Gnod
Chapel Perilous

()

Voto:

Gli GNOD (che praticamente infilano tutti di seguito dischi uno migliore dell'altro) stanno ridefinendo i canoni del genere psichedelico del nuovo decennio. Cioè il prossimo. Mentre la Fuzz Club Records continua a estendere il proprio dominio sul vecchio continente per quello che riguarda il genere neo-psichedelico con proposte sempre più ammiccanti e in parte abbandonando quella deriva post-industrial che caratterizza esperienze come Radar Men From The Moon oppure 10,000 Russos, gli GNOD di Paddy Shine vanno dritti per la loro strada e dopo "Infinity Machines", "Mirrors", il provocatorio "Just Say No To The Psycho Right-Wing Capitalist Fascist Industrial Death Machine" e la fondamentale pubblicazione proprio con i RMFTM nella forma subliminale Temple ov BBV, rilanciano con un nuovo LP intitolato "Chapel Perilous" e uscito per la avventurosa ed epica Rocket Recordings lo scorso 4 maggio.

Imbarcata una formazione di pazzi scatenati (tra cui anche anche il terrorista della musica elettronica italiana Toni Cutrone aka Mai Mai Mai) gli GNOD si sono raccolti nella fornace di Bob de Wit (ancora RMFTM) i Supernova Studio di Eindhoven (la nuova "mecca" della psichedelia europea dopo Liverpool) dove hanno nuovamente lavorato a un album dai forti contenuti sociali e filosofici e in una combinazione alchemica tra post-umanesimo, illuminismo fantascienza e teorie della cospirazione, dedicandosi questa volta a sviscerare l'opera del socialista libertario Robert Anton Wilson e una opera significativa come "Cosmic Trigger". Questo disco di conseguenza è costruito sul confine di quella sottile linea dove il soprannaturale incontra il quotidiano e la definizione della realtà viene affidata esclusivamente a esperienze sensoriali.

Aperto dalla monumentale "Donovan's Daughters", "Chapel Perilous" (definizione usata per la prima volta in campo letterario in una opera avventurosa di Sir Thomas Malory nel 1485) si può considerare come il punto di approdo dell'opera concettuale cominciata da Lou Reed con "Metal Machine Music" e poi proseguita con la new wave e i Suicide di Martin Rev e Alan Vega: quelle spinte minimaliste e d'avanguardia mai sopite nella natura più selvaggia dell'essere umano che qui prescinde da ogni pretesa intellettuale e si concretizza allo stato primitivo e dove il soggetto si spinge oltre ogni frontiera dell'immaginazione fino alla pazzia. A quella paranoia del soggetto e del singolo considerato nel contesto della società occidentale contemporanea.

Questa DeRecensione di Chapel Perilous è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/gnod/chapel-perilous/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Carlos
Opera: | Recensione: |
Recensione accattivante quanto un tiramisù. Io adoro il tiramisù.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Ne ho mangiato un minuscolo pezzetto ieri pomeriggio (sto a dieta...). Mi ricordo quando lavoravo a Berlino come "sguattero"... In generale cenavo in ogni caso dopo essere tornato a casa, anche se tornavo di notte, perché comunque sentivo di dovermi rifocillare dopo la scarpata sotto la neve. Però a un certo punto, quando restavo solo nel ristorante (ristorante italiano) e saliva la fame, cacciavo dal frigorifero sti ruoti di tiramisù e ci davo dentro senza nessuna pietà... Sugli GNOD... come i RMFTM... gruppi veramente affascinanti e bravi a sviscerare temi di questo tipo e riferimenti letterari colti come questo qui a Robert Anton Wilson, personaggio chiaramente da approfondire.
noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Ho preferito "Just say no", ma di gran lunga. Comunque fa piacere vedere artisti come Mai Mai Mai riscoprirsi oggi con i Gnod e ieri in un'incursione nel disco di Calcutta. Cose che fanno bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

ygmarchi2
ygmarchi2 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sempre foriero di spunti preziosi e di interessanti novità.
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Interessante. Bravo, Soto!
BËL (00)
BRÜ (00)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
La cover me l'appenderei nel salone chilometrico del mio superattico che sovrasta Central Park.
BËL (01)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sto cercando di entrarci dentro ma il buttafuori è un armadio a muro che non parla inglese. Come si fa? Il buttafuori precedente disco spiccica qualcosa di inglese?
BËL (00)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
SuperSoto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Interessante. Proverò ad ascoltare.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Sto comunque preferendo l'incarnazione prima. Ma riprovo
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Lo recupero ora, ma per i miei anestetizzati gusti si stanno troppo trasformando in un rock band a tutti gli effetti e questo me li rende meno interessanti .
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: