Fakir Thongs
Habanero

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


In questo avaro, almeno personalmente come nuove uscite discografiche, 2018 mi sono eccitato in maniera folle soltanto in occasione del ritorno degli Sleep; la stessa cosa è avvenuta proprio in questi giorni grazie all'ascolto del primo lavoro sulla lunga distanza di tali Fakir Thongs.

Habanero in realtà è un lavoro pubblicato agli inizi del 2015; ma ho scoperto la band di Modena lo scorso sabato quando ho conosciuto il bassista Alex che da poco si e trasferito a Domodossola, precisamente a poche centinaia di metri dalla mia abitazione. Visto il comune amore per certe sonorità abbiamo impiegato una manciata di minuti ad entrare in sintonia; il bassista mi ha regalato i due dischi che la band ha composto. Questo è il resoconto scrittorio del primo: una vera e del tutto non pronosticata sorpresa.

Si prendano le seguenti dosi di riferimenti musicali per quantificare il voluminoso peso specifico delle dieci canzoni che costituiscono la torrida impalcatura uditiva del disco: un buon 40% di desertico Hard-Stoner che si dirige senza ostacoli dalle parti dei Kyuss; un 30% di Heavy-Fuzz distorto e famelico che guarda i primi lavori dei giganteschi Monster Magnet; ed ancora un altro 30% di acidosa Psichedelia settantiana che si libra nell'aria proiettandosi nella dimensione spazio-temporale tanto cara agli Hawkwind.

L'approccio tellurico di questi quattro acid-freakers guarda indietro negli anni, fermandosi in quelle "atomiche" annate dove le chitarre super-distorte erano assolute protagoniste. Ma non c'è solo rumore e distorsore aperto a manetta; riescono ad abbassare i toni, entrando in una dimensione profonda, ipnotica e sublime come accade nei sette minuti (appunto) di "Seven". Coinvolgenti ed avvolgenti con un imperioso basso che si erge al di sopra degli altri strumenti.

L'iniziale "Storm" è figlia di Josh Homme; con quel riff di chitarra così saturo e dirompente che mette subito in "allerta" l'ignaro ascoltatore sul percorso intrapreso dalla band (e posso dire di aver subito io stesso la cosa fin dal primo ascolto). Al termine del trip uditivo pongono la strumentale "Domus de Jonas": una fuga Progressive-Rock verso l'assoluto, verso lo spazio, verso l'infinito.

Non si inventano nulla sia chiaro; ma perchè cercare innovazione quando si può puntare con polverosa decisione verso suoni che mai, almeno nel mio caso, stancheranno?

A voi la risposta debaseriani...RIFLE DOWN BLUES...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Habanero è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/fakir-thongs/habanero/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Saran contenti anche loro di questa tua bella, infiammante e ispirata pagina!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Domani contatto Alex e gli dico della recenzia pubblicato sul nostro fichissimo sito.
gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pensa che a me gli Sleep fanno quasi schifo. Ma poi, perché avaro? Se è appena uscito il capolavoro rap Daytona! :P
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Fingo di non aver letto...ahahahahahahaha!
spiritello_s: Avaro e un po' stitico. Ci sta. Però ci sarebbe anche Ihsahn con "Amr" che non è un pinco pallino qualsiasi eh!
lector
Opera: | Recensione: |
Sembrano zozzoni al punto giusto
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: Non abbastanza però. Un po' moscetti
De...Marga...: Alquanto, come noi due del resto.
algol
Opera: | Recensione: |
Kyuss, MM, qotsa... insomma, riferimenti leggeri leggeri. Fosse vera anche la metà di ciò che scrivi sarebbe oro colato. E ascoltiamo, ma non farmi pentire perché hai ingrossato le mie aspettative a dismisura.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ho ascoltato il disco un paio di volte e come sempre ho agito d'istinto nel mio scrivere; fidati ed al 50% ci arriviamo come gradimento!!
algol: Non eccelsi. Però capisco la scarsa obiettività. Il tentativo di farli conoscere è nobile. Ben fatto.
algol: Però non mi fermo, ascolto ancora qualche pezzo.
De...Marga...: Inizalmente avevo anch'io pensato di mettere quattro stelle al disco; ripeto che non si inventano nulla ma personalmente quei suoni così "massicci" in particolare della chitarra mi hanno spinto a porre quella basilare stelletta in più. E a breve mi occuperò anche del secondo lavoro, ancora più sorprendente.
algol: È comunque una segnalazione interessante la tua. Al primo approccio non mi fanno spellare le mani, resto invogliato ad approfondire.
De...Marga...: Gioca a mio favore il fatto di aver conosciuto il bassista che è una persona molto competente in musica; poi il suo accento modenese è già sinonimo di simpatia. Ed infine algol i cd me li ha regalati e quindi come potevo parlarne male....ahahahahahahahah.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «così mi par meglio, forse.». Vedi la vecchia versione Habanero - Fakir Thongs - Recensione di De...Marga... Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «La fretta è sempre cattiva consigliera...». Vedi la vecchia versione Habanero - Fakir Thongs - Recensione di De...Marga... Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Dica la veritatis: quanto (o cosa) Le hanno dato per comporre cotanta DeRecenza iper-positivissima ché (s)lancerà i Fachiri di cui sopra verso le vette verticistiche delle classifiche di tutto il DeGlobo per restarci almeno 44 settimane consecutive.
Aiò!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Mi hanno pagato con del buon vinello dei colli modenesi; però il Cannonau è preferibile. E te lo dice uno astemio
sfascia carrozze: Ammé non mi corromperanno mai, i bifolchi.
Tèmo che siam gl'unici due asthemi del DeBasio tutto.
Temo.
UH!
De...Marga...: Un altro punto in comune; e siamo a 1000 ormai!!!!!!!
spiritello_s: Il Cannonau è l'unico vino davvero vivo. Ho una vecchia bottiglia riserva che ogni anno all'arrivo dell'estate scalpita per uscire supporando dal sughero....
sfascia carrozze: Non lo trattenga.
Che poi (berlo) d'estate è peggio: "ri struppiara", come si dice queste partyes.
spiritello_s: Ormai la tengo per ricordo ha ben 25 anni!
sfascia carrozze: Quindi ha votato per il DeSenato il quattromarzoscorzo?
Questo spiega tante cosettine che son accadute.
spiritello_s: No. Si è aste(mio)nuto.
IlConte
Opera: | Recensione: |
FAKIR THONGS - Habanero
Eh be derivativi, nulla di nuovo, riff probabilmente già usati (ahahahahahah ma che sono veramente convinti di ciò che scrivono?!)
Manco gli Sleep fanno del nuovo, ma nuovo de che ahahahah?! Saccente (?!?) inutile immondizia.

Grande Dema
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Dici tutto molto bene: riff ed impostazione sonora già sentita mille volte. Però ci sanno dare e ti dico che il secondo disco "Lupex" (che proprio ora mi sto ascoltando) è ancora migliore, forse.
IlConte: No ma io dicevo che cazzo di critiche di quegli inutili sudditi finti saccenti che scrivono su sti siti ora vedo che cazzo e’..l
IlConte: Metalitalia.... ma vaffanculo va...
De...Marga...: Ho letto la recensione di Metalitalia; che rispetto anche se non condivido. Per me i Fakir Thongs hanno un gran bel tiro e sono capaci di continui cambiamenti nell'arco dello stesso brano. Tale poliedricità è ancora più marcata nel secondo disco Lupex.
IlConte: Mainfatti...
Stanlio
Opera: | Recensione: |
me sto ad ascoltà l'intero "Lupex" uscito nel '18 trovato su bandcamp e bisogna ammettere che ci sanno fare eccome, il disco scorre con alcuni momenti che mi prendono meno ma ciò è dovuto alla mia poca attenzione ai testi causa la poca dimestichezza con l'inglese, chissà come sarebbero in italiano... comunque il pezzo sopra linkato merita five stars
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Totalmente d'accordo sulla eccellenza del secondo capitolo discografico dei Fachiri. A breve ne scriverò.
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Domodossola punto di ritrovo di artisti, Chelsea Hotel nostrano. Dico la verità non mi hanno colpito a primo impatto per svariati motivi e inutile elencarli, giudizio da un ascolto non attento. Prima era tutto più semplice, si dava il tempo a un album di crescere, oggi è tutto una botta e via. Troppe proposte e poco tempo per assorbirle. Il bassista ti deve una cena.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: esatto. Anche perchè cinque palle a questi significa dire che questo disco è fico quanto Welcome to sky valley, o Spine of God. Insomma ... non occorre aggiungere altro. Ma noi siamo comprensivi e continuiamo a volerti bene lo stesso. Malgrado codesto greve scivolone :-)
De...Marga...: @[algol] credo che qualsiasi paragone con album come Blues for the Red Sun o Superjudge sia del tutto inutile; sai bene che sono molto "abbondante" nei miei giudizi ed anche questa volta ha vinto il mio amore per questi suoni. Al di la di tutto è un disco ed un gruppo che mi hanno molto piacevolmente impressionato.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: