Sting
If On A Winter's Night...

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Non c’è niente da fare.

La maggior parte della gente, superata quota 50, comincia a prendersi fottutamente sul serio entrando in preda a deliri di onnipotenza o crisi mistico/trascendentali che li fanno, il più delle volte, uscire di brocca e predere il senso della ragione.

Nessun riferimento politico, eh?

Già l’esperimento del 2006 “Songs from the Labyrinth” avrebbe dovuto far riflettere il nostro ex-Police sulla bontà dei risultati (al di là dei lodevoli intenti) ma evidentemente il pungiglione ha perso l’ape ma non il vizio (si va beh, non recita proprio così ma ci siamo capiti…).

Questo “If On A Winter’s Night” (a fine ottobre disponibile in CD ma già ascoltabile in download) cita il nostro beneamato Italo Calvino ma al di là di questo riferimento colto, anticipo subito che è un disco per lo più moscio e stanco.

In qualche modo, è il logico proseguimento del già logorroico disco precedente,  dove le atmosfere tardo barocche lasciano qui il posto a 11 composizioni che sono delle rivisitazioni di classici irlandesi e britannici più 4 composizioni inedite, ad opera dello stesso Sting, che rivitalizzano appena questo magma soporifero davvero noioso, pretestuoso e imbarazzante (vedere il video del singolo qui).

La voce di Sting è sempre bella e con l’età assume colore e sfumature interessanti, ma il vero problema, a mio modo di sentire, è la monotonia delle composizioni acustiche (si sprecano clavicembali, unicorni, chitarre a mandolino, liuti e compagnia bella) e la voce non adatta a questo genere di cose.

Un disco quindi introspettivo e invernale (la copertina dice già tutto) con brani anche interessanti sia come fraseggi che per la libertà che offrono alla voce di Sting di giocare in mille ricami (anche se il suo timbro appare alla fine monocorde e poco espressivo, benché lui faccia il massimo per mettercela tutta!).

Un disco però che, nonostante l’apporto tecnico e musicale di Robert Sadin, Dominic Miller (sempre lui!) e Kathryn Tickell e il clima disteso delle registrazioni avvenute nel suo lussuoso podere toscano, onestamente si fa fatica ad ascoltare per intero e che già alla quinta composizione vien voglia di richiudere tutto e dedicarsi all’Arte del Bonsai, alla lettura di Castaneda o qualsiasi altra minkiata sicuramente più costruttiva e rilassante.

Un disco che sembra il canto del cigno di un vecchio Lord inglese annoiato e desideroso di darsi un tono, rinnegando quasi quello che fino a ieri è stato il suo habitat naturale (la musica rock) per fare forzatamente lo snob, sciorinando esercizi stilistici pretestuosi e virtuosi, ma che alla fine non arrivano all’anima di chi lo ascolta e diventano soltanto un “bel giocattolone dorato” di tecnica e stile fine a se stesso.

Non c’è niente da fare.

Quando una ex-rockstar straricca e annoiata non sa che fare per perdere tempo e giocare, dovrebbe avere la dignità di fare dell’altro invece che prendere per i fondelli i fans che lo hanno seguito fin qui: tipo dedicarsi alla produzione di vini o all’import-export di olio extra vergine di oliva.

Si vocifera in giro, infatti, che l’olio e il vino della "Tenuta Sting" siano pure di ottima qualità.

Ah… se in una notte di inverno ….Sting avesse spremuto (a freddo) meglio la sua vena artistica, a questo punto staremmo parlando di qualcosa di meglio che non di questo dischetto insipido che passerà nel dimenticatoio in meno di 6 mesi.

Vogliamo scommettere?

Questa DeRecensione di If On A Winter's Night... è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/sting/if-on-a-winters-night/recensione-the-punisher

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su Ottanta

Lupin
Opera: | Recensione: |
Bè ci sarebbero i crackers al kamut, molto "in" e "trendy", non grassi, dietetici e molto più digeribili. Soltanto che non sanno da un cazzo e se li compri ti scadono. Poi vorrei consigliare qualche bibita austro-tedesca dai gusti improbabili tipo aranciata-birra o fragola-chinotto. E poi un classico porta-chiave che si illumina, fondamentale per la vita umana.
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Torniamo a commentare Sting invece, che finora i commenti son stati tiepidi e perlopiù scemotti (mi pare...)
BËL (00)
BRÜ (00)

alexx
Opera: | Recensione: |
Punisher, sei proprio un cattivone, l'album a mio parere è molto bello invece, e te lo dice uno che ha odiato quasi tutta la produzione solista di mr. Sting ad eccezione di Soul Cages.. . questo qua a 50anni, ha rischiato ed è andato in tour (trionfalmente, tra l'altro) coi Police, ti par poco???
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
"Ha rischiato"??? Lo sai i milioni di Euro che s'è fatto "questo qui"??? Che vuoi che sia per lui, passare da cose complesse come queste a canzoni fatte e rifatte migliaia di volte?... e tu parli di "rischiare"??? M A H ...
BËL (00)
BRÜ (00)

MAH!
Opera: | Recensione: |
Enigma risolto! La sorella del Puni è.. la Mariaelena! Elementare Wozzon...
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
EDITORS: Stamattina facendo footing al Parco risentivo Sting e avrei riaggiornato il voto a 3 stella.... è possibile rimediare?? :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

alexx
Opera: | Recensione: |
@Punisher: ho detto rischiare nel senso che dopo 25 anni andare in tour mondiale con un ego smisurato e due che ti stanno sulle balle, e sperare di non apparire ridicolo non deve essere stato semplicissimo - e cmq anche a me sting sta sulle balle per una fraccata di motivi. Ma almeno lui sperimenta! e questi dischi servono fondamentalmente ad avvicinare la gente ad un tipo di musica che altrimenti non si filerebbe quasi nessuno - colgo l'occasione per dire che in Italia abbiamo l'immenso Angelo Branduardi - c'è gente tipo Bono e compagnia che in quanto a milioni di euro , come dici tu, non è da meno, che continua a rifare se stessa e ciò secondo me è molto,molto meno interessante musicalmente, o no??? M A H...
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
solo perché fai footing. Ma tieni fiato?
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
ahaha il siparietto con mariaelena è uno spasso :)
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sei amorevole Kosmo: grazie della stella aggiunta :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
Ah ah ah Punny ci ha ripensato!!!!!! E dì che ti piace stocazz' e disco! Ammettilo, fai outing. Ti aiuto: "Mero sbajiato, ad ascoltarlo la seconda volta... le canzoni, specie se sto facendo una corsetta nel parco d'autunno co le foje che cadeno e che me mette tanta malinconia, co la nebbietta, co l'umidità, co natale che s'avvicina... m'è entrato mejo sottopelle. Insomma è da 5. Probabile che sarà nella mia Top Faiv 2009!"
BËL (00)
BRÜ (00)

MAH!
Opera: | Recensione: |
Bhe Puni, la stelletta in più che hai fatto aggiungere con lo scotch e la rivalutazione del disco dopo un ulteriore ascolto ti fanno onore. Però la rece rimane una stroncatura, e ora Sting si sta vendicando facendoti fare un po' la figura del carciofo!
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
Geenoo :D
BËL (00)
BRÜ (00)

Lupin
Opera: | Recensione: |
PUNISHER: quando ho letto "facendo footing nel parco"...credevo che ta-daaaa...avessi incontrato tua sorella...
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
No... i vantaggi del fare footing alle 8 del mattino è che a parte 3 nonnetti non esiste ombra di presnza umana. E questo mi carica per tutto il giorno. Ho dato una stella in più perchè, ammosciandomi, il disco mi ha fatto rallentare e alla fine... camminare (invece che correre). Se la meritava, no? :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
Punny questo tuo comm. 45 (footing alle ore 8 del mattino) mi fa fare altre considerazioni fugaci: 1)Vai a lavorare alle 10.00; 2)Vai a lavorare appuzzato abbestia co le ascelle imputridite; 3)Non vai a lavorare; 4)Vai a lavoro ma non lavori (Brunetta is on the road..) 5)Stai in malattia (Brunetta is caming); 6)Sei un maratoneta di professione (non poesse).
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
a parte 4 nonnetti (tu non ti calcoli?)
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
oh anche zaireeka verso gli anta oltre agli anta? e io che credevo di stare in un sito di adolescenti, e invece!
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
...ma solo io sò ggiovane?
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Footing dalle 8 alle 8,40 - casa - doccia - al lavoro alle 9,30. Se avanza tempo passo 10 minuti anche a casa di tua sorella Geenoo. Vuoi sapere anche il resto della giornata o va bene così?? :-)))
BËL (00)
BRÜ (00)

zzot
Opera: | Recensione: |
ma basta con i nostalgici dei police. Ho intravisto un pezzo del loro concerto...che noia, non ha piu senso risuonare quella roba adesso! Invece un plauso ai concerti di sting solista...stupende emozioni. Lui è andato avanti, basta con il passato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lupin
Opera: | Recensione: |
@GEENOO potrebbe pure essere che: Punisher fa il guardiano di un parco - ha un lavoro ma ha deciso di farsi licenziare - non crede che in realtà Brunetta esista - fa il cuoco e lavora dalle 20 di sera - ha il dono dell'ubiquità - può diventare invisibile - inizia a lavorare alle 8:30 ma usa il teletrasporto per andarci - si fa timbrare da un'altro - manda a lavorare al posto suo un'altro - lui è un'altro.
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
...o anche che Punisher semplicemente NON ESISTE. Che forse è il suggerimento più realistico.
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
Come fai a non esistere? Cò quella panza!
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
GEENOO: tu dammi "prova" della mia esistenza e te ne sarò eternamente grato!!
BËL (00)
BRÜ (00)

MAH!
Opera: | Recensione: |
Gino, smettila di importunare la gente usando il pc in orario di lavoro, che so che un delegato di Brunetta ti è alle calcagna col forcone!
BËL (01)
BRÜ (00)

k.cho
Opera: | Recensione: |
Recensione ben scritta, divertente ed anche piacevole da leggere, ma non sono d'accordo su molte delle cose che dice, probabilmente per una divergenza di gusti. Ho ascoltato e riascoltato questo disco. Non tutto mi convince. In qualche brano Sting impostala voce in un modo innaturale, almeno per come siamo abituati a sentirlo cantare. Fa uno strano effetto sentire oggi Purcell, come si è sentito nell'altro disco Dowland, cantato in questo modo, perlomeno per chi ha familiarità con il repertorio e con le esecuzioni filologiche o comunque 'colte'. E personalmente ho trovato pessima questa versione di "The hounds of winter". Però i pezzi di Purcell non sono stati scelti a caso e forse si prestano meglio di altre arie delle stesse opere (non è la prima trasposizione "pop" della Cold Song, per dire). Poi alcuni pezzi in cui Sting forza meno la voce non sono malaccio; e dopotutto la sua voce non mi sembra poi inadatta a certe canzoni popolari anglosassoni. Ed io - che però, devo ammetterlo, non amo molto il rock... anche se ho molta roba di Sting e dei Police - non ho nemmeno trovato il disco troppo noioso. Un disco stracco di una ex-rockstar snob, che non ha più niente da dire? Mi sembra un giudizio un po' troppo secco, tirato giù come un colpo d'accetta. Una certa musica leggera si è spesso nutrita di musica antica e tradizionale e non credo che questo sia automaticamente da condannare. E' chiaro che Sting si muove in questa direzione... questo disco mi sembra riuscito meglio dell'altro... vedremo se e come continua.
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
De Gustibus Non Sputazzandum.
BËL (00)
BRÜ (00)

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
La rece è bella e ben fatta, ma se la musica contenuta nel disco è quella che ho sentito ieri sera da Fazio, mi spiace ma la trovo assolutamente di valore, poi certo uno può stare seduto sugli allori e fare le cose di 30 anni fa (tolto che non hanno, molto valore fatte oggi) ricordo che Sting ha lavorato anche con Gil Evans quindi ha dimostrato una visione musicale più ampia e già coi Police c'era altro, di quella che tu descrivi in codesta rece, se poi tu preferisci gente come i vari Aerosmith, Gun's, Metallica, Baglioni, U2 ecc... che fanno sempre la stessa minestra superstrariscaldata da 30 anni sono gusti tuoi...
BËL (00)
BRÜ (00)

giola
Opera: | Recensione: |
Idem come sopra (Muffinman)... cerco la recensione dell'ultimo di Sting e guarda chi l'ha recensito? Punisher sei come il prezzemolo!!! Però mi fai la grazia di spiegarmi cosa non va nella voce di Sting, perchè la trovi inadatta e quale dovrebbe essere una voce adatta per questo tipo di liriche tradizionali delle isole britanniche ? E poi, perchè pretenzioso e deliri di onnipotenza? Attendo delucidazioni e , ammetto, anche un'altra recensione fatta da qualcun'altro.
BËL (00)
BRÜ (00)

giola
Opera: | Recensione: |
No No Punisher, non si fa così, non si eludono le domande. Non mi rispondi perchè non sai che dire, perchè sai bene di aver sparato grosso su questo disco senza ascoltarlo come si deve e di averci fatto su questa recensione prematuramente per arrivare primo. Bhaaa, non sei un recensore serio, che delusione! Aloha!
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
La voce di Sting ha un vibrato, un colore e una compostezza che poco si adattano a certi ghitigori vocali di queste madrigali fatte praticamente di 1 o 2 accordi, che lasciano quasi completamente alla VOCE la strutturazione del brano. La voce di Sting non è "pulita", non è leggera e cristallina, come un po' questo genere richiamerebbe. poi però lui è Sting e può fare quel cazzo che vuole. Ma risentiti certi passaggi e certi gorgheggi: senti benissimo che "tira" e sforza di gola. Ti distogli dal brano e pensi subito "oddio, ce la farà a finirlo?". This is my opinion.
BËL (00)
BRÜ (00)

giola
Opera: | Recensione: |
Okay, thanks! Aloha!
BËL (00)
BRÜ (00)

voodoomiles
Opera: | Recensione: |
Sting dixit "Vengo in studio a piedi, non ho guardie del corpo. Prima di diventare famoso, ho vissuto un'esistenza vera: un mutuo, un lavoro, un'assicurazione sanitaria. Ma se cominci a costruire muri intorno a te per tenere lontana la realtà, finisci come Micheal Jackson"
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
...esticazzi?
BËL (00)
BRÜ (00)

CacciatoreDiSog
Opera: | Recensione: |
Ascolto Sting da una vita. E trovo questo disco assolutamente fantastico: per colore musicale, intensità, raffinatezza, filo logico che collega i testi. Diciamo che, dopo "The Soul Cages" Sting, in una chiave del tutto innovativa e sorprendente, torna al "concept album" monotematico (nel 1991 era il mare, metafora della vita, nel 2009 l'inverno e le storie magiche dell'anima). La sua voce è perfettamente integrata in questo humus fatto di suoni acustici, dove gli elementi celtici incontrano quelli mediterranei, creando la più bella atmosfera che io abbia mai percepito in un disco di Sting.
Non è come ascoltare un insieme di brani. E' piuttosto come essere avvolti in un'unica, morbidissima, coperta calda e profumata, dalla prima all'ultima nota del disco.

Sting è stato l'indiscusso inventore del Reggae 'n Roll con i Police (probabilmente il miglior trio rock di sempre, dopo la "The Experience" di Hendrix). Poi ha stupito il mondo con i Blue Turtles prima (con quattro "mostri" del calibro di Kenny Kirkland, Omar Akim, Darrel Jones e Brandford Marsalis), facendo una personalissima rivisitazione del genere Pop-Rock-Fusion, e successivamente perfezionando il tutto con i dischi dei primi anni '90, e in particolare con il magnifico "Ten Summoner's Tales" (frutto della collaborazione con la premiata ditta "Colaiuta-Miller-Sancious").

Ade sso, a quasi 60 anni, Sting è questo: un artista poliedrico e coltissimo, che ha esplorato tutto e che non ha più voglia di ripetersi. Ama sperimentare, ma ama anche portarsi dietro tutto ciò che conosce già. Ed ecco, così, che in "If on a Winter Night..." ci ritrovi un po' tutto: gli elementi jazz, i forti richiami etnici, i cupi toni dark, le poesie di Stevenson, i versi di William Blake e i testi religiosi che si miscelano alla perfezione con i temi pagani e profani medievali, le musiche di Bach e Schubert rivisitate e riarrangiate. Soprattutto ci trovi un mare, un oceano di autentica poesia. E poi, ancora, fantastici musicisti come Jack DeJohnette, Chris Botti, lo stesso David Sancious, Kenny Garret, Vincent Sègal, Cyro Baptista, Ira Coleman e l'elenco può continuare ancora a lungo.
Fidatevi: Sting ha fatto un capolavoro!
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Cosa saranno mai i SOG che tu vai a cacciare, Dio solo lo sa.
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Opera: | Recensione: |
mmmh... Non ho sentito questo disco di Sting ma su Amadeus di questo mese se ne parla bene. La Grammophone poi è una garanzia... Insomma Punny, non ti credo.:-)
BËL (00)
BRÜ (00)

CacciatoreDiSog
Opera: | Recensione: |
Caro Punisher, "i SOG" che caccio sono un segreto tutto mio...in ogni caso qui non si parla di me, ma del disco di Sting che, secondo te, sarebbe più o meno, una cagata pazzesca.
Come avrai visto, non condivido affatto questa tua analisi. E, per fortuna, non sono nemmeno l'unico.

BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Se fosse stato "una cagata pazzesca" l'avrei votato con 1 stella... sii più attento nei tuoi giudizi mendaci, o stolto cacciator di SOG e sgombera la mente da questa Sting-fobia che ti attanaglia
BËL (00)
BRÜ (00)

CacciatoreDiSog
Opera: | Recensione: |
Gentile e cordiale Punisher, vorrei fare alcune precisazioni...

1.Ammetto di non conoscere il meccanismo delle stelle che regola le recensioni di questo sito (mi sono appena iscritto oggi), e per me 3 stelle avrebbe potuto equivalere anche a 3/10 (anche se poi, in effetti, il mio voto è stato di 5 stelle: ammetto di non aver prestato molta attenzione a questo aspetto...). In ogni caso, al di la delle stelle che hai assegnato alla recensione, la mia opinione si era basata esclusivamente sulla lettura del testo da te scritto: e il giudizio globale sul disco che ne emerge mi sembra ampiamente negativo ("dischetto insipido che passerà nel dimenticatoio in meno di 6 mesi" cantato in maniera "monocorde" da un "vecchio Lord inglese e desideroso di darsi un tono" che farebbe meglio a produrre dell'olio d'oliva piuttosto che fare dischi: queste sono parole tue, e non so a quante stelle tu le faccia corrispondere). Non per questo, tuttavia, non posso ammettere di essere stato superficiale e di non aver proprio considerato le stelle di cui tu parli. Quindi, su questo punto, devo chiedere le tue scuse. Con un suggerimento (se permetti): la prossima volta cerca di far coincidere il numero delle stelle che dai con il peso di ciò che scrivi (peraltro molto bene) subito dopo, in modo tale da non confondere lettori distratti come me.

2.La mia mente è abbastanza sgombera dalla Sting-fobia, credimi. E poi cosa vuol dire "Sting-fobia"? Che mi piace a tal punto Sting da non essere obiettivo? E che cos'è, poi, l'obiettività quando si parla delle emozioni intime che ti suscita un disco? Posso dire che si, è verissimo: sono un fan di Sting sin dall'adolescenza. Ma questo cosa c'entra? Se avessimo parlato di un disco come "Sacred Love" (uscito nel 2003), per esempio, le stelle che gli avrei dato (per rimanere in un ambito di giudizio critico a te più congeniale) non sarebbero state più di 1 o 2 (e in una scala da 1 a 10 non gli avrei dato certo la sufficienza). Ma stiamo, invece, parlando di "If on a Winter Night...", che, a differenza del disco mediocre-scarsetto appena citato, mi riporta lo Sting che mi è sempre piaciuto: raffinato, poetico, musicalmente eccezionale. E coraggioso sperimentatore di nuovi progetti.

3.E' evidente che le tue prerogative sono quelle di essere provocatorio e graffiante. D'altra parte con un "nickname" così mi sembra anche legittimo che tu difenda il ruolo che hai scelto di impersonare in questo contesto. E immagino che sia per tale ragione che ti lanci in giudizi di merito anche sulle persone che rispondono e che commentano le tue recensioni, specie quando non le condividono. Ecco, anche su questo, però, mi trovi in disaccordo: potrà scrivere anche boiate e non capire un accidenti di musica, ma, prima di giudicare "stolta" una persona, dovresti per lo meno, aver tentato di conoscerla un minimo.

A presto.

BËL (02)
BRÜ (00)

panNZZOone
Opera: | Recensione: |
asp che misuro , no non e' record , per il commentone piu' lungo cenevuoleancorasi
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Il commento del SOGBuster rispecchia un po' questo disco: sofisticato, cordiale, caldo come un piumino ma alla lunga sonnolente :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

CacciatoreDiSog
Opera: | Recensione: |
Ognuno è fatto com'è fatto.
Buona dormita.
BËL (00)
BRÜ (00)

andy66
Opera: | Recensione: |
recensione "punitiva" (appunto)....questo non è un disco per le masse...seleziona il proprio pubblico. Qualcuno si annoia, qualcun altro, con forse una sensibilità musicale diversa , apprezza.
Io trovo questo album molto bello. La mia preferita "Christmas at sea" è pura magia.

BËL (00)
BRÜ (00)

krito
Opera: | Recensione: |
il disco natalizio 2009...almeno per me.
Sting ha colto nel segno con questo lavoro e ascoltarlo questi giorni mi rilassa che è una meraviglia...do 5 al disco non per il suo valore musicale o per la sua collocazione nella storia del rock pop post anal progressive folk irish, ma per le sensazioni che provo quando schiaccio play...del resto la musica serve a questo, no?
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
@@@KRITO: ...anche la camomilla Montana o una sana pippa mi rilassano allo stesso modo solo che costano meno di un CD, non hanno velleità artistiche e non prendono per il culo nessuno.
BËL (00)
BRÜ (00)

CacciatoreDiSog
Opera: | Recensione: |
Ok, abbiamo capito che c'è gente, che recensisce dischi, i cui gusti musicali sono palesemente distanti dalla media della gente che sta rispondendo in questo forum. Non dico che sono meglio o peggio gli uni rispetto agli altri, anche perchè sui gusti non c'è molto da discutere: quelli sono e basta. Constato solo questo: ho letto numerosi commenti di disappunto (il mio compreso) alla recensione negativa di questo ultimo album di Sting, che evidentemente piace a molti, nonostante il recensore stesso non se voglia fare una ragione. Pazienza: saranno problemi (e gusti) suoi. Ma se addirittura ci si sente presi "per il culo" da un disco forse sarebbe veramente il caso fermarsi a riflettere un attimo.
E meno male che poi sono gli altri a soffrire di "Sting-fobia"....
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Beh.... non è che ho recensito tutta la discografia di Sting io.... a me poi piaceva fino a 15 anni fa. Quindi non ho nessuna Sting-fobia io!
BËL (00)
BRÜ (00)

under the oak
Opera: | Recensione: |
a prescindere che sia Sting o vattelapesca a cantare questo disco non mi ha colpito per niente, non dico che sia magari anche ben realizzato, ma non mi ha trasmesso nulla a livello emotivo, ed è questa la prima cosa su cui mi per valutare un opera:..... 3 di incoraggiamento
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: