Steve Miller Band
Children Of The Future

()

Voto:

Steve Miller (1943) è un musicista americano che ha una storia artistica lunghissima e di notevole spessore, ma spesso lo si identifica come artista commerciale nella concezione più dispregiativa del termine, ricordandolo per i suoi successi di metà '70 e inizio '80.

Questa recensione si occupa del primo lavoro della Steve Miller Band "Children Of The Future" uscito nel 1968, ma composto nei due anni precedenti. La Steve Miller Band infatti pur esordendo con questo album ha già qualche anno di esperienza: ha partecipato al festival di Monterey, ha accompagnato Chuck Berry al Fillmore, ha partecipato con alcuni brani alla colonna sonora del film "Revolution" insieme ai Quicksilver M.S.

Si tratta di una band già di grande esperienza che ha come leader Steve, chitarrista-cantante tra i più preparati in ambito rock-blues (allievo nientemeno di Les Paul), ma ha come comprimario un certo Boz Scaggs chitarrista-cantante di grandissimo talento (avrà pure lui gran successo da solista). Gli altri musicisti sono ottimi accompagnatori e il disco sia avvale della prestigiosa produzione di Glyn Johns.

Ma eccoci al disco. I primi 3 brani, tutti legati senza pause (e così saranno anche tutti gli altri) sono una eccellente introduzione: l'espolosione iniziale di noise chitarristico e percussiva non tragga in inganno! l'atmosfera infatti si placa e i tre brani si sviluppano brevi e leggeri in un mix di folk psichedelia e r&b, con rimandi pure al gospel più gioioso.

La quarta e quinta traccia sono il cuore dell'album: "In My First Mind" maestosa e ipnotica è considerata una delle prime esperienze prog della storia del rock. Il mellotron e l'hammond sviluppano un tema quasi classico , emozionante e suggestivo, il ritmo segue marziale, la voce di Steve è toccante. Segue poi una "scala sulfurea" che fa da ponte al lungo finale di una tale potenza espressiva da ricordare i migliori King Crimson e Pink Floyd.

Dopo l'ultima "scala sulfurea" si insinua "The Beauty Of Time Is That It's Snowing": si tratta di un psycho blues riverberato tra raffiche di neve ed effetti "strani" che si collega alla coda finale di "In My First Mind" sviluppata a più voci e mellotron. Insomma basterebbe solo questo primo lato (per chi ha il vinile) a farmi gridare al capolavoro.

Ma se ascoltiamo la successiva "Baby's Callin' Me Home" c'è ancora da rimanere a bocca aperta. Il brano composto e cantato da Boz è un tenerissimo pop-folk dal sapore antico per l'arrangiamento (clavicembalo e chitarra classica), ma in cui ci trovo un'anima blues psichedelica. Potrebbe essere un classico del pop anni '60 se più gente conoscesse questo album.

Sempre senza pause arriva quella selvaticissima ed Hendrixiana "Steppin' Stone" che è l'altro capolavoro di Boz, degno di nota il bellissimo assolo di chitarra. Le 2 tracce seguenti ricordano le inizali tre: un cocktail di stili musicali che ricordano il più spigliato dei musical. Le ultime tracce sono un buon modo per tornare a casa dopo un viaggio lunghissimo: 2 blues tradizionali suonati alla Canned Heat.

Questo capolavoro della Steve Miller Band non dovrebbe assolutamente mancare tra i dischi di chi ama il rock dei '60.

Questa DeRecensione di Children Of The Future è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/steve-miller-band/children-of-the-future/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
disco bellissimissimo, da avere come scrive il recensore
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
non lo conosco, ma sono gli stessi di The Jocker?
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
ho sentito qualche brano sul tubo, niente male, pensare che poi hanno fatto roba tipo Abracadabra, vengono i brividi ...
BËL (00)
BRÜ (00)

matteodi.leonar
Opera: | Recensione: |
Impossibile che tu non li conosca, Jargon... Non conosci neanche Boz Scaggs...? Non ci credo. Comunque grande album, archetipo di una psichedelia più morbida, levigata, sognante; anche se con reminiscenze Blues dovute alla vena hendrixiana di Boz. Dopo i primi due album (questo e "Sailor", se non ricordo male) proseguono per un resto di carriera non certo all'altezza, per poi sprofondare nel buio commerciale di prove sempre più imbarazzanti.
BËL (01)
BRÜ (00)

TheJargonKing: in realtà, pensandoci, qualcosa conoscevo, non questo disco però. Poi tinei conto che io sono un po' distante dalle cose di matrice prettamente blues.
Pappaganzo: io direi che anche il terzo e il quarto sono album molto belli
matteodi.leonar: Hai ragione, Pappa, anche se "Your Saving Grace" è un po' troppo incline al Gospel, per i miei gusti.
Pappaganzo: Y.S.G è quasi il mio preferito ostregheta!!
aries
Opera: | Recensione: |
Bravo, mi hai convinto!
BËL (00)
BRÜ (00)

Pappaganzo
Opera: | Recensione: |
Non sottovaluterei neppure gli album di metà anni '70, soprattutto "Fly Like An Eagle" album memorabile del rock-blues più radiofonico, ma con che classe ed energia!!!
Probabile prox recensione ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

MastroTitta
Opera: | Recensione: |
ao' jargonkinghe nun conosci neanche Boz Scaggs...che figuraccia !! Statte accorto che il professore di musicologia matteo quest'anno te boccia
BËL (01)
BRÜ (00)

TheJargonKing: siamo una mandria di burloni da Zelig ...
giola
Opera: | Recensione: |
Ho ascoltato poco di lui, ma non mi è sembrata da disprezzare, si può essere "radiofonici" ma con classe.
BËL (01)
BRÜ (00)

nickfarrjones
Opera: | Recensione: |
loro sono simpatici, il disco non lo conosco
BËL (00)
BRÜ (00)

magnum p.i.
Opera: | Recensione: |
ebbrav'ebbrav, io però ho solo fly like an eagle, un discone
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: