Sadistik
Flowers For My Father

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


L'orgoglio è quello che ti fotte realmente il culo. Ovvietà, sicuramente, ma io sta cosa l'ho scoperta da poco.

"eccolo, arriva adesso il demente a fare certe scoperte. Va che vivi proprio sulla luna eh!"

Vero, vivevo decisamente sulla luna: no, in realtà ho sempre ragionato su quanto fosse sottile la linea tra un semplice "ti chiedo scusa" e un "porca troia piuttosto perdo la dignità, ma tu perdonami, ti prego". Per una volta ho deciso scegliere un'altra alternativa e affidarmi all'orgoglio; stavolta ho detto "NO", ma le conseguenze me le becco solo io.

"Si, sono solo cazzi tuoi ormai. Ma questo è il prezzo che si paga per diventare tipi con le palle: l'esilio. Hai avuto il coraggio di ribellarti ad una situazione insostenibile e hai detto addio; hai preso una decisione importante e ora non pensare di poter tornare indietro. Viaggia!"

Si ma cazzo, ho raggiunto la terra del fuoco, per poi finire tra i ghiacci dell'Alaska, eppure lei mi sta sempre attaccata. Dio mio, dovrei essere un culturista per poter sopportare il peso dei ricordi: invece sono un rifiuto umano che peggio non si può, Dai, anche adesso, che sto camminando nel bel mezzo del cuore dell'inverno, lei è sempre li, quasi mi stesse aspettando. E non si può, dai cazzo. Tagliatemi un testicolo, fatemi bere un fiume di vodka lungo quanto l'Orinoco, fatemi battere un orso a mani nude, fatemi passare una notte di sesso selvaggio e imbizzarrito con Moira Orfei, ma levatemi la merda che ho in testa. Toh, lobotomizzatemi, così che esca tutto. Eddaiii.....

E mentre mi distraggo, noto lo splendido paesaggio che mi circonda: una notte gelida, un cielo limpido e una bottiglia di rum. Bevo un pco, poi inizio a camminare. Un silenzio surreale che riesce addirittura a sovrastrare i miei pensieri. Poi all'improvviso, parte la musica....

Sadistik è forse uno dei rapper più bravi mai esistiti: flow da paura, metriche allucinanti e incastri come se non ci fosse un domani. Aggiungete la non trascurabile bravura nel riuscire a interpretare alla perfezione i suoi stessi testi (che salvo qualche barra dal tono strettamente adolescenziale, sono bellissimi) e il gioco è fatto.

Il compatto muro sonoro invece passa dall'ambient al rock con una facilità quasi allarmante:  vaghi richiami di un certo trip hop Bristoliano e omaggi all'old school. Il tutto suona comunque tremendamente perfetto. Rap fatto come dio comanda, niente di più, niente di meno. E se la bellezza trascendentale di un pezzo intenso come Snow White (brillante Indie rock la cui coda sfocia nell'ambient più estraniante e alienante) non vi convince, allora lasciatevi trasportare in un'altra dimensione con la catartica Palmreader (dove il trip-hop diventa l'ingrediente principale). Fans della depressione? Song for the End of the World è un inno che non potete permettervi di non cantare allora.

Potrei citarvi mille altri esempi, ma la verità è che per entrare nel cuore del disco è necessario fare affidamento alla malinconia: compagna particolare, molto sofisticata, si presenta nei momenti più opportuni e inizia ad assillarti. Diventa difficile staccarsi da essa. Io stanotte ci faccio pure l'amore,qui, sulla neve. Diamo fuoco a questa notte.

Un disco che è una vera e propria esperienza: necessario.

Prima mi dicevi che il prezzo per diventare un tipo con le palle è  l'esilio. Però mi è appena venuto in mente che la fuga di per sè, implica una codardia recondita nell'animo umano. E se invece questo mio viaggio, se questo mio vagare senza meta, se questo mio intrattenere relazioni superflue non fosse altro che una grossissima puttanata? Se decidessi di smettere di fare l'amore con la malinconia e decidessi di tornare a casa, sarebbe un male? Se per una volta fosse il cibo a mangiare l'uomo, il fucile a sparare con l'uomo, la pace a portare guerra, il temporale a portare il bel tempo, i bambini a portare i regali a Babbo Natale e l'acqua a farci ubriacare?

Porca troia, il rum fa effetto di brutto qua. Il cammino è lungo e indietro non si torna. Neanche questa volta.

Questa DeRecensione di Flowers For My Father è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/sadistik/flowers-for-my-father/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

TSTW
Opera: | Recensione: |
Lo so che è solo di quest'anno ma questo è già uno dei miei dischi preferiti di sempre.Tutto a livelli altissimi,le basi sono stratosferiche (d'altronde con i Blue Sky Black Death di mezzo...),i feat,il flow ma i testi,cazzo i testi,sul serio quando lo ascolto con le lyrics sotto mano (o anche no dato che comunque si capisce già all'ascolto qua) ogni tanto mi devo fermare per rendermi conto di cosa cazzo ho appena letto/ascoltato. The Balancing Act era ancora un po' acerbo e aveva qualche momento non così convincente invece questo no,un fottuto capolavoro dall'inizio alla fine
BËL (00)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Concordo in tutto e per tutto, soprattutto sul giudizio di The Balancing Act . Questo è veramente un capolavoro assoluto e, avendo il privilegio di accompagnarmi in uno dei periodi più tristi della mia vita, esso diventa uno dei miei dischi preferiti. L'unica nota che stona secondo me è la caduta di stile in qualche barra, dove Sadistik mostra un' autocommiserazione tipicamente adolescenziale che magari toglie il pathos raggiunto grazie alle altre liriche. Ma alla fine chi se ne frega, è un lavoro perfetto
telespallabob
Opera: | Recensione: |
Non lo conosco e non me ne frega se vivevi sulla Luna. La recensione mi è piaciuta tantissimo ed il disco m'attira. Buon anno
BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Grazie mille e buon anno anche a te :)
Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
La aspettavo con trepidazione (non ne sarei mai stato capace io, o tu o tstw o se si facesse rivivo seagull) e non sono rimasto deluso. Il disco per me è un capolavoro, mi è entrato dentro come pochi altri da quando ascolto musica. E poi, e poi, vogliamo parlare di Melancholia? è già una delle mie preferite di sempre. L'autocommiserazione adolescenziale secondo me non stona vista l'atmosfera di cui è permeata l'album, poi alcuni lo chiamavo ironicamente emo hip-hop e se consideriamo che quel tipo di autocommiserazione è un leitmotiv nell'emo, per poi fare due più due... sto divagando troppo
BËL (00)
BRÜ (00)

Don_Pollo: E mi faccio i conti da solo con una top 3 a cazzo
Don_Pollo: (sì ma non doveva inviarlo...)
Don_Pollo: (e neanche questo! niente mi arrendo)
little horn 2.0: Si è un disco che ti entra dentro e tu stupra la mente,senza dubbio. La mia preferita è invece Snow white (l'ultimo minuto è da brividi assoluti, con quel "Sleep back to back in the shape of a butterfly Another sign that it's time to tell my lover bye "..... maaaaamma miiiiaaaaaa, totale proprio. Però, a mio modesto parere, quelle barre adolescenziali del tipo " please come and kill me,really" e bla bla sono cose che stonano. Poi con sto cazzo di "i'm a monster...." emminchia lo abbiamo capito che sei un mostro, mobbasta veramente però. Trasmettere un tono così patetico in un'opera come questa è da imbecilli secondo me. Vabbè che sono giusto giusto quei particolari che puoi tranquillamente tralasciare.....
little horn 2.0: e infatti tendo molto più a concentrarmi sui suoni e sull'uso della tecnica e del flow del rapper, piuttosto che sui testi veri e propri. E tra giochi di parole, rime di ogni tipo e pioggie di incastri, non c'è mica da lamentarsi :D
little horn 2.0
Opera: | Recensione: |
disco capolavoro degli ultimi anni e migliore disco dell'anno. Qualcosa che ti entra dentro e ti stritola la mente. Bestiale
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Per la rece sono cinque stellotte piene, il disco lo cerco subito
BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Per me il disco ti farà impazzire :) YouTube video non trovato QnaRykVu5OY
puntiniCAZpuntini
Opera: | Recensione: |
Non è il mio genere comunque è validissimo. Ennesima conferma del fatto che White Do It Better
BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Stessa cosa che penso io. Negri fottuti un cazzo, El-p, Kno, Aesop Rock, The Oktopus, Jel lo fanno meglio :D
Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Comunque per me 1) Melancholia 2) Petrichor 3) Snow White. L'ultima forse intercambiabile con Michael
BËL (00)
BRÜ (00)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Oh perbacco. Mi fido eh, fosse uno di quelli che piace anche a me, tipo Aesop o Dalek.
BËL (00)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Per me potrebbe piacerti Hj :) tu buttaci un orecchio
hjhhjij: Lo farò, tomorrow.
TSTW
Opera: | Recensione: |
Volevo dire che anche la copertina è bellissima
BËL (01)
BRÜ (00)

pozzo
Opera: | Recensione: |
Di fronte a cotanto entusiasmo me lo sono andato a sentire. Premettendo che rap/hip hop non è proprio roba mia, mi ha incuriosito il connubio con l'ambient e il trip hop e ..che dire dopo l'ascolto di The Beast mi si è aperto un mondo. Notevolissimo. Magari non lo comprerò mai ma è comunque una bomba.

BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Con The Beast io sono tornato a livelli di depressione disumana :D
seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Sicuramente uno dei dischi dell'anno. Lui è veramente bravo. Ha preso appunti dagli Atmosphere (che comunque rimangono la, lassù in alto, anni luce sopra a tutto e tutti), se li è studiati per bene e sta mettendo in pratica ciò che ha imparato. Consiglio vivamente a tutti di dare un'occhiata alle uscite dell'etichetta che ha pubblicato sto disco, la Fake Four Inc; non dico che stia producendo la migliore musica del pianeta, ma ci va dannatamente vicino. Home | Fake Four, Inc Fake Four Inc.
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
questa me l ero persa, passo brevemente per dire che me li son segnati pure io, anche se in questo momento sono tornato verso lidi più rocchettari, in particolare prog
BËL (00)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Ascolta sto disco J che poi ti innamori subito :)
JMrBrown
Opera: | Recensione: |
Un capolavoro assoluto. Adoro "Exit Theme" con Astronautalis, ma ho ascoltato e riascoltato ossessivamente anche tutte le altre. Nei momenti di tristezza risultano meravigliosamente catartiche.
Ah... ottima recensione!
BËL (01)
BRÜ (00)

JMrBrown: E aggiungo che Sadistik, nell'augurarci un buon anno su Facebook, ha anticipato che nel 2014 farà un tour in Europa. Potremmo ritrovarcelo in Italia!
little horn 2.0: Che notiziona :D
frantz
Opera: | Recensione: |
Era un pezzo che non ascoltavo un disco così bello ed era altrettanto tantissimo tempo che non postavo un commento su DeB, ma questo disco vale tantissimo entrambe le cose!
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: