Sto caricando...

Burial
Antidawn EP

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3 > v4

C'è qualcosa di oscuro, ipnotico e terribilmente affascinante nella musica di William Emmanuel Bevan, noto ai più con il nome di Burial. Fin dalla pubblicazione dell'esordio, nel lontano 2006, il producer inglese ha dato forma a paesaggi sonori cupi e ovattati, accompagnati da ritmi sincopati e accenni a quel movimento dubstep che, di lì a breve, avrebbe fatto irruzione persino nel mainstream.

La cosa sorprendente è che Bevan, dopo l'uscita dell'acclamato Untrue, ha reagito al trambusto con una progressiva sparizione dalle scene, riducendo al minimo le nuove incisioni (una manciata di singoli ed EP) e allontandosi dalla future garage/2-step del debutto.

Chi ha ascoltato le sue ultime fatiche (inserite nella raccolta Tunes 2011-2019) avrà infatti notato un processo di esaurimento o sottrazione nelle sue composizioni, divenute sempre più rarefatte, frammentate e vicine a una dark ambient che trova in questo Antidawn EP il suo punto di arrivo. O forse, mi verrebbe da dire, di non ritorno.

Sebbene siano presenti allusioni a ritmi e strutture, ci si chiede cosa potrà esserci dopo un lavoro come questo: le luci distanti dell'alba oppure le tenebre, il buio infinito? Difficile dare una risposta, così come è difficile giudicare un'opera simile, dove le voci, le melodie eteree, i fruscii del vinile e i field recording sembrano dialogare per un attimo per poi perdersi nel vuoto cosmico. "Like tears in the rain".

Inutile accennare alle tracce (cinque), alla loro durata notevole, al fatto che Antidawn EP, impegnandoci per circa quaranta minuti, possa essere considerato quasi un long play. Dettagli superflui quando si è di fronte all'inspiegabile, all'enigma dell'universo, a una musica che musica non è e che pare confondersi con la realtà, con i nostri respiri, sussurri, pianti.

Con la tristezza della fine. In attesa di un nuovo inizio.

Commenti (VentOtto)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Una piccola correzione.». Vedi la vecchia versione Antidawn EP - Burial - recensione Versione 1


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Due ripetizioni eliminate. Ho scritto di getto, ahimè.». Vedi la vecchia versione Antidawn EP - Burial - recensione Versione 2


musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
Forse qualcuno parlerà di genialata ..... ma personalmente, dopo l'ascolto di 2 brani, ho dovuto spararmi un'overdose di AC/DC come contraccolpo!! Sicuramente non fa per me quindi non lo voto neanche.... ma tu scrivi bene!


ZiOn: Ti ringrazio. Mi sono permesso di non votare perché, in effetti, è un disco veramente ingiudicabile. Mi piacerebbe ascoltare cose più ritmiche fatte da lui o che almeno conciliasse le sue due anime, come aveva fatto in passato. Certo, il rischio di chiudersi in un vicolo cieco c'è ed è forte.
SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Untrue l'ascoltai fino allo sfinimento all'epoca. Non appena sarò nel mood corretto lo ascolterò.


ZiOn: Io sono di quelli che preferisce l'esordio del 2006. E non di poco 😉
ZiOn: *uno di quelli!
SilasLang: Ti dirò...è una bella gara. Forse di un pelo anch'io lo preferisco
ZiOn: Mi è sempre sembrato un lavoro statico, con pattern ritmici che si ripetono in maniera un po' ostinata. "Burial" è un disco più vario e immersivo, mi coinvolge di più, soprattutto emotivamente. Poi vabbè, c'entrano anche i gusti personali.
SilasLang: "Mi è sempre sembrato un lavoro statico" Vero anche questo, è che a me garba la 'stasi'. L'ho ascoltato un casino, oltretutto era uno di quei dischi perfetti per il 'crash', quando rientravi in casa dopo giorni e giorni svegli a far festa in quei giorni. Il primo è un po più dinamico, più samples vocali ecc...anche se non lo riascolto da secoli. Si, tutto è soggettivo. Mi riascolterò tutta la roba che ha fatto comunque. Spesso quando riascolti roba dopo anni senti cose diverse da come te le ricordavi o percepivi anni prima. Bella paesà
ZiOn: Sì, ma anche "Burial" è un lavoro di stampo "minimalista", con pochi suoni, pattern che si ripetono e variazioni minime. Però... c'è un però. Le tracce sono più varie e non ci sento quella monotonia che avverto quando ascolto "Untrue". Ad ogni modo, proverò a riascoltarlo per l'ennesima volta. Ciao 😃
GrammarNazi: Peraltro, "a me garba la Stasi", avrebbe potuto dirlo anche un Erich Ernst Paul Honecker.
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
adoro tutti i suoi lavori...tra stasera e domani ascolterò anche questo....


ZiOn: È diverso da "Burial" e "Untrue", almeno dai brani più ritmici. Ormai sguazza in una dark ambient frammentata e decostruita, ma non priva di un certo fascino.
Onirica
Onirica
Opera:
Recensione:
Lui ha le orecchie talmente a sventola che quando fa il bagno a mare le usa come pinne.
In Giappone ha vinto un torneo di nuoto contro uno squalo che voleva papparselo.
Da allora non s'è mai ripreso dallo shock e la sua musica ne ha risentito.


ZiOn: Sì, gli amici lo sfottevano e lo chiamavano Anforino. Da allora nulla è stato lo stesso.
Onirica: Che tristezza, per lui.
Una vita di rinunce.
Mai 'na gioia.
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Elettronica, nuovi suoni, ambient … è una copertina che fa cagare
Il mio


IlConte: e non è…
IlConte: Secondo me fa cagare pure la recensione, meglio che voti per simpatia
Ahahahahahah
ZiOn: @[IlConte]: nessuno ti obbliga a farlo, eh 😃
IlConte: E la madonna pure permaloso mi diventi, INCREDIBBOLO!!!
Onirica: Diglielo @[IlConte] , gli vogliamo tutti bene, per questo becca sempre 5 :D
IlConte: Ahahahahahah
ZiOn: Ma le pare, non me la prendo mica. Sono due righe che ho scritto piuttosto rapidamente, senza scendere troppo nei particolari. Colgo solo l'occasione per dire che la copertina non la trovo brutta, anzi, mi sembra una bella opera di street art.
IlConte: A guardala bene in effetti è una meraviglia
Onirica: @[ZiOn] comunque mica è vero, scherzavo. Per me rimani una delle migliori penne del debasio. Ti si perdona anche che a ogni singola recensione scrivi a ripetizione "ha" senza la h davanti. Ma questi, come tu ben sai, sono piccoli particolari.
Ah, e non preoccuparti se tra un pò ti suona il campanello, e tu non aspetti nessuno.
E' @[IlConte] in visita amichevole con Tangerine, la sua fedele mazza chiodata.
IlConte: Ahahahahahah
ZiOn: @[Onirica]: purtroppo il verbo avere la maestra lo spieCherà la setimanna prossima. Ora scusassimo, ma devo fare la cartella e metterci il sussidiario a dentri. Buona serata ha tuti.
ZiOn: Scherzi a parte, ho provato a restituire l'impalpabilità dell'EP con uno scritto un po' diverso. Forse più etereo. Ma magari è una chiavica!
IlConte: Oh ma io scherzavo eh…
Non so nemmeno cos’è sta roba, figurati
Onirica: Scherzi a parte, è una gran bella recensione, come tuo solito.
ZiOn: @[Onirica]: merci! 🤓
Onirica: de rien!
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Eh, se lo stronchi tu, non sarò certo io a contraddirti. Bravo, as usual, Zione.
Ma, da un po', volevo chiederti se ti piacciono i Bicep. Io bazzico pochissimo nei tuoi lidi elettronici, specie negli ultimi, diciamo, 15 anni, ma questo 2021 mi piacicchia...


ZiOn: In realtà non l'ho stroncato, non ho voluto giudicare perché mi sembrava impossibile. Forse anche inutile 😃 i Bicep non li conosco. In realtà, pur incidendo per la Ninja Tune (leggo) hanno un sound che ricorda molto quello della Warp degli anni Novanta. Non vorrei sbagliarmi.
Onirica: A me dei Bicep piace un sacco questa
BICEP | GLUE (Official Video)
Narcosmicoma: Bravissimi i Bicep, dosano il giusto volume di breaks, ambient techno, escursioni etno/tribal e melodie facilone che entrano sottopelle. Belli belli belli entrambi gli album.
Almotasim : UH!
Mumble , mumble
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
GrammarNazi
GrammarNazi
Opera:
Recensione:
- Bravo Bevan, bravi Autechre, bravi Bicep, bravi tutti, bello il budello, ecc.. Belle le sonorità, molto intense, come l'altra volta, mi piace. Sai cosa non m'è piaciuto? Posso dirtelo?
- Dimmi, dimmi..
- Il finale del Burial.
- Sì?
- Cioe' , bello il vitello, bello il finale, però questo orsetto che arriva e dice... posso dire la parola?"
- Sì
- "Ti inculo".
- Eh...
- No, l'hai detta tu!
- E allora?
- Perché? Cioè , cosa succede...
- Eh...
- ...dopo?...


lector
lector
Opera:
Recensione:
Bella la recensione ma per il disco, passo!


ZiOn: Ascoltato a quest'ora fa il suo effetto 🌙
lector: Dici?
ZiOn: Io preferisco il suo lato ritmico, ma anche questa evoluzione ambient (qualcuno direbbe "deriva") ha il suo perché.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Le sue cose precedenti non mi sono dispiaciute, il che è notevole visto che non è proprio il mio genere. Arrivo fino ai Portishead, io. E lì mi fermo.


ZiOn: I Portishead si potrebbero inserire anche tra le influenze del nostro Burial, egregio. Anche se, a mio avviso, è piu vicino alle atmosfere ovattate dei Massive Attack, in particolar modo di "Mezzanine". Sono contento che ti piaccia 🙂
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
L'ultima volta che l'ho "visto", lui era in altissimo attaccato al tetto in un teatro/locale/club in zona Covent Garden, metteva musica collegata a immagini sparate sul muro. Orario intorno alle 18/19, inizio bevuta londinese.
Lì tutto aveva un senso, ma di sicuro non mi son segnato il disco da sentire a casa.

Chi invece mi dicono faccia sempre belle serate e bella musica è Kode9, ma sinceramente sono anni che non sento nemmeno lui.

Tornando a Burial, per me il vero supercapolavoro storico è questa , l'ho sentita millemilamilioni di volte a volumi with no regards for human life.


ZiOn: Il tocco di Four Tet si sente, meno quello di Burial 😃 l'album del 2006 mi piace molto, lo ascolto spesso di sera o di notte, con "Untrue", invece, ho un conto in sospeso: non sono mai riuscito ad apprezzarlo. Su Kode9 non saprei dirti, a parte Alva Noto e Kruder & Dorfmeister in Triennale a Milano e il festival Inner Spaces da anni frequento pochissimo gli eventi dal vivo.
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Artista che ho provato più volte a conoscere, ascoltare, approfondire...sempre con esito negativo. Come @[lector]: bella pagina ma passo oltre.


ZiOn: Spesso è preferibile l'esito negativo, soprattutto se fai un tampone in farmacia!
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Sorry, questo mi mette sonno.


ZiOn: Magari è proprio il suo obiettivo 😃 scherzi a parte, anche io trovo statici o monotoni alcuni suoi brani, soprattutto quelli di "Untrue". Bisogna anche dire che la sua musica è spesso volutamente "statica", nel senso che trascina l'ascoltatore in una sorta di ipnosi. Mi piace anche il suo oscillare tra momenti cupi e altri eterei, oserei dire catartici. Poi certo, ci sono i gusti personali e su quello non si discute.
hjhhjij: Eh dipenderà dai casi, certa elettronica ipnotica la apprezzo e in generale apprezzo la lentezza ipnotica in musica (o non amerei molta psichedelia o certi corrieri cosmici tedeschi, per dire), lui no. Boh.
ZiOn: A me piace molto "Burial", l'esordio del 2006, meno "Untrue". Con le produzioni successive ho un rapporto parimenti altalenante, questo EP, invece, mi ha lasciato senza parole. Sembra post-ambient, una roba abbastanza indefinibile 😃
Onirica: @[hjhhjij] Prova questa, per me è capolavoro
Burial - Come Down To Us
hjhhjij: Ci riproverò.
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
"Untrue" uno dei dischi più importanti degli anni 2000: non ci sono discussioni. Questo lo devo ancora ascoltare. Bravo Zione.


ZiOn: Io parteggio per l'esordio eponimo del 2006, esimio. "Untrue" proverò ad ascoltarlo per l'ennesima volta, magari riesco finalmente ad apprezzarlo.
Eneathedevil: Ma anch'io apprezzo sino ad un certo punto, egregio: è che al di là dei gusti personali riconosco che quell'album è una pedina fondamentale nell'evoluzione della musica elettronica degli anni 2000.
ZiOn: L'ho riascoltato: bello, con dei pezzi anche molto belli, però i beat li trovo sempre un po' piatti, monotoni, statici. Stupendi i sample vocali. Morale della favola: le 5 stellette continuo ad affibbiarle all'esordio 😃
dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
Per quando andrò in depressione, se non ci sono già......


ZiOn: Non ascoltarlo, non voglio influire negativamente sul tuo stato mentale 😄
dsalva: Le tue proposte le ascolto sempre, sciocchina
Narcosmicoma
Narcosmicoma
Opera:
Recensione:
Che lavoraccio da mestierante, madonna. A me la scelta della copertina (ma anche solo l'averne scelta una, invece del solito monocolore + logo Hyperdub) e il numero di tracce m'avevano illuso di trovare qualcosa di cicciotto finalmente. Invece no, e` il solito mischione di "le voci, le melodie eteree, i fruscii del vinile e i field recording" (cito da te) a` la Burial, piu` misto fritto ambient, che accontenta gli aficionados, rifocilla le sue tasche, e annoia noialtri.


ZiOn: Non riesco a capire se questa progressiva sparizione (fisica, artistica, etc...) coincida con una perdita di sostanza della sua musica. Nel dubbio, mi sono permesso di non giudicare.
Narcosmicoma: Mah alla fine non e` sparito, col seguito che ha gli bastano giusto quei 20 minuti di composizione all'anno (che fa regolarmente, vedasi il numero spropositato di EP e singoli) per tirare a campare e riaccendere l'interesse della fanbase senza finire nel dimenticatoio. E senza intrappolarsi nella costruzione di un intero album. Chiamalo fesso...
ZiOn: Sì, però è diventato una specie di fantasma, un ectoplasma musicale. Boh, forse se la tira anche, ogni sua nuova uscita è accompagnata da un certo hype e poi... un 12", un singolo, un EP. Secondo me ci prende in giro da anni 😃
Narcosmicoma: Si, si, ESATTAMENTE. Ormai l'hype per ogni sua scureggia supera di gran lunga l'effettiva qualita` di quel che produce. A lui tanto basta. Il prossimo step e` smetterla pure coi singoli e campare di fama e rendita per quindici anni come i Tool :)
Narcosmicoma
Narcosmicoma
Opera:
Recensione:
Comunque l'artista della copertina e` notevole. Maya Hewitt - 89 Artworks, Bio & Shows on Artsy


ZiOn: A me piace molto.
Annette
Annette
Opera:
Recensione:
Gran bella recensione, diversa dalle altre ma altrettanto ben scritta e sicuramente adatta al disco. Giusto per la cronaca, ho anche provato ad ascoltarlo in seguito ad un tuo ascolto, attratta dalla copertina... Non credo faccia per me!


ZiOn: Ti consiglio i primi due album, soprattutto l'esordio del 2006.
ZiOn: E grazie per il commento/passaggio 🙂
Annette: Ci proverò, grazie del consiglio.
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «.». Vedi la vecchia versione Antidawn EP - Burial - recensione Versione 3


algol
algol
Opera:
Recensione:
Burial per me è equivalente a noia totale.
Ci ho provato a più riprese ma niente, suggestioni troppo esili, ma probabilmente sono io a non essere in grado di coglierle.
Tu bravissimo as usual


ZiOn: Ti confesso che anche io ho delle reazioni contrastanti quando lo ascolto. Però il primo mi piace tantissimo da sempre 😃
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
Ne ho scoperto l'uscita grazie a questo scritto e, proprio come te, stavo lì ad aspettare ogni istante un sobbalzo ritmico che non c'è stato, durante l'ascolto. Ostico e anni luce dal suo contesto. Non capivo dove andava a parare ma forse semplicemente non fa presa su di me. Preferisco di gran lunga il precedente singolo chemz. Lui fa quello e in quello è bravo.


TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Prime tracce viene voglia di staccare tutto, lo trovo di un fastidioso involontario atroce. Evoca suoni di vita di appartamento ma non ci ho trovato davvero nulla di straordinario per come é realizzato. A metà un po' meglio, si riprende, ma magari ero anestetizzata dalle prime due. Non penso darò un'altra chance per arrivare a capirlo.


ZiOn: Potresti dare una possibilità almeno all'esordio o ad "Untrue", dove, secondo me, riesce a mantenere il giusto equilibrio tra i pezzi ritmici e quelli più ambient. Poi certo, "i gusti son gusti" 😃
Eneathedevil: Io darei una chance a Rival Dealer - Burial - recensione (hype pompato a bestia). Oppure a "Tunes 2011-2019" che praticamente è un Best Of.
TataOgg: Mi riferivo in particolare a questo EP, infatti lui ritorna spesso nelle discussioni sul debasio e la curiosità di ascoltarlo c'era tutta, per cui questa è stata un'esperienza abbastanza deludente.
Seguirò i vostri consigli.. anzi sono già in ascolto. Grazie
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Buio totale sull'artista.
Quando sento le parole "eterea" e "rarefatta" abbinate alla musica avverto subito un accenno di gonfiore scrotale. Proverò comunque, mi incuriosisce soprattutto Untrue per quel che dici.
In generale frequentando questo sito ci si trova una quantità di suggerimenti interessanti a cui è difficile stare dietro. Se solo avessi 18 anni e tempo a disposizione per soddisfare tutte queste curiosità ... e invece sono un vecchiaccio bilioso che deve badare a soddisfare le esigenze dell'agenzia delle entrate e delle banche.
Rece super professional.


ZiOn: Eheheheh. Più che "Untrue" ti suggerisco l'esordio del 2006. Personalmente lo preferisco e considero il secondo album un po' sopravvalutato. Potresti ascoltarli entrambi 😃
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Dopo qualche riascolto posso dire che è davvero bello come al solito. la caratteristica più particolare del suo ambient è come al solito la cosa più importante: è uno dei pochissimi artisti a curare la traccia in una direzione narrativa. Ogni vocalizzo, ogni sospiro, ogli effetto è spazializzato e posto in modo da creare un ambiente progressivo, non statico, come se si stesse vagando per la metropoli con il cappuccio sulla fronte e le cuffie ficcate nelle orecchie. Quando appaiono le melodie soprendono come un panorama improvviso, come un incontro misterioso al centro della notte


ZiOn: Hai notato un particolare interessante, degno di un vero auscultatore di musica. Una narrativa destrutturata e frammentaria, simile all'errare notturno di un'anima in pena.
proggen_ait94: beh grazie! Errare notturno in tutti i sensi
vibration
vibration
Opera:
Recensione:
ha bisogno di ascolti (come tutti i dischi) ma quando ci si allaccia al filo narrativo cogliendo il susseguirsi dei vari paesaggi melodici cadono i neri veli si riesce a vedere l'intero edificio e apprezzarlo, finalmente.


ZiOn: Sono contento che ti sia piaciuto 🙂
AndJusticeForAl
AndJusticeForAl
Opera:
Recensione:
Mi innamorai di Burial con l'EP "Street Halo" (Stolen Dog la sto proprio risentendo adesso, magica!) che, insieme al successivo "Kindred", è ciò che più mi aggrada di Burial. La sezione finale di "Ashtray Wasp" è la sublimazione della classe Bevan: musica astrattissima e contemporaneamente così emozionante. Questo è fin troppo fantasmatico e volutamente inesistente. Recentemente ha comunque fatto uscire delle cose un po' più consistenti. Molto carine "Dark Gethsemane" e "Chemz", devo risentire quelle con Thom Yorke. @[ZiOn]


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Antidawn EP è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link