Bad Religion
The Dissent Of Man

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Il quattro settembre duemiladieci. Quella torma infoiata di vecchi ggiovani nostalgici, con il loro "In fondo Travis spacca i culi" sguainato. La loro scriminante tirata a lucido, vestita a festa. Vans e famigliole come se piovesse. Turisti crestati ad una prima comunione. Che bello non essere come loro. Dio, come mi fanno (facevano) cagare, i blinc centottantadue. Il loro pancroc da balera, il loro arcor da mappaluna, dodici anni fa tentò un primo approccio col sottoscritto. Fortuna che venne "The New America", ed io diventai grande di colpo.

Ben altre, le date di settembre cerchiate sul mio calendario. Parlano di appuntamenti con la Storia, di trentennali passati in sordina, senza seghe e cofanetti di stacippa. Parlano di "The Dissent of Man", il numero Quindici. Senza première con fighe foderate d'oro, solo l'ennesimo dischetto. Semplice. Bello. Sincero.

Già li sento alitare, i troll di turno, "Sì, ma non è mica Saffer!"; "Epperò vuoi mettere Egheinsdegrei?". Vi prego, i capitan ovvio lasciamoli a Fabio Volo e ai social network. Perché quando ti spari il trittico d'apertura sai bene che ogni riferimento a "No Control" non è puramente casuale e dio Brian Baker vola alto come un falco, bando agli assoli fotocopia di "The Gray Race". Che overdose. Che fraseggi con Mr. Hetson.

Rasoiate, rasoiate che però accarezzano, di velluto. Sì, perché il mood di questo numero quindici è un po' così. Non c'è viulenza, neppure nelle (molte, madonna, disco velocissimo) cavalcate (a scanso di equivoci, è un complimento). Aleggia nell'aria un senso di rimpatriata, di tramonti. Di pacche sulle spalle. Di ricordi lontani, irraggiungibili e perfetti, in cui il Male non esiste. Di nostalgia. Ce n'è molta, sì, perché quando ti delizi con la bellissima "Only Rain" non puoi fare a meno di respirare la malinconica ed orgogliosa vitalità di "I Want to Conquer the World", le polifonie di "The Resist Stance" ci rituffano nell'alternative rock di "Recipe for Hate", "What It Is" pulsa marziale sotto la pelle di "The Day The Earth Stalled". Ed è un bene. No, nessuno spazio per minestre riscaldate, i Bad Religion non si autoplagiano. Bensì rifrullano ancora una volta, con perizia tarantiniana, i loro collaudatissimi ingredienti. Gli stessi che hanno inventato gli anni Novanta della West Coast. Perché è vero che i cinque sono un prodotto degli Eighties, sospesi fra Agent Orange, Social Distortion e Adolescents. Così come i loro due migliori lavori. Ma è anche vero che con "Suffer" e "No Control" gli anni Novanta dell'hcm erano già iniziati. E forse già finiti. Tutto il resto è sfumatura, un continuo fade out fino alla fine del Millennio. I Bad Religion sono gli anni Novanta, pochi cazzi. E "The Dissent of Man" è una splendida macchina del tempo, un 1992 commosso e supersonico.

Il disco, come detto, si apre all'insegna della velocità, fra pugnali, bellezze dannate e pioggia, tanta pioggia. Che mortifica e illude. Non c'è spazio per l'ampollosità chitarristica di "New Maps of Hell", qui sono gli oozin aahs a rubare la scena. La chitarra è sì presente, ma nuda nella sua essenzialità naif. Conserva finalmente tutti gli spigoli, tutta l'asprezza del "buona la prima". Anche l'arrangiamento, quindi, è un continuo amhardcord (dio che brutta). Uniche licenze poetiche sono quelle concesse a quella bestiaccia di Brooks Wackerman, dio lo benedica, che, tra un fraseggio jazz ed un controtempo, ci tiene a precisare di non essere Finestone pt. II. Sobrio e preciso nei pezzi più sostenuti, ricorda un po' il Sandin dei tempi d'oro, quello che mitragliava sullo sfondo di "A Perfect Government". Ma tutti fanno la loro porca figura. Perchè Gurewitz è sempre un po' Kerouac e un po' Palahniuk (ed io un suo libro lo comprerei ad occhi chiusi) e Graffin, nonostante sia frigido come Eva Braun, regala sempre linee vocali da urlo. Senza urlare, perfettamente a suo agio a 200 come a 90 bpm. Sì, perché "The Dissent of Man" ci abbandona mormorando, lentamente, scivolando via silenzioso. Brani mid-tempo come "The Pride and the Pallor", "Where the Fun Is" e "I Won't Say Anything", comunque, sono piccoli capolavori che dimostrano come il pancroc non usi solo la corsia di sorpasso ("No Substance", forse, è stato qualcosa di più di un mero passo falso).

Io, comunque, avrei sguinzagliato l'Hetson dei Circle Jerks per un ultimo assalto frontale. Checcazzo, siamo pur sempre kids of the black hole. Mica cattedratici.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di The Dissent Of Man è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bad-religion/the-dissent-of-man/recensione-assafetidalover

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (VentiSei)

Alfredo
Opera: | Recensione: |
"The New America", quello che mi piace meno dei Bad Religion, veramente inascoltabile e moscio. Imho ovviamente. Anche No Substance non scherza. Per il resto, lunga vita ai Bad Religion! Ottima rece.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
5 alla fine meritato, si vede che è scritta con passione per la band. Ho sentito qualche pezzo e non sono male, loro comunque non deludono di solito. Aloha.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

gnagnera
Opera: | Recensione: |
Ormai i Bad Religion sono l'unico gruppo hardcore melodico che ascolto (genere che per la quasi totalità mi fa cagare), ma i bad religion sono i bad religion e rimangono nettamente superiori a gruppi anche nettamente più giovani di loro. Ottimo disco questo e dal vivo sono fra i migliori in assoluto
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Rece mega naif, ma ci sta. Cosa sono gli "oozin aahs"? Il mio preferito comunque rimane il politicizzato "The Empire Strikes First", mi piace di più della loro produzione anni 80.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Rorix
Opera: | Recensione: |
Grande recensione, come sempre quando si tratta delle tue. Il disco devo ascoltarlo, ma non mi deluderà, lo so
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

sorciopeloso
Opera: | Recensione: |
Il trentennale in realtà l'hanno "celebrato", con un live scaricabile gratuitamente online, contenente un paio di assaggini di questo album. Album che è entrato subito in rotazione nei miei ascolti fissi di questi giorni, coi BR si va davvero sempre sul sicuro. Vista la quantità di ottimi pezzi, è difficile segnalarne uno in particolare, ma "I Won't Say Anything" è entrata diretta nel gruppo dei miei pezzi preferiti del gruppo. Il voto non è un cinque perchè "Epperò vuoi mettere Egheinsdegrei?" ;P @seagull: "Cosa sono gli "oozin aahs"?"?! :O
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Panseé13
Opera: | Recensione: |
I Bad Religion sono uno di quei (pochi)gruppi che pur andando avanti col tempo non peggiorano mai. E questo è un bellissimo album che non ha deluso le mie aspettative. Recensione ottima :)
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

MaTaCà
Opera: | Recensione: |
Mi hai riportato su DeB complimenti. I BR dal vivo sono imprescindibili. Questo lo ascolterò.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

piendepei
Opera: | Recensione: |
cioe' dissenteria umana?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Skeletron
Opera: | Recensione: |
hardcore melodico, bad religion, 2010. uno secco.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Taurus
Opera: | Recensione: |
Bella rece..ascolterò!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
Opera: | Recensione: |
Dio ghen, uno dei migliori scagotti della mia vita. Secondo me è un ulteriore passo in avanti rispetto al già buonissimo New Maps. @sorcio, d'accordissimo, anche "The Pride And The Pallor" mi ha lasciato senza fiato! Avrei voluto dare cinque, ma manca un'ultima rasoiata. @gabbiano: gli oozin sono i coretti!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
Opera: | Recensione: |
Tra parentesi, non so perché tutti ce l'abbiano con The New America, ha tutte le curve al posto giusto. E invece non mi piace molto The Empire Strikes First, finisce in maniera banalissima. A parer mio, ovvio. L'importante è che domani Maicon ne metta un paio, quello sì.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Alfredo
Opera: | Recensione: |
"L'importante è che domani Maicon ne metta un paio, quello sì."--> parole sante! :D
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

El Kor
Opera: | Recensione: |
Per l'introduzione ti avrei dato 1. E non perchè mi piacciano i Blinc, eh..
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
Opera: | Recensione: |
Eh, vabbé, sopravviverò. :)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

El Kor
Opera: | Recensione: |
Penso anch'io :)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ILM_igliore
Opera: | Recensione: |
uuuuuuuuuuuUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU UUUUUUUUUUUaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAA AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA AAAAAAAAAAAARRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR RRRRRRRRRRRRRGGGGGGGGGGhhhhhhhhhHHHHHHHHHHHHHH!!!! ! bbbbbbbbbbbBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB BBBAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAsSSSSSSTaaaAAAAAAAAAAAAAAAA AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAArdiiiIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IIIIIIII!!!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
Opera: | Recensione: |
Evviva Cristo.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Ma sai che mi hai fatto ritirare fuori The New America dopo anni e devo dire che me lo ricordavo molto peggio? niente di eccezionale, ma pur sempre un lavoro onesto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
Opera: | Recensione: |
E' stato il mio primo approccio con loro, per me è bellissimo, quindi non riuscirò mai ad essere obiettivo. Che dire? Trovo molto sottovalutata A World Without Melody, che invece è una gran canzone, come anche You've Got A Chance, con la sua struttura "spezzata". Che dire poi del trittico di chiusura? Don't Sell Me Short - The Fast Life - Queen Of The 21st Century sono la loro quintessenza. Peccato per la produzione troppo smussata e radiofriendly. In ogni caso, lo trovo anni luce sopra L'imnpero colpisce per primo, che non amo particolarmente!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Da quello successivo a The New America sono tornati a velocità più hardcore. Empire e New maps mi sono sempre piaciuti devo dire. Niente di trascendentale, ma buoni dischi.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

marypolly
Opera: | Recensione: |
cioè sto ringraziando che tu non abbia scritto un'altra recensione per i SD,perchè mi avresti fatto il culo.

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
Opera: | Recensione: |
Ma va' là, meripolli! Tu scrivi da dios e hai qualcosa che io non ho: il dono della sintesi. Grazie, btw.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
AssafetidaLover Divèrs
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «lunga». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AssafetidaLover
AssafetidaLover Divèrs
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «refusi». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy