Thrice
Vheissu

()

Voto:

Non adagiarsi sugli allori, mutare, rischiare, cambiare pelle, provare nuovi soluzioni: tutto questo sono i Thrice.

Una band arrivata alla ribalta della scena underground col secondo disco "The Illusion Of Safety", ma sopratutto col bellissimo terzo "The Artist In The Ambulance" una miscela di hardcore, emo e metal, che all'epoca dell'uscita suonava originale e tutt'altro che banale.

Da lì in poi si è avuto col tempo lo sdoganamento di un genere, che è andato via via diventare saturo e ha visto spuntare una miriade di gruppi cloni, con nomi spesso improbabili, che hanno cavalcato l'onda.

I Thrice, che erano stati tra i primi a proporre certe sonorità con altri gruppi, avevano due scelte, continuare percorrendo la stessa strada o rischiare rinnegando in buona parte le loro origini. La risposta la trovate in "Vheissu" un disco stilisticamente molto distante dai precedenti, che vede il gruppo californiano al pari di altri colleghi (vedasi i Finch) compiere una decisa virata a 360°.

Ed è cosi che "Vheissu" si presenta come qualcosa di sorprendente e allo stesso tempo spiazzante per quei fan ancora affezionati al precedente disco, che era più diretto e immediato, caratteristiche che questo nuovo lavoro non possiede, essendo più intenso e profondo, di più difficile comprensione, con tempi sovente molto lenti a dispetto del passato, con notevole uso di strumenti mai usati prima come tastiere, sintetizzatori, carillon, xilofoni e violini, che creano una ricca e multiforme ragnatela musicale.

Più di qualcuno ha parlato di influenze diverse e distanti, tra cui quelle dei Radiohead per le parti più dolci, soffuse e sognanti vicine a certo alternative rock e i Deftones per quello poche parti più ruvide e urlate, in ricordo solo in parte del passato recente.

Ebbene spesso queste due anime si fondono in un unico organismo, come il caso della bella "For Miles" aperta da un sublime giro di piano e contornata da una stupefacente progressione strumentale, che porta a una epica sfuriata finale o di "The Earth Will Shake" che parte come un sonetto folk e finisce come un pezzo nu-metal.

Altre volta è invece il lato più malinconico e intimo della band, che mai avevano sentito su queste tonalità a venire fuori portando alla luce piccole gemme come "Music box" contornata dal suono di un malinconico carillon, dotata di uno dei migliori ritornelli dell'opera, la ballata "Atlantic" e la stupenda "Of Dusts And Nations" tra i migliori pezzi che i Thrice abbiano mai scritto in cui Dustin Kensrue risulta essere un valore aggiunto. Ma vi è spazio anche per l'elettronica e l'epicità del sencondo singolo "Red Sky" e l'atmosfera magica e sognante di "Between The End And Where We Lie".

L'unico filo invisibile che lega il precedente "TAITA" a questo Vheissu fungendo da ideale ponte di collegamento è l'opener "Image Of The Invisibile" pezzo lineare e dotato di una certa energia, che sarebbe potuto uscire tranquillamente dal precedente disco.

I testi meritano anch'essi una lettura, visto che toccano argomenti su cui vale la pena riflettere.

Va apprezzata la scelta della band di non proporre un disco fotocopia al precedente, anche se tuttavia forse per molti me compreso, sarebbe stata più gradita un'evoluzione e un passaggio intermedio, visto che a molti questo lavoro, risulterà non poco controverso.

Lo stesso sottoscritto dopo aver ascoltato qualche pezzo lo aveva scartato parecchio tempo fa e rivalutato nella sua complessità e interezza solo di recente, ed è col trascorrere del tempo, che si comprende il grande lavoro di dedizione, ricerca sonora e cura nei dettagli che hanno messo i Californiani e che sta dietro ad progetto ambizioso come "Vheissu" in cui viene dato ampio rilievo alla creatività dei Thrice.

Questa DeRecensione di Vheissu è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/thrice/vheissu/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

Divodark
Opera: | Recensione: |
A me fino a "The Artist in the Ambulance" piacevano e anche parecchio. Dopo son diventati troppo...boh, troppo "mentali". Sia questo da te recensito che i successivi sono buoni lavori, ben suonati ma a me hanno annoiato parecchio tant'è che Beggars neanche l'ho ascoltato (per dire). Buona rece.
BËL (00)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Come detto questo rappresenta un pò un punto di rottura e di non ritorno, e i lavori successivi per quanto sentito continuano sulle coordiante tracciate da quest'ultimo, sebbene stando a quanto ho letto il successivo dovrebbe discostarsi dagli ultimi lavori, recuperando certe influenze, non so, staremo a vedere. Avrei preferito anch'io un altro disco come TAITA che ho letteralmente consumato, ma questo non delude affatto!
BËL (00)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
E invece io preferisco questo all'artista nell'ambulanza, tiè!!
BËL (00)
BRÜ (00)

princexero
Opera: | Recensione: |
dire che feci fatica a suo tempo a digerire questo album è dire poco.
The Artist è il mio album preferito in assoluto. Come hanno fatto i Thrice a fare di meglio o comunque a non sedersi sull'onda del successo di quell'album epocale? Semplice, non facendo The Artist in the ambulance part 2. E meno male. Vheissu è un capolavoro. Of dust and nations, come hai detto tu, per esempio, è una delle migliori canzoni mai scritte dai Thrice.
Immensi.
Grande Taurus. Qui si parla di Musica.

@Divorak: ascolta <"http://www.debaser.it/recensionidb/ID_29466/Thrice_Beggars.htm">Beggars. Non avere pregiudizi e non te ne pentirai :)

BËL (00)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Ciao princexero...naturalmente sapevo il tuo forte apprezzamento per i Thrice, non a caso in una rece precedente ti avevo detto che stavo preparando la recensione su un certo disco!
Ma comunque va detto che questo disco è godibilissimo, in questo caso le parole alleggerimento e pop sono tutt'altro che sinonimi di commercialità, anzi!
BËL (00)
BRÜ (00)

BonHiver
Opera: | Recensione: |
Of dust & nation é una perla
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: