Sto caricando...

Opeth
Morningrise

()

Voto:

Guardate, non so proprio come iniziarla questa recensione! Insomma, perchè devo farlo? Io non sono davvero degno di valutare un album dalla bellezza così sublime, anche se sapevo già in partenza che, prima o poi, il secondo, bellissimo, album degli Opeth sarebbe dovuto passare tra le mie modeste righe.
Sappiamo già come sia impossibile trovare qualcuno che critica il gruppo svedese: "Morningrise" dà la dimostrazione tangibile di questa impossibilità, un disco pressoché perfetto che, in tutta la sua ricercata bellezza e complessità si presenta come uno dei migliori album della band, uno di quelli che non si può non riascoltare centinaia di volte dopo che si è avuto il primo assaggio.
Personalmente sono molto legato a quest'album perchè è quello con cui mi sono avvicinato agli Opeth per la prima volta: un'esperienza che consiglio a tutti di provare. Una complessità, una fantasia ed una varietà di forme stilistiche ed emozionali a dir poco stupefacenti è la caratteristica che più di ogni altra rende grande questo gruppo e questo, in "Morningrise", appare fin troppo evidente: non c'è nemmeno una canzone che sia inferiore ai 10 minuti! Eppure ti verrebbe voglia ogni secondo di rischiacciare il tasto play. Con "Advent" entra subito in chiaro la vena più progressiva degli Opeth: l'atmosfera è evocativa ed emozionale, mentre entra a far luce quel sapore un pò oscuro che accompagnerà poi tutte le altre canzoni, con un sottile richiamo a "Orchid". Delicati arpeggi chiudono questo pezzo di una bellezza difficilmente descrivibile.
La successiva "The Night And The Silent Water", poi, è qualcosa di semplicemente strabiliante, decisamente fuori dal comune, nessun altro avrebbe potuto scriverla. Gli assoli distorti, le magnifiche ed avvolgenti aperture melodiche, gli stacchi acustici di un'intensità emozionale inconcepibile, le intense accelerazioni... due chitarre che si intrecciano l'un l'altra con un'armonia sbalorditiva, passaggi naturali dal growl al pulito, da suoni freddi ed aggressivi ad altri caldi, delicati ed avvolgenti... non mi stancherò mai e poi mai di ascoltarla; probabilmente sarebbe bastato comporre questa canzone, per Mikael Akerfeldt, per elevarsi a titolo di genio assoluto, scrivendo alcuni dei riff più spettacolari che abbia mai ascoltato in vita mia... Una delle canzoni simbolo degli Opeth, a mio parere.
Anche "Nectar" è semplicemente splendida: il gruppo si incattivisce proponendo una carica ed un'intensità affascinante, con un'incantevole sensibilità drammatica di fondo...
Spero solo di non aver concluso le parole per parlare dell'immensa "Black Rose Immortal"... La "canzone" per eccellenza: oltre 20 minuti uno più bello dell'altro. Gli Opeth racchiudono un'incommensurabile complessità in una compattezza talmente naturale da lasciare a dir poco a bocca aperta. Emozioni che si susseguono una dopo l'altra, ogni singola parte della canzone è viva di per sé e colpisce dritto al cuore: 20 minuti composti con una fantasia che definire miracolistica è usare un eufemismo, melodie diverse che si concatenano squisitamente l'un l'altra e fanno piangere il cuore per quanto sono belle! Dopo aver ascoltato una canzone del genere viene spontaneo chiedersi se sia legittimo definire Mikael Akerfeldt il migliore compositore del mondo... Sinceramente non credo che qualcun altro sarebbe riuscito a scrivere "Black Rose Immortal". Una canzone divina, inumana, non vorrei esagerare ma qui sembra di stare a contatto con una musica sovrannaturale! Ma la maggiore profondità la troviamo nella semi acustica "To Bid You Farewell"... voce pulita, arpeggi acustici e note intimistiche che risvegliano in noi le sensazioni più nascoste.
Geniali, incredibili, inconcepibili, sbalorditivi, divini.

Se non amate quest'album non potete dire di amare la musica.

Commenti (QuarantaSei)

Rooster
Rooster
Opera:
Recensione:
Vale lo stesso discorso fatto per Orchid, gli Opeth si sono dimostrati una delle migliori novità in campo Metal dell'ultimo decennio.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Forse ho esagerato ma perdonatemi, adoro gli Opeth!!:-)

BËL 00
BRÜ 00

Norvheim
Norvheim
Opera:
Recensione:
Bellissima rece di esordio. Benvenuto!
Più ascolto questo gruppo più mi convinco che sono qualcosa di incredibile. Secondo me questo è anche uno dei loro dischi migliori!

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
ecco infatti, era meglio se non la iniziavi proprio, sta recensione. Non capisco perche' nelle recensioni metallare si finisce sempre con un "consigliato anche a chi non ama il metal" oppure "se non amate questo disco, non amate la musica", "dovete ascoltarlo assolutamente, anche se state schiattando"etc... presupponendo una apertura mentale - per carita' - del tutto legittima, quando sono sicuro loro non sanno neanche minimamente chi sia - chesso' - John Coltrane. Bene, io questo disco non l'ho ascoltato,pero' altra roba di questo gruppo apocalittico si, e ti devo dire che non l'ho amata, e me ne scuso. Pero' io la musica credevo di amarla, davvero. Ora letue parole illuminanti mi hanno buttato nello sconforto piu'profondo. Forse che ho sbagliato tutto nella vita? E che cazzo e' allora questa felicita' che mi sembra di provare quando ascolto Tom Waits? E' il mio cervello che mi prende per il culo?

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
Ti ho mai consigliato di ascoltare Coltrane?

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
Beh, fallo, vah.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Gli Opeth suonano alla grande. Qui pare che ognuno che conosce un minimo di musica si senta unico e la sua musica sublime. Io credo che chi tiene chiuse le porte della propria percezione musicale non potrà mai discutere e confrontarsi civilmente con gli altri, nè apprendere nuovi modi di porre se stessi nei confronti della musica. Sembra una gara in cui i commentatori giocano a stroncarsi a vicenda. Peccato che a pagare alla fine sia la musica. Poi il mio parere è che questa recensione sia un pò "pompata", ma il commento di Nick è davvero inopportuno. La musica dovrebbe essere un elemnto in comune fra tutti noi che scriviamo qui, una passione che ci unisce nel rispetto delle opinioni e dei gusti degli altri. Prima di dimostrare di conoscere Coltraine o Stan Gets o chi volete voi, occorre dimostrare di amare la musica e tutte le sue sfaccettature. Ogni genere musicale ha la sua storia e la sua bellezza. Quella degli Opeth è musica autunnale, decadente, ti sfiora come un vento freddo, ti porta via e non vuoi tornare più.

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
ah, si? E secondo te se a me di autunnale preferisco i "Devics" o i "Piano Magic" e gli Opeth non mi dicono nulla, allora non amo la musica? Scusa ma cosa ci vedi di inopportuno nel mio commento? Suvvia... ;)

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ma guarda che quella frase non era da prendere sul serio. Era un modo x creare + enfasi, x così dire. Mi hai risposto violentemente solo xkè hai travisato totalmente il discorso. Comunque, permettimi di dirti una cosa: io degli Opeth ho tutta la discografia (7 album) e nonostante tutto ogni volta ke li ascolto mi dicono sempre qualcosa di nuovo. Ho ascoltato i loro album migliaia di volte ed è sempre come se fosse la prima, provo sempre nuove emozioni. E sto parlando di 7 album, tutti diversi. Quindi tu, a parte il fatto che non hai ascoltato Morningrise, ma dire di aver ascoltato "qualcosa" degli Opeth e pensare di valutarli negativamente è quanto di + sbagliato si possa fare.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ascoltati tutti i loro album un bel pò di volte, e poi, forse, potrai pensare di "giudicare" il gruppo. Anke se in questo caso credo ke x nessuna persona che ama la musica sia possibile ke questo giudizio sia negativo.

BËL 00
BRÜ 00

Airone
Airone
Opera:
Recensione:
E' un bel disco. Bello veramente. La rece è pompata, e le dichiarazioni di certezze assolute un pò inoportune. Ma è un bel disco.

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
e tu ascoltati i Piano Magic parecchie volte, vediamo se ci riesci.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Aspettati una recensione sui Piano Magic, allora.

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
SE LA FAI, TI BACIO IL CULO.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ok, ho cambiato idea...

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
ma vai a raccogliere le patate.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Mi spieghi perchè metti il voto ogni volta? Coltrane e Waits te li recensisco a breve.

BËL 00
BRÜ 00

NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
Ho l'acquolina in bocca.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Fatto

BËL 00
BRÜ 00

AndJusticeForAll
AndJusticeForAll
Opera:
Recensione:
Il voto

BËL 00
BRÜ 00

Opeth
Opeth
Opera:
Recensione:
PER NickGhostDrake
Non capisco questo tuo accanimento. Premesso che la musica è bella proprio perchè, essendo varia, è in grado di soddisfare le esigenze di chiunque, non riesco proprio a capire queste tue critiche feroci. Ma poi, con il cuore in mano te lo chiedo, come fai a paragonare i Piano Magic con gli Opeth? stiamo parlando di 2 gruppi totalmente diversi. Sinceramente non critico i Piano Magic, anzi ci sono alcune canzoni che mi garbano, però non sono neanche lontanamente paragonabili agli Opeth, se non per le sensazioni che danno, essendo soggettive, ma almeno per la complessità e la tecnicità delle melodie.
Insomma do' il voto massimo al disco e 0 a NickGhostDrake per un commento che poteva tranquillamente risparmiarsi.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Se è per questo i Piano Magic sono una band eccelsa, mi preme sottolinearlo... il fatto è che davanti a un'opera come Morningrise è impossibile fare paragoni... Insomma, cazzo, avete presente Hegel?? Ecco, questo disco è la via perfetta per l'"Assoluto"...

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Mi spiace nick ma mettendo 1 a questo disco hai dimostrato IGNORANZA. Come minimo. E' come se uno guarda, che so, il David di Michelangelo e dice "Madò ke statua di merda!!!". Ma se non ne capisci un cazzo di arte, non parlare no? O preferisci fare figure di merda?? Stessa identica cosa qui, se non peggio. Le rece è pompata quanto vuoi, ma è normale ke sia così: Morningrise è un'opera immortale. Anke solo paragonarlo a un disco da 1 è pura eresia. Meno male che ormai abbiamo fatto pace... vero?:-D Ciao

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Semplicemente un disco fantastico.....e dire che a me fino a pochi anni fa nn mi piaceva il metal...Conosco solo 3 dischi degli Opeth voglio ascoltarli uno per uno con calma anche se imparare a memoria le canzoni è praticamente impossibile vista la loro complessità...
Ho comprato il dvd,il live è come far partire il loro cd,canzoni fatte precise e identiche nn una sbavatura,nn ci avrei scommesso invece è stata un'ottima sorpresa.Non vedo l'ora che vengano qua in Italia nn manchero' a vederli dal vivo.
Davvero un gruppo speciale

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
La poesia, ha la sua colonna sonora.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Questo CD è stupendo, punto!

BËL 00
BRÜ 00

Grampasso
Grampasso
Opera:
Recensione:
non posso fare commenti "sensati" perchè questo è il mio disco preferito in assoluto.
cmq la recensione è un pò pompata, un pochino più di oggettività non guasterebbe. so per esperienza che non è vero che questo disco può essere amato da tutti. cmq l'accanimento di nick è davvero fuori luogo

BËL 00
BRÜ 00

StefanoHab
StefanoHab
Opera:
Recensione:
Più che altro io non sopporto la sua abitudine di mettere 1 a dischi che non ha mai ascoltato... Non gliene frega niente, questa è una cosa che mi fa tremendamente irritare. Non sopporto questo tipo di comportamento. Certo il suo accanimento è stato fuori luogo, comunque anche lui come tutti è libero di dire quello che pensa... l'importante è farlo con cognizione. E comunque mi scuso, so perfettamente che la rece è pompata, e comunque rivedendola ora non mi piace proprio, potevo scriverla molto meglio... Però a parte che io adoro alla follia questo disco e quindi NON POTEVO essere oggettivo (tuttora penso che chi dica che è un brutto disco, non capisc un'acca di musica, o almeno di musica metal, semplicemente perchè stiamo parlandoo di un vero e proprio classico, indipendente se poi ha influenzato o no altri gruppi), questa è anche una delle mie prime recensioni, quindi ero ancora "inesperto", per così dire...

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Gli opeth sono un gruppo unico anche nel campo del metal, la recensione è esagerata ma penso che una persona che capisca di musica e ami il metal su questo disco ci si mette a piangere di felicità, perchè ha un espressività a livello di emozioni che gruppi e musicisti di fama e blasonati si sognano..la tecnica è anch'essa ammirevole, la voce del cantante è cullante e soave nel cantato e ruvida e mostruosa nel growl inconfondibile degli opeth..io poi adoro anche i cambi da metal a acustico..forse non è il miglior album del mondo, ma cazzo sono felice che qualcuno lo abbia scritto e suonato.

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
uashhahahahah

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Comunque NickGhostDrake te li potevi davvero risparmiare quei post che hai scritto. Come fai hai fatto a non capire che Stefano aveva scritto quella frase per creare enfasi? Per me hai fatto apposta a travisare completamente il discorso per dargli uno, visto che Pentassuglia non ti sta simpatico (che poi non capisco nemmeno il perchè, dato che non rompe mai le scatole). Peccato che però ti sei beccato le critiche degli altri.

BËL 00
BRÜ 00

StefanoHab
StefanoHab
Opera:
Recensione:
Devi sapere che le cose sono cambiate... Dopo che ho recensito Cure, Tom Waits e Piano Magic, devi vedere come siamo diventati amici... Nick è un bravo ragazzo anche se tende a fare spesso il minchione

BËL 00
BRÜ 00

Justice
Justice
Opera:
Recensione:
Che disco...intimista fino al midollo...

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
questo è forse il più bell'album degli OPETH , ma c'è da dire che negli anni si sono sempre migliorati ed evoluti portando la loro musica ad essere veramente qualcosa di INTOCCABILE per MOOOOLTI appassionati di questo genere, xciò merità un bel 5 pieno, come tutti i loro successivi ,da ora all' ETERNITA' , OOOOPEEEEETHHH!!!!!.
Si capisce che sono un FAN? ma il mio giudizio è puramente OGGETTIVO!!!!

BËL 00
BRÜ 00

MOTENAI
MOTENAI
Opera:
Recensione:
ero io sopra ... OOOOOPEEEEEETH!!!! 13 - 12 - 2005 , AAARRIIIIVOOO!

BËL 00
BRÜ 00

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
un messaggio a Stefano"habstract"Pentassuglia sei uno dei pochi recensori che si intendano di musica non hai esagerato per niente il cd se lo merita...ti pregherei di fare + recensioni tu personalmente e togliere il compito a gente che non sa un cazzo di musica e rovina il parere su album da incorniciare...complimenti..

BËL 00
BRÜ 00

StefanoHab
StefanoHab
Opera:
Recensione:
Grazie Belial i complimenti mi fnno sempre molto piacere, soprattutto se sono così sentiti!:-) Comunque credo che di aver esagerato un pò i toni con questa rece, però che ci vuoi fare, Morningrise lo adoro e quando la scrissi ero totalmente assuefatto... Non è certo la mia rece migliore. Anche altri, tipo Giubbo, mi hanno detto che dovrei scrivere più recensioni... Però da quando sono su Debaser ne ho scritte ben 58!!!

BËL 00
BRÜ 00

Senmayan
Senmayan
Opera:
Recensione:
ma che stronzate che leggo. Nick che viene a rompere le palle ad ogni recensione metal per consigliare coltrane (che cazzo c'entra con gli opeth?), airone che solo perchè non ascolta metal in un'altra recensione afferma che ora ha ridimensionato gli opeth (ma che discorso è, un gruppo che fa metal può essere avat garde quanto un gruppo post rock, l'importante è non limitarsi) e che per lui sono inferiori tecnicamente a molti gruppi. Ma che significa? un gruppo musicale lo si apprezza solo per la tecnica o forse non fanno più piacere le emozioni che esso trasmette? gente con i paraocchi!

BËL 00
BRÜ 00

GustavoTanz
GustavoTanz
Opera:
Recensione:
Ho cominciato a sentire questo disco...beh, Nectar e The Night And The Silent Water sono meravigliose! Complimenti a Mikael e soci!

BËL 00
BRÜ 00

GustavoTanz
GustavoTanz
Opera:
Recensione:
Il voto al disco lo darò solo dopo aver sentito le altre tre...ma già gli darei 5 :D

BËL 00
BRÜ 00

GustavoTanz
GustavoTanz
Opera:
Recensione:
Mi scuso per il doppio voto :D

BËL 00
BRÜ 00

darkassio
darkassio
Opera:
Recensione:
mi basta solo ascoltare "Black Rose Immortal" per mettere 5 a questo disco, e' un brano divino.

BËL 00
BRÜ 00

ale9t0
ale9t0
Opera:
Recensione:
Il cinque non basta per questo disco. La recensione è buona ma si vede che era quella di debutto, ne hai scritte di ancor più belle!

BËL 00
BRÜ 00

Hell
Hell
Opera:
Recensione:
Disco che non ha bisogno di parole. Perfetto, "Advent" su tutte.

BËL 00
BRÜ 00

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera:
Recensione:
assurdo

BËL 00
BRÜ 00

east of eden80
east of eden80
Opera:
Recensione:
Roccioso, nota dopo nota, perfetto, equilibrato, intenso!
Si sente quasi l'odore della pietra, e del castello dopo la salita!

BËL 00
BRÜ 00

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera