Brad
United We Stand

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ieri non è stata una bella giornata per me.

Nel primo pomeriggio ho compiuto una veloce escursione tra i sentieri che circondano la mia abitazione, constatando purtroppo che la recentissima copiosa nevicata ha lasciato un drammatico segno. Decine di alberi caduti, a causa del peso di una bagnatissima neve, che hanno ostruito buona parte del sentiero tra le austere borgate di Anzuno e Tappia. Addirittura un piccolo smottamento, incontrato nei pressi della Cappella dell'Oro, mi ha costretto a cercare un percorso alternativo tra secolari faggi per evitare guai peggiori. Ho documentato questa ecatombe con una serie di fotografie che ho già trasmesso alla sezione locale del Clup Alpino Italiano, confidando che si possa quanto prima porre rimedio a tale scempio.

Rientrato a casa ho letto su Debaser, grazie ad un ascolto di nangaparbat, una notizia che mi ha lasciato di ghiaccio.

E' morto, a soli 53 anni sembra per complicanze dovute al diabete, Shawn Smith cantante dei Satchel e soprattutto, almeno per quanto mi riguarda, dei Brad. Un altra preziosa parte della mia gioventù che se ne va; perchè ho voluto davvero un bene della madonna al progetto extra Pearl Jam di Stone Gossard. Tutti i cinque album, che i Brad hanno pubblicato con estrema parsimonia in uno spazio temporale di una ventina di anni, appartengono alla mia infinita collezione, posizionati in quella sezione che racchiude la scena brunosa e piovosa di Seattle che tanto ho amato negli anni novanta.

Da tempo non ascoltavo un loro lavoro per intero; ed è stato un emozionante piacere rituffarmi nel suono caldo, intriso di una dose elevatissima di Soul edificato dalla band nell'arco di una importante carriera.

Dimenticatevi la cruda rudezza del Seattle Sound perchè con i Brad siamo da tutt'altra parte.

Molto più simili alla pacatezza, alla tristezza di fondo dei Mad Season.

Canzoni malinconiche, con una dose minima di chitarre; tutto ruota nella rarefatta musica dei Brad intorno alla voce di Shawn. Un falsetto di notevole impatto: ardente, soul, carico di pathos e di neri umori. Qualche rimando ad un corposo Rock Blues come accade nella conclusiva "Waters Deep".

"Tea Bag" è l'unico episodio riconducibile ai Pearl Jam: una batteria ossessiva, una chitarra stridente...ma è soltanto una veloce escursione nel furioso passato di Seattle.

Subito dopo arriva il capolavoro del disco, ovvero "Through The Day" lunga ballata che si appoggia ad un suono ripetuto di un lontano pianoforte. Ed è sempre la voce del compianto Shawn ad elevare verso spazi immensi gli oltre cinque minuti del brano.

Una piccola grande meraviglia...THE ONLY WAY...

Per sempre con me...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di United We Stand è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/brad/united-we-stand/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Prima o poi arriverà pure questa benedetta Maiora, fino ad allora si tiene la posizione.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Manteniamo le posizioni sempre e comunque. Alegar bel fiol!!!
lector: Che fine hai fatto? Puzzone!
algol
Opera: | Recensione: |
Bella De Ma. Insomma ... Bella un cazzo, ma ci siamo capiti.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Immagino la tua avversione per la parte iniziale montagnosa....
Giangiorgio
Opera: | Recensione: |
Ruffiano.
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...: ...e prostituta (Cit. Lucio Battisti)
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Mi ricordo, molto vagamente, il loro disco d'esordio agli albori dei novanta.
Però non mi conquistarono granchè.
Sono un insensibile, lo so.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Dai ancora una possibilità ai Brad, fidati esimio!!
sfascia carrozze: Il fatto è che in questi giorni esce il nuovo dei Defecation!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso.
(Confucio)
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Con-cordo con Con-fucio...
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Il bello di vivere il DeB.
Brad? Name unknown.
Mi butto sul torrente perché di Dema mi fido anche se ha volte ascolta musica cattiva.
Però la premessa era interessante, Seattle sound leggero.
Beh. Sti gran cazzi che band.
Grazie a buon rendere.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ti consiglio di partire dall'esordio "Shame" del 1993: uno dei dischi più belli degli anni novanta per me.
Falloppio: Sì sì ti avevo risposto sull'altro canale. Bello il primo disco. Bello bello bello.
sergio60
Opera: | Recensione: |
concordo con falloppio,pur essendo un fan del grunge e della scena di Seattle ,questi Brad mi sono nuovi....una bella scoperta ,per me,un grazie a demargaper avermi dato l'opportunità di un nuovo ascolto...
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio: Concordo con Sergione che concorda con me
De...Marga...: E' davvero un Signor progetto sergio!!!
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Solite minime correzzzioni!!!». Vedi la vecchia versione United We Stand - Brad - Recensione di De...Marga... Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Me li ricordo i Brad: belli, ma poi li ho praticamente dimenticati.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Mai dimenticati per quanto mi riguarda.
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Stimo tanto il cuore che ci metti dema, grande empatia
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazzzie ragazzo!!!
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Ecco, tra i tanti che non conoscevo aggiungo pure questi... (che mi vado prontamente ad ascoltare, viste le tue premesse caro Demi)
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio: Stanley il primo disco è veramente piacevole. Girato 3 volte....
Stanlio: bueno, Fallyboy, lo girerò per la quarta allora...
De...Marga...: Fidati di me e di Falloppio: parti dall'inizio e prosegui con la discografia in ordine temporale.
Falloppio: DeMa oggi ho ascoltato il secondo. Molto più suonato del primo. Adesso "bestemmio", la voce mi ricorda un giovane Michael Stipe..... (Aih !!!!)
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
Bel ricordo, Dema! Brad, Satchel e Pigeonhead sono gruppi del cuore, tutti e tre guidati verso languide praterie soul dall'inimitabile voce di Shawn.
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Avevo messo un per di troppo...». Vedi la vecchia versione United We Stand - Brad - Recensione di De...Marga... Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Mi ricordo o meglio conosco solo Shame (esordio), dici bene loro poco grunge quasi niente, tanto Soul Rock, Funk e ballate Psichedeliche, mi hai incuriosito.
BËL (00)
BRÜ (00)

nangaparbat: questo ad esempio è un pezzo alla Jane's Addiction Brad: Shame - 02 My Fingers
marcoantonio
Opera: | Recensione: |
Mi piace tutto ciò che è malinconico, quindi corro a sentirmeli su Spotify. Grazie.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ti sapranno conquistare i Brad, fidati di un "vecio" del mestiere come me!!
HOPELESS
Opera: | Recensione: |
Conosco Shame e Interiors (bellissimo e... interiore). Ok, Dema, kO.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Conosci i primi due dischi; questo da me recensito è l'ultimo. Credo che resterà tale dopo quanto è successo a Shawn.
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Pagina sentita, molto bella, di una persona che vive questo disco..mi stuzzichi a colmare questa lacuna..
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Hai ragione!! Certi dischi li vivo come tu scrivi.
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Arrivo in tremendo ritardo. Descrizione molto "sentita". Peccato non aver mai dato un serio ascolto al progetto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: