Timoria
Viaggio Senza Vento

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Signore e signori ecco uno dei dischi migliori del rock nostrano degli anni '90 (e oltre).

Che i Timoria non fossero dei cretini lo si sapeva ma questo disco è un capolavoro. Un concept-album (soprattutto negli anni '70 i gruppi rock erano soliti, almeno una volta nella loro carriera, incidere un cosiddetto concept) sulla storia di un fantomatico Joe la cui avventura tra l'altro è raccontata all'interno del booklet.
Infatti questo lavoro dei Timoria, anche alla luce di quanto detto, è molto insolito per la storia discografica italiana. A mio giudizio pochissimi in Italia sono riusciti a produrre un disco rock di questo spessore con influenze progressive e con una spiccata vena melodica.
I testi sono veramente ispirati e la voce di Francesco Renga sappiamo essere all'altezza (peccato per la strada intrapresa ultimamente sia da lui che da Omar Pedrini). In quest'album le chitarre rendono i pezzi solidi e compatti grazie ad un Omar Pedrini in stato di grazia (oltre a lui tutto il gruppo, in occasione di questo disco, è di ottima resa).

I pezzi migliori sono l'opener Senza Vento, la stupenda ballata elettrica Sangue ImpazzitoLa Cura Giusta e Il Mercante Dei Sogni ma tutto il disco è eccezionale e non mi stancherò mai di ripeterlo.
Forte anche di preziose collaborazioni, come quella di Eugenio Finardi in Verso Oriente e Mauro Pagani al violino in Lombardia, questo disco è sicuramente il migliore dei Timoria, un gruppo che ha detto tanto al rock di casa nostra e che poteva ancora dire molto.

Alla faccia di chi dice che il rock in Italia non esiste (o non è esistito) e che copiamo dagli americani o dagli inglesi: certo, questo purtroppo succede (anche troppo spesso) ma generalizzare non fa mai bene perché di gente che fa della buona musica ce n'è e non bisogna necessariamente avere tantissima visibilità di pubblico.
Ascoltate questo disco poi mi direte!

Questa DeRecensione di Viaggio Senza Vento è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/timoria/viaggio-senza-vento/recensione-alex1

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentaCinque)

Perez
Opera: | Recensione: |
Un'ottimo lavoro, forse il migliore di questa genuina band...pensavo anch'io di recensire questo album, mi hai anticipato anche se non lo considero un capolavoro (nella loro discografia sicuramente si).

MEZCALINO
Opera: | Recensione: |
un grande,corposo album,lo specchio dell'anima poetica di omar.suonato da dio!


ziabice
Opera: | Recensione: |
Ehm... dalla recensione si capisce solo che questo disco ti piace, ma di musica manco a parlarne? Su, su... puoi fare di meglio!

Spaccamascella
Opera: | Recensione: |
ummà?! se questo disco merita 5....no no non va bene bisogna abbassare la media 5 è molto e non lo merita, ci sono molti altri gruppi che meritato più di questo, anche italiani, prendi i CCCP di Affinità-Divergenze, è sicuramente migliore di questo, poi c'è francesco renga...ma per piacere...troppo banale per meritare 5/5.

Spaccamascella
Opera: | Recensione: |
cavolo e questo non è nemmeno alla lontana uno dei migliori dischi italiani degli anni 90, figuriamoci oltre

Anonimo
Opera: | Recensione: |
un disco molto ben fatto, a me la copertina ricorda desaparecido dei litfiba, forse non è casuale

x spacca,dimmelo tu un disco rock italiano anni 90 che regge il confronto. andiamo!

parziale
Opera: | Recensione: |
Un disco rock che regge il confronto? "Hai paura del buio" o "Germi"

Moonchild
Opera: | Recensione: |
Nono, Catartica dei Marlene

Perez
Opera: | Recensione: |
"Metallo non Metallo" dei Bluvertigo, è il primo che mi viene in mente ma ce ne saranno altri 10 sicuramene...ecco "Catartica" dei M.K....anche "El Diablo" stesso...

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Perez...ti senti bene ??? Metallo non metallo dei Bluvertigo ??? Quello che è certo è che la produzione musicale italiana è connotata da una cronica congenita totale assenza del germe dell'innovazione e dell'originalità. E'un continuo scimmiottare produzioni d'oltremanica o d'oltreoceano, specialmente da parte di "artisti" che,come i Bluvertigo, si danno pure arie da alternativi.Certo, in un panorama desolante come quello italiano dove i dischi li vendono,i D'Alessio,Le Vibrazioni,i Ramazzotti (e potrei andare avanti con questa lista di merde),gruppetti del cazzo come quelli sopracitati possono anche assurgere ad uno status di innovatori,di sperimentatori.
In realtà sono un prodotto provinciale, mera scopiazzatura di ciò che arriva da paesi con una cultura musicale. E non dico questo per esterofilia, dall'estero so che ci arrivano anche tante stronzate,ma anche (e solo da lì)molte cose che valgano davvero la pena di essere ascoltate. Penso che ogni italiano ricordi le ore di musica passate alle scuole dell'obbligo con ribrezzo,e con ciò ho detto tutto...

Perez
Opera: | Recensione: |
Appunto per i motivi da te citati è un'album che spicca! niente di nuovo e poco personali ma ben fatto, ben suonato e liricamente abbastanza ricercato...poi a me i Bluvertigo piacciono!

antimo_d
Opera: | Recensione: |
permettemi di citare qualche eccezione, imho, ovviamente: Massimo Volume (consiglio 'lungo i bordi'), Almamegretta (consiglio 'sanacore')

biaspoint
Opera: | Recensione: |
Non ci siamo, l'album sarà bello e potrà a anche piacerti una cifra, ma 5 è veramente troppo !

Mc Sampyr
Opera: | Recensione: |
in che cd sta Via Val Padana Superiore, adoro quella canzone...

cece65
Opera: | Recensione: |
Beh, sì, effettivamente 5 è troppo per quest'album. Comunque la fine dei Timoria è stata veramente pietosa, uno che canta canzoncine per massaie, l'altro pseudo-artista beat che va anche lui a Sanremo, mammamia...

filini
Opera: | Recensione: |
chi mette meno di 5 non ha mai ascoltato il cd per intero.

eugeniomario
Opera: | Recensione: |
Sono d'accordo con l'ultimo commento, io quando lo faccio partire non riesco a fermarlo, devo ascoltarlo tutto, poi che esistano dei gruppi migliori sono daccordo, ma provate ad ascoltarlo e poi ditemi.

Anonimo
Opera: | Recensione: |
è uno dei cd + belli dei timoria..e nn è affatto vero k renga sia banale..forse,anzi,sicuramente lo è diventato qnd s è staccato dal gruppo per omologarsi a tutti ji altri cantanti commerciali,ma le canzoni dei timoria(se vengono capite)sono meravijose..

PoohPooh
Opera: | Recensione: |
Non mi hanno mai convinto fino in fondo, coi loro da osteria rompono il cazzo, tuttavia hanno composto canzoni notevoli. Dal mio punto di vista i loro album hanno troppi alti-bassi qualitativi.
Che cazzo c'entra affinità-divergenze coi timoria?

PoohPooh
Opera: | Recensione: |
Blue Queen
Opera: | Recensione: |
dose
Opera: | Recensione: |
ragazzi... tantri d voi nn conoscono la musica genuina...nn si rendono conto che i timoria sn la vera storia del rock nostrano... aprite gli occhi e le orecchie x ascoltarvi questo cd... un vero e proprio orgasmo musicale... altro k 5, sarebbe da 10 quest'album!!!

MEZCALINO
Opera: | Recensione: |
x mc sampyr: Via Padana Superiore si trova in "2020 SPEEDBALL"

Axl Rose L.A.
Opera: | Recensione: |
Axl Rose L.A.
Opera: | Recensione: |
zoe^^ ma 6 alessandra? se si risp. cmq fock off, timoria

weseven
Opera: | Recensione: |
bello bello bello.uno dei migliori del rock italiano,se non IL migliore.

Wora
Opera: | Recensione: |
Gran bel album!Renga al max splendore!
(my blog--> link rotto

Anonimo
Opera: | Recensione: |
miglior disco italiano degli anni novanta!

Preve
Opera: | Recensione: |
Concordo con Beatnik, il migliore degli anni 90(italiano)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Sì, ma comunque evitate di scoreggiare tutti insieme, altrimenti c'è puzza qui dentro! Grazie

awd
awd
Opera: | Recensione: |
Soliti commenti buttali lì alla cazzo, vabbè... Devo ancora ascoltare con attenzione questo disco, ma il solo fatto di essere un concept gli da valore aggiunto. "Senza vento" è un brano musicalmente scarno ed essenziale che però come suonato nel CD sta in piedi alla grande, mentre suonato "in casa" non rende. la recensione dice poco.

Anonimo
Opera: | Recensione: |
In assoluto il miglior disco rock italiano di sempre. Chi critica questo disco a mio parere deve ancora digerirlo, un viaggio che racconta una generazione alla ricerca della liberta' e pace interiore, bellissimo!

beenees
Opera: | Recensione: |
Mi chiedo il motivo di alcuni "1"... questo disco non sarebbe bello perché non è cacofonico? Quanta snobberia. "Sangue Impazzito" è una di quelle canzoni così belle e sincere da farti voler esserne l'autore.

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Mio disco italiano preferito e in generale uno dei migliori dischi italiani di sempre.

paradise bird
Opera: | Recensione: |
ai famigliari di Anonimo: leggendo i commenti che il vostro caro ha scritto qui sopra é chiaro che Anonimo necessita di cure intense e non di semplici suppostine. Ci sono delle strutture in cui una persona così disturbata da considerare questa roba dei timoria "il miglior disco rock italiano di sempre", può' ricevere adeguato conforto ma bisogna fare presto. non vorrei essere offensivo, davvero e mi scuso in anticipo se il risultato ferira' la sensibilita di qualcuno: Anonimo, la puzza che senti viene dalle cazzate che dici, prova a chiedere la bocca un minuto e vedrai.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: