Calla
Televise

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


“Ma i giorni della tua vita saranno giorni d’affanno, quell’affanno che è la più duratura delle impressioni, come il cipresso è il più resistente degli alberi. Le ore della tua felicità sono passate; la gioia non si raccoglie due volte nella vita, come le rose di Pesto che fioriscono due volte l’anno”.

(“Morella”, E. A. Poe)

Era il lontano 2002 quando uscì il meraviglioso e oscuro gioiello chiamato "Televise", ad opera dei Calla, texani d'origine, ma emigrati a Brooklyn per poter dare un seguito adeguato alla loro musica.

Un disco che non ha deluso le grandi aspettative nutrite all'epoca dalla stampa specializzata, che da tempo li aveva individuati quali next big thing del panorama underground di un certo livello dell'East Coast, nell'attesa della conquista del mondo intero. Le previsioni degli addetti ai lavori erano supportate e avvalorate dal fatto che il trio americano fosse stato contattato da nomi quali Nick Cave & the Bad Seeds, Sigur Ros e Godspeed You! Black Emperor con la proposta di averli come opening act nei loro tour, lusinghiera circostanza che non capita proprio a tutti.

In "Televise" Aurelio Valle (voce e chitarra), Sean Donovan (basso, tastiere e programming) e Wayne Magruder (batteria e programming) avviluppano e stringono l'ascoltatore in una carezza graffiante, fatta di suoni aggressivi e dolci, dove il noise si contrappone a delicati silenzi, e le dissonanze dei feedback si stemperano in atmosfere cariche di sospiri scuri.

Furia e voluttà, passione e distacco, emozioni senza nome nutrite da feroci attacchi di chitarre spigolose: tutto questo e molto più, offerto in un mood molto minimale, con canzoni quali "Strangler", ad aprire le danze dei trapassati, dove la voce languida e sensuale di Aurelio (il classico bello e dannato) vi immergerà in uno stato di compiaciuta infelicità: "See what you've done/I would give anything, anything/Just to see it happen to you/I can get the same effect, if you strangle me". Per proseguire con "Customized", un viaggio nell'intrico ambivalente delle emozioni umane, mentre "Televised", straniata e contorta, lascia presagire una certa influenza blues appena accennata, e resta di continuo in bilico tra apatia e pathos, caratteristica che fa da linea guida a tutte le tracce presenti nell'album. E ancora "Monument", torturata canzone d'amore e morte, che vede protagonista il fantasma di un'amante assassinata (chissà da chi): "Last night I swore I saw her come to me in a dream/Like a storm forming/Father, will she come again?".

Un disco malinconico e dolce, violento, sospeso nel nulla, con un incedere lento e passionale, che vi porterà ai limiti del baratro e vi sospingerà a lanciarvi nel vuoto, in caduta libera: questo è, in sintesi estrema, "Televise". Musica rock che ridimensiona l'idea che il rock sia solo divertimento e voglia di fuga.

Assolutamente da avere!

Questa DeRecensione di Televise è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/calla/televise/recensione-littlebluebelle

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Che gruppo.
Che disco.
Insomma che.

LittleBluebelle: L'ultima che hai detto! "Televise" mi è piaciuto moltissimo, all'epoca me li sono pure persi live, perché avevo la febbre, (come oggi....azz!!), e ho ciccato un casino, perché poi il mio moroso dell'epoca, che se li è andati a vedere lo stesso, abbandonandomi a casa da sola nel delirio dell'influenza acuta (voi uomini, sempre inaffidabili!! :-D), se n'è tornato con CD autografato per lungo e per largo a raccontarmi che per gran parte del post-concerto lui e i suoi degni compari hanno bevuto e chiacchierato insieme alla band.... Io, io dovevo esserci, a chiacchierare con Aurelio!! Col piffero di Ian Anderson che tornavo a casa con mio moroso, poi! :-D
sfascia carrozze: Il suo "mio moroso dell'epoca" era un bifolco.
Se lo lasci dire.
Ha fatto bene ad interrompere le ostilità sentimentali con costui.
Sè lo lasci dire.
Anzichènò.
LittleBluebelle: 😂😂
sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Gran bella band, in quegli anni andavano fortissimi. Ma penso di essere l'unico il cui disco preferito sia sempre rimasto il primo che era quello meno convenzionale credo. Quello lì self-titled. Forse lo ho pure recensito qui in un'altra vita.

LittleBluebelle: andrò di certo a cercarmi la tua recensione. Io avevo iniziato ad ascoltarli con "Scavengers", che mi era molto piaciuto, poi con "Televise", che ho adorato. Ho saltato il terzo, e sono passata a "Strenght in Numbers", che a dirla tutta non mi è piaciuto.
luludia
Opera: | Recensione: |
oh, bella pagina...e di un gruppo che non conosco...

sfascia carrozze: Urge porre (immediato) rèmedio.
Altrimenti scatta il DeBanning entro la (imminente) DeMezzanotte.
Lo sappia.
luludia: a mia parziale scusante sappia che conosco l'opera omnia della famosa coppia peppiniello cacasenno e giovannino seme di mela, brillante e seminale duo di acid psych brutal folk...è anche vero che tale opera omnia è una sola canzone, ma mica ne faremo una questione di quantità?...comunque per non essere manchevole di debasicità alle 23 e 59 ascolterò questi musici da lei sì vivamente consigliati...
sfascia carrozze: Non un minutoprimo dopo.
La si raccomanda.
LittleBluebelle: Massì, e chi non conosce i mitici Peppiniello&Giovannino????
@[luludia], grazie per aver apprezzato la mia derec e... attenzione, domani verrai interrogato sull'ascolto, e dovrai fornire risposte molto dettagliate e convincenti!
luludia: lo sto ascoltando ora...e mi pare un gran bel disco...avvolgente e con crepitii....
LittleBluebelle: Grande Luludia!!! 😉
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Certo, gran bel disco. Molto malinconia e ombre. Il successivo lavoro mi ha fatto cagare.

LittleBluebelle: io non l'ho sentito, saltato e passata a "Strength in Numbers", che non mi è piaciuto, non erano più le mie sonorità. Però dai, addirittura un sommovimento di viscere per il disco in mezzo! non ci credo che fosse così brutto. Devo ascoltare, poi ti dirò.
masturbatio
Opera: | Recensione: |
Le soavi parole introduttive rispecchiano bene il disco: stràcciapall!

LittleBluebelle: in senso buono, o intendi proprio uno scassamento di palle? :-)
masturbatio: Ci sono varie gradazioni. Questa è sicuramente positiva. Ma loro non li riascolterei, almeno nel futuro prossimo.
LittleBluebelle: nel futuro prossimo speriamo di avere tante belle nuove proposte da ascoltare. E se ne trovi, consiglia pure! io mi sono pure stancata di cercare, sono troppo vecchia ormai.... ora se vado ai concerti dei gruppetti emergenti mi sento come mamma chioccia all'asilo :-D
masturbatio: Tu scrivi, ben vengano proposte nuove, meno nuove non fa differenza, scrivi bene. Io vecchio di certo non sono, nato stanco si però, quindi non so quanto potrò aiutarti nella ricerca, ho smesso di cercare per scavare (o rifugiarmi) nella musica del passato. Di sicuro ci sono utenti più competenti di me, sia in fatto di nuovo che di vecchio, qui sei in buona compagnia.
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Passava spesso per radio, ricordi confusi ma positivi.

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Apprezzata lo spirito della recensione. Album che mi ha annoiato tremendamente, ma la colpa non é di certo tua.

LittleBluebelle: e ci mancherebbe pure! io in quella formazione dei Calla non c'ero, ma ho suonato il basso in "Scavengers"... :-) si vede che abbiamo gusti diversi, capita. Non so cosa ti piaccia, mi farò un giro fra le tue recensioni. Ciascuno ha un suo sentire e vivere le emozioni, musicali e non: io ad esempio non reggo il prog, pur riconoscendo e ammirando le sapienti costruzioni architettoniche intessute da certi gruppi di questo genere che non frequento. Ho bisogno di suoni diretti, nervosi, di chitarre urlate (non sempre, per carità...), di sintesi. Fammi ascoltare un brano dei Genesis quando erano belli o degli Yes e mi prende l'ansia dopo cinque secondi... ma è bello avere gusti diversi, sempre nel rispetto di quelli altrui. Poi però se vengo a sapere che ti piacciono i Bluvertigo ma non i Calla.... no, dai, non mi sembri il tipo! ;-) De toute façon, ciascuno è libero anche di farsi male, resta inteso.
gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Recensione putifarre!

LittleBluebelle: "Putifarre (ebr. Pōṭīfar) Nella Bibbia, dignitario egiziano («eunuco del Faraone, e capo dei macellatori»), nella cui casa fu venduto schiavo Giuseppe, figlio di Giacobbe, che destò la passione della padrona. Di fronte alla sua resistenza, questa lo accusò per vendetta presso il marito d’aver tentato di sedurla."
@[gate], mi hai fatto scomodare la Treccani online per decifrare! ti xe na birba... :-) grazie!
gate: Sei veneta? Siamo anche vicini allora :)
LittleBluebelle: Ostia, sì! Sono veneta di Venezia. Abito a Mirano, in terraferma, che fa parte della Città Metropolitana di Venezia (i venexiani del centro storico affermano che siamo i "venexiani de campagna"). Tu invece di dove sei?
gate: Bene, sono bei posti! :D Io sono friulano, sostanzialmente in periferia di Udine, altra città di stampo veneziano... ma per essere più precisi, nella squallida e orrida Plaino di Pagnacco, vero @[De...Marga...] ? :D
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Bella rece. Il disco non fa per me.

LittleBluebelle: grazie comunque per aver apprezzato le mie fini (nel senso proprio sottili, quasi inesistenti) capacità scrittorie e descrittorie!
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Ho tutta la loro discografia, gran bel disco anche se il mio preferito è il precedente Scavengers.

LittleBluebelle: io li avevo conosciuti e apprezzati con Scavengers, poi Televise, che mi era piaciuto ancor di più, poi li ho messi in pausa perché i dischi successivi avevano preso una strada che ho gradito di meno. Ma ottimo gruppo, secondo me.
Johnny b.: I due dischi successivi con il passare del tempo una mezza delusione. Questo invece è rimasto ottimo come allora.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ottima pagina davvero e proposta di classe!

LittleBluebelle: ti mando un debacio! grazie
lector
Opera: | Recensione: |
Il poco tempo libero a mia disposizione che mi fa bazzicare questi lidi solo in ore tarde non mi aveva ancora consentito di darti il mio, doveroso (anche se prescindibile), benvenuto. Approfitto di questa bella pagina e di siffatta proposta.
Disco che ebbe buona risonanza a suo tempo venendo, poi, con troppa facilità dimenticato.
Non qui.
Se ti aggradano certe atmosfere e sonorità ti consiglio l'ascolto dei Black Tape For A Blue Girl, se non li conosci già inizia con "Remnants of a Deeper Purity" o "The Scavenger Bride". Vedrai.

LittleBluebelle: grazie mille per il gradito benvenuto e per i complimenti alla mia modesta recensione. I Black Tape li conosco, ma più per ascolto indiretto, diciamo. Facevano parte del retaggio musicale del mio ex-compagno, che in grandissima parte condividevo. La canzone in particolare del link che mi hai girato non mi sembra di averla mai sentita, ma li riprendo in ascolto volentieri, anche se adesso sono più in modalità, come dire, indie-guitar rumorosa.
Comunque il pezzo che mi hai girato sembra un coro d'angeli, stupendo!
psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Questo disco e in particolare la seconda traccia, mi riporta immediatamente a lunghe camminate tokyoite, quando ritornavo a piedi a casa da shibuya. Li vidi credo un paio di anni prima sotto casa, penso fosse tipo 2001/2002. Ogni tanto me lo riascolto ma non ho mai sentito altro di loro. Ma fosse solo per quella canzone è i ricordi annessi, un pezzettino di cuore glielo ho lasciato.

LittleBluebelle: Incredibile come la musica riesca a scagliarci con forza indietro nel tempo, capita spesso anche a me. Io dei Calla ho apprezzato molto Scavengers e ancor di più questo. Dopo a mio gusto si sono persi, mentre il primo album omonimo non lo conosco.
Carlos
Opera: | Recensione: |
un sacco di gente che vota! Ma sono così famosi?! Mai sentiti nominare

sotomayor: Perché sei giovane. :)
sotomayor: No davvero, hanno avuto un discreto successo ma per un periodo direi decisamente limitato.
sfascia carrozze: Urge porre (immediato) rèmedio.
Altrimenti scatta il DeBanning entro la (imminente) DeMezzanotte.
Lo sappia.
sotomayor: Il debanning è motivo di grande vergogna, diventi una specie di elefante senza zanne.
sfascia carrozze: O un rinocero, senza onte.
LittleBluebelle: Votano solo perché la derece è stata scritta da una leggiadra fanciulla! :-D No, davvero, facezie a parte, se non li conosci prova ad ascoltarli, ritengo ne valga la pena.
sfascia carrozze: Perché, le DeRecenze scritte da amabili/leggiadre fanciulle cos'avrebbero di così tanto diverso?
Dice ché qualcun_ di subdolo pensa di appropinquarLa con tali mezzucci squallidi et meschini.
Facci i nòmi.
Déleti (da delazione, ça va sans dire), ohibò!
LittleBluebelle: ....uuuhhmmmm...... la lascerò a crogiularsi nel dubbio amletico, esimio signore! :-D
ma finora tutto sotto controllo, la posso rassicurare!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: