Sto caricando...

AA.VV.
Gilles Peterson Presents The BBC Sessions

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Non mi sono mai piaciute le compilations. Le parole "Artisti vari" mi creano un forte prurito dietro le orecchie. Tanti gruppi e musicisti schiacciati come sardine dentro un solo disco, ognuno col suo stile, che cerca di dire di sé il più possibile, sfruttando al massimo quattro minuti.

Da questi presupposti non troppo ottimistici nasce la recensione di quello che in definitiva può essere considerato a tutti gli effetti un buon (doppio) disco live, licenziato da poco dalla Ether Records. Gilles Peterson, dj inglese con l'idolo di John Peel non vedeva l'ora, per sua stessa ammissione, di chiudere quanti più artisti dentro i famosi Maida Vale studios e fargli registrare tutto quello che a loro passava per la testa. Ecco quindi un doppio disco in "presa diretta" che rappresenta la ciliegina sulla torta la domenica mattina quando vi fate il bagno immersi in un mare di schiuma.

Gli artisti presentati all'interno hanno poco a che fare col rock (ecco un altro motivo per cui in questa recensione il sottoscritto non userà mai termini come "bellissimo", "straordinario", "perfetto"): Heritage Orchestra, N.E.R.D., Bjork, Roots Manuva e moltissimi altri per una produzione che vira in modo marcato verso il jazz, il blues e l'hip hop. Anche Cody Chestnut dei The Roots (qui presenti anche come gruppo, propongono una sorta di jam session improvvistata) si converte alla dimensione più intima creata dalla saletta studio della radio e per magia "The Seed", il successone commerciale fracassapalle dell'anno passato sembra quasi una bella ballata con venature blues e soul. A Beck il premio per il brano più palloso del disco: una lagna acustica da sei minuti informe come un'ameba tutta chitarra e voce che non porta da nessuna parte.
Il tutto è prodotto in maniera egregia, ogni singolo respiro è catturato e messo su disco. Il lavoro suona abbastanza coerente: i ritmi leggeri vengono supportati dalla ottima vena di un Jamie Cullum ("Frontin") che cavalca l'onda di un successo planetario e per un secondo si diventa tutti più poppettari.

Consigliato a chi non vedeva l'ora di "staccare un secondo" dallo stress e dalla montagna di dischi troppo complicati che possiede in camera.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

giov
giov
Opera:
Recensione:
ragazzi...piano...uno alla volta...così rischierete di farmi male sul serio...e tutto per lasciare un semplice commento a questa recensione!! Non vale la pena dai...fate con calma.


trampled rose
trampled rose
Opera:
Recensione:
eh giov, come ti capisco! giles venne invitato a fare il direttore artistico per una rassegna organizzata nella mia città....ovvero si beccò qualcosa come 20.000euro per portare la famiglia in vacanza (io li scorrazzavo dal residence alla spiaggia) mettere su due dischi a inizio serata e presentare gli ospiti (bugs in the attic, incognito, nicola conte etc)...la cosa mi fece pensare che lui la vita ce l'aveva bella "sorted".....stronzo...lui o io?


lukin
lukin
Opera:
Recensione:
ahah giov. io l'ho letta ora, quasi tutti i giorni ce ne sono di nuove ed io già vi stavo dietro a mala pena prima. La musica non fa per me, credo che il Cody Chesnut però non siaun Roots ma abbia solo inciso una canzone di cui non ricordo il titolo. E mi piaceva pure.


sfascia carrozze
sfascia carrozze
Opera:
Recensione:
Dear De-Recensore Monsieur Giov, pur non condividendo globalmente l'idea (comunque rispettabile) di fondo in merito alla natura delle compilazioni musicali assortite (in ambito estremo e non solo, hanno fatto spesso storia.. se poi Lei si riferisce - anche - alle "Festivalbarate" [fatti i dovuti distinguo...] tipo il disco de-recensito, sfonda lo stra-classico cancello aperto), apprezzo il Suo pregevole tono de-commentatorio. Sulla compilatzione, pur conoscendo gli artisti in questione (e qualcuno apprezzandolo pure), compiutamente non mi esprimerei: non avendola auscultata globalmente, diciamo che mi fido della Sua parola. Ossequi cordialissimi. Your S.C. di (S)fiducia.


giov
giov
Opera:
Recensione:
6 commenti (di cui 3 solo di Trampled!!!!!) beh...dai anche oggi una mezza pagnotta a casa l'abbiamo riportata va... ;D
thanks budsp.s.
Trampled...stronzi un po' tutt'e due....forse più tu però!! ;D


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Bè giov io non generalizzerei riguardo alle compilations. Certamente ce ne sono di banalissime tra gli scaffali, controbilanciate però da altre interessantissime come quelle della Harmless (i vari "Pulp Fusion" ad esempio), la saga "Dusty Fingers", tutte le compilation della label elettronica Audiopharm (le "Brazilectro" su tutte). Insomma non facciamo di tutta l'erba un fascio ;-) Questa l'ho ascoltata l'altro giorno dalla Feltrinelli, per il voto salirei anche a 4. Ciao :-)


trampled rose
trampled rose
Opera:
Recensione:
e mettece er sampols :))))


giov
giov
Opera:
Recensione:
il saint Paul's nun lo so mette. ;D
grazie pij voti.


What of I
What of I
Opera:
Recensione:
nun lo sai mette?????ma allora chiedi a quello sfaticato di zion no? ;P


giov
giov
Opera:
Recensione:
Zion mettime ddu sempols, se te va ;D


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
anche io di solito non amo le compilations, qualcuna ogni tanto ci passa, questa non credo proprio giov :)


giov
giov
Opera:
Recensione:
sti cazzi io te la spedisco ugualmente in sardegna ;D


charles
charles
Opera:
Recensione:
caro giov, visti i nomi che citi, non credo lo ascolterò...avrai di meglio da passarmi sicuramente.


giov
giov
Opera:
Recensione:
eh eh..conoscendo i tuoi gusti misà di si ;D


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
A BELLO COME STAI ...GUARDA N PO' ER SEXY TEEN TE RIVENUTO A TROVA...LA DOMENICA MATTINA QUANDO LA CASA E' FERMA FACCIO VIBRARE IL BASS COL VICINO CHE BESTEMMIA...TUTTO SI SPEGNE LO SENTO..SCRIVO..INVENTO E' L HIP HOP CHE STA INGOIANDO LA MIA VITA DAL DI DENTRO...PURE SENON SO HIP HOP STA CANZONE SPAKKA E NO COME STI FAGGIANI CHE HAI RECENSITO....BELLA GIOV..UN BACETTO DAR SEXY TEEEEEEN....N.E.R.D. MERDA


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
GIOV FA UNA RECENSIONE SUI KILLERS E PARLA IN PARTICOLARE DI MR.BRIGHTSIDE....FAMMI UN FAVORE...ANCHE SE IN PASSATO NN E' STATO COSI' ORA TI PORTO RISPETTO


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Con una scelta ragionata di tutto il materiale presente nella raccolta si otterrebbe un disco singolo che meriterebbe anche più di 4. Vista la naturale altalena tra momenti ottimi ed altri più scontati, sta intorno al 3,5. Che è un gran bel voto per una buona raccolta, la migliore sentita quest'anno e prodotta, come noti giustamente, con grande cura. Cosa piuttosto rara, in questo genere d'operazioni. Ad Hal consiglio un ascolto, magari "fraudolento". Bai


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
mr nobody suca cannoni


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Gilles Peterson Presents The BBC Sessions è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link