Nirvana
In Utero

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Teenage angst has paid of well, now i'm bored and old".

La rabbia giovanile ha pagato bene, ora sono stanco e annoiato. Inizia con queste parole, chiaro riferimento al successo di 'Nevermind' e in particolare di "Smells like teen spirits" e sulle sue conseguenze, il terzo e ultimo (purtroppo) album in studio dei Nirvana. Il leader dei Nirvana un anno dopo l'uscita del disco che lo ha reso ricco dichiara di non ascoltarlo mai, di odiare quel tipo di produzione e i gruppi con quel tipo di produzione, e che il disco successivo sarà completamente diverso.

E in effetti se l'unico album del gruppo di Seattle che avete ascoltato è 'Nevermind' dimenticatelo, il vero volto del gruppo è quello rappresentato da quest'album (e dal primo, 'Bleach'). "In Utero" rappresenta un ritorno alle origini per i Nirvana, un ritorno al loro vero sound: sporco, duro, distorto e corrosivo.

Ascoltare quest'album è un esperienza unica, il Kurt Cobain del dopo 'Nevermind' è un uomo spaventato dal successo ottenuto, stressato dall'attenzione costante dei mass-media, un uomo che ha appena avuto una figlia, e che farà di tutto per non farsela portare via, a causa delle insistenti voci di un presunto uso di droghe durante la gravidanza da parte della sua compagna, la leader delle Hole Courtney Love. E tutto questo viene trasmesso all'ascoltatore attraverso canzoni al limite della cacofonia, rumorose, distorte, con il cantante che in certi momenti sembra giunto al limite della pazzia ("Milk It") e la sua voce che sembra prendersela col mondo ("Scentless Apprentice", "Tourette's"). Ma anche attraverso canzoni geniali e trascinanti ("Heart Shaped Box", "Pennyroyal Tea"). Questo disco è un capolavoro, uno dei dischi migliori degli anni 90 e non solo.

L'ascolto di quest'album ci trascina nel caotico mondo di Kurt Cobain, un mondo dove esso si sfoga di tutte le cattiverie subite, delle proprie paure e i propri problemi. Quest'album è una lettera sincera e appassionante scritta da un uomo che assolutamente non è felice, ma che vuole continuare a vivere. Le canzoni migliori a mio avviso sono le tre canzoni più caotiche e nevrotiche, "Scentless Apprentice", "Milk It" e "Radio Friendly Unit Shifter" non perchè le più belle, ma proprio perchè trasmettono qualcosa, ci raccontano le sensazioni provate da un uomo e il suo stato d'animo più delle altre canzoni presenti nel disco.

"Scentless Apprentice" è una canzone caratterizzata da suoni distorti e nella quale alle strofe recitate sotto forma di brontolio e basate su uno dei romanzi preferiti di Kurt, "Profumo", segue un ritornello urlato con una voce da disperato, che recita "Go away, go away" ("Andate via,andate via"). "Milk it" è un brano schizzoide in cui è presente la solita formula del gruppo strofa calma-ritornello urlato, ma che colpisce per l'interpretazione del cantante, che sembra impazzito e la sua voce da fuori di testa. "Radio Friendly Unit Shifter" è una canzone che di "radiofonico" non ha niente, carica di strappi e sussulti, e sostenuto dalla base percussiva di Dave Grohl e dalle frasi di basso di Novoselic. Il ritornello ripete "What is wrong with me?" ("Cosa c'è di sbagliato in me?").

"Heart Shaped Box" è una canzone stupenda, con un ritornello grandioso in cui è presente un riff di chitarra da paura che la prima volta coglie di sorpresa l'ascoltatore, ma poi viene atteso con trepidazione. Altre due canzoni stupende sono "All Apologies" e "Pennyroyal Tea" (si tratta di un thè che avrebbe capacità abortive) brano trascinante e di grande impatto.

Grande pezzo anche "Rape Me", molto semplice, ma efficace grazie alla carica del suo ritornello e alla melodia tracciata dalla chitarra. "Serve the Servants" è un brano tipicamente rock, in cui Cobain cerca un chiarimento con il padre, se la prende con chi ha attaccato sua moglie e mette subito in chiaro di avere molte cose da dire. Fanno parte del disco anche "Dumb", un brano delicato e molto bello, "Frances Farmer Will Have Her Revenge On Seattle", "Very Ape", due minuti di puro divertimento, e "Tourette's", il brano più "malato" che abbia mai ascoltato in vita mia.

Se non volete semplicemente ascoltare un album, ma farvi coinvolgere e viverlo completamente, allora questo è l'album che fa per voi.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrecentoDieci

Alfredo
Alfredo
Opera:
Recensione:
Cioè, io non riesco a capire perchè si prende tanto sul serio questo Scaruffi. Lo ha detto lui stesso che "di rock non ne capisce niente" e che i dischi "li ascolta una volta sola"...e noi dovremmo discutere sulle presunte "rivelazioni critiche" di sto tipo che mette il voto ad un album dopo UN SOLO ASCOLTO, magari frettoloso? ed è professionalità questa?


pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
"un messaggio rabbioso che per quanto veritiero è soltanto una riproposizione continua di quello che voleva dirci il punk già più di un decennio prima e soprattutto la musica di protesta (soprattutto il garage) di fine'60" <<< musica di protesta?? e che c'entra col grunge?? ma dove la vedi la rabbia nel grunge? mah...


pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
funari fa un programma su odeon


alessioIRIDE
alessioIRIDE
Opera:
Recensione:
ma pretazzo di che ti preoccupi? gilmort dice la sua ma ha ascoltato al massimo tre canzoni dei nirvana e poi stacca il cd perchè crede che facciano cagare come musicisti!!! invece il batterista dei pink floyd cazzo lui si che era un asso!!! poi dice noi prog, cioè un coglione più di questo che ti deve dire...cioè noi prog in quanto i pink folyd fanno prog (tra l'altro non fanno assolutamente prog...o se fanno prog sono i sex pistols del prog visto la perizia tecnica (parlo alla don gilmort) con la quale svolgono i compitini assegnati dalla casa discografica (cioè critica cobain per come suona la chitarra ma non mi sembra che francone mussida e franz di cioccio suonassero nei pink floyd). insomma non ti curar di lui e passa!!!


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Se Davejon bla bla bla non dice almeno una cazzata al giorno non si sente vivo, assecondiamolo nelle sue ire progressive, forse un giorno guarirà. La speranza è l'ultima a morire.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
@alfredo:per lo più metal (thrash e prog), ma anche Husker du, replacements, cccp, alan parsons,un po' i clash, un po' i Nin, un po' Cave,un po' i Marillion, un po' i Talking heads, poi ovviamente roba fusion, jazz, folk e qualcos'altro
@alessio: l'espressione "noi prog" non l'ho certo detta io per prima, ma era in risposta a qualcuno che mi ha definito così, e dato che lui ha usato un linguaggio infantile ho detto che gli avrei reso pan per focaccia, e comunque quel "noi" era riferito a noi che ascoltiamo prog, non certo ai Pink Floyd. E lascia stare Mussida e company, bello! Se non lo sai, caro alessio, Mason fu definito il miglior batterista in 4/4, ecco, ora che lo sai, forse eviterai commenti di tale idiozia.
@pretazzo: io che di natura sono un tipo calmo ce la vedo eccome :-)


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
@ale87: torna dal tuo repetto pezzali e company


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
ale87 SEI UN MITO! Toglimi una curiosità: ma chi ha ucciso l'uomo ragno? Si è saputo?


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Almeno io sono obbiettivo, invece tu con i Floyd... Comunque ho parlato con un primario del Gemelli mi ha detto che i tuoi disturbi sono curabili al 55% ma bisogna che tu ti applichi nel seguire la cura: Continua a sparare cazzate in modo che ti venga la nausea (hai presente la cura Ludovico?) così forse un giorno diventerai bello e superdotato come me, vuoi una pasticchina?


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Non sò chi ha ucciso l'uomo ragno, ma fra poco saprò chi avrà ucciso Davejon


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Davejon perchè non chiami "C'è"? cosi ci facciamo una grigliata in tre con le tue chiappe, ma prima lavatele


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
ale87, senza scherzare adesso, ascolta il mio consiglio:lascia stare quella roba, l'ecstasy fa male, ti brucia il cervello più di quanto non lo sia già, dammi retta. Alcolizzati ma non impasticcarti se un domani vuoi essere accettato dalla società..


aljansen81
aljansen81
Opera:
Recensione:
ale87 fatte le canne che è mejo.


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Questo è un nuovo caso per la scienza, io mi sto bruciando il cervello con le pasticche, ma come mai il tuo è già bruciato dalla nascita? Adesso chiamo la Montalcini e vediamo se riusciamo a risolvere questo X-files


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Fumare fa male


alessioIRIDE
alessioIRIDE
Opera:
Recensione:
perchè qualcuno la definito il più gran blablablabla...allora è vero? attenzione a me mi hanno definito il più gran catigatore di cacacazzi!!!


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
in questo sito sono due le cose principali da fare, 1 scrivere recensioni,2 prendere a male parole davefuckingilmort...


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
e tu sei negato per entrambe le cose...torna ai tuoi 2 accordi va..


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
con piacere, e pensa che qualche volta riesco a farne pure tre...


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Ma davejon è abituato a sentire 4 accordi ripetuti per 10 minuti, lui ascolta i Floyd!


alessioIRIDE
alessioIRIDE
Opera:
Recensione:
io quattro...infatti c'è chi mi ha definito il miglior chitarrista 4/ifhwihv.


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
Io da solo una volta sono arrivato a 6


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
ragazzi, io una volta ho abbozzato un'assolo...


ashanti
ashanti
Opera:
Recensione:
le solite palle...


Gallagher87
Gallagher87
Opera:
Recensione:
andrea89
andrea89
Opera:
Recensione:
in utero: semplicemente fantastico!!


andrea89
andrea89
Opera:
Recensione:
in utero ha segnato profondamente la mia dolescenza e tutto lo sta facendo isnieme a mellon collie dei smashing pumpkins e dirt degli alice in chains


andrea89
andrea89
Opera:
Recensione:
ah dimenticavo...secondo me la copertina del disco è una delle migliori mai viste!


misterB
misterB
Opera:
Recensione:
Quest' album a mio parere è il migliore dei nirvana, perchè mi trasmette sensazioni molto profonde ed è questo il motivo principale per cui lo adoro


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Quando leggo ciò che scrive DaveJon rimango a bocca aperta: mi affascinano gli abissi della mente umana...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di In Utero è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link