Sto caricando...

Ash Ra Tempel
Ash Ra Tempel

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Immaginati quello che vuoi: un viaggio spazio-temporale per l'Egitto di Tutankhamon, una crociera intergalattica verso stelle aliene, un fottutissimo nero incubo malato. Sei a bordo di un missile nucleare pronto al botto, destinazione l'infinito.

"Amboss" occupa tutto il lato A ed è un mostro gigante a più teste, un'allucinazione oltre le barriere del suono. Eppure parte sommessa, scivola sorniona per diversi minuti creando lentamente un'atmosfera. Quando entra in gioco la batteria di Klaus Schulze non te ne accorgi neanche ma l'incubo è già diventato realtà. E porca puttana, quando gli Ash Ra Tempel iniziano a darci dentro sul serio, non ce n'è più per nessuno; ti strappano la pelle di dosso, ti mandano in corto-circuito il cervello.

Manuel Göttsching è il più grande chitarrista del kraut e quando ha messo in scena questa enorme jam strumentale era fatto, e di brutto. Sì, perché per suonare con una visionarietà ed una fluidità così naturali bisogna necessariamente essere disincronizzati dal mondo reale. Non ha alcun rispetto per Te-Ignaro-Ascoltatore; dopo averti sfiancato con dissonanze acutissime e lame di ghiaccio di feedback insopportabile, ti riporta come se niente fosse in acque tranquille per poi travolgerti con un'improvvisa ondata di distorsioni ed accelerazioni di ritmo furibonde.
Ora, se non ti fa impazzire questo pezzo, non so cosa diamine può farti impazzire. È roba che ti scioglie il cervello e ti rivolta l'intestino, che ti prende per i fondelli. Sì, ti prende proprio per il culo; tu sei lì che cerchi di star dietro al ritmo e seguire le note sfuggenti; e magari ti sembra anche di riuscirci! Anzi, già che ci sei pensi sia una buona idea infilare bene la testa tra le due casse, così puoi distinguere meglio i vari strumenti che si intrecciano imbizzarriti...

Fermo, non farlo!
Non farlo se non vuoi friggerti il cervello. Io ti avverto, questo è uno dei più estremi trip cosmici, è musica pericolosa. Stai molto attento a non farti coinvolgere e NON ASCOLTARLA DA SOLO se hai a cuore la sanità mentale! "Amboss" è una cosa totalmente FUORI, in tutti i sensi. Gli Ash Ra Tempel sono partiti verso Andromeda e non faranno ritorno.

Ascoltare il lato B è un'esperienza totalmente diversa: è come galleggiare a peso morto negli abissi del nulla. Siamo cadaveri ultramillenari risucchiati dalla gravità di un buco nero, in orbita sugli anelli di un pianeta remoto. Lo spazio interstellare è vuoto, le tenebre e il nulla sono i padroni dell'universo. "Traummaschine" è un'epopea infinita, un frammento del buio che avvolge le galassie. È una visione oscura, quello che sarà più compiutamente Irrlicht di Schulze.

Adesso fatti un favore e procurati in qualsiasi modo questo disco; spegni la luce, allaccia le cinture e preparati al lancio nell'iperspazio.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SessantaNove

Pietro Minchiadura
Pietro Minchiadura
Opera:
Recensione:
Dal negozietto che? Da quelle parti ci sono stato, chissà mai che non l'abbia visto. Qui se lo ordino mi sputano 'nta faccia. Vabbè va', prima me lo 'scorto, poi vediamose merita. Schwingungen mi piacque ma non al punto da entusiasmarmi. E di questi tempi...! Vediamo un po' che dice l'oracolo. A buon rendere!


Antmo
Antmo
Opera:
Recensione:
il Corvo che mi da della vecchia sclerotica: è un "moemnto" magico! (poi, lo vedi? lo vedi che ti emozioni anche tu e inizi a cincìschiare tutte le parole?...) ma soprattutto ODRADEK CHE DICE LE PAROLACCE!!! guarda ciccio, se vai avanti così rischio di prenderti in simpatia. ps. MA NIENTE PAURA! grande Fest che ha sintetizzato i principali punti del nostro manifesto: sciopereremo! e sia! odradek ci impedisce di pagare l'affitto a fine mese.


Festwca
Festwca
Opera:
Recensione:
Diamine odradek, mi hai scavalcato in homepage. Abbiamo spedito la recensione nello stesso secondo dello stesso minuto, 19:25:00 precisi! Per quanto riguarda comprare dischi desueti, io mi affido senza indugio ad ebay: con una media di 12-13 euros trovo praticamente tutto e non ho mai preso un pacco. @psychopompe: questo non è certamente un mattonazzo ai livelli di Electronic Meditation, è psichedelia prevalentemente chitarristica (parlo di Amboss). Per quanto riguarda il lato B (Traummaschine) è una versione più accessibile e un po' più movimentata del lato B di Irrlicht. Però se ti hanno annoiato i Bardo Pond forse gli Ash Ra non fanno al caso tuo, lo stile è quello (addirittura la loro collaborazione con Roy Montgomery l'hanno chiamata Hash Jar Tempo in un chiaro omaggio). @Sanjuro: io mi sono definitivamente innamorato del kraut ascoltando i Faust, soprattutto il primo. Magari prova con quello se non l'hai ancora fatto, sennò pace.


Festwca
Festwca
Opera:
Recensione:
@sfascia-carrozze: è sempre un onore ricevere un Suo commento (che sia five o no), ossequi. @JimMorrison: degli Ash Ra Tempel cosa ne pensi?


Tabba In D-Shirt
Tabba In D-Shirt
Opera:
Recensione:
jim morrison non conosce gli ash ra tempel così come non conosce un cazzo ne di kraut rock ne di altro presumibilmente, è qua solo per il clientelismo ed il sistema Moggi


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
no fest gli ashra li conosco da un pochetto, ho schwingungen e join inn che mi piace proprio tanto. ma questo non so perchè mi ha sempre inquietato. ah hai nominato un altro che proprio non riesco neanche a sentire irrlicht di schulze. scaricato due anni fa e cancellato dopo che mi ha fatto venire palpitazioni e incubi per due giorni. ritengo schulze un uomo malvagio, in confronto i sunn o))) suonano la sigla di heidi


Rocky
Rocky
Opera:
Recensione:
Provvedi psycho, provvedi. Amboss è una delle cose più psichedeliche che mi sia mai capitato d'ascoltare, recentemente l'ho riascoltato sotto l'ausilio di pozioni magiche e l'effetto è stato quello di un viaggio su delle montagne russe catapultate nel cosmo, più che musica un luna park per la mente.


Festwca
Festwca
Opera:
Recensione:
Psycho, se ti piace Join Inn procurati questo assolutamente. Amboss è una versione più grezza e sperimentale di Freak'n'Roll (che è una gran figata) e Traummaschine è una versione più varia di Jenseits. Alla fin fine tutti gli album degli Ash Ra sono uguali: un primo lato rock-psichedelico e un lato B spaziale d'atmosfera.


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
provvederò figlioli...proprio tu rocky mi avevi fatto venire un o' seoggezione di questo parlandone in chat anni fa. mi ricrederò.


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Anche io preferisco "Schwingungen", pur essendo maggiormente legato ai lavori solisti di Manuel Gottsching, "Inventions For Electric Guitar" e "E2-E4" su tutti. Bella Fest, in ogni caso :-)


bjork68
bjork68
Opera:
Recensione:
superlativo. la recensione è magistrale.


the green manalishi
Opera:
Recensione:
Manuel Göttsching è il più grande chitarrista del kraut, davvero! Recensione originalissima!


Sanjuro
Sanjuro
Opera:
Recensione:
A me invece il kraut rock non mi ha mai preso, mah. Altri generi di cui non mi sono mai invaghito sono il dark alla bauhaus, cure, sisters of mercy e il piu recente goth. MAHH MAHH
Nome: Sanjuro | Data: 20 /6/2006 | Voto: — | Voto al Disco: — --- Che ridere, davvero mi pare di non essere mai stato la stessa persona che ha scritto i msg tanto tempo fa. Ora sono un kraut rockerrrr



Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Dunque...ho da poco preso il suddetto disco, devo dire che mi ha colpito anche la copertina, semplice ma ipnotica.
La musica non pare male, il voto potrebbe salire col tempo, anche se non credo che arriverà mai a 5.
Sembra di sentire Fripp-Eno...non so però, Cyclone dei Tangerine mi pare più ascoltabile, indubbiamente è un disco potente...ipnotico.
La recensione è bene fatta, e non potrebbe essere altrimenti se no non avrei preso il disco.
Ciao!


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 55555555555555555555555555555555555 5


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
'Ripasso' per una serie di circostanze nella recensione del sig.Festwca per effettuare una rettifica sul voto al disco.
Si, lo so ci ho messo un po' di tempo a valutarlo pienamente, starò invecchiando? Forse...
Voto disco 4,3.
Saluti egiziani.


giovanniA
giovanniA
Opera:
Recensione:
La recensione è talmente insistente nel lodare l'opera che alla fine uno si convince... Gruppo affascinante gli Ash Ra T., questo disco l'ho ascoltato solo di recente e di sicuro e' un lavoro valido, certo sono passati quasi 40 anni e ormai gli anni psichedelici e cosmici della (grande) stagione del kraut-rock sono lontani. Io, da appassionato dei Tangerine Dream e di Klaus Schulze, ho ascoltato gli Ash Ra sempre un po' di straforo, e li apprezzo soprattutto come "altro lato della medaglia" rispetto ai capofila appena citati. Ma in defnitiva, preferisco i due lunghi brani strumentali di questo primo lavoro alle urla del cantante di "Schwingungen". Voto al disco: 3 e mezzo (verso il 4)


agitationfree24
agitationfree24
Opera:
Recensione:
cazzzzooooooooo........
provo le stesse sensazioni ogni volta che ascolto ambross!!!!!!!!ho faticato molto ma alla fine sono riuscito a procurarmi questi dischi degli ashratemple


SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera:
Recensione:
ho ascoltato questo disco di notte nel mio letto, la mia stanza era buia...un'esperienza trascendnete a dir poco!


giola
giola
Opera:
Recensione:
Basta, tu sei un grande. Punto. Hai recensito cose che amo (Amon Duul, bardo Pond, Cows, Minutemen, Ashratempel)in modo personalissimo; hai la rara capacità di dire praticamente tutto in poco spazio. Per quato riguarda il soggetto recensito qui...bhè, contrariamente alla tua raccomandazione io me lo ascolto da sola, perchè certi viaggi ritengo sia meglio farli in slitudine per evitare interferenze. Copertina stupenda.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Possibile che non ti avessi ancora dato il mio 5 soffocoso, mio Festucone?!? Se ci fosse bisogno di dirlo: questo disco è eccezziunale. Basterebbe vedere quanta gente ancora oggi a distanza di 40 anni cerca di rievocarne lo spirito. Sul DeDatabasio ho visto che c'è un loro disco del '76 chiamato New Age On Earth che proprio non conosco... mmm...


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Uhm non sono sicuro che sia proprio del Ash Ra Tempel, forse è degli Ashra o di Gottsching solista, probabilmente sarà il solito trippone!


Hell
Hell Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma che paginone!! Tra le consigliate subito!!


giola
giola
Opera:
Recensione:
New Age On Earth è degli Ashra. Niente male ma nemmeno lontanamente paragonabile ai primi due.


Ivo Avido
Ivo Avido
Opera:
Recensione:
Opera titanica.


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
ciao zio Fest, dici che devo iniziare a drogarmi per meglio apprezzare questo disco?


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Beh grazie del ripescaggio, sono un po' imbarazzato dalla cosa... Bore, dici che devi drogarti perché non lo stai apprezzando abbastanza?


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
bellissima coincidenza, ripescaggio e decompleanno! Ciao caro.


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Non me n'ero mica accorto! Minchia quattro anni, ora non la scriverei più una recensione con toni così entusiastici un po' ingenui. Ciao


Jigen
Jigen
Opera:
Recensione:
"Traummaschine" è qualcosa di trascendentale.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Ash Ra Tempel è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link