Sto caricando...

Cypress Hill
Cypress Hill

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nebbione artificiale clamoroso, sorrisi durban's a mò di paresi, teste e ginocchia ciondolanti.

Sarà stato perchè l'atmosfera era quella giusta, sarà stato semplicemente perchè quella sera, quell'ondata funky ci travolse tutti, ecco, credo che fu proprio allora che capii che i Cypress Hill non erano solamente l'ennesimo gruppo hip-hop targato U.S.A, bensì una sorta di gruppo di "fusione". L'alchimia che hanno creato questi quattro (solo dal '94 è stato arruolato Eric Bobo l'ex Beastie Boys), dagli inizi degli anni '90 ad oggi, è stata a dir poco magica.

Campionamenti funky (filtrati dal disc jockey Muggs), due mc's dai timbri vocali notevolmente diversi tra loro (uno che pare cantare con la molletta al naso tale B-Real; l'altro più "normale" tale Sen Dog), psichedelia e ritmi latino-americani, uso inverosimile di marijuana come fonte ispiratrice dei loro testi. Questi sono gli espedienti usati dalla "Collina dei Cipressi" nel loro primo omonimo disco. Non ci sono teschi in copertina, non ci troviamo nemmeno quelle sonorità cupe, allucinate e rockeggianti che ci hanno abituato a sentire nei successivi lavori. Quest'album però, secondo me, resta un classico assolutamente da avere. Quello che ti libera nei movimenti, quello da party esagerato, quello divertente e spocchioso.

Vogliamo iniziare a parlare di quella che poi sarà una cover strabordante degli amici Rage Against The Machine? Allora eccovi serviti: "How I Could Just Kill a Man" letteralmente: come potrei uccidere un uomo (domanda che spesso riecheggiava per le strade di Los Angeles, sconvolte da sparatorie e faide tra gang). Vogliamo parlare del singolone "The Phuncky Feel One" e del suo incedere così dannatamente trascinante? Ce ne sarebbero da citare almeno altre cinque o sei, ma forse capirete stesso voi che qui c'è un bel pò di roba che manda decisamente a funk(ulo) un sacco di dischi hip-hop. Dal sabor latino la parte finale con la memorabile "Latin Lingo" e la breve "Tres Equis"(cantata in spagnolo), intramezzate ancora una volta dall'ennesima bordata funky, per l'appunto: "The Funky Cypress Hill Shit" che per educazione non traduco.

Che dire ancora, magari qualcuno di voi obietterà che quest'opera non raggiunge mai e poi mai i livelli siderali dei suoi successori (soprattutto riguardo ai capitoli III e IV), ma per me resta pur sempre l'album della rinascita della scena West Coast, un concentrato di innovazione che non si era mai sentito prima.

Ora non vi resta che prenderlo, metterlo sù e divertirvi.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciassette)

Stoney
Stoney
Opera:
Recensione:
Toh, guarda: un disco della madonna.


IcnarF
IcnarF
Opera:
Recensione:
Yosif
Yosif
Opera:
Recensione:
toh, anche te fan dei cypress, io anni fa mi ero svenato per prendere tutto originale, singoli, album, vinili!
peccato che ora tra greatest e mixtape orribili si siano perduti! la rece è ottima (io avevo recensito temples of boom, se vuoi dacci un occhiata) che è il loro migliore, e consigliabile a tutti. questo era un ottimo esordio, ho preferito i tre successivi, ma un 3.5 non glielo toglie nessuno,mezzo punto in piu per l'importanza che hanno ricoperto nell'hip hop, grandissimi!


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
quoto il ragazzo qui sopra... in tutto.


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
ecco, questo mi manca. al MarcoPolo di Forlì l'ho sempre visto a un prezzo irrosorio ma probabilmente in quel momento non ero in trip hip-hop e quindi non l'ho mai preso... certo che ora erò mi è venuta una gran voglia... bella Michoos, ci stava staccarsi un po' da tutto quel metal/rock in hp!


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
Misc, su si scrive senza accento ;)


Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier Divèrs
Opera:
Recensione:
Bè Yosif il quarto non è che sia tutta 'sta gran cosa però. I primi 3 rimangono intoccabili, adesso come tra 100 anni!


Yosif
Yosif
Opera:
Recensione:
dipende a quale ti riferisci per quarto.. se ti riferisci al quarto cronologicamente (unreleased & revamped) sono daccordo (ma non la prendo mai in considerazione come album studio, visto che sono solo 9 rmx e collab, un disco evitabile), se invece come me ti riferissi ad IV beh dai era bello, per me è il migliore insieme all'inarrivabile temples of boom!


Yosif
Yosif
Opera:
Recensione:
caricato il seimpol della mia preferita:D
campagna a favore dei samples su debaser!


Yosif
Yosif
Opera:
Recensione:
ragazzi ci mettete nemmeno 30 secondi : 1 aprire un editor musicale (consiglio di procurarvi acid pro o soundforge, ma anche col movie maker installato su windows si puo) 2 caricare la canzone e selezionarne la parte più significativa 3 esportare in mp3 128 o 96 kbps e caricarla.


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Bella pè tutti.Eccomi qua.Hai ragione Terry,su senza accento:il nebbione mi avrà dato in testa :)Yosif la tua recensione su Temple of boom l'avevo letta e mi è anche piaciuta assai(nel commento avevo citato anche quest'album..che già descrivevo come fottutamente funk).Cmq..qual'è la tua preferita?Ghemi:se avevi la possibilità di prenderlo a un prezzo irrisorio,perchè non l'hai pigliato?!?E' sempre il primo dei Cipressi per Dindirindina!Perciò ora piglialo e addivertiti.


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Qui non fanno ancora gridare al miracolo, come faranno nei successivi (soprattutto in "IV").


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Il IV io lo comincio ad ascoltare sempre dalla traccia num. 10.Parte di diritto il primo bicchierino ;)


salafumatori
salafumatori
Opera:
Recensione:
davvero bellissimo. loro sono veramente troppo ganzi!!


axel
axel
Opera:
Recensione:
beh é ormai appurato che temples of boom é il loro miglior album ma anche con questo riuscirono a farsi ditinguere!grandi davvero i cypres anche se condivido che ultimamente non hanno fatto più nulla di veramente notevole ( anche se dj muggs in collaborazione con RZA ha dato alle stampe un dischetto interessante)


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Non l'ho sentito l'ultimo del Muggs,Axel.Spero che cmq tutto il suo talento ce lo ritorni a mettere nei Cypress..magari dopo il dark-hip pop,speriamo inventi qualcos'altro..


MaTaCà
MaTaCà
Opera:
Recensione:
Clamorosi Cypress Hill... Loco en el coco! Los Grandes Exitos en Espanol rules. Quest'album però ora come ora mi sfugge, dovrò rimediare.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Cypress Hill è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link