Judas Priest
Screaming for Vengeance

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dopo aver recensito il loro ultimo lavoro, Nostradamus, non posso che ripercorrere la loro storia nell'ambito del panorama metal mondiale, che ha toccato l'apice proprio con questo album epico, "Screaming for Vengeance"... gridando per vendetta, contro i nostri nemici, contro i nostri peggiori incubi, contro il mondo intero che non capisce il nostro valore e racchiude le nostre speranze, i nostri sogni in una fantomatica sfera di cristallo dove lentamente svaniscono e si disperdono nelle pieghe oscure del tempo che scorre.

I Judas Priest, la prima band Metal che ho conosciuto, l'ultima che smetterò di ascoltare... ogni loro lavoro è curato inei particolari e rappresenta l'ingegno di questi ragazzi tramutato in arte, in arte sopraffina, in modo da poter essere assimilato da tutti.

Il loro carisma, la loro adrenalina sul palco, la loro bravura, la loro consapevolezza di essere piccoli in un mondo tanto grande e pieno di numerosi altri gruppi capaci di fare di tutto per raggiungere quella meritata e ostentata fama che ogni bambino appassionato di musica vorrebbe avere. Questi aspetti li hanno resi una delle band più incisive nell'ambito metal e una delle più ispiratrici.

Basta farsi un giro su youtube e si scoprono moltissimi gruppi che hanno appreso dal loro stile, sia musicale, ma soprattutto scenico. Erano una novità negli anni '70... quei pazzi scatenati con le moto, le giacche di pelle borchiate, le catene... mentre il resto del mondo era abituato ad ascoltare Led Zeppelin, Deep Purple... gruppi semplici e tradizionalisti.

Ecco loro si sono distinti dalla massa e sono diventati un fenomeno, prima in Inghilterra e poi lentamente in tutto il mondo... l'apice di tutto questo, come già detto prima, è questo favoloso disco.

In "Screaming for Vengeance" i Judas Priest hanno toccato il summo creativo e hanno dato sfogo alla loro capacità  compositiva.

Troviamo canzoni veloci e aggressive come la title track, la maestosa "Hellion/Electric Eye", "Devil's child" che si alternano ad altre perle di rara bellezza quali "Prisoner of your eyes", "Fever" che si distinguono per la loro raffinata dolcezza e semplicità dei suoni.

Questo è solo l'inizio dell'era dei Priest che dura tuttora e infrange la barriera dell'Heavy per naufragare con l'ultimo lavoro in un classic metal mai visto così allucinato e sfarzoso.

I Judas Priest hanno fatto la storia del passato, del presente e chissà forse anche del futuro... sono sicuro che abbiano ancora molto da dare ai loro fan, che ormai si aspettano di tutto, ma io sono già contento che abbiano pubblicato questo album fantastico!

 

LA STORIA DEL METAL! 

Questa DeRecensione di Screaming for Vengeance è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/judas-priest/screaming-for-vengeance/recensione-kingjudas

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su SessantUno

KingJudas
Opera: | Recensione: |
Semplici e tradizionalisti nel modo di vestire e di esporsi... capelloni lunghi, ricci, pantaloni a zampa di elefante, occhialoni scuri, baffi.
Intendevo in quel senso!
Erano "canonici" da quel punto di vista... è naturale che musicalmente sono stati degli innovatori, ma per l'atteggiamento no. C'erano molti alri gruppi prima di loro che si vestivano così: ELP, Cream, Black Sabbath, negli anni '70 era quella la moda.
E i Judas Priest hanno cambiato completamente il loro modo di vestire, essendo tra i primi a coprirsi di pelle borchiata!

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
ma che vuo dire judas priest?

mr.shit
Opera: | Recensione: |
ah ecco!rob halford e' stato il primo a vestirsi da motociclista gay.molto interessante...

Pibroch
Opera: | Recensione: |
Vellutogrigio caro, non dimentichiamoci di "Painkiller"... ;-)

KingJudas
Opera: | Recensione: |
judas priest = prete di giuda.
Il nome però deriva da una canzone di bob dylan... "The Ballad of Frankie Lee and Judas Priest"!

Keith
Opera: | Recensione: |
Rorix
Opera: | Recensione: |
"Led Zeppelin, Deep Purple... gruppi semplici e tradizionalisti." No, questa non te la perdono

eletto1987
Opera: | Recensione: |
veramente Rob Halford è stato il primo( mi sa anche unico)cantante metal a fare coming out ( forzato, ma l ha fatto).
Mr shit,Che c'entra l'immagine del motociclista gay? Non l'hanno mica inventato loro, c'erano pure i village people....
Poi l'abbigliamento e l' apparence dei Judas( che agli esordi era piu sobrio, c'e da dire) riprende, al contrario,il clichè del metallaro virile,tutto borchie e pelle, non certo la sua estremizzazione omosessuale alla "cruising"(W Friedkin)
Anche perchè dei Judas, solo Rob mi risulta sia gay.


JohannesUlver
Opera: | Recensione: |
IL disco dei Priest.

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
Il grosso limite dei Judas fu sempre il batterista: a me piaceva Les Binks. Dave Holland non mi è mai piaciuto. E guardate che fine ha fatto!http://www.francesfarmersrevenge.com/stuff/archive/oldnews2/judas.htm

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Beh, dire che LZ e DP fossero semplici e tradizionalisti mi sembra un tantino discutibile...

Kembruck
Opera: | Recensione: |
"ogni loro lavoro è curato nei particolari e rappresenta l'ingegno di questi ragazzi tramutato in arte, in arte sopraffina" permettimi di dirti che sei un pò troppo di parte, già dal tuo nick e poi da queste frasi. Pur essendo davvero un grande album, e i Priest una grande band, non parlerei di "arte sopraffina", come caratterizzazione gli sta un pò male e non rende conto del reale merito musicale della band: energia, potenza, e aggressività, musica diretta, si magari molto ispirata, ma non una dimostrazione di chissà cosa di ineccepibile. Secondo me un buon recensore dovrebbe tentare un approccio più distaccato con l'opera in esame, anche se spesso non è facile, occorre quanto meno non lasciar trapelare l'amore incondizionarto verso una band anche se effettivamente la si ama alla follia. poi dire che deep purple e led zeppelin in confronto ai Priest erano semplici e tradizionalisti negli anni 70...

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
chissà perchè lo hanno cacciato les binks; e comunque, anche se è un session man, anche simon philips non sarebbe stato male...su sin after sin fa un lavoro eccezionale

RottenCore
Opera: | Recensione: |
Minkia che esaltato:recensione inutile.Il disco lo conosciamo tutti.

World SBK Fan
Opera: | Recensione: |
Vabbé, almeno 3 la merita la recensione, si vede che è scritta da un fan.

Sul disco che dire... il più bello dei Judas e direi che è anche più bello dell'altro classicissimo The Number Of The Beast(volendo fare il solito paragone Priest-Maiden), che usci anche lui nel 1982.

The Hellion/Electric Eye è una GEMMA che rimarrà per sempre negli annali del metal.

holdsworth
Opera: | Recensione: |
Addirittura 5 a questo disco! Oltrettutto i semplici e tradizionalisti lo sono sempre stati i judas (esattamente perchè ricalcavano le idee dell'hard rock dei Black Sabbath dei led zeppelin dei deep purple e io ci metterei pure i cream).

cynic
Opera: | Recensione: |
rece paurosamente esaltata!

hymnen
Opera: | Recensione: |
il piu bel disco Heavy Metal era( senza secondo me', mi son rotto er ca e' sottinteso) " The Eagles Has Landed" ...questo nn lo voto nn lo ascolto piu' da' 123485967513 anni

47
47
Opera: | Recensione: |
@vellutogrigio: sono commuoventemente d'accordo con te su tutta la linea, e anch'io ho sempre pensato più o meno le stesse cose sui judas, anche se la batteria molto hard rock è stato l'unico elemento negli anni (fino a painkiller) a non farli sconfinare del tutto nel metal. su "sad wings" è però davvero davvero imbarazzante.

hymnen
Opera: | Recensione: |
batteria hard rock??? ma la doppia cassa di exiter sul mitico live in giappone del 79 dove la mettiamo in solaio?? nn cominciamo please

the green manalishi
Opera: | Recensione: |
Anche a me questa recensione non ha molto entusiasmato devo dire.

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
47, vatti a sentire la batteria su sin after sin vai...

47
47
Opera: | Recensione: |
non credo che quella che ho detto sia una cazzata.. in sin after sin (che riascolto ancora volentieri) ci suona simon philips, che s'è alternato negli anni (i primi) con un po' di gente tra cui les binks e altri i cui nomi dovrei andare a leggere nei libretti dei dischi.. dave holland da british steel, escludendo qualche pezzo, non mi pare che abbia mai istituzionalizzato lo stile metal nel suono dei judas ,(tecnicamente faceva anche abbastanza schifo) ed è stato il batterista che ha militato più a lungo nel gruppo fino a scott travis. che poi a voler ben vedere, (leggasi a voler rompere i coglioni) i primi dischi sono principalmente proto-metal: sad wings mostra i semi della nwobhm, ma è un disco acerbo per quanto importantissimo, sin after sin è penalizzato dalla produzione "particolare", stained class è probabilmente il più compiuto e roccioso tra i primi lavori, hell bent for leather (o killing machine) è proprio hard rock (quasi) dall'inizio alla fine (e un netto passo indietro rispetto al precendente, imho), e da british steel in poi (con holland appunto) il suono del gruppo si stabilizza tra qualche sferzata metal, numeri hard rock e scimmiottature degli ac/dc di tanto in tanto.

hymnen
Opera: | Recensione: |
domanda: exiter del live in giappone 79 e' heavy metal o no? risposta: 47 grazie

47
47
Opera: | Recensione: |
si vabè hymnen, tutto quel disco è heavy metal. se è per questo lo è anche la batteria in "rapid fire", (da british steel, con dave holland) o quella in "hell ben for leather"; magari dai una letta ai miei commenti e modera i tuoi.

hymnen
Opera: | Recensione: |
47 nn volevo sembrare sgarbato e se lo fossi stato ti chiedo scusa . ciao

47
47
Opera: | Recensione: |
il giustiziere
Opera: | Recensione: |
mah, io sta cosa della produzione "particolare" o addirittura indecente come affermano in molti,su sin after sin non l'ho capita tanto,a me sembra buona,sicuramente migliore di quella dei precedenti 2 album dei judas...

Trota-Da-Mare
Opera: | Recensione: |
E questa dove l'hai copiata?

Truman
Opera: | Recensione: |
Deep Purple e Led Zeppelin gruppi semplici e tradizionalisti? Ti giustifichi dicendo che erano "canonici" sotto il punto di vista estetico? Blackmore "Man in black" e Page con le sue improbabili tenute sceniche dove li mettiamo, tra i "canonici"? Ma fin qui posso anche darti ragione, perchè in fin dei conti erano l'immagine della generazione '60/'70 e della moda del tempo; poi, però, hai messo in mezzo i Black Sabbath che all'epoca si son forse tirati sopra più critiche di quanto non abbiano fatto LZ e DP messi insieme con il loro look tutt'altro che "canonico" (siamo nel 1970, eh).
Voto d'incoraggiamento, ma evita di scrivere certe ambiguità. Per il resto, la rece è scarsina.

47
47
Opera: | Recensione: |
@il giustiziere: sin after sin è coprodotto da roger glover dei deep purple, che da al disco un suono forse troppo levigato, direi addirittura raffinato; a me piace così, ma nel definire il "suono metal" è un consistente passo indietro rispetto al predecessore. lo faranno di nuovo dopo british steel, che dopo un disco radicalmente metal e acclamato (ponibile appunto in parallelo con sad wings) se ne escano con una virata verso sonorità più hard rock.(la loro vera vocazione, forse) Sia sin after sin che point of entry sono stati massacrati da pubblico e critica, ma non credo che fossero realmente così malvagi.

Defender85
Opera: | Recensione: |
..diciamo che potevi spremerti un po' di più, vecchio mio, ma diciamo che va bene così!!

Blackdog
Opera: | Recensione: |
"Capùlavoro assoluto" un par de palle, scusate: il disculo in questione è il prototype del metal\coatto Ottanta, ecchecazzo. Nonostante "Electric Eye", "Bloodstone" & "You've got another thing comin'" me gustano, prefer (et parecchio) "British Steel". La phrase alle righe 15-16 del testiculo è
buona por gli arresti domiciliari.

hymnen
Opera: | Recensione: |
parla lui di coatti... azz

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
blackdog direi un prototipo da 5 però ; coatto sarà tutta la marmaglia hair metal et similia, non certo i judas ;-)

shooting star
shooting star Divèrs
Opera: | Recensione: |
entusiasta si, ma un po troppo..e poi la frase sui led zeppelin e deep purple lascia un mamaro in bocca..brrrr!!

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Mah, è un disculo "simpatico", giustiziere, but *** è tropp. Prefer il prophetico "Sad Wings Of Destiny" & il già citato Acciaio English.

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
@blackdog: conosci stained class e/o killing machine? questi qui fanno impallidire l'acciao britannico (sad wings no: quello è inarrivabile-dicasi colpo di genio mai più ripetuto)

c'è
Opera: | Recensione: |
album molto metallico. Bello ma sarebbe stato molto più bello con Petrucci, che secondo me è un pelino più bravo, ma se me lo dici con parole tue cambio idea. Grandi i Ballad of Judas Priest

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
già questa recensione era una battuta, non mettertici pure tu "ci è".

wildthing
Opera: | Recensione: |
direi che il commento 50 può tranquillamente essere c'èstinato; mamma mia come sono spiritoso oggi! :-D

c'è
Opera: | Recensione: |
queste battute mi lasciano un mamaro in bocca

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
"un mamaro in bocca". chissà cosa avrà voluto dire...

c'è
Opera: | Recensione: |
e poi hai pure il coraggio di dire che non sei lento...

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
per questa tua ennesima cacata, ti rimando al commento 251 della tua rece "blues".

c'è
Opera: | Recensione: |
vai a scrivere la recensione su Pinocchio

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
marco carta/ blues non ti credere che le tue recensioni siano la creme della creme di debaser. saresti un povero fesso se lo pensassi

il degre
Opera: | Recensione: |
Per chi ha criticato questo album e tutti quelli successivi all'81 (o addirittura tutti quelli dopo sad wings)...la grandezza dei Priest è stata proprio quella di mutare nel tempo, esplorando l'hard'n'heavy in tutte le sue sfaccettature (qualità assolutamente sconosciuta ai Maiden, per esempio, che dopo aver trovato la formula giusta in Number of the Beast l'hanno ripetuta sempre uguale fino alla nausea...); pertanto, Sad wings è il capolavoro del proto-metal, British Steel è il primo disco metal classico, ma scusatemi non vale neanche metà di Screaming e Defenders, i veri capolavori di quella fase...Point of entry è senz'altro il peggior disco dei priest (se si eccettua il debutto Rocka rolla)...

hymnen
Opera: | Recensione: |
"unleashed in the East" era considerato il loro capolavoro heavy .

Pierpaolo
Opera: | Recensione: |
il più grande gruppo heavy metal del pianeta terra senza dubbio.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: