Sto caricando...

Sibylle Baier
Colour Green

()

Voto:

Ed ecco un altro disco a lungo dimenticato, maturato meravigliosamente nel suo spazio di solitudine. Sibylle Baier è una cantautrice, poetessa e attrice tedesca e le canzoni di questo disco, registrate in casa tra il 1970 e il 1973 hanno dovuto aspettare fino al 2006 prima di vedere la luce. Solo a trent'anni di distanza infatti, il figlio Robby decide di rispolverare quelle perle materne e mette assieme un gioiellino di cantautorato non indifferente che la casa discografica Orange Twin non tarderà a pubblicare, mettendo così a segno un colpo vincente. Il disco infatti viene velocemente scoperto dai cultori entusiasti del folk, le recensioni sulle riviste e sul web si sprecano, la critica la osanna e probabilmente, per quanto assurdo, alla diretta interessata non interessa nemmeno più di tanto.

L'intimità delle 14 tracce del disco è indiscutibilmente adorabile e l'accompagnamento è tanto scarno quanto affascinante. La voce si muove spontaneamente cullata dalle sei corde in modo impeccabile e si rimane stupefatti ascoltando la perfezione di questi pezzetti di vita privata. Sibylle Baier infatti non le registra per un motivo specifico e diventare una star della musica non le interessa minimamente. Queste canzoni sono lo splendido risultato di una incontrollabile necessità e la sua voce morbida e ipnotica diventa il mezzo per liberare attraverso il suono le impressioni, i sentimenti e i fantasmi di una mente sensibile e ricettiva. Basta ascoltare "Forget About" per rimanere impressionati dalla perfetta essenzialità della composizione e dalla bellezza della voce che danzando delicatamente ci trasporta su altro pianeta. Il brano di apertura "Tonight" ha tutto il fascino dell'intimità domestica, "I Lost Something In The Hills" invece è probabilmente la canzone più introspettiva del disco e ci possiamo immergere in un testo ricco di spunti autobiografici e psicologici che, senza essere mai espliciti, ci permettono di fotografare nella nostra mente la delicata figura dell'autrice.

Intimità e sana malinconia sono gli ingredienti che rendono "Colour Green" un disco raro e prezioso che ci permette di assaporare, con un pizzico di indiscrezione, le confessioni soffuse di una mente splendidamente fragile.

Commenti (Tre)

O__O
O__O
Opera:
Recensione:
Che brava lei! L'adoro troppo! Bravo!


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Sì. Per il momento ho sentito solo "Forget About": incantevole. Preziosa segnalazione.


sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Ottima DePagina e ottimo DeRientro. Merci beaucoup. Au revoir.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Colour Green è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link