Kaleidoscope (US)
A Beacon From Mars

()

Voto:

Difficilmente ho avuto il piacere di ascoltare una band in grado di mescolare rock psichedelico, ballate e humor come i Kaleidoscope, in un disco unico nel suo genere.

"A Beacon From Mars" non ha la raffinatezza di "Forever Changes", non ha il nervosismo di "After Bathing At Baxter's", nè l'armonia di "Aoxomoxoa". Non è effetivamente paragonabile a qualcosa che è uscito in quegli anni, è un miscuglio di blues, traditional, folk e suite psichedeliche che conferiscono all'opera una grande varietà di suoni. Lindley, Feldthouse, Vidican, Crill e Darrow sono i personaggi di questo colorato viaggio fra la tradizione e l'innovazione.

"I Found Out" è la prima tappa, un inno per certi versi alla stagione dei fiori, sonorità fresche alla Grateful Dead, voce profonda alla Skip Spence e legami alle proprie origine che ricordano l'Incredible String Band (ovviamente non ci riferiamo in questo caso alla cultura americana). Le chitarre folk diventano sempre più incisive sulla seguente "Greenwood Sidee", le percussione assumono un tono quasi tribale, l'arrangiamento è scarno e ben delineato. "Life Will Pass You By", "Louisiana Man" e "Baldheaded End Of A Broom" rievocano atmosfere country/western. "You Don't Love Me" è un blues distorto predecessore del futuro hard rock (la versione di Bloomfield e Kooper su "Supersession" è completamente diversa).

La tensione è sul punto di esplodere su "Taxim", lunga miscela di raga folk, jazz, psichedelia e traditional, e sulla conclusiva "A Beacon From Mars".

Chiunque avesse voglia ascoltare questo disco non deve aspettarsi nè un'opera così complessa quanto può sembrare dal mio commento, nè un album completamente organico. La frammentarietà è il biglietto da visita dei Kaleidoscope, un susseguirsi di voli pindarici fra i generi principali della cultura americana. Il resto delle considerazioni lo lascio a voi.

Questa DeRecensione di A Beacon From Mars è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-kaleidoscope/a-beacon-from-mars/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
bel disco da un po' avrei voluto aver tempo per buttare due righe al riguardo, ma il lavoro non dà tregua. Unico appunto: avrei forse buttato lì che precorrono di brutto tutte le tendenze etniche del rock, vista la strumentazione mediorientale (oud e via discorrendo). Cmq I FOund Out è un mio cavallo da battaglia delle serate dj svuotalocali
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
contavo di farla anche io prima o poi: album splendido, un carburatore lisergico pieno di rifrazioni, con echi persino cajun. Geniali interpreti del proprio tempo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Opera: | Recensione: |
Ci vollero altri 20 anni prima che un gruppo si spingesse a tanto (e forse oltre...) i Camper Van Beethoven...
BËL (00)
BRÜ (00)

trickykid
Opera: | Recensione: |
E qui siamo nel CULTO psyco-folk. Ma lo STRACULT è il disco precedente a questo, l'esordio dei KALEIDOSCOPE: da avere a tutti i costi!
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
Lo avevo in vinile, non so che fine abbia fatto. Me lo ricordo bello zeppo di spezie e credo che oggi gli darei un bel 4 abbondante. Un po' strano il parallelo con i Camper V B, Lewis, decisamente più "addomesticati" (anche se sono un gruppo per il quale condividiamo la stima)
BËL (00)
BRÜ (00)

pretazzo
Opera: | Recensione: |
"Liiiiiiiiiiiife will pass you byyyyyyyyyyy / Liiiiiiiiiiife will fade awaaaaaayyyyy"
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
caspita , l' ho vista in ritardo, i Kaleidoscope!!! il mio gruppo di pazzoidi preferiti, Feldthouse era detto " il turco" per tutti gli strumenti orientali che suonava e Criil cambiava nome ad ogni disco, io ho usato in qualche nick il suo Maxvell Buda... Comunque a me piace di più l'album dell'anno successivo : Incredible, con Darrow che se ne andò nella Nitty Gritty Dirt Band. Bravo Tollani per l'accostamento con i Camper anche se " andare oltre" è molto più facile 20 anni dopo
BËL (00)
BRÜ (00)

shermanoaks
Opera: | Recensione: |
interessante!
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Talmente avanti che l'ho dovuto ascoltare un po' di volte per capirne la grandezza. Potevi sprecare due paroline in più su "Taxim" che è una sorta di epopea in miniatura, mi si scusi il paradosso.
BËL (00)
BRÜ (00)

OleEinar
Opera: | Recensione: |
Mmm, non li conosco, bella pagina.
BËL (00)
BRÜ (00)

trickykid
Opera: | Recensione: |
INSISTO, sul mio precedente post: il disco d'esordio (SIDE TRIPS) è stupendo (30 minuti fantastici!), per me superiore a questo, pure ottimo, album.

BËL (00)
BRÜ (00)

Larrok
Opera: | Recensione: |
"Taxim" è MERAVIGLIOSA!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Portellen
Opera: | Recensione: |
Ah.. tu questo disco lo trovi frammentario?
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: