The Mystery Of The Bulgarian Voices feat. Lisa Gerrard
BooCheeMish

()

Voto:

I contenuti di questo disco sono esattamente quelli che ci si aspetterebbe di ritrovare leggendo il nome del gruppo (facciamo "collettivo"): questo potrebbe già da subito tagliare fuori una buona fetta di potenziali ascoltatori. Non si può certo negare che i contenuti di "BooCheeMish" non siano in effetti qualche cosa di tipo convenzionale oppure "pop". Eppure se storicamente il collettivo The Mystery of the Bulgarian Voices ha richiamato attenzioni anche nella scena rock anche a livelli più "alternative" (diciamo nel senso moderna della definizione) delle ragioni ci devono essere e queste le possiamo ritrovare in tentativi di ricerca e avanguardia minimalista sperimentati da diversi musicisti e che in questa immersione nella tradizione folkloristica bulgara trovano soddisfazione in accompagnamenti acustici minimali con strumenti a corda e percussioni e dove domani il ruolo centrale, imperioso delle voci e dei cori e dove ogni singolo interprete si erge sugli altri padroneggiando una propria tecnica di canto peculiare.

La genesi di questa produzione arriva da lontano. L'interesse della 4AD Records risale a tempi lontani, addirittura alla fine degli anni ottanta quando il fondatore Ivo Watts-Russell fu introdotto all'ascolto da parte di Peter Murphy e si diede subito da fare per pubblicare due LP a titolo di "antologia". Per la prima volta dopo trent'anni oggi il coro è rientrato in studio per registrare nuovo materiale e l'operazione è avvenuta di nuovo sotto l'egida della 4AD (sebbene la distribuzione del disco sia su Prophecy Recordings) ci troviamo come performer e autrice d'eccezione un altro dei "pezzi grossi" della label britannica, cioè Lisa Gerrard dei Dead Can Dance: "Pora Sotunda" (il singolo che ha anticipato l'uscita dell'album), "Mani Yanni", "Unison", "Shandai Ya" sono tracce in cui il suo grande merito - va detto - sta proprio nel prestarsi alla collaborazione con il coro e a non cercare in nessun modo di snaturarne la forma originale. Le quattro tracce richiamate sono perfettamente incastonate nel complesso dell'album e ascoltandolo tutto di seguito, queste non costituiscono sicuramente qualche strano "salto" e che sarebbe stato un vero e proprio delitto imperdonabile.

"Le Mystére De Vois Bulgares" è un progetto che nasce in verità nei lontani anni '50 come coro femminile bulgaro di Stato e che lavorava per le registrazioni e diffusioni di canzoni popolari alla radio e poi successivamente alla televisione. Fu il producer svizzero Marcel Cellier per primo a sdoganare a livello internazionale il coro, che poi nel 1990 fu acnhe premiato con un Grammy Award. Curiosamente il coro è conosciuto in Italia grazie al popolare gruppo Elio e le storie tese che riprese un brano in un famoso pezzo del disco "Italian, Rum Casusu Cikti": la rappresentazione parodistica di un caso di spionaggio internazionale con l'importazione clandestina di "Ramaya" di Afric Simone in Bulgaria. In quella occasione ci fu veramente un mitico incontro a Monaco di Baviera tra Rocco Tanica e la direttrice del coro Dora Hristova, accompagnata dal responsabile politico. Del resto le "voci bulgare" erano già nel mito da anni: Elio e le storie tese ci arrivarono perché ispirati dalla devozione di Frank Zappa che fu solo uno dei tanti cultori tra gli anni di questi vocalismi da brivido e che più che ancestrali, definirei quasi "ecclesiastici", di una ritualità monarcale e che evidentemente affonda le sue radici nel medioevo. Non mi ci strappo i capelli come nel caso di "Tana" del collettivo albanese Saz'iso (Glitterbeat) ma vale la pena di farselo questo giro sui balcani.

Questa DeRecensione di BooCheeMish è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-mystery-of-the-bulgarian/boocheemish/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

pier_paolo_farina
Opera: | Recensione: |
Da generico appassionato delle armonie vocali, e affettuoso fan di tutti quelli in questo campo hanno detto la loro con bravura ed autorità (Yes, Eagles, Manhattan Transfer, Crosby Stills & Nash, Simon & Garfunkel, Gentle Giant, Quartetto Cetra, Cori alpini e via dicendo...), sono interessatissimo pure ai cori bulgari, che lavorano all'orientale su quarti di tono, con una naturalezza ed una bravura entusiasmanti. Bella iniziativa la tua.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Sicuramente apprezzerai moltissimo allora. :)

Tieni d'occhio il disco che cito alla fine della recensione però, superlativo.
noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Non amo la musica vocale, anche quella tradizionale. (qualche eccezione su alcuni madrigali a 5 voci. Ma l'incontro delle loro tesiture vocali mi è sempre piaciuto tantissimo (ça va sans dire: senza gli Elii non le avrei mai scoperte e ascoltate).
BËL (00)
BRÜ (00)

aragnof
Opera: | Recensione: |
Già mi piaceva quello vecchio della 4AD, non vedo l'ora di ascoltare questo con la ciliegina della Gerrard
BËL (00)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
Lo sdoganamento del canto corale bulgaro a livello internazionale era già arrivato nel 1989, con la collaborazione fra Kate Bush e il Trio Bulgarkia nell'album "The Sensual World"
BËL (00)
BRÜ (00)

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Bella segnalazione, grazie Soto
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
"Tana", hai detto? Lo cerco subito! Questo pure potrebbe interessarmi.....
BËL (00)
BRÜ (00)

luludia
Opera: | Recensione: |
certo che l'incontro a monaco tra rocco tanica e 1)la direttrice del coro 2) il responsabile politico...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: