Emil Amos
Filmmusik

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Ogni volta che ho scritto di Emil Amos e in particolare riguardo le sue pubblicazioni soliste con il moniker 'Holy Sons', ho espresso giustamente solo elogi per quello che oltre essere storicamente un grande musicista e polistrumentista (conosciuto inizialmente proprio per militare in diverse band alternative come Om, Grails e Lilac & Champagne), si è rivelato negli uno scrittore di canzoni ancora migliore e per quanto meno popolare e conosciuto rispetto a altri nomi attualmente sulla scena, per quanto mi riguarda uno dei più bravi in circolazione, tanto che possiamo parlare nel caso del disco 'In The Garden' (uscito lo scorso anno su Partisan Records) di un vero e proprio exploit.

Quando ho saputo del suo nuovo album, uscito peraltro per la prima volta con il suo vero nome di battesimo, Emil Amos, mi aspettavo sinceramente che questo sancisse in via definitiva il passaggio di questo musicista in maniera definitiva verso quella forma di cantautorato pop e americana che ho poc'anzi voluto celebrare con parole importanti. E invece a quanto pare mi sbagliavo completamente, perché 'Filmmusik' (uscito su Pelagic Records lo scorso 2 giugno) è qualche cosa di completamente diverso da tutto quello che finora questo musicista abbia pubblicato.

Il disco, tenendo fede al titolo, si configura a tutti gli effetti come una serie di composizioni ideali per una colonna sonora per un film che almeno fino a questo momento non esiste (pare infatti che alcune tracce saranno riprese per la colonna sonora di un film in uscita il prossimo anno). Lo stesso concept che del resto fu alla base della pubblicazione di 'Musique de Film Imaginé' di Anton Newcombe nel 2015, sebbene le sonorità e lo stile siano completamente differenti. Manca del resto totalmente in Emil Amos quella devozione tipica a una certa cultura europea e bohemienne tipica di Anton e lo stile è sicuramente più tradizionale e classico nelle composizioni che sono per lo più imperniata su atmosfere di carattere drammatico.

In alcuni casi è inevitabile anche pensare a quello che è un possibile omaggio a uno dei giganti del genere come Ryuichi Sakamoto, anche se chiaramente lo stile nelle composizioni parte da premesse assolutamente differenti ed è sicuramente meno sofisticato e elegante. Avvalendosi in alcuni casi della collaborazione di altri musicisti (Daniel Fisher-Locchead al sassofono, Eliza Sohn al synth, Alex Hall alla chitarra elettrica) e di Jeff Saltzman in sala di registrazione, le registrazioni si configurano per lo più come musica downtempo di ispirazione classica e comunque pregne di una drammaticità diffusa o in alternativa di un certo thrilling che è probabilmente inevitabile e alle basi del concept che l'artista ha voluto sviluppare.

Personalmente ho pensato per lo più proprio a generi cinematografici dove la tensione è alta e comunque dove non mancano spinte drammatiche di un certo tipo: generi come il noir oppure l'hard boiled e ovviamente determinate tipologie di film thriller. Roba tipo quello che faceva John Woo a Hong Kong tanto per chiarirci.

Il mio voto a questo disco non può che essere alto, considerando la brillante qualità delle registrazioni e come Emil Amos sia riuscito ancor una volta a sorprendere proponendosi con successo in una nuova veste diversa da quelle differenti. Una volta che sarete addentro alle sonorità di questo disco, del resto, non vi resterà a questo punto che domandarvi che cosa aspettarci la prossima volta. Oltre che domandarvi quando il mondo della musica, pure restando agli ambienti più alternative e indie, si renderà conto della sua particolare bravura.

Questa DeRecensione di Filmmusik è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/emil-amos/filmmusik/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Descrivo le modifiche.». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
Non sapevo di Amos solista, ti devo le prossime ore di ascolti. Grazie.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Chiaramente per gli altri ascolti cerca alla voce: Holy Sons. Ho postato il link. Questo qui è diverso dal resto delle sue produzioni come solista, trattandosi a tutti gli effetti di musiche per una colona sonora... molto bello ma difficile dargli un voto più alto al di fuori del contesto 'cinematografico'. I suoi lavori invece come Holy Sons sono semplicemente bellissimi, molto suggeriti.
nes: santamadonna, sono 12 dischi. Da quale parto?
nes: ti devo i prossimi MESI di ascolti...
sotomayor: Parti da 'In The Garden'. L'ultimo. Poi 'Fall Of Man' del 2015. Senza dubbio i migliori. E poi 'Decline of the west I & II' ristampato su Partisan l'anno scorso. Diciamo che il resto è sicuramente meno 'convincente'. Ma qui soprattutto sui primi due siamo su altissimi livelli per me.
heartshapedbox
Opera: | Recensione: |
Quindi le mie impressioni non erano sbagliate ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Boh, sempre grande amore per Amos, ma sinceramente sia Holy Sons e Lilacs non mi hanno preso per niente. Tutt'altra stoffa coi Grails e i due dischi con gli OM (per quanto l'ultimo Grails uscito a inizio anno non è come mi aspettavo, ricorda più le cose soliste di Amos appunto)
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: Urco, son cosi' fuori dal mondo che manco sapevo fosse uscito un nuovo grails... Pagina succolentissima!
lector
Opera: | Recensione: |
Un grande che, qui, dimostra anche di avere il coraggio di esplorare strade nuove.
BËL (00)
BRÜ (00)

Galensorg
Opera: | Recensione: |
Grandissimo Emil Amos e bella proposta, Soto!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: