Zonal
WRECKED

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ancora insieme Justin Broadrick e Kevin Richard Martin, dopo aver collaborato nei God e nei Techno Animal. Non cambia nulla rispetto al passato. Si ritrovano in questo asettico e statico progetto denominato Zonal. E' la metallica "Relapse Records" a divulgare lo scarnificato ibrido sonoro. Un grigiore diffuso messo in risalto già dalla copertina. Pochissime le note leggibili nel booklet interno al CD; non hanno bisogno di troppe spiegazioni i due manipolatori sonori. Non ci sono strumenti, non ci sono chitarre; buio e angoscia ne ricavo da un primo ed unico ascolto. Non voglio andare oltre, mi basta per parlare del lavoro. Diviso in due parti: sei brani, i primi, che vedono la solenne partecipazione vocale di tale Moor Mother, poetessa afro-americana da Philadelphia; i rimanenti sei brani completamente strumentali. Dark-Trip Hop gelido, infinito, teso, che scava dentro. Note ripetute, esasperate, cicliche. Industrial-Dub che in alcuni momenti mi ricorda La Carne di Dio del periodo più sperimentale ed elettronico di fine anni novanta. Ne vengo fuori frastornato; per mia fortuna mi accingo ormai all'ascolto degli ultimi due brani. Rarefazione diffusa, note sempre più impalpabili, letali; mancanza d'aria, sudore freddo. Voglia di mollare tutto, di uscire all'aperto...ma devo resistere. Le prime note di "Alien Within" si diffondono nella mia abitazione; minuti alieni, abbaglianti che sembrano provenire dallo spazio più lontano, da altri mondi. Un buco nero che ti risucchia. Vuoto, spossatezza, malessere; per fortuna le mie donne stanno rientrando a casa..."Ciao Marina, ciao Elisa"... Sono salvo... forse soltanto per questa volta...STARGAZER...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di WRECKED è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/zonal/wrecked/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Parto con il dirti che Moon Mother non è un Tale( Scherzo lo sai) ma in questi giorni è saltato fuori con un Lp dove sperimenta con il suono e il rap ? Molto valido.
--------------------------- ----------------------------------- ----------------------------------- ----------------------------------- ------
Zonal è il pianeta fantasma del Sistema Solare. il suo colore è grigio, solcato da ghiacciate profonde tracce ambient dark movimenti industrial che si vedono chiaramente anche dallo spazio. Quando l'uomo metterà piede su questo pianeta ?
Per fortuna esistono esploratori che amano sondare le profondità della musica più nascosta
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Bello averti come primo commentatore Buzzin!!! Tutto giusto quello che scrivi; ed è quello che si ricava dall'ascolto del disco. Per me uno dei TOP di questo 2019.
BonHiver
Opera: | Recensione: |
A proposito di moor mother,straconsiglio il suo gruppo jazz Irreversible Entanglements
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Terrò presente il tuo consiglio.
lector
Opera: | Recensione: |
AAAARRRRRGGGGGHHHHH!!!!!!!!
Il DeMa che recensisce un disco Trip-Hop, ambient!!
Il mondo sta per finire....
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ascoltando il lavoro credo che manchi davvero poco all'apocalisse...Mettiamoci in salvo Lector!!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Yeeeaaahhh!
DeMa che recensisce il Trip-Hop/ Ambient! È l'inizio di una nuova era!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Come ho detto nella recensione ho scritto i primissimi pensieri che mi sono venuti in mente nel primo ascolto del lavoro. Provali, troverai sicuro malsano piacere Almo!!
Almotasim : Va bene, le tue garanzie sono latte e miele. Quelle di GenitalGrinder un po' meno.
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
DeMa, ma che ti prende?!
Hai lasciato l'alpinismo per il curling?!
BËL (02)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Non ci sto capendo più niente: DeMa che recensisce un disco Trip-Hop, @[Danny The Kid] che posta un ascolto new wave...
De...Marga...: Ahahahahahaha grande Jonatan; ho avuto la medesima sensazione sull'ascolto del buon Danny!!!
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Aggiustamenti...parziali...minimi. ..». Vedi la vecchia versione WRECKED - Zonal - Recensione di De...Marga... Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

ste91
Opera: | Recensione: |
mi incuriosisce molto questo disco......devo ascoltarlo......mi piacciono parechio questi due artisti!
BËL (00)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
Bravo. Bella proposta e bello vederti alle prese con altri riferimenti musicali. Efficace anche su terreni insoliti.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Credo che possano essere di tuo gradimento algol. Ascolto sicuramente non semplice; al secondo personale ascolto ho usato le cuffie e confermo tutto quello che ho scritto nella pagina!!! Del resto Justin è per me uno dei personaggi in Musica che ho più apprezzato negli ultimi tre decenni.
algol: Ci hai preso. Ascoltati, mi piacciono molto.
De...Marga...: Ormai ci conosciamo benissimo dal punto di vista musicale!!!
algol: E le differenze sono poche bro
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
BANNIAMOLO!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ahahahahah sei unico ed irripetibile
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Ancora ritocchini...AZZ...». Vedi la vecchia versione WRECKED - Zonal - Recensione di De...Marga... Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

dsalva
Opera: | Recensione: |
Dai, non skerzare!
BËL (00)
BRÜ (00)

Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Interessante, Noi valuteremo con calma e attenzione :-)

PS: cosa mi consigli dei God?
BËL (01)
BRÜ (00)

ste91: i primi 3 album sono tutti belli. Ma il più interessante rimane the anatomy of addiction
De...Marga...: I dischi ufficiali sulla lunga distanza dei GOD sono soltanto due: Possession del 1992 e The Anatomy of Addiction del 1994. Ci sono inoltre due live di mostruosa portata sempre pubblicati in quelle annate. Album difficoltosi nell'ascolto, interminabili, con brani che in qualche caso superano i dieci minuti di durata. Ti consiglio Marco il primo disco che è un poderoso incrocio tra i Praxis, gli Scorn, l'Industrial-Metal-Rock tanto in voga nei primi anni novanta. Buon ascolto e credo ti possano piacere molto!!!
Marco Orsi: Ti ringrazio!
ste91: c'è anche loco :)
Nico63
Opera: | Recensione: |
Ha tutta l'aria di essere roba che fa per me.
BËL (00)
BRÜ (00)

Devixn1
Opera: | Recensione: |
Mi piace sta musica! Del resto mi ha mai deluso in vita mia Justin broadrick, il profeta del vuoto, il mentore dell' introspezione sonora, grandissimo, inarrivabile lui e chi gli sta vicino musicalmente parlando.
Da ascoltare , da avere da memorizzare
BËL (00)
BRÜ (00)

Devixn1
Opera: | Recensione: |
E' Yoga, e un Trip, infinito
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: