Sto caricando...

GrammarNazi la sua scheda

DeRango: 0,41   DeEtà™: 54 giorni  
Uno gruppi

Le parole sono importanti.

Figuriamoci se sono in una recensione.

Saluta con gioia!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

I saluti che quest'utente ha voluto ricevere

Wlaroma
Faccio presente a chi ha considerato errato l' uso di GLI al posto di A LORO nella recensione di Tototruffa 62 che tale perentoria affermazione non è esatta.
1) L'uso di GLI al posto di LORO o A LORO è ormai consolidato.nell' uso. E l' uso alla fine prevale sulla norma grammaticale. Ci sono infiniti esempi. A volte LORO o A LORO appare pedante e appesantisce la frase
2) GLI 3 persona plurale è etimologicamente corretto.
Deriva da ILLIS che dà GLI, esattamente come GLI 3 p. sing. che deriva da ILLI.




asterics: sarà anche diventata consuetudine, ma rimane molto burino
GrammarNazi: Le Sue affermazioni non sono peregrine. E certamente non è lontano, il giorno in cui "Gli" sarà perfettamente equiparato a "Loro", nel caso in esame.
Solo che, per me, quel giorno non è ancora arrivato. Per me, sottolineo.
E siccome la lingua, vivaddio, è ANCHE una questione di gusto, ho ritenuto, conformemente al mio modo di intenderlo, di sottolinearlo.
Dislocation: Affermazioni non peregrine né inutili, ma, suvvia, come direbbe @[sergio60] , nun se ponno sentì...
Per una volta ancora sono d'accordo DeUtente dal nickname fastidioso
TataOgg
Sai, alla fine il rapporto della deutenza con il tuo nome (in rapporto alla quasi assoluta indifferenza nei confronti di termini tragicamente infelici e all'apparenza innocui di cui non si comprende la violenza intrinseca) si sta rivelando una miniera d'oro. Ci restituisce uno spaccato di società vera, mica falZa.

GrammarNazi: Sante parole, cara @[TataOgg].
Tuttavia, non Le nascondo che mi dispiace non poco, urtare l'altrui suscettibilità...
Per cui, non finirò di farmene un cruccio.
Confaloni
E' d'uopo, in questi tempi natalizi, inviarle i miei migliori saluti ed auguri. Anche se, nel suo nickname, vi è il riferimento ad una ideologia luttuosa, penso che i suoi contributi a Debaser siano fondamentali in quanto provenienti da una persona dotta e stimabilissima. A presto su questi teleschermi..

GrammarNazi: Grazie davvero, mio buon Confaloni. Il Suo saluto e le Sue parole mi sono di grande sollievo e piacere: sapere che, dopo un iniziale scetticismo, godo del Suo favore, è per me motivo di grande soddisfazione.
Ricambio fervido i Suoi auguri.
asterics
Attendiamo con trepidante ansia una Vostra recensione, Sior Pedantone.

GrammarNazi: A suo tempo, in altre vesti, ne scrissi.
Ora non mi diverte più molto.
Magari, in futuro, chissà...
Geenooofficial
Sta attento grammar a non errare che, altrimenti, ti si brucia i peli del culo.

TataOgg: La matita rossa e blu non ha culo. Ma c'è il rischio concreto che si consumi nella metà del tempo.
Geenooofficial: Postmetto che “ti si brucia” è un impersonale alla toscana. 😅 per il resto adoro il lavoro di grammar ma, al contempo, credo sia davvero pericoloso per lui. Infatti, alla prima cappella, è fatta…
GrammarNazi: Non è questo, il punto, a mio parere.
"Anche Michelangelo ha fatto le sue cappelle", dicevano i fratelli Santonastaso.
Geenooofficial: Sai, Grammar, mi è piaciuto l’amo col bel verme cicciotto pronto ad essere ingoiato, alias la virgola tra verbo e soggetto dislocato.
GrammarNazi: È uno dei preziosismi che amo di più.
TataOgg
Quante inutili polemiche sul tuo nome! Ho visto -nazi applicato a tanti contesti ma finché é restato confinato all'ambito dello scherzo non ha mai generato incidenti diplomatici di sorta. Il tuo avatar invece hai giustamente pensato di sostituirlo con lo strumento didattico di tortura per eccellenza.
Sono felice che tu sia qui, mi danno fastidio certi errori grammaticali (punteggiatura, apostrofi, accenti, spaziatura ) sulle recensioni e ci vuole una mano forte, una guida.
Ciao Grammy

GrammarNazi: Grazie, TataOgg,
com'è ovvio, concordo con quanto hai detto tu a proposito del mio nome. Mi spiace sempre molto, quando mi rendo conto di non essere stato in grado di veicolare un messaggio che, nelle mie intenzioni, era piuttosto chiaro, e privo di qualsivoglia implicazione.
Anch'io sono felice che tu sia qui, a condividere la mia battaglia. Ma non credo di essere in grado di ricoprire il ruolo di guida o di rappresentare chicchessia.
Mi piacerebbe semplicemente riuscire a fornire spunti di riflessione.
Tutto qui.
Grazie di vero cuore, intanto.
Geenooofficial: Ci va la virgola prima della congiunzione “e”? Chiedo per un amico. 😚
ZenZero: Ma nel decalogo del GrammarNazi sono previste delle ore ( settimane) di ripetizione?

GrammarNazi: Giusta osservazione.
Per anni, ci hanno detto che, dopo la congiunzione "e", non va la virgola e ora se ne viene, bel bello, questo GrammarNazi a dirci che non è così.
Ma non sono io, a dirlo...

Uso della virgola prima della congiunzione e - Consulenza Linguistica - Accademia della Crusca
ZenZero: Comunque la virgola dopo la congiunzione "e" così brutalmente, senza quella stasi olimpica, è pure morte dei sensi.
Tu ci sarai abituato. GrammarNazi, ma per me sei da 4 in pagella e senza appello.
Non ti salveranno tutti i Digital Corrector della Galassia.
TataOgg: Ci sono casi in cui, le virgole posizionate prima della congiunzione, servono a dare particolare enfasi alla frase. La situazione é correttamente segnalata dalla Crusca nonché facilmente riscontrabile in qualunque testo di narrativa. Oppure si possono utilizzare i trattini "-...-", caduti in disuso, ma talvolta estremamente efficaci.
Grammy, dove pesco - sulla tastiera - le caporali?
Quanti errori ho scritto, in questo commento? :D
Kyrielison: Nessuno, @[TataOgg] . E ti dirò di più: particolarmente apprezzabile, quel soggetto ("le virgole posizionate prima della congiunzione") posto tra virgole. In barba alle più elementari regole di apposizione dei segni d'interpunzione e - proprio per questo! - capace di porre sotto la giusta luce l'elemento più importante della frase.
Quelle due virgole, messe lì, come un baluardo, come due torri, a proteggere il vero re della frase, quel soggetto che, senza di loro, cadrebbe altrimenti vittima del primo pedone di passaggio.
E chest'è.
Confaloni
Per quanto lodevole curare la grammatica, osservo quanto segue :
a) anche la sostanza vuole la sua parte (e che parte!) ;
b) se lei si erge ad inflessibile controllore, sappia che qualsiasi cosa scriverà poi troverà sempre qualcuno (su Debaser ed altrove) pronto a farle pagare il benché minimo errore di forma e sostanza con tanto di interessi arretrati (mai sentito "Everybody must get stoned!" a firma di mr. Robert Zimmerman alias Bob Dylan?) ;
c) le consiglio caldamente di non tirar in ballo quei tristi figuri addobbati con tanto di svastica. A fare una pessima figura è solo lei e non chi come me la critica.

Chiudo questa mia senza inviarle neanche gli auguri per le prossime festività. Semmai che Iddio abbia pietà di lei nel giorno del Giudizio Finale..

Confaloni: Dimenticavo : forse lei non si rende conto di cosa abbia significato, in passato, per milioni di povere persone avere a che fare i suddetti criminali svasticati. Eviti di evocarli (invito valido anche per Belzebu'..)
ZenZero: Mi pare che però qui, tentativi di leziosa sintassi & grammatica a parte, siamo al cospetto di qualcuno incapace di intendere e volere.
Semmai dovremmo rivolgerci al suo tutore e rimproverarlo per averlo lasciato libero di ironizzare, strafottente, sull'hitlerismo applicato alle sue scemenze ortodosse.
GrammarNazi: Per quanto lodevole il Suo saluto, osservo quanto segue:
a) Mi pare che, in questo periodo storico, la sostanza sia sopravvalutata, inevitabilmente a scapito della forma;
b) Io non mi ergo affatto a inflessibile controllore. Mi spiace, ma non ci siamo capiti. Al limite, più che ergermi, faccio sommessamente capolino, in un mondo in cui la Sostanza tracima, esonda e fagocita. Blob incontrastato che travolge tutto e tutti, in nome della superiorità di QUEL che si dice su COME si dice.
In tutto questo, io, ribadisco, non mi ergo a inflessibile controllore. Figuriamoci...
Mi limito a far capolino come modesto suggeritore;
c) Per l'ultima volta, riporto che l'espressione "Grammar Nazi" non è mia. Io mi sono limitato, confidando nell'ironia dei miei interlocutori, a sceglierla come nickname.

Chiudo questa mia inviandoLe i miei più sentiti auguri per le prossime festività, certo che iddio non avrà pietà né di me né, tampoco, di Lei.
Confaloni: Faccio notare, come da battuta finale in "Some like it hot" di Wilder, che "nessuno è perfetto". Quindi ne' lei, ne' mr. ZenZero e neppure io possiamo ambire a simile traguardo. Lei si lamenta della sovraesposizione della sostanza rispetto alla forma? Bene, non creda di cavarsela appellandosi al sense of humor per giustificare un nickname comprensivo del riferimento al nazionalsocialismo. Il Novecento è stato il secolo anche di ideologie mortifere per l'umanità. Se ha qualche dubbio si vada a leggere qualche buon libro in proposito. Non so lei ed altri, ma il sottoscritto qualche convinzione l'ha maturata nel corso del tempo. Buona lettura e non creda di farmi recedere dalle mie idee.
GrammarNazi: In realtà, inizialmente, ero indeciso tra GrammarNazi e GrammarNié, altrimenti conosciuto come Grand Marnier.
Ho scelto il primo perché ritenevo più pericoloso andare a toccare il nervo scoperto della lobby dei produttori di alcolici.
lector
Ben arrivato (anche se tendo a supporre che tu non sia nuovissimo di questi lidi)!
Il tuo "nom de plume" è interessante, sebbene difficoltoso da indossare; esso richiede ironia e - soprattutto - autoironia mista ad elegante sottigliezza. Te ne saprai vestire in modo adeguato? Solo il tempo potrà dircelo.
Nel frattempo accetta il mio DeAmore, se ti garba e "s'altri nol niega".
Solo due (al solito non richiesti) consigli:
- Il ruolo di correttore di bozze è ingrato, per essere credibile sarebbe d'uopo mostrare che si è capaci di fare ciò che agli altri si richiede; quindi mettiti in gioco scrivendo, vedrai che correggere le proprie bozze è ben più complesso del correggere quelle di altri.
- Fai attenzione ad @[Eneathedevil] che è stato, fin qui, la nostra "maestrina dalla penna rossa" (eoni fa ci provò la mitica @Flo a correggere i nostri svarioni, ma la fatica fu ìmproba). Egli (Enea le Diable) è infìdo come il suo nome suggerisce e non cederà il suo ruolo con facilità, vedrai ... (qui Televideo - Centro di produzione Rai di Via Teulada - recensione e qui Different Every Time - Robert Wyatt - recensione tra i commenti, alcune nostre schermaglie, alle quali potrai - se ti aggrada - partecipare).
Nel frattempo ti accolgo nel regno di Capishonia Il gruppo 'Capish' su debaser al quale, credo, naturalmente tu appartenga; ad esso potrai [reimparare] "come l'ausello in selva a la verdura".

GrammarNazi: Questo è un saluto che, sinceramente, non credo di meritare, tanto è dovizioso.
Lei mi chiede, prendendo a spunto il mio tanto vituperato nom de plume, "te ne saprai vestire in modo adeguato?"
Non lo so. Solo il tempo, come dice Lei, potrà dircelo. Nel frattempo, mi lasci ammettere che mi piacerebbe.
Grazie per le attenzioni, per il DeAmore, per tutti i preziosissimi consigli, per Guinizelli e per Dante.
Eneathedevil: Ehi, Sire, c'era anche la discussione sul "come se" più congiuntivo: lì mi sa che avevate proprio sparato una bischerata!
Eneathedevil: P.S. Saluti al Grammar Nazi!
asterics: Enea = Grammarnazi
(è sin troppo evidente, suvvia)
Eneathedevil: Ahahahahah, effettivamente tutti gli indizi porterebbero a tale identificazione, però... a che pro crearmi un fake se già con la mia identità principale scasso abbondantemente la minchiuzza su grammatica e affini? Sarebbe ridondante. Le tue doti investigative fanno acqua, Aster...
TataOgg: UH!
La "minchiuzza" è da vero omo siculo!
TataOgg: ehm.. volevo dire l'espressione ""..."
lector: Non minus interdum oratorium esse tacere quam dicere!
E ho detto tutto... e ho detto tutto
Eneathedevil: ...Maxime cum te dicere non opus est!
asterics: ahahah
gaston
Il rossoblu ti dona.
Cambi anche il nick e sei perfetto.
Che so...T9, per esempio...:))
Rossoblu e so vanno bene senza accento?

GrammarNazi: Comunque sia, il nick non si può più cambiare.
"Rossoblù", diversamente da "rosso-blu", vuole l'accento.
"So", invece, no.
gaston: Ok grazie.
ZenZero
Mi pare che tu sia già inciampato però nella tua sintattica autorevolezza.
E già, perché citi la Treccani, anche quando in fondo, codesta vi descrive come una schiera di nerd ossessionati dalla forma.
Ma testualmente citerei, però correttamente la TreccanI, a questo punto ...
" GrammarNazi :intransigenti censori del linguaggio altrui amano definirsi «grammar nazi», nazisti della grammatica: dimostrano così un sense of humour non certo all’altezza delle loro fisime puriste".
Ed anche in un portale di recensioni, i contenuti a volte racchiudono un senso infinitamente più alto della perfezione formale.
Ed io sarò fatto strano, ma in una domenica qualunque non riesco proprio serenamente a leggere quel termine, quel termine che denota una immensa carenza intellettuale, sempre sottrazione e mai somma di grammarian con NAZISTA.


GrammarNazi: Ma io SONO un nerd ossessionato dalla forma, diamine.
Andava precisato?
E allora dirò di piu: la forma è sostanza.
ZenZero: Povero.
Sei proprio durato pochissimo...
( cit. )
GrammarNazi: Ma perché tutta questa acrimonia, Zenzero...?
Non mi pare di aver offeso alcuno, ho avuto parole di elogio per molti recensori, son qui dentro da poche ore.
Siamo anche sotto Natale, in fin dei conti... E dovremmo sforzarci di essere tutti più buoni.
Donde viene, codesta aggressività, benedetto ragazzo?
ZenZero: Gent.mo GrammarNazi, provo a rifarti la domanda, una volta ammesso ( tue parole) che sei un nerd ossessionato dalla Forma.
E che pertanto per varie ragioni, che non sta a me approfondire, la tua memoria storica potrebbe essersi dissolta nella granulare ricerca dello stile perfetto.
Ma UNA VOLTA PER TUTTE , cortesemente ci potresti richiamare alla memoria cosa c'entra il NAZISMO con il termine GRAMMAR(IAN).
Per cortesia, parole tue...non facciamo citazioni, non cerchiamo improbabili Retter des Vaterlandes, lasciamo stare la Treccani.
Ho già spiegato Io, cosa dice di voialtri, la Treccani.
Grazie mille !
Buona Domenica!
GrammarNazi: Ma cosa posso dirti, ancora, che troveresti soddisfacente?
Ti ho già detto che il termine "Grammar Nazi" non è mio. È invalso, invece, ricorrere a quel termine quando ci si vuol riferire a un intransigente e pedante difensore della lingua.
Io l'ho semplicemente adottato per il mio profilo, con un - ritenevo - evidente intento umoristico.
Perché mi piaceva, con auspicata autoironia, rispecchiarmi in quella definizione.
Altro di me non Le saprei narrare, sono il Suo Grammar Nazi che La vien fuori d'ora a importunare.
ZenZero: ...
ZenZero: Comunque ZenZero si scrive con la seconda Z in maiuscolo.
Iniziamo bene...
GrammarNazi: Giustissimo.
Bene ha fatto a rimarcarlo.
Il Grammar Nazi non è esente da errori, è bene chiarirlo fin da subito.
Non è che un umile lavoratore nelle vigne della lingua.
7+ al buon ZenZero.
MarkRChandar
Irriducibile.
Maonna che grullo.

MarkRChandar: Come trovata però è simpatica.
AndreaSalce
ma a parte l'avatar incommentabile (anzi no, si commenta benissimo da solo purtroppo..) e a fare il professore di grammatica che fai qui dentro? Scrivi anche o spacchi solo le palle?

GrammarNazi: Per il momento, mi limito alla seconda ipotesi.
MarkRChandar: @[AndreaSalce] Bra, io l ho segnalato infatti.
Dislocation
Quindi hai creato un profilo per il solo gusto di tracciare una mappa di errori ortografici e/o sintattici negli scritti sul DeB...
Almeno potevi scegliere un avatar meno provocatoriamente, simbolicamente, anche, tragico.
Ma tant'è.

GrammarNazi: "Grammar Nazi" ha una definizione anche sulla Treccani, per cui, se mi immaginavo peccare di qualcosa, semmai era di banalità, non di cattivo gusto.
Ad ogni modo, se anche solo una persona si sente turbata dall'immagine che ho scelto, come mi è stato fatto presente, è motivo sufficiente perché io debba porgere le mie scuse e provvedere subito a modificare l'avatar.
Quanto alla questione principale, la risposta è più semplice: ho creato un profilo, con intenti che pensavo essere facilmente riconoscibili come al confine tra il serio e il faceto, per il solo gusto di far presente a chi voglia scrivere una recensione che le parole hanno ancora un'esigenza di esattezza che spesso viene trascurata.
È ammissibile?
Dislocation: Quoto decisamente per il cattivo gusto, fratello, virato inevitabilmente verso la banalità, come tu sai che spesso accade.
Ottimi i colori scelti per la matita nel nuovo avatar.
gaston
Sei simpatico e gentile.
Ma ti intendi solo di grammatica o anche di musica?

GrammarNazi: Faccio quel che posso in entrambi gli àmbiti.
gaston: Bene, ti attendo sulla musica, allora.
Geenooofficial: Che vezzoso… mi pare di conoscerlo ‘sto grammar… 😉