Sto caricando...

Vasco Rossi
Buoni o cattivi

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ebbene, chi scrive questa recensione è un ex fan di questo artista diventato nel tempo l'idolo dell'italiano medio, l'idolo della generazione di sconvolti, l'idolo di milioni di ragazzi diventati padri e che a sua volta è diventato l'idolo dei loro figli.

Qui ci troviamo di fronte ad un artista che ha percorso la sua carriera sempre in salita, partendo dall'abisso più profondo fino ad arrivare dove ogni uomo sogna di arrivare, lassù nel mondo del successo. Pultroppo però Vasco è riuscito a cadere è in un pollaio, immaginare un pollaio non è difficile... questo pollaio ha una particolarità: chi ci abita non sono delle galline normali, ma delle galline dalle uova d'oro. Ecco, Rossi è una di questa galline, e insieme alle altre vivono, mangiano e covano le loro belle uova. Rossi è diventato come qualsiasi altro cantante pop di successo tipo Gigi D'Alessio, Cesare Cremonini, Lee Ryan e altri nomi straconosciuti e zeppi fino al collo nel bisness, quello che si fa in questo giro è di produrre non più per passione, ma bene sì di produrre per cercare di guadagnare un pò di più, utilizzando quelle poche idee e gli strumenti adatti per far si che una merda agli occhi nostri diventi attenzione... un cd!!! E io come un bavoso ragazzino innocente ci ero cascato, me ne sono accorto dopo che la custodia, il disco, il libretto erano fatti di materiale merdoso.

Provate a guardalo a microscopio, scoprirete che questo Buoni o cattivi è composto da molecole organiche merdose. Già i titoli mi davano un pò perplessità: "E..." "Hai Mai" "Seniorita"? Il primo è frutto di ispirazione da un rutto alla vasco, di quelli che come nella canzone "Siamo soli" riescono a riempire quei vuoti di melodia intrecciati tra il primo verso e il ritornello, per dare in un certo senso personalità alla canzone, non c' è dubbio infatti che ascoltando una canzone come quella non si riconosca l'autore. Gli altri due sembrano usciti dalla bocca di un miscuglio tra Justin Timberlake e Povia, banali insomma. Ora analilizziamo poco a poco di quello che sarebbe detto dai giornali di spettacolo un capolavoro: iniziamo con un pezzo orecchiabile che sarebbe la title track, è una canzone banalissima, un pezzo pop di tre minuti messo giù con le sue tre frasi ripetitive di uno che vuole capire la mente di tutti e dire in poche parole com'è e come dovrebbe essere la società, cose che all'ascolto di un deficiente qualunque non cagherebbe neanche se lo spiegassi. Segue la canzone fatta commercio: "Come stai"... sembra fatta apposta per la Vodafone (canzone di cui ne ha fatto parte ) questa canzone: "come stai/ti distingui dal luogo comune/ti piace vivere come vuoi e vuoi rispondere solo a te"; melodia e testo banale, una canzoncina tormentone che va oltre al suo personaggio, qui è puro Pop... non c' è niente da fare. Segue un'inutile "Anymore", brano acustico che ricorda molto le atmosfere di un altro album-commercio del blasco: "CANZONI PER ME"; siamo sempre sulla linea indecenza quindi. Ma ora arriva il vero orrore: susseguono "Hai mai", " Non basta niente", "Dimenticarsi", " Da sola con te" ... canzoni puro filo-d'alessiane che non hanno niente a che vedere a quelle vecchie canzoni che inneggiavano alla scazzo e allo sballo più spinto, sotto un profilo musicale più decente e più adeguato ad un rocker... la terza e la quarta che ho nominato poi sono dei veri e propi insulti alla musica, è come se ci sputasse sopra.

E non finisce qui!!!!.

"E..." ne avevo accennato prima qualcosa, è una canzone facilmente catturabile alle ragazzine arrapate sognatrici di tante storie tra fighi romantici e giornate a masturbarsi vicino al mare... è solo una brutta copia delle brutte ballate che componeva negl'anni 90. "Seniorita" è una canzone talmente stupida che faccio fatica a credere che sia diventata un'Hit... è un' inferno di banalità , di composizioni alla Gigi D'Alessio e di canzoni pop che danno illusioni rock dietro le chitarre plastificate di un sprecato Steff Burns. "Rock 'n roll show" è un passaggio di questo "album" che per sua fortuna si son dimenticati tutti. Le lamentele di "Un senso", un testo che ha la consacrazione di uno schizzo di quella che sarebbe la famosissima "Vita spericolata".

Concludendo senza citare "Cosa vuoi da me" unico episodio meno orribile, escludendo il semiplagio degli Offspring. Ormai non essendo più fan non sgancierò neanche un soldo per questa roba, sarebbe come sputare alla musica... Vasco è finito da tantissimi anni, e questa è un'altra delle sue prove, oltre ad essere un pagliaccio

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaSei

Danilo1987
Danilo1987
Opera:
Recensione:
Beh certo togliamoci anke Ligabue e chi ci rimane dimmi!?! I mitici Luca Di Risio,Meneguzzi, Tiziano Ferro e poi? Ma va a cagare va


ContatoreDiCasiUmani
Opera:
Recensione:
Ci rimane la PFM, il Banco del Mutuo Soccorso, Battiato, il miglior Battisti, i primi Litfiba, Fausto Rossi, il primo Bennato, De André.... devo continuare?


Danilo1987
Danilo1987
Opera:
Recensione:
Certo, ma togliendo Fausto Rossi e il Banco del Mutuo Soccorso(non ho la più pallida idea di chi siano), aggiungerei Vasco, Liga, Zucchero, Dalla....vabbè basta, tanto è inutile e poi qui bisogna parlare del disco. Io la mia l ho detta già


ContatoreDiCasiUmani
Opera:
Recensione:
Vasco è l'ultimo da aggiungere. Ligabue lo segue a ruota quanto ad inutilità. Zucchero, escludendo il fatto che il 99,9% delle sue canzoni sono copiate, qualcosina di discreto l'ha fatto. Eccetto Dalla (su cui non mi esprimo perchè conosco poco), questi sarebbero i grandi della musica italiana? STICAZZI, SIAMO A CAVALLO ALLORA!


Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier
Opera:
Recensione:
"...facilmente catturabile alle ragazzine arrapate sognatrici di tante storie tra fighi romantici e giornate a masturbarsi vicino al mare…" ma chi è che si masturba le ragazzine o i fighi??? E poi come ci si masturba vicino al mare? Voglio provare!!!


Morgan
Morgan
Opera:
Recensione:
Comunque la musica italiana non è composta solamente da cantanti di seconda categoria, ci sono anche validi artisti; oltre ai già citati De André, Battiato, PFM ecc... possiamo trovare: I Nomadi, Guccini, Capossela e molti altri. Con questo non voglio fare la bandiera della musica italiana ma non mi sembra giusto generalizzare. Perchè voi credete che nella musica inglese o americana sia diverso, che anche lì non ci siano i soliti quattro degenerati? E I Blue? E Duncan James? E Hilary Duff? (che almeno è simpatica), per non parlare del rap francese che a mio parere fa davvero pena, dovunque vai è così.


cptgaio
cptgaio
Opera:
Recensione:
Vasco Rossi e' indubbiamente stato uno dei piu' grandi musicisti italiani,detto questo e' da "Liberi...liberi"che non fa piu' nulla alla sua altezza ed e' mantenuto in vita(artisticamente sia ben inteso)dall' industria musicale italiana perche' e' ancora,come il Liga,capace di attirare l'interesse di uno zoccolo duro veramente numeroso che lo segue piu' per gratitudine per il passato che non per la effettiva validita' dei suoi lavori recenti.
Il disco e' indubbiamente brutto ma la recensione contiene troppe volgarita'.


Salesuliveires: E mio zio scoprì le valvole termoioniche!!!certo!
Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Stupisce che nel 2006 ci sia gente che considera Vasco Rossi come uno dei migliori artisti italiani. Vabè, ma questo non è poi così grave, visto che nel 2006 c'è gente contraria all'eutanasia e all'aborto. Alla recensione dò uno perchè ha originalità zero. L'album non lo ascolterò mai.


rebelde
rebelde
Opera:
Recensione:
quoto anche saputello


NouQuito
NouQuito
Opera:
Recensione:
dovrebbe morire ( anzi meglio di no: altrimenti ne faranno una loeggenda). Però deve soffrire.


David Bowie
David Bowie
Opera:
Recensione:
FedeHetfield, sei proprio un grande! al disco gli dò 2 giusto perchè quando uscì mi piacicchiva, ma ora è diventato il solito dischetto alla Vasco Rossi che fa svenire tutta Italia. Ma vi rendete conto che quel cesso di "Musica" di Repubblica gli ha dato 5 stelle e lo ha messo tra i migliori album del 2004, a scapito degli Interpol di "Antics"? una vergogna. L'unico difetto della recensione è questa similitudine con Gigi D'Alessio che trovo francamente eccessivo, anche se Rossi sia chiaro non mi piace proprio più.


Lethe
Lethe
Opera:
Recensione:
quoto più o meno ogni parola del Contatore!


Enciclopedia Poletti
Opera:
Recensione:
Brutto, brutto, brutto e ancora di più.


David Bowie
David Bowie
Opera:
Recensione:
Mi immagino un duetto nel suo prossimo album con Den Harrow dal titolo "Smettila di piangere". Tanto in questo Paese può succedere di tutto...


cptgaio
cptgaio
Opera:
Recensione:
Considero Vasco Rossi uno dei migliori artisti italiani appunto perche' i suoi primi lavori risalgono a molto prima del 2006...


Funghetta
Funghetta
Opera:
Recensione:
...che ridere Dott. Fottermeier...sei stato uno spasso!!


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
E' cacca.Punto.


Ale87
Ale87
Opera:
Recensione:
"Buoni o cattivi non è la fine, prima c'è la merda musicale di Vasco da sopportare" vatti a disintossicare PEZZO DI MERDA


primaguardia
primaguardia
Opera:
Recensione:
la tua rece è grandiosa personalmente la fine di vasco rossi la colloco con gli spari sopra poi.... solo merda e pensere che una volta ero iscritto al fan club!!!!!!!!!


BORNTORUN1976
BORNTORUN1976
Opera:
Recensione:
totalmente d'accordo tranne che per la canzone 1senso che non e'malaccio


a
a
Opera:
Recensione:
darth wanax
darth wanax
Opera:
Recensione:
Vasco non può essere considerato un musicista, perché musicalmente è un disastro. Scrive testi, magari qualche notina, poi altri fanno il lavoro vero. E' stato sempre così. Pop allo stato puro, fin dagli '80, travestito con chitarre distorte. Poi la fama di pipparolo gli ha dato la fama di rocker maledetto, e l'itaGLiano medio ha scambiato questo tortellino del rock per l'artista assoluto. Ragazzi, quando il mondo civilizzato ascoltava i Led Zeppelin, in questo Paese di provincia andavano di moda Il quartetto Cetra e, al più, Gianni Morandi. Oggi la situazione non è poi cambiata.


theknife82
theknife82
Opera:
Recensione:
Il primo vasco non è male, poi è andato via via scemando...musica ripetitiva (solita canzonetta italiana) e testi di una banalità allucinante scritti da un bambino di terza elementare. Un senso è bellina?ma i testi li leggete?è quasi peggio di "e...". Voglio trovare un senso a questa vita, anche se questa vita non ce l'ha e...bummm, milioni di copie vendute e coca garantita per altri cinque anni.


GustavoTanz
GustavoTanz
Opera:
Recensione:
Per me Un Senso è mille volte meglio di Happy Hour...per il resto rimango, come già scrissi, nel dire che Buoni O Cattivi non è minimamente paragonabile ad un Bollicine o a C'è Chi Dice No, tanto per dire...


Babel
Babel
Opera:
Recensione:
hai elogiato troppo questo idiota, è un fallito da sempre.


GustavoTanz
GustavoTanz
Opera:
Recensione:
Babel, parli con me? :D


racer
racer
Opera:
Recensione:
Si è perso col tempo, ma all'inizio era bravo davvero.


cacchione
cacchione
Opera:
Recensione:
buoni o cattivi non è paragonabile ai migliori cd di vasco ma ha al suo interno episodi fortunati "un senso""non basta niente'cosa vuoi da me'"e la stessa"come stai"è una canzone molto ironica..come fai a paragonarlo a gigi d'alessio?esagerato


Gardy
Gardy
Opera:
Recensione:
Io continuo a chiedermi perchè le Rece di Vasco sono tempestate di persone a cui di Vasco non gliene fotte un kazzo, così, tanto per il gusto di scrivere Vasco=merda ecc. ecc. come all'asilo. E' come se io andassi a commentare una rece di Gigi d'Alessio...manco la apro per la madonna!!!!
Che Vasco sia decaduto è un dato di fatto ma per favore lasciate perdere paragoni assurdi poichè fino al 96 Vasco c'era..che vi piaccia o no. Ora purtroppo è un businnes


Salesuliveires
Salesuliveires
Opera:
Recensione:
Quoto;bisiones.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Buoni o cattivi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link