blackdog
Opera: | Recensione: |
La cover, poi, è stupenda..
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

trickykid
Opera: | Recensione: |
beh, tutti a fare paragoni con i successivi grandi album di YOUNG...non è così che si mettono i voti. Quando uscì quest'album i successivi erano ancora a venire, come si fa a paragonare età, dischi, band ed ispirazione così diverse?
E' come dire: "siccome impazzisco per ELETTRIC LADYLAND, ARE YOU EXPERIENCE è da 4 e BAND OF GIPSY è da 3.5". Quando, invece, Hendrix fece solo dischi da 5 pieno). Meditate, gente, meditate.

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

trickykid
Opera: | Recensione: |
pensate di essere a quei tempi, di avere 20 anni e tra le mani questo vinile...come lo giudichereste?!?

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Beh, tricky, Hendrix è tutto da 5stelle ( discografia ufficiale) -ma Neil ha un catalogo più vasto, no? Certo, l'avessi comprato il 14 maggio 1969 mi sarebbe scoppiato il ciervello..Ma la lista d capulavori di quell'anno glorioso è sterminata, quindi voto 4,5. Di pura formalità, eh.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
avanti black dog, metti 5 a sto cazzo disco e non facciamo che per farlo devo venire fino a roma a spaccarti il culo!!! :)) (ovviamente si scherza)...cazzo e nello stesso anno è uscito pure il primo degli stooges. cazzo di anno
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Con me puoi sempre 'scherzarti' addosso, alé. Il 1969 è da infarto quasi
come Rebecca Romjin..
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Ok, e mettiamolo 'sto fivestelle che mò arriva ferragosto! M'allargo con tutti tranne ke con azzo.. ;)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blackdog
Opera: | Recensione: |
..Che poi giustamente s'arrabbia with me. :)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
bene, la violenza t'ha convinto???
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Larrok
Opera: | Recensione: |
riascoltandolo per l'ennesima volta e leggendo l'ultimo commento di trickykid, mi sono convinto che 5 è il voto più appropriato, nonostante io giudichi appena superiori harvest, on the beach e after the gold rush...facciamo al livello circa di "tonight's the night" e un pelo sopra zuma
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Larrok
Opera: | Recensione: |
coolermaster
Opera: | Recensione: |
Uno dei capolavori del Rock tutto, con cinnamon girl e la "vaccara sulla sabbia" che hanno fatto scuola...Ricordo che lo ascoltavo a loop tra il '90 e il '92...gran bel periodo :-))
L'unica cosa che mi fa incazzare di quei mentecatti della casa discografica di Neil è che non è stato ancora rimasterizzato, eccheccazzo...oggi rimasterizzano cani e porci, tranne lui...che tristezza (lo dico perché sono un audiofilo...e il sound è un tantinello fetente)
Saluti
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

donjunio
Opera: | Recensione: |
@rocknroll. personalmente non credo sia così importante la valutazione del disco ( 4 o 5 stelle in fondo non cambia molto, non siamo ragionieri). Affermando che questo è da 5 stelle intendevo dire che EKTIN non è però un album di transizione come lo hai definito, ma fu un punto di approdo ben preciso, tant'è che sull'archetipo elettrico ci sarebbe tornato molte volte....che poi gli abbia dato un seguito con due lavori più completi e variegati è poi una cosa che depone a favore di Neil, ma non a sfavore di EKTIN. Ciao!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Sai, cooler, parecchi titoli del catalogo storico Warner non sono propriamente 'remastered' con tanto d'etichetta but le ristampe risalgono
spesso ai Novanta. A me il suono nun sembra malaccio e Neil ( specie x 'sto disco o 'Tonight's the night') deve suonare 'genuino' e grezzo.
Oh, IRIDE, sei from Naples no? Sai com'è, potresti essere affiliato a qualche clan -è il minimo ke mi caghisotto.. ;)
A part le killingjoke, como declara donjunio, 4stelle or 5stelle per grandi lavori like 'Everybody's..' vuol dire poco. E' un great album.
Punto. Anzi Grande Punto, ke la Fiat ce poteva pensà prima; io c'ho la seconda serie, plancia e finiture erano un pò povere.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

trickykid
Opera: | Recensione: |
Mi allineo con donjunio: questo album è dove "inizia" la carriera solista di NEIL così come sarà espressa nei successivi album a venire e dove si definisce il suono, la struttura e le atmosfere dello stile di YOUNG. Per queste ragioni e per l'indubbia potenza del disco, per l'inspirazione che lo pervade e per la presenza di almeno 3 irrinunciabili EVERGREEN, ho insistito per il *****.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Music Man
Opera: | Recensione: |
Rocknroll, siamo amici e colleghi, purtroppo, però, stavolta devo essere sincero e dirti che hai toppato un pò perchè questo è forse il miglior album di Neil Young, sia dal punto di vista dell'originalità, sia dal punto di vista dello stile. Proprio quì Neil Young dimostra di essere un grande precursore dei tempi riuscendo ad amalgamare benissimo hard rock e country anni prima dei vari Eagles, Lynyrd Skynyrd etc, il disco è infatti datato 1969. Quest' album perciò rappresenta un pezzo di storia del rock e merita pienamente le 5 stelle; comunque sia, secondo me, la recensione è discreta, voto a parte.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

RocKnR0ll
Opera: | Recensione: |
Donjunio ho capito il tuo punto di vista anche se non lo condivido ora capisco la tua motivazione :)
MusicMan hai ragione a dire che in fin dei conti la recensione non è poi così fatta bene ma l'ìho scritta frettolosamente forse quindi magari non è curata come avrei voluto e poi ho provato a recensire un album di cui non ho un giudizio di parte come per altri gruppi e artisti che avrei fin troppo elogiato.qui sono stato il più soggettivo possibile. e per me quel 4 è come un 9/10.avrei preferito una round e round in meno e una Down by the river in più per farti capire.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

nangaparbat
Opera: | Recensione: |
"Gotta get away from this day-to-day running around, everybody knows this is nowhere".
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: