Sto caricando...

James Cameron
Avatar

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"AVATAR" : negli spot tv, nelle radio, nei poster appesi in città, nelle magliette, nei bicchieri di carta, sulle infisse degli autogrill, in bocca alle persone, sulle strisce attaccate agli aeroplani (in America l'hanno fatto!), nei videogiochi, nei libri, e soprattutto in RETE!  AVATAR    AVATAR    AVATAR    AVATAR   AVATAR (e così via da tre mesi a questa parte). Ti affacci dalla finestra la mattina e senti gli uccellini cinguettare in pandoriano!

La campagna promozionale di un film di solito porta sempre bene (per attirare attenzione e soprattutto nell'accalappiare le masse come galline attirate con il mangime), ma quando si spendono 150 milioni di dollari per scrivere "capolavoro" anche nelle pareti dei cessi pubblici delle stazioni ferroviarie potrebbe anche trasformarsi in un effetto collaterale per chi come me aspetta il film da anni, semplicemente perché ti rechi al cinema aspettandoti di vedere la madonna di Fatima apparirti durante la proiezione, o di emozionarti come mai ti era successo prima. Sei lì che ti domandi ogni giorno "ma cosa sarà mai questo AVATAR? Sono emozionato come un bimbo", quindi anche se il film è da 10, tu ti aspetti un prodotto da 100, e quando ti accorgi che in realtà è un opera da 10..  be.. provateci voi a non rimanere delusi di fronte a 90 punti in meno! Questa è più o meno la sensazione che ho provato già dal primo quarto d'ora di proiezione. L'opera di Cameron è senza dubbio di qualità, forse non da 10 e lode ma a mio avviso un bel 9,5 non glielo toglie nessuno. (Il problema è che mi aspettavo 100! Come sono esagerato!)

Bisogna innanzitutto fare una distinzione tra senso di meraviglia ed emozione pura;  facendo un esempio potrei dire che osservando un enorme nave da crociera o un transatlantico come il Titanic proverei un senso di meraviglia, mentre osservando la torre Eiffel illuminata in una magica sera parigina proverei un'emozione, ovvero un battito accelerato di cuore, un brivido, un qualcosa di fortemente emotivo. Vedere un gorillone come King Kong ruggire e lottare mi meraviglia, sentire il pianto di un neonato mi emoziona. Stessa identica cosa per AVATAR. Entrare in un mondo tridimensionale, popolato da creature mai viste e paesaggi mozzafiato, è qualcosa che suscita meraviglia, stupore, si rimane a bocca aperta, non si riesce a credere ai propri occhi, mi tolgo gli occhialini per un attimo, mi volto e vedo che l'intera sala è immobilizzata a bocca aperta, è un ipnosi di massa a cui è impossibile sottrarsi; sei lì che ti chiedi in continuazione come sia stato possibile fare una cosa del genere, ti chiedi se ciò che vedi è reale! Ma è qui.. proprio in questo stupore che si crea un limite.

Vedere il film in un cinema con proiezione digitale 3D stereoscopico è un'esperienza visiva senza precedenti (solo l'IMAX può darti di più), l'occhio è invaso da sensi, la mente è concentrata sull'effetto, e più che assistere ad un film sembrava di stare a Disneyland, in una di quelle sale 3D per famiglie in cui conta solo l'effetto, io personalmente non riuscivo a distogliere la concentrazione dal tridimensionale e dalla stupefacente fotografia, tutto ciò a discapito delle emozioni!  E qui viene il punto dolente della mia esperienza..  non mi sono emozionato!  Nonostante la meraviglia per occhi e mente, il mio cuore ha tenuto gli stessi battiti, la mia pelle non si è mai arruffata, la mia schiena non ha mai avuto un brivido, la storia d'amore non mi ha fatto sognare, il protagonista non mi ha fatto immedesimare più di tanto, i miei occhi non sono mai stati lucidi dall'emozione (soltanto lacrimanti a causa delle due ore e quaranta di sforzo oculare).  Ecco cos'è stato AVATAR per me, tanta meraviglia visiva e poca emozione narrativa.  Sono un po' dispiaciuto ma non deluso. Ho atteso il film per anni (da molto prima che iniziasse questa campagna promozionale per pecore)  e forse il mio errore è stato quello di aspettarmi una sorta di miracolo in ogni campo. Ma poi ti accorgi che un film non può essere perfetto, semplicemente perché fatto da uomini (tradotto: semplicemente perché fatto da americani).

Ciò che veramente rende questa opera grandiosa è stato lo strabiliante processo creativo del regista e del  suo eccezionale staff  tecnico (veri e proprio talenti con la "T" maiuscola),  James Cameron avrà anche tutti i limiti dell'americano medio (patriottismo, cazzutaggine, irritante moralismo spicciolo, megalomania...)  ma di sicuro è dotato di una mente geniale!  L'intero mondo di Pandora creato nella sua mente, disegnato dalle sue mani, costruito con mezzi brevettati da egli stesso;  la parola "Director" non è mai stata così appropriata, perché a muovere ogni singolo filo è lui.  Non si parla di semplice  regia, Cameron è un direttore artistico di grandissimo talento capace grazie ad ingegno, tenacia, creatività, e diciamolo, anche di tanti miliardi, di portare il cinema tecnologico sempre un balzo avanti, di evolvere la settima arte film dopo film. Per questo onore a Cameron (qualcuno direbbe che son tutti buoni a fare film con i soldi.. io non ne sarei tanto sicuro! Guardate che cagate che fa Roland Emmerich!). Ciò che manca a questo regista è secondo me il lato più "umano" nella sua regia, l'impossibilità secondo me di girare un grandioso film senza miliardi di budget. Mi domando se la storia d'amore narrata in Titanic gli avrebbe fatto vincere  ugualmente un oscar come miglior regia o miglior film se fosse stata ambientata in un grande magazzino. Non saprei..  specialmente se si pensa che i suoi colleghi da Oscar come Peter Jackson hanno iniziato la loro carriera con geniali horror splatter artigianali passati alla storia e B-movie di ogni tipo, mentre Cameron prima dei suoi kolossal fu licenziato sul set del vergognoso "Pirana Paura". Le sue ultime dichiarazioni di non voler girare mai più un film tradizionale, mi fa rimanere col dubbio sulle sue effettive qualità di regista senza usare miliardi. Ora però per correttezza devo citare un suo grande film low budget (seppur pieno di effetti speciali.. e di limiti), quel mitico "Terminator" del 1984.   Cameron è comunque un visionario, un creativo, e soprattutto un ingegnere, una specie di scienziato del cinema, avrà i suoi limiti registici ma è innegabile che sia un artista di talento.

Detto questo cosa rimane di AVATAR?  Una storia vista e rivista milioni di volte, l'americano buono MA cattivo vuole portare la sua finta democrazia in paesi poveri per prendere le materie prime,  un americano si innamora della tribù, si unisce a loro e lotta per la libertà.  Ed ecco assistere al discorso stile "Braveheart", alla lotta aerea stile "True Lies", al corpo a corpo tra alieno e macchina di "Aliens 2" (con la stessa macchina tra l'altro), all'indigena stile "Pocahontas", ai stupendi paesaggi selvaggi stile "Balla Coi Lupi" (con tanto di civile che tenta di integrarsi nel branco)  alle solite parate militari viste in dodicimila film, il tutto narrato in un contesto visivo mai visto prima! Non so se voi riuscite ancora ad emozionarvi con queste cose, io purtroppo.. non ho più 20 anni! Be.. non piangerò, non avrò aumento di battiti cardiaci, non avrò pelle d'oca, ma di fronte a tale bellezza visiva non si è mai troppo grandi per rimanere letteralmente senza fiato.  Di grande impatto, oltre le ambientazioni al limite dell'impossibile, è senza dubbio la recitazione degli attori con la famigerata tecnica del performance capture, con cui il regista filma i veri attori sul set vedendo contemporaneamente recitare la loro controparte virtuale su un altro schermo, anche se "virtuale" è un termine che sa di finto, mentre invece nel caso dei personaggi di Avatar la perfezione a volte è più vera del vero! Qualcosa di mai visto. Colpisce soprattutto la caratterizzazione degli indigeni (il loro linguaggio originale, i modi di fare, le usanze, le movenze feline), in particolar modo della ragazza, ed il bacio passionale tra i due (speriamo mettano la famigerata scena dell'accoppiamento nel dvd!) . L'effetto 3D assicura momenti di immersione senza precedenti, anche se nelle scene troppo veloci si perde un po' la messa a fuoco (questo dipende dal fatto che non eravamo in un cinema IMAX, sicuramente la visione nei cinema 3D in pellicola sarà ancora più fuori sincrono) .

"Tecnicamente" Cameron confeziona il tanto acclamato capolavoro,  una vera e propria opera d'arte visiva e molto ben diretta.   Peccato che ad ogni effetto speciale aggiunto si sia sbiadita una pagina di sceneggiatura.  Un vero peccato.

Spero che nella versione DVD, passata la sbornia del 3D, possa rivalutare storia e personaggi con più attenzione. Per ora il mio giudizio da 1 a 10 è: 9,5.  Ma va specificato che il 9 è per la parte visiva (sarebbe un 10 ma il 3D non funziona bene nelle scene iper veloci) e il  ,5 per la "solita" storia.

Voto troppo alto?  Non nel caso di uno che si aspettava 100!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su CentoTrentOtto

nes
nes
Opera:
Recensione:
"metti sullo stesso piano recitazione e montaggio " non l'ho mai detto. Mi sono limitato a dire che il montaggio non è la cosa più importante di un film.
"il piano regia è la scelta delle inquadrature " verissimo, oltre alle inquadrature vi sono riportati i dialoghi dei personaggi e le note del regista( per ogni singola inquadratura).
"in prima pagina fino a pochi giorni fa c'era un film di Kim Ki Duk (che dire ora sconosciuto è azzardato) ma regista di grande valore apparso recentemente i tuoi commenti non li ho visti su avatar che conoscono i bambini di 6 anni hai scritto poemi...mah questi pischelletti saccenti di oggi!"Non ho commentato perchè di kim ki duk ho visto solo ferro 3. Vuoi che ti dia ragione su tutto perchè non ho visto tutta la filmografia del regista koreano? Ok se sei contento tu... Hai ragione su tutto!
PS: l'esamino cinematografico lo trovo patetico( veramente sei andato a controllare se c'erano miei commenti??? dai...) comunque, se vuoi stare in korea mi piace park chan wook, anche lui non proprio sconosciuto ormai a dire il vero ( I'm a cyborg but that's ok è quello che preferisco di quelli che ho visto, di cui è però reperibile solo la versione sottotitolata, o almeno era l'unica quando l'ho visto). Se invece vuoi spostarti in Europa trovo piacevole è lo svedese Lukas Moodysson. Spero di avere buone possibilità di passare il test d'ammissione, La prego noti l'ora a cui le rispondo prof.


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
"oltre alle inquadrature vi sono riportati i dialoghi dei personaggi e le note del regista( per ogni singola inquadratura)." bene che non sono montaggio!
uno che dice che conosco e mi riempio la bocca solo i grandi nomi che tutti conoscono e tu mi riporti altri 2 registi un pò pochino, per un alternativo come te che conosce fior fiore di registi sconosciuti... di park chan wook ho visto solo "Old Boy", "Lady Vendetta" e "Mr. Vendetta", regista interessante, ma nessun capolavoro, Moodysson non lo conosco ma penso che non abbia fatto film "indispensabili"... comunque qui chi faceva il prof sei tu dicendo che appunto parlo di registi che conoscono tutti, mentre tu chissà quanti ne conosci...
Torno a ripetere è ovvio che un film che abbia tutti (o molti) gli ingredienti al top sia un capolavoro, ma è anche vero che il montaggio è una delle basi fondamentali del cinema...


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
anzi è la base


nes
nes
Opera:
Recensione:
""oltre alle inquadrature vi sono riportati i dialoghi dei personaggi e le note del regista( per ogni singola inquadratura)." bene che non sono montaggio! " no non sono montaggio ma lo forzano e se ti piace tanto avere conferme da chi il cinema lo fa vatti a vedere gli inserti speciali di raging bull dove la montatrice premiata con l'oscar sostiene che l'oscar andava dato al regista dato che le scene erano già tutte pronte nel piano regia. è la regia a fare la differenza in un film, se no ti trovi con montatori coi controcazzi alle dipendenza di registi semi idioti e ottieni gli ultimi film di tony scott.
"uno che dice che conosco e mi riempio la bocca solo i grandi nomi che tutti conoscono e tu mi riporti altri 2 registi un pò pochino," come ti ho già detto l'esamino la trovo una cosa patetica, ho letto su queste pagine questa frase:" mai discutere con un idiota, prima ti porta al suo livello, poi ti batte per esperienza" io al tuo livello non ho intenzione di pormi, volevi dei registi validi e non famosissimi? Te li ho dati." Moodysson non lo conosco ma penso che non abbia fatto film "indispensabili"... " continua pure a criticare film e registi senza aver visto nulla di loro, e a dare agli altiri del saccente. Rifletti prima di parlare dai, Mi dai del saccente e mi vuoi fare gli esamini... ma piantala, vatti ad ascoltare zappa che fai più bella figura. Ah mi raccomanfdo continua a guardare tutti i commenti che lascio, magari un giorno trovi qualche cosa a cui attaccarti nella speranza di riucire a dimostrare che il montaggio è la cosa più importante del cinema! mi raccomando è, controllali tutti, ma prprio tutti tutti.( ma non hai altro di meglio da fare?)


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
infatti lo premesso (in uno dei primi post) caro nes ma evidentemente non leggi o non capisci, un bravo regista lo fa appunto perchè sa quanta importanza abbia il montaggio, e lo fa non per forza nel piano regia, che comunque è altra cosa, può averle segnate ovunque anche solo nella sua testa (hai mai sentito parlare del free cinema degli anni '60? sapientino scuola).. è il REGISTA a fare la differenza NON LA REGIA! "ottieni gli ultimi film di tony scott" ma pure i primi! sono questi i tuoi registoni, ho solo detto che l'altro regista non lo conosco ma non ho mai neanche sentito parlare di grandi film di questo regista, e non ho dato valutazioni di merito, tra i molti registi europei hai i citato un regista senza dubbio meno importante (se tu stesso a dirlo tra l'altro!)...mica stò a leggere tutti i tuoi poveri commenti, sono solo andato sulla rece di Kim, visto che conosco i suoi film e dato che era una rece recente e non ho visto tuoi saccenti commenti....
sul resto della pochezza della tua discusione non stò nenache a commentare.


nes
nes
Opera:
Recensione:
Adesso basta dai stai diventando noioso, scusa se te lo faccio notare."è il REGISTA a fare la differenza NON LA REGIA!" la regia è il lavoro del regista il montaggio il lavoro tirato fuori dal montatore la fotografia il lavoro tirato fuori dal direttore della fotografia ( e tecnici luci addetti ai fuochi ecc) la tua frase è totalmente priva di senso quindi, il regista fa la differenza e la regia fa la differenza sono due frasi che vogliono dire la stessa cosa, evita di fare giochetti dialettici che ti riescono male...ma pazienza continua pure a parlare e cercare falle nel mio discorso.///" "ottieni gli ultimi film di tony scott" ma pure i primi! sono questi i tuoi registoni," no non sono questi, ho citato scott perchè direi che domino e man on fire siano gli esempi migliori di come il montaggio non sia la cosa più importante di un film; ovviamente non intendevo che tony scott fosse un buon regista dato che nel commento che ti ho lasciato prima era associato a questa frase:"se no ti trovi con montatori coi controcazzi alle dipendenza di registi semi idioti " semi idioti non vuol dire bravo a casa mia, a casa tua non so.
"mica stò a leggere tutti i tuoi poveri commenti, sono solo andato sulla rece di Kim, visto che conosco i suoi film e dato che era una rece recente e non ho visto tuoi saccenti commenti" beh deciditi allora, vai a cercarli o vai a caso per recensioni e poi controlli i miei commenti? ( non mi sembra ci sia grossa differenza...)"sul resto della pochezza della TUA discusione non stò nenache a commentare. " guarda che è una discussione che stiamo affrontando entrambi e che per me si poteva chiudere al commento 102 (come ti avevo li detto), addirittura ti ho detto che per me puoi anche prenderti le ragioni che vuopi, sai che mi frega, solo evita di andare avanti a sparare cazzate. E piantala di darmi del saccente, sei tu quello che fa gli esamini e i test... Io mi limit a dire che il montaggio non è la parte più importante di un film, e come me la pensano tutti i montatori che ho conosciuto e, dato che ti piacciono i nomi, Thelma Schoonmaker la montatrice già citatati prima, vincitrice dell'oscar nel 1971 per raging bull.


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
va beh allora sei inetto, prima dici che un montatore vuole dare l'oscar al regista (giustamente se è lui che aveva già predispsto tutto e lui ha fatto solo il lavoro manuale) "il regista fa la differenza e la regia fa la differenza sono due frasi che vogliono dire la stessa cosa" ma che dici??? il resto è tutta una contraddizione di quello che dici prima quindi ciao saccentino...


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
tra l'altro tu stai parlando di "raging bull" di Scorsese???? no perchè è del 1980 che 1971!!! e appunto il regista è un certo Martin Scorsese...


nes
nes
Opera:
Recensione:
Sì scusa hai ragione è dell'80 non so come abbia fatto a commettere un tale errore( forse perchè a differenza di qualcuno non uso google) ciò non toglie che quello che dice la montatrice sia appunto che l'oscar andava alla regia e non al montaggio (che toro scatenato sia del 71, del 80, o del 56 non cambia il concetto di base, vale a dire che il montaggio non è la cosa più importante di un film) . Questa frase "il regista fa la differenza e la regia fa la differenza sono due frasi che vogliono dire la stessa cosa"da te contestata con un semplice "ma che dici?", dimostra la tua povertà di argomenti, l'ho già spiegato prima ma evidentemente ti diverti ad estenuare il tuo interlocutore con cazzate attaccandoti poi alla minima falla che probabilmente non c'entra nulla con il discorso di base( vedi raging bull del80 e non del 71). Se vuoi te lo rispiego: il regista cosa fa in un film? la regia! allora in un film dire che la regia ( il lavoro del regita) è meno importante del regista è una frase priva di senso. Proviamo a renderla ancora più comprensibile ( scusa ma le marionette non le ho a portata di mano) in un assolo di chittarra è più importante l'esecuzione dell'assolo o il chitarrista che ssta suonando?( a casa mia direi che sono la stessa identica cosa, ma abbiamo già visto che a casa tua le cose sono differenti dato che "povero idiota"(riferito a tony scott) e regista di valore per te vogliono dire la stessa cosa...) Purtroppo di contraddizioni non ce ne sono all'interno della mia discussione ( tanto che non provi neppure a dimostrarla questa tua tesi); non ti ho mai insultato ( mentre tu mi dai dell'inetto); e mi sono realmente rotto le scatole di discutere con una persona spocchiosa maleducata che accusa gli altri di assumere atteggiamenti saccenti quando tu per primo non motivi nulla di quello che dici (salvo giustificare le tue affermazioni con un ipse dixit), e cerchi di fare gli esamini da scienze dei beni culturali. quindi fai il favore di riflettere prima di parlare, l'atteggiamento da saccente lo hai tu. Non solo, continui a menarla su questo tasto nella speranza di innervosirmi, Sul serio non sei riuscito in una ventina di commenti a trovare una maniera migliore per giustificare le tue tesi? forse vuol dire che sono tesi un po' labili no? Ma poi chi se ne frega dopo essere stato insultato da riccardo cuor di leone che parla da dietro un computer penso di non aver più nulla da dirti. Puoi benissimo rispondere adesso e avere lultima parola, tanto visto come hai affrontato la discussione, è l'unica cosa che ti interessa. I bimbi li accontento sempre volentieri, scusa se non l'ho fatto prima, credevo di parlare con una persona più matura. Errore mio.


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
la differenza la fa eccome tra primi '70 e inizi '80... in primis basta aver visto il film per capire che è un film post Taxi Driver!!! 2° a differenza tua l'ho visto almeno 10 volte e non ho bisogno di andare a vedere su google (smetti di copiare le frasi che dicono altri in altri post, tra l'altro riferiti ad altre cose, e che almeno ci azzeccano! a differenza tua)...3° per l'ennesima volta ti contraddici prima dici che il montaggio l'ha ideato Scorsese, il che è vero in quanto è lui che ha pensato alle splendide sequenze degli incontri, poi dici l'oscar della regia che è altra cosa, che avrebbe probabilmente meritato l'oscar pure per la quella può essere vero (ma dato che gli oscar sono premi politico/promozionali io non gli do troppo peso) ma se regia èun premio a parte evidentemente si differenzia dal montaggio altrimenti si chiamerebbe regia-montaggio... poi che giganti come Scorsese appunto prestino massima cura e sopprattutto idee al montaggio è quello che differenzia un buon regista da un grande (come già ho detto 10000000 ma tu non compriendi)...
4° "il regista cosa fa in un film? la regia! allora in un film dire che la regia ( il lavoro del regita) è meno importante del regista è una frase priva di senso" so che per te è difficile arrivarci... ho detto che LA DIFFERENZA la fa il regista cioè colui che non si limita a filmare le inquadrature (ma appunto come Scorsese) segue il film e mette idee per montaggio, sceneggiatura, ecc... 5° avrai ragione tu visto le tue continue contradizzioni e non capisci neanche quello che uno scrive


Pibroch
Pibroch
Opera:
Recensione:
Capirò 'na cippa di cinema (arte di intrattenimento), che vi devo dire? ;-)


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
PIBROCH perchè arte di intrattenimento, dove è scritto?


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Ehi, ZZZZZZZZZZZZZZZZZZZeta, non l'ho visto il film ma sottoscrivo anche le virgole di quel Keplero lì ciaU, nè


Pibroch
Pibroch
Opera:
Recensione:
Da nessuna parte; ma io la vedo così. Se devo farmi una cultura, preferisco leggere un libro: al cinema voglio vedere un buon film. De gustibus. Stammi bene, uomo Starbucks. ;-)


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
ma dove vivi? ma che ti hanno rinchiuso dentro una scuola media? la tua maestra non ti ha voluto bene? la cultura la si fa con la musica, il cinema, la letteratura, la poesia, la pittura, il teatro ecc... mica solo con i libri... poi che tu la veda così come dici è solo un tuo limite, negato dai fatti


JimMorrison
JimMorrison Divèrs
Opera:
Recensione:
Posso concordare con Josi? Suona male? L'ho visto e seppure non sia definibile un capolavoro nel senso stretto del termine resta comunque uno spettacolo pienamente godibile per i motivi già elencati.


JohannesUlver
JohannesUlver
Opera:
Recensione:
Non l'avevo letta. Certo che l'effetto "Balla coi lupi" l'ha fatto proprio a tutti. Complimenti per la rece!


giola
giola
Opera:
Recensione:
Bella davvero. La migliore qui su questo film.


coglionazzo
coglionazzo
Opera:
Recensione:
5 rece su questo (che non ho visto ne vedro'mai) e nessuna es.su abyss ?? l'interrogativo sorge spontaneo..


hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Tutto fumo e niente arrosto. 2 perchè effettivamente effetti speciali, scenografia e fotografia incantano. Il film in se è bruttino assai, un po' come l'ultrasopravvalutato Titanic. Di Cameron mi tengo i primi 2 Terminator e Aliens che sono dei buoni film di fantascienza.


popcornshooter
popcornshooter
Opera:
Recensione:
hj che cos'ha alien che questo non ha ( a parte alien ovviamente)? una trama? no direi proprio, per quanto copiata è decisamente più articolata questa di trama rispetto a quella di alien, ha effetti speciali migliori? non diciamo scemppierie. è montato meglio? no è montato peggio. Ha una fotografia migliore? no la fotografia di alien è di una banalità immensa (non perchè brutta, ma perchè funzionale agli spazi angusti e i neri ultrapresenti). insomma, se ti fa cagare questo alien dovrebbe farti ancora più schifo. se alien ti piace ti piace pure questo... se alien ti piace e questo ti fa cagare, più che esprimere un giudizio personale stai cercando di far sapere al mondo intero che hai i gusti raffinati. E il mondo intero magari ti crede pure. Io, che qualche film l'ho visto, però no.


hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
No no, quali gusti raffinati, a me piacciono pure certe "cazzate", solo che "Avatar" mi ha annoiato a morte. Un film perfetto tecnicamente, ma non mi ha lasciato una mazza. Un mare di effetti speciali e scenografie da urlo e nient'altro, per me ovviamente. "Aliens" ovvero il secondo capitolo della saga, è un buonissimo film di fantascienza, sinceramente non mi importa che Avatar sia superiore nella fotografia e negli effetti speciali, Aliens è ben girato, effetti speciali ottimi per l'epoca, con una buona dose di tensione. è, in fondo, una semplice questione di gusti, non di raffinatezza ne di altro.


popcornshooter
popcornshooter
Opera:
Recensione:
Non dico che aliens sia mal girato anzi, dico solo che sono praticamente due film fotocopia. Avatar gli è superiore in tutto e per tutto solo perchè venuto dopo, ed è stato fatto con più mezzi a disposizione. Ma son due fumettoni "zero storia tanta azione" entrambi. Ripeto mi pare un controsenso dire "mi piace questo ma non mi piace quello". So però che su internet fa tanto figo dire: " questo qui ( che è vecchio, è una roba di quasi 20 anni fa) è bello, quest'altro (con cui ci martoriano le palle di pubblicità, e che quindi tutti voi avete già visto) è brutto." Ormai in realtà un discorso del genere è molto convenzionale e per nulla alternativo. se volete fare gli alternativi piantatela di ascoltare il blues e il rock e andate ad un concerto di Lady Gaga: stupirete amici, conoscenti, parenti, membri del sito e pure la vicina di casa che vi fa le conserve tanto buone. PS: titanic è il miglior film ti cameron: mi hanno obbligato a guardarlo dopo tipo 15 anni dopo che era uscito ( quando mi son ddeciso a vederlo non conoscevo nessuno che non lo avesse visto). ho iniziato a vederlo con l'atteggiamento del "incappucciatemi, sparatemi, ma fate in fretta". mi son ritrovato a sparare pop corn a destra e a manca per almeno un'ora e mezza di film. l'affondamento del titanic è incredibile: i tizi cadono e vanno a sbattere di qua e di la la nave che si spezza in due dalla cui metà spezzata piovono giù cristiani. dicaprio che crepa assiderato perchè la winslet non gli fa un minimo di spazio su quel comodino galleggiante. geniale! fenomenale! dopo averlo visto o capito che cameron può anche sedersi su una poltrona e scoreggiare che a me farebbe comunque lanciare pop corn. E' il pop corn director per eccellenza.


popcornshooter
popcornshooter
Opera:
Recensione:
Non dico che aliens sia mal girato anzi, dico solo che sono praticamente due film fotocopia. Avatar gli è superiore in tutto e per tutto solo perchè venuto dopo, ed è stato fatto con più mezzi a disposizione. Ma son due fumettoni "zero storia tanta azione" entrambi. Ripeto mi pare un controsenso dire "mi piace questo ma non mi piace quello". So però che su internet fa tanto figo dire: " questo qui ( che è vecchio, è una roba di quasi 20 anni fa) è bello, quest'altro (con cui ci martoriano le palle di pubblicità, e che quindi tutti voi avete già visto) è brutto." Ormai in realtà un discorso del genere è molto convenzionale e per nulla alternativo. se volete fare gli alternativi piantatela di ascoltare il blues e il rock e andate ad un concerto di Lady Gaga: stupirete amici, conoscenti, parenti, membri del sito e pure la vicina di casa che vi fa le conserve tanto buone. PS: titanic è il miglior film ti cameron: mi hanno obbligato a guardarlo dopo tipo 15 anni dopo che era uscito ( quando mi son ddeciso a vederlo non conoscevo nessuno che non lo avesse visto). ho iniziato a vederlo con l'atteggiamento del "incappucciatemi, sparatemi, ma fate in fretta". mi son ritrovato a sparare pop corn a destra e a manca per almeno un'ora e mezza di film. l'affondamento del titanic è incredibile: i tizi cadono e vanno a sbattere di qua e di la la nave che si spezza in due dalla cui metà spezzata piovono giù cristiani. dicaprio che crepa assiderato perchè la winslet non gli fa un minimo di spazio su quel comodino galleggiante. Geniale! Fenomenale! Dopo averlo visto o capito che ormai cameron può anche sedersi su una poltrona e scoreggiare che a me farebbe comunque lanciare pop corn. E' il pop corn director per eccellenza.


Mr. Money87
Mr. Money87
Opera:
Recensione:
Non capirò una fava di cinema, ma è forse il film più scontato che abbia mai visto. Ero con la mia ragazza e dopo una ventina di minuti sapevo già quel che di volta in volta sarebbe successo tanto che lo dicevo a lei e puntualmente succedeva. Vi dico solo che la mia ragazza si stava per addormentare e non vedeva l'ora che finisse (di cinema lei non ne capisce veramente nulla, non sa neanche chi sia Kubrick per intenderci). Poi per carità grandi effetti speciali e tutto ma 2 palle!!


ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera:
Recensione:
Visto ieri per la prima volta senza 3D. La pellicola in sè mi pare la solita americanata quasi insopportabile nella dicotomia buoni, buonissimi e buonismo contrapposti a cattivi, cattivissimi senza scrupoli. Da quanto avevo sentito credevo si distaccasse dalla solita struttura. Attori mediocri ma 2 elementi estremamente positivi: c'è ritmo e la durata esagerata non appesantisce lo spettacolo; visivamente è strabiliante (HD) e forse è l'unica pellicola per la quale il 3d può avere senso. comprensibile il grande successo che ha avuto perché precursore e tecnicamente mostruoso


Darkeve
Darkeve Divèrs
Opera:
Recensione:
Visivamente pauroso. Tutto il resto è noia...


hackerhacked
hackerhacked
Opera:
Recensione:
mi sa tra l'altro che l'hanno dato proprio stasera,la mediaset e' sempre piu' scandalosa a se stessa ..


Darkeve: si, canale 5...ahhhh la noia della domenica sera...
fenriz87
fenriz87
Opera:
Recensione:
Che film orrido. Hanno più senso, letteralmente, le minchiate dei Vanzina.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Avatar è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link