Sto caricando...

Iosonouncane
IRA

()

Voto:

Dies IRAe

Certo, la precedente recensione di questo (doppio) disco non è passata inosservata, e di questo nuovo lavoro di Iosonouncane/Jacopo Incani si è discusso già parecchio (qui e altrove), ma trattandosi di un'opera tanto complessa, dalle molte sfaccettature, è giusto continuare a parnarne, ora che, a ormai due settimane dall'uscita, non siamo più così a caldo, e gli ascolti si sono accumulati e sono metabolizzati abbastanza per poter dare un giudizio più sereno, libero da opposti estremismi, entusiasmi oppure corsa al ridimensionamento. E, se il gioco del "cita questo, ricorda quello, è arrivato prima quell'altro" è concluso, propongo la mia personale suggestione ed interpretazione, a seguito degli ascolti e di qualche lettura.

Leggendo un'intervista allo stesso Incani, un passaggio riporta queste sue parole al riguardo di IRA:

"IRA è un disco di frontiera, di paesaggi sconfinati e sconosciuti attraversati da una moltitudine le cui vite e voci si mischiano fino a smarrire i propri contorni. Un disco senza speranza perché calato in un momento preciso, nel tentativo vano di fermare una e infinite storie prima che si compiano. Alla luce di ciò e dell'anno appena trascorso può probabilmente suonare come il rantolo finale di un mondo non sarà più lo stesso. O, forse, il primo vagito di un mondo totalmente da definire."

La mia mente vaga di continuo ed è sempre aperta ad accostamenti, associazioni, parallelismi artistici ed affinità intellettuali/concettuali.

Pertanto, subito mi è venuto in mente il visionario capolavoro herzoghiano Cuore di vetro (1976). Queste parole tratte dalla scena iniziale, sulle quali scorrono le note dei Popol Vuh:

"Il mio sguardo va oltre l'orizzonte, sino ai confini del mondo. Il giorno non è ancora giunto a termine, ma la fine è qui, davanti a me.

Il tempo comincia a precipitare, e dopo il tempo, la terra. Le nubi si addensano, il suolo ribolle. È il segno: è il principio della fine. L'estremo limite del mondo comincia a sprofondare, tutto sprofonda, sempre di più. Si rovescia e cade. Cade, continua a cadere.

E rapito da questo vortice, io guardo. Sento un risucchio avvolgermi, trascinarmi, portarmi via.

Io precipito, scivolo sempre più in basso, è la vertigine.

Sì, il mio sguardo ora è fisso su quella cascata. Io cerco un luogo, un rifugio dove i miei occhi possano trovare pace. E divento leggero, sempre più leggero. Il mio corpo si dissolve nel nulla, come ogni cosa attorno a me. Io volo in alto.

E da questa caduta e da questo volo, il primo sussulto di una nuova terra.

Nelle acque, il ricordo di Atlantide.

Io vedo una nuova terra che nasce."

Non è un accostamento blasfemo per me, anzi. Iosonouncane in questo disco, attraverso l'uso di un linguaggio momentaneo ed estemporaneo, riflette sulla moltitudine della modernità e sul concetto, che lui stesso considera relativo e "in movimento", di identità culturale. È difatti un'opera apolide, di certo non si può considerare un'opera "italiana". Considerarla tale, significherebbe limitarne le potenzialità ed i confini.

Herzog, d'altro canto, è un artista che da decenni esplora le profondità di ogni remoto angolo di terra e mare, le culture più antiche o quelle perdute, le lingue più diverse, cerca e vede mondi lontani, viaggia alla ricerca, a sua volta, della moltitudine. Un nomade della visione, uno sperimentatore continuo di linguaggi audiovisivi.

Ecco, io ora voglio considerare IRA come l'ideale colonna sonora di un film post apocalittico di Herzog. Come il viaggio da un mondo vecchio ad un mondo nuovo. Verso la rinascita dalle ceneri e dalle rovine.

La considero, pertanto, una grande opera, da ascoltare e valutare senza superficialità o in modo sbrigativo, come nell'epoca di Spotify si è ormai abituati a fare. E magari lasciandosi andare a personali suggestioni. Dopotutto, l'arte è e deve essere una porta aperta.

Commenti (Tredici)

MarkRChandar
MarkRChandar
Opera:
Recensione:
data:image/jpeg;base64,/9j/4AAQSkZJ RgABAQAAAQABAAD/2wCEAAoHCBYWFRgWFhY ZGBgaHBkaGhocGhocGRwaGRwZGhgcGBwcIS 4lHB4rIRgaJzgmKy8xNTU1GiQ7QDs0Py40N TEBDAwMEA8QHhISHjQrJCs0NDQ0NDQ0NDQ0 NDQ0NDQ0NDQ0NDQ0NDQ0NDQ0NDQ0NDQ0NDQ 0NDQ0NDQ0NDQ0NDQ0NP/AABEIAKgBLAMBIg ACEQEDEQH/xAAbAAABBQEBAAAAAAAAAAAAA AADAAECBAUGB//EAEMQAAIBAwIEAwYEAwUG BgMAAAECEQADIRIxBAVBUSJhcQYTMoGRobH B0fAUQuEVI1Ji8TNDcoLC0gdTkqKy0xZjdP /EABgBAAMBAQAAAAAAAAAAAAAAAAABAgME/ 8QAJREAAgICAgIBBAMAAAAAAAAAAAECERIh AzFBURMEMnGRImGB/9oADAMBAAIRAxEAPwC 3c59wDe41Ore7Gpk9wVLuiFUDNEMoMAA/Wr fH+0fANJUoCFcLcPDatDsFhip+LdhHT515U H6kfrVoozDVtJxJHXvXHgkaHdX/AGg5cVuj SgDe88H8MJuakVUKt/u4YMYkZM1K97RcuZl ddCMHwRwx0hRbuKjldmhnEr3VTHhz56yR5n v23puJtkKIIlzgAj61WKJo7jgvaHhEdGlHu C6HF3+HNrH8OLZfSkSC+pdOMnVGKjzTnPAv oZXVNF1HKHh2fWAiKyahACyp3mSCesVxl4H TBIlANI1AnSYwM9D06TQ7NxTqDxpYGS0iGE lSpUGG6bQZzG9UkDRse2HMrF8Ill0Ztdwu6 WPceB2Uoh/xaQDk/Uya5jgAVuFJ3kSDsRlT I609m0C3xhBnLBiAYx8AJ+1H5dYQn+8cogZ F1KJMsx8vhCq5+Q71a0BmukMVO4JFPeSBnz H0MV0p5dZd9TsVTwvqAJ1jUECaehZnTPQTW XxnCMyHQhMO40qpaJyAInGPtVWFGSok0UCp DhGVwjq6HcqVKt2EBhWs/KyeIawhDaSfFIj CajkGMZzMYpMVFBEn510HD+z/ALxUFptVzP vAcKo8UESJhQjFm2ysEzVHgOWre8SOqEsQi vIB6hQ4kagI3Ar0n2f5c9m1cVkLcReVknUp ZVbUrsY6Ss9zisZyo2jE5j2f5OwYvpkaD9L gZCQOoA1V6Pa9n7XDu7Kqw2ApWVKlArfU6v rQBwd6y1skDMINKiFIgwIGw1GP+E1v80uqu kEKTGZXM+o2rgnOTjJvVUdOKuKju7PO+c+z ypL2MJq1m2GIZG/x2W3RgQMDfHlF1eYXCml 76vpXwPcU+LV0gE+MZBxvj10uNcAHwkz+8z XPceoY61hScztEidjgmR96x4uSU1UjXl4ox 2i5/HFbalvAQpVsMVZYgOxYdM4Aj4e1c5c5 qATBLRuCd8HAJ75NF5rcadFxhq0zIJxgExj 4tx+5rneYBJBViSTJBAxnt867eOOW2cMnTN jjLsJCGUaJQ5yJIIYjEz8xI8qyrPMWAOnBi NUkEDEfMEflVZOKJxMZ79Ae23b9zUgDLEkG fLY9YrZRpUyUsma3G86vXrYR3ZlHQmZOwJ/ TbrWe7SIprWVNTcDYUjeKSWgKW5olx1RRJk 9B1NQu8Vp8KCW+w9TU+E4cfE/ic9T09Kf5D vopsjuwL7dF6CrYWEI2qbp4gfP8qnfUaaTd hjRbtr4R6CndJp02HpUWfxAVJp4D2V3rJ45 TrPpWraO9UOYnIoj2KXQ/BpAoxQGo8OIUUS ab7BLQ6CKG1wA1JWoDhQZJpUDYb3lL3lAe7 2FC94e9FCySMlXPStE3mKjbeB2yPXeqo4Fy FMYOOp0mWEMBkTpnbY0hcCKR4WYnvIWOqwe 532MH59DVnKiepRkEk9RG48+1G4NNb+D4jh QQMk7z08qpa5M4BP0rR4FbahmJcOBOmUUMr RkMwPQgwFJIk9KTQI3/AGNs8LfduG4hCt1m /u3AXpkqZEgiDjYjEYr0T/8AB+G0lVBTUQX 0QA0dCGDeGQDpmK8x4XhJvWntPF5WRgxZSj kaWTqCWyVIgfp7irHSCYBgTnE9c9pqLVlUc Vyf2S4Z34hbiAvbv+B1GiAUQqCo8JHkQRk9 62r/ALIcK6ke7VGIOpkRF1EiNREEBvMVlcr 5yy8ZeQqpNx1gqSUBCqMtpk4jp3+Uece3ll Wa3blo1q7nUEVhjdTqgGZI7UshuJyvt37Pn hwqqxdShgwA0IVBVu5KxnqZrleEusnDtdTT qR0fxfCYmBH80k7V1D8d719IwjZ0lp/vBhm UsSSCPz7Vk8ZywraVVVW/vQ2kmJGlwBuPLa tIz1sHEyuYckZxbuWWe+7s6uQCWV0AaCI8I 05XJlRiIzPh+Fu8Nbe86aWuMLYZtJKg6veM EJ8WFiTjeu14HmhRbdtcIgVRGJgRJHU/FXo fKXW7bViAYOO4PX07GslztyxaB8dK7PLeD9 leGThbd643xltQIlhoZkOhcNBC6oOqCvSa6 zk1+zchOFv27KjUW1r/AHx8WlVCsRpQxsNo AArQ4HlCX+H0k4Z7qkdNIv3AwEbSMR51h+z Hsvau/wB8CNVu5cttOZKMNOepGc9m8hTlT7 Ed9ZsNp0vDFTKkADoRPrk1yPtHzgzqC9AMk QMnc7Ge3l511vAWPd20SfhEDM/L99q8h9uG u2b0HWNZJV2UEafDhTsdORjAgd6x5OPOo+C +OWLsNzHnIJljAIwDJIGAcxvWc/EF3QnVo0 qzRsoWWJJOMR1rn+MJYyrMymWXUNJxM41Nn EbmYpuK4ltAXVgokiTv4hON+u/enDgUVSKn zN9hOZc5Z2kmenfwmcZ9ayPfEk/vvQGNG4W zrPl1rpUYxRz25Mt8LaJGroJx36fSrHSj/w AuNoFIQqy2B+PpUN2bxiooZHhSPrQmZmXw4 XYt3/4f1oi2NYLNIBOF/X9KtOn8vQdKVpFJ NldLawFUY69zV5EwD5UFLOlZ6maktzBHpUv ZS0QuHxD1oXFnApK8uPnS4rOkUxN6Zed4AF V7VyX+RoPGtgRQuXv4jPanWrE5bo2UE1T46 1MU44sLIGarXnZtzHpUpOynJNUW2YARNVW4 g7KKGMU6GqohsgbrHBNTVBUSmamKYhs1B5m rCClilY8TohyYMio7sqrddy1pELaX8WnS52 DDGWwTg1rcTd5bY4S+iW1vMWHuw6t7wllEF 5CsApDYESIG7STrZdScbgVG1bDtDIGHiwQD 1zvWS535RtL6dPpheF/8LrT8Lb1s6cTpLOw YldTKdKMpxCkrJEE6T3xTP/hbeZ/FxCadPx BIOsAQNAULo6EzJiesVZZGRRouXLfkrsR8l aQvyirHCc44hBPvC89ScjfMNqBP0p/PfRk/ p5rybPsz7E2uFZ7jt7665nURAEjMKMSSWz2 PTNdJxdslSqwC0AmAYHUgEQT2nEnrtXM2Oe Ou7fJhP/un86zPaXnagK76ZiABuR4s56T1q PmTdU7B/TSjttUZfNuMTh+J4nWxZpwQSC0I rMGYfDMqD1jAia5O9e13Nbe7dDAIRdPTTLK cjbc7kg1oEJdfUwhWeSQ0eE6dU79AaDc5Hp Y+7bUrYz4ROYOJxH51tHf5E3XZW5TxYfiVA QAE4+SxgH4ZE4Het7mlrTaMD4HB+kx/8qhw fJClwPdMOCGUKsyCDJZiRGY6d61OY8PqtuA AZ0kdMyNz2psUa2zng5WGgwRI7eWTnqK9C9 guNdgyMr6NIdGYECZhl/8Aia4/gOXW2IZ2u IqjxBQpOoSJGrvufWIrtuWc/wCHtotpBchQ ANQBJ6kklsk1motO6FySVVZa9mb8cKCI/wB rxW//APReq5ya4NBhd7l4mI3N1/rWR7JXA/ CAr1ucQfMTfukfjQrPOk4bh2uXP/NvqANyR eub+WKHLbDBYnX1z3tZZ4YorcTbZ7aaiY2X WChYgEHGrBGQYIyKq+z/ALXW+Jc240uAWAm QRIEZ/mztQ


snes: io pero' adesso son curioso...
MarkRChandar: Niente curiosità, non so usare un pc questa è la verità
zaireeka: Tutto molto chiaro 😂
asterisco: Descrizione perfetta del disco la tua, Mark.
Direi quasi mimetica.
Martello: Sono d'accordo
MarkRChandar: Comunque in sostanza è la foto di GTA SAN ANDREAS "Ah shit, here we go again"
ZiorPlus: Proviamo con il video?
Ah Shit Here We Go Again 🎵
snes
snes
Opera:
Recensione:
"voglio considerare IRA come l'ideale colonna sonora di un film post apocalittico di Herzog." ci starebbe bene in effetti.


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Questo album ha la capacità, in alcune sue parti, di metterti un angoscia e un malessere addosso come pochi altri... Un disco per masochisti musicali..


zaireeka: Ciò chiaramente non toglie che possa avere un certo fascino, in certe parti
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Ira è l'anagramma di Rai. Sarà un caso?


MarkRChandar: Viva la Rai!
MarkRChandar: Vero!
asterisco: Iosuonocanne è un anagramma di Iosonouncane. Sarà un caso?
MarkRChandar: è politico per un motivo
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
due recensioni troppo vicine nel tempo non sono una buona cosa. Non Dai il tempo all'utente di farsi una propria idea e da qui partono le patate senza nulla di personale e offensivo


MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Finalmente, con il tempo necessario per respirarlo, ansimarlo, sudarlo, assimilarlo, risputarlo, coglierne lo spirito politico, l'etica profonda, il dolore e la profondità; finalmente, penso di poter dire, l'ho capito. E gli ho dato tre.


zaireeka: Io ci avrei messo anche soffrirlo, subirlo e sopportarlo, non per questo gli ho dato due...
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Volevo dire “non per niente”...


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Vabbè, ho capito: devo ascoltarlo.


francobtc
francobtc
Opera:
Recensione:
Al primo ascolto mi lascia esterrefatto in positivo, al secondo penso sia un genio, probabilmente lo è.


ZiOn: Al terzo dicono appaia la Madonna di Fatima.
Farnaby: Al quarto diventi cieco...
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Dopo svariati ascolti (ho visto la Madonna di Fatima e sono diventato cieco) per me capolavoro...


TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Io parno
Tu parni
Egli parna
...

Questa cosa del giudizio vi/ci sta sfuggendo di mano.


SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Sarebbe un 3,5 per me. Ci sono belle cose qui dentro ("prison" su tutte) ma, perdonami, lo trovo troppo lungo, e statico, alla lunga mi risulta soporifero. Di lui preferisco di gran lunga il precedente DIE. Buon disco comunque.


snes: si', è troppo lungo, se con gli stessi pezzi avesse fatto due dischi starei urlando al capolavoro anche io.
Pero' 'sto disco era un azzardo bello grosso, commercialmente poteva anche essere un buco nell'acqua e se l'avesse diviso in due lavori e il primo non fosse andato bene come è andato questo credo che la seconda metà di questo lavoro non sarebbe stata pubblicata.

Pero' magari no, che ne so. Di sicuro se fosse stato piu' breve ci avrebbe guadagnato.
(meno male che è un controcommento e che lo leggeranno in pochi, se no qui sotto ci ritroveremmo i fanz del disco di "musica nuova italiana" che si scandalizzano se non hai la pazienza di ascoltare un disco per settanta minuti e mi toccherebbe spiegargli che di musica cos', sull'hd, non ne ho settanta minuti ma tre mesi)
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
certamente un buon lavoro senza farsi prendere da isteria collettiva . D' accordo con @[SilasLang] . Prevedo, spero di no ma penso che questo sia la punta del progetto IOSONOUNCANE


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di IRA è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link