Oddfellow's Casino
Oh, Sealand!

()

Voto:

Questo disco qui mi fa pensare a una estate in cui sono andato al mare. Cioè, praticamente io non ci vado mai a mare, però una volta c'era una ragazza che mi piaceva e a cui piaceva andare a mare e allora io appena potevo la andavo a prendere e la portavo al mare.

Probabilmente è una storia triste perché poi, voglio dire, come tante altre volte non sono stato capace di portare avanti una relazione, scontrandomi con quella che ritengo una mia difficoltà materiale nell'intrattenere rapporti di qualsiasi tipo con le pesone.

Sicuramente è una storia triste perché alla fine mi ero innamorato. Cioè anzi per dire la verità: mi sono innamorato proprio all'inizio, praticamente subito, dopo cinque minuti. Però lei no.

Però è anche una bella storia perché le storie d'amore sono sempre belle alla fine. Cioè significa che provi qualche sentimento importante e questo significa che nonostante tutto sei ancora vivo anche se poi in quel momento specifico vorresti essere morto, perché ti senti dentro un buco grosso come la palla di un cannone.

Resta una certa malinconia come quella che ti viene quando guardi le onde del mare al tramonto e poi ti guardo accanto e lei non c'è.

Poiché al mare non ci sono andato più dopo quella ultima volta, con questo ultimo disco de gli Oddfellow's Casino il mare me lo sono portato direttamente dentro casa oppure - meglio - dentro di me facendolo entrare in circolo nella mia anima direttamente dalle cavità delle orecchie.

Il nuovo disco de gli Oddfellow's Casino, la band di Brighton, UK, capitanata da David Bramwell, si intitola 'Oh, Sealand'. Uscito lo scorso 7 luglio per l'etichetta francese Microcultures, il disco celebra i 15 anni del progetto e si propone come uno dei dischi più interessanti per chi è appassionato a un certo tipo di sonorità indie folk e atmosfere che possono rimandare a una certa letteratura inglese ottocentesca e arrangiamenti particolarmente curati come dettagli su pellicola cinematografica.

Non parliamo tuttavia di un disco di musica folk convenzionale. La proposta musicale del progetto di Bramwell in questo caso mescola il gusto della tradizione folk psichedelica inglese degli anni sessanta-settanta con una certa tradizione pop nel campo dell'elettronica degli anni ottanta che fa eco a artisti come Gary Numan e i New Order, i Pet Shop Boys fino a una psichedelia intellettuale come quella dei Future Sound Of London/Amortphous Androgynous.

Il disco secondo me è idealmente spaccato in due parti per quello che riguarda le sonorità nel suo complesso. Sebbene vi sia ovviamente una linea comune che tiene unito l'intero progetto che si propone negli stessi intenti del suo 'fondatore' come una rappresentazione iconografica di paesaggi di pescatori nel sud dell'Inghilterra e che paga pegno nel titolo a quello che poi sarebbe il principato di Sealand. Più o meno l'Isola delle Rose britannica: una struttura artificiale creata dal governo inglese durante la seconda guerra mondiale e occupata dal 1967 dal militare e conduttore radiofonico britannico Paddy Roy Bates che ha proclamato la piattaforma 'principato con sovranità indipendente'.

Suggestioni quasi di carattere futurista ma dipinte con tinte acquarello che tolgono ai propositi del futurismo ogni finalità di natura bellica e prendono nettamente le distanze dai vari Marinetti, Depero e Cangiullo e che sono in qualche modo sottolineate ancora di più dalla partecipazione alle fasi di registrazioni del disco di una personalità così popolare e allo stesso tempo quasi mitizzata come quella del fumettista e scrittore Alan Moore.

In pratica c'è un sacco di carne a cuocere in questo disco.

'Land of The Cuckoo' introduce subito sonorità caleidoscopiche di marca Amorphous Androgynous mescolando evocazioni reverberate a una elettronica quasi funk. 'Sealand' ripropone lo stesso tipo di suggestioni ma con l'accompagnamento di un arpeggio e una sensibilità nel songwriting degna di Simon & Garfunkel suonati sotto la superficie del mare mentre si ripetono in sequenze scandite dal tempo le pulsazioni sottomarine di un sommergibile che non è ancora riemerso in superficie dalla seconda guerra mondiale e tutti quelli che ci sono a bordo non sanno nulla di quello che è successo nel mondo e forse non gliene importa nulla. 'Down In The Water' si fonda su un crescendo groove funky sempre di derivazione Future Sound of London, mentre atmosfere malinconiche sono tipiche in una canzone come 'Sons And Daughters of A Quiet Land', sempre costruita su di un arpeggio di chitarra e con un intelligente e dosato utilizzo dei synth e di sonorità di derivazione dubstep senza per questo eccedere in inutili lagne tipo James Blake o manierismi che priverebbero questo disco di quella semplicità che poi si fonda comunque su una cura importante di ogni dettaglio e che nei rimandi cinematografici suona quasi come il Morricone di 'Giù la testa' ma sotto la superfice del mare.

'Swallow The Day' è una ballata psichedelica acquarello che riprende sonorità tipicamente degli anni sessanta-settanta del genere e propone ancora soluzioni semplici, ma di una efficace profondità emotiva; 'Mustard Fields' è una articolata composizione di synths che si rifa idealmente ancora a una certa tradizione della musica elettronica suburbana made in UK degli anni novanta che sfocia in una specie di soluzioni di natura contemplativa oppure, permettetemi il gioco di parole, che rimandano alla contemplazione della natura. La cura dei dettagli in questo caso è veramente particolare: la voce riverberata, un vero marchio di fabbrica del resto dell'intero progetto contraddistingue la parte cantata, fino alla chiusura che è una specie di rock and roll suonato su di una nave fantasma. 'Danu' è praticamente la 'Atlantis' de gli Oddfellow's Casino e dove Donovan incontra l'elettronica più minimale e semplice del compositore Jean Michel Jarre.

Dopodiché il disco in qualche modo cambia.

'The Ghost of Watling Street', il singolo che ha anticipato il disco, è una canzone pop-oriented e che rimanda effettivamente ai New Order meno claustrofobici oppure a una specie di versione al ralenty e de-vinilizzata di Gary Numan; determinati set atmosferici John Foxx, ma senza chiaramente raggiungere quelle vette compositive che sono tipiche dell'ex frontman de gli Ultravox!

'Children of The Rocks' è una canzone pop-rock nello stile degli Air: da questo punto di vista è una canzone inattacabile. Arrangiata in una maniera semplice ma efficace e costruita su un potente giro di basso, si fonda su echi beatlesiani da 'Octopus' Garden' oppure 'Yellow Submarine' e chitarre reverberate nello stile del richiamato popolare duo electro-pop francese. 'Josephine' è un piccolo ritratto esempio di pittura vittoriana e che ricorda negli arrangiamenti quella bella band che erano i Cousteau di Davey Ray Moor. 'Penda's Fen' cede di nuovo al gusto pop-rock degli Air, mentre 'Blood Moon' mescola di nuovo fascinazioni pop Cousteau con un certo downtempo e cantautorato folk che diventa quasi quel progressive Pink Floyd tipico di canzoni come 'Green Is The Colour', 'Brain Damage'...

Non lo so se ci troviamo davanti a un vero e proprio capolavoro: probabilmente no. Però è un disco che evoca determinate suggestioni e malinconie che poi sono tipiche di questo periodo di trapasso dall'estate alla stagione dell'autunno, quando a mare del resto non ci puoi andare più e comunque in questo caso - parafrasando il grande profeta Maometto, pace e benedizione su di lui - se non siete voi ad andare al mare, è il mare che viene da voi direttamente dentro casa e vi ricorda che certe cose alla fine non si possono e non si devono dimenticare, ma bisogna invece accettarle, così come il mare accetta lo scorrere delle correnti.

Questa DeRecensione di Oh, Sealand! è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/oddfellows-casino/oh-sealand/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

luludia
Opera: | Recensione: |
una bella pagina...
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Grazie. :) Effettivamente qua mi sono rifatto un po' al tuo stile! Penso anche che il disco potrebbe piacerti. C'è il link alla pagina bandcamp come 'informazioni sul web' se vuoi dargli un ascolto.
luludia: si, da come lo descrivi penso possa piacermi...grazie...
odradek
Opera: | Recensione: |
Sto ascoltando: sembra bello, è curato e liquido, leggero ma non innocuo. Grazie, Soto
P.S. si trova qui: Oddfellow’s Casino – Oh, Sealand (2017).zip - Zippyshare Torrent Download - Meizibox

BËL (01)
BRÜ (00)

aleradio
Opera: | Recensione: |
Guaglioncello, quanto tempo! Mi mangerò il consiglio, mercì. I saluti!
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Un abbraccio a te amico mio e soprattutto ad aledario. :)
Shorty
Opera: | Recensione: |
Ciao e grazie per la bella segnalazione aggiungo un altro disco che non recensisco per mancanza di tempo( e une scusa)stile,che mi sta poppeggiando l autunno.Il ritorno dei Clientele che con Age of Miracles hanno scritto forse la loro piu bella pagina.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: È uno dei tanti dischi che devo ancora ascoltare. Grazie per avermelo ricordato!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
anche loro son relativamente conosciuti? no perchè non ho mai sentito nominare neppure loro... Ma io ascolto solo musica che quando la metto su mi sichiede: "m,a tu 'sta roba dove la recuperi" e mi sa che la recupero lontano da dove sta tutta l'altra musica. insomma, devo allargare i miei orizzonti. datemi più tempo!
BËL (01)
BRÜ (00)

Chainsaw: Poi sono io quello marcio perché ascolto solo traditional-shitgaze-indiehardcore purulento, vero?
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Ma ti sei messo d'accordo con @Chainsaw ? Stessa rece situazionale!
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Tanto vale confessare: io e Chainsaw siamo la stessa persona. Io sono un suo fake. Oppure tutto il contrario. Oppure magari è la ragazza a essere la stessa. Sicuro anche oggi si scopa dopodomani.
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Ecco, bravissimo @[musicanidi] che mi ha ricordato di passare di qua: avevo letto dalla home la prima frase di questa recensione, ho avuto un'illuminazione, ho aperto il blocco note e ho scritto di getto la mia su Outrage. Per cui devo ringraziare sotomayor e riconoscerlo come mia fonte d'ispirazione (che poi sotomayor, tu sei poetico e garbato, mentre io scrivo solo di culi e sigarette, ma questo è un altro discorso)
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Commenti come questo mi commuovono francamente. ANche solo pensare con poche parole di avere ispirato la tua bellissima recensione (che ora vado a commentare e aggiungere alle mie preferite) mi rende veramente molto felice. Per quanto riguarda il culo, che cosa c'è di più importante? Voglio dire, chi in ogni momento della sua giornata come primo gesto non presta attenzione al culo? Non pensare che io metta questa cosa in secondo piano. Lo stesso vale per le sigarette. Solo che forse quando mi sento in un mood malinconico e le delusioni amorose presenti e passate si fanno sentire più forte, effettivamente non mi viene duro. Mi eccito solo se mi emoziono. Per dire: in palestra mi alleno duro ascoltando Stefano Rosso in cuffia.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Recensione molto bella, complimenti; loro sembrano proporre una miscela intrigante.
BËL (02)
BRÜ (00)

sotomayor: Ti ringrazio molto. COsì come ringrazio tutti gli altri. In realtà noto che ci sono tante ripetizioni nelle descrizioni delle tracce e delle sonorità del disco. Dico proprio come ripetizione di alcuni termini usati. Scrivo tutto di getto nel poco tempo a disposizione, ma l'importante è rendere il concetto fondamentale e questo be', spero proprio di averlo fatto. :)
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Da come descrivi il disco penso proprio che possa piacermi come scritto da Luludia e non poco. Recensione come tuo solito di grande spessore.
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Bella recensione..magari li provo..sei sempre esaustivo.. (forse troppo?)..
BËL (00)
BRÜ (00)

dipsomane
Opera: | Recensione: |
non li conoscevo. recuperati. mi piacciono... tu... Bravo, al solito...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: