Sto caricando...

The Decemberists
The Tain

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"The Tain" è un EP del 2004 genere indie/prog, con sonorità folk. Questa piccola gemma, di semplice ascolto ma di gran classe, racchiude 18 minuti di musica auntentica ed emozionante. E' uno di quei dischi che quando parte è difficile stoppare ed è il lavoro dei Decemberists che preferisco, seppure, per me inspiegabilmente, uno dei più sottovalutati e poco considerati del gruppo. Album serio e coeso, capace di raggiungere notevoli vette di suggestione, mi dà una sensazione di genuinità e freschezza che gli altri non mi danno, indugiando anche molto di meno su banali sonorità pop.
Aiutata da una corposa strumentazione (chitarre elettriche e acustiche, fisarmonica, batteria, basso, piano, organo Hammond, mandolino, contrabbasso, cori, percussioni e campanelli vari), questa suite in 5 movimenti restituisce un ampio ventaglio di scenari, tutti ricostruiti con grande cura e sensibilità.


In breve, il primo movimento è un lento 3/4 in stile decadente; il secondo è un'epica galoppata di blues-rock atipico con lievi modulazioni vocali in stile indiano; il terzo è una rassegnata ballata lenta che si cimenta in già maggiori impennate emotive, aiutate dall'inserimento nell'arrangiamento del contrabbasso ad arco e da un bridge commovente; il quarto, il più sofisticato, è un valzer fiabesco sotto allucinogeni con fisarmonica e mandolino a rendere il tutto esotico; il quinto movimento ritorna su sonorità più rock, con un inizio a "singhiozzo" e subito dopo con la parte di gran lunga più toccante del disco, guidata dalla splendida voce di Colin Meloy e da rintocchi di piano a mo' di campana su un languido arrangiamento con cori e organo.


Nonostante i cinque movimenti e la miriade di generi e stili riconoscibili, tra atmosfere folk, ballate, valzer sgangherati, blues atipici, rock talvolta languidi talvolta epici, il loro sound rimane sempre identitario e la composizione non perde praticamente mai un attimo di coesione e brillantezza, tanto da far sembrare i suoi 18 minuti, 6-7. Questo grazie, oltre che a un saggio ed elegante utilizzo dei vari strumenti (cosa mai scontata, specialmente con un armamentario come il loro), che aggiunge al tutto solidità e serietà, anche a una composizione avvincente, mai banale o noiosa. Pure la fantasia e la grazia negli arrangiamenti sono degne di nota, anche se discontinue lungo il brano; questi sono tanto leggiadri all'ascolto quanto eclettici e sofisticati nel processo compositivo. A riprova della cura organizzativa, l'ascolto non darà mai parvenza di complessità/pomposità, al contrario tutto apparirà naturale, scorrevole, senza "forzature".
Una caratteristica interessante della musica dei Decemberists è il comparto strumentale che si combina alla perfezione con la particolare voce squillante e molto "indie" del cantante (che è sempre parte integrante delle variegate armonie/melodie), creando un contrasto tonale che dà quel qualcosa in più al sound.
Va detto infine che i concetti presenti non sono particolarmente complessi o pregnanti, infatti è un ascolto abbastanza immediato, ma la genuinità e l'ecletticità estetiche pongono questi su un piano decisamente più alto. Insomma, è un album che più che spiegato va ascoltato.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

GullaryShulmann
GullaryShulmann
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «._.». Vedi la vecchia versione The Tain - The Decemberists - recensione Versione 1


GullaryShulmann
GullaryShulmann
Opera:
Recensione:
Il video di sopra ha qualità audio pessima, questo è meglio:


lector
lector
Opera:
Recensione:
Sembra interessante, ascolterò!


sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Qvesto non mi ricordo se l'ho sentito, in ogni caso "Her Majesty" mi sa che resta quello che più mi è rimasto nel cuore (arrugginito, ça va sans dire).


123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Non conosco cotesti dicembristi, ma la pagina stavolta è ben equilibrata.


GullaryShulmann: A differenza degli altri che ho recensito questo è poco capisc ma ben intrattenente, te lo suggesto.
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
quante volte ho provato a sentire un loro lavoro,non fanno proprio per me evidentemente.


omahaceleb: Sì, anch'io posso dire la stessa cosa

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Tain è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link