Led Zeppelin
II

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


È con "II" che i Led sono passati alla storia come "i padri dell'hard-rock".

La storia di come questo disco venne accolto dalla critica meriterebbe un libro - noioso ma pur sempre un libro.
Nella triste mediocrità odierna, è comprensibile l'attuale mito dei Led Zeppelin, un gruppo che, volenti o nolenti, ha segnato un periodo. Ma nel 69 questo mito non esisteva, e, se esisteva, non era certo gigante come oggi, così gigante da ottenebrare la ragione. Quindi, appena "II" uscì, i critici, per nulla intimoriti dal nome della band, lo stroncarono a man bassa. Due nomi su tutti: Jon Landau e Lester Bangs.

Raffinato il Landau: "Il suono dei Led è rumoroso, violento e spesso insano. Il loro successo di pubblico  ci costringe ad un revival del dibattito popolarità-qualità. Quando le band più eleganti erano anche quelle di maggior successo (come i Cream ad esempio), la distinzione non esisteva. Ma oggi gli Zep ci costringono a distinguere un gusto di massa, da un gusto elitario". Detto in parole povere, i Led non erano i Cream. Ma è anche vero che i Cream non avevano Plant - la cui voce è all'origine dell'immenso successo commerciale dei Led. Se i Cream lo avessero avuto, sarebbero diventati miliardari.

Lester, invece, non peccò di eleganza. E nemmeno di prolissità. Tre parole, come la celebre recensione cinematografica del ragionier Ugo:"Una rumorosa buffonata". Lester sbagliava. "II" non è molto rumoroso; basta prendere "Promises" dei Cranberries per avere più decibel delle canzoni presenti qui dentro. "II" non è neppure buffonesco; è solo mediocre:la riscrittura commerciale di "I". Un lavoro "ludico", scritto durante il tour di "I", quindi senza la cura, l'impegno, e la gestazione del primo disco - che era pure ben lontano dall'essere un capolavoro. 

Ascoltabili solo i (mediocrissimi) pezzi acustici: "Thank You" (dedicata da Plant alla moglie con un testo davvero sdolcinato per essere l'album più hard della band); e "Ramble On" (per di più rovinata dal terribile ritornello con l'urletto rock di Plant che distrugge la dolcezza melodica delle strofe).

Gradevole, benché troppo lunga, "Moby Dick", l'assolo di batteria più famoso della storia del rock. Ma anche qui, cerchiamo di non perdere il contatto con la realtà. "BonHam(mer)" (il buon martello) era bon solo nel martellare i tamburi - con tanti errori e ridondanze. Mediocre sui piatti e ridicolo sul charleston, mancava fondamentalmente della classe e dell'intelligenza di maestri come Buddy Rich, Copeland o Pick Whiters, che erano capaci di far cantare la batteria. Comunque, meglio di niente...

Salviamo il sopravvalutato assolo di 50 secondi di "Heartbreaker" (sovrainciso da Page in fase di editing). Il resto sono martellate, distorsioni, accelerazioni, stupri del blues (con annessi stupri di batteria e chitarra), spruzzate d'organo per (far finta di) psichedelizzare il blues, sudore, istinti selvaggi. Contenti voi.

Fortunatamente c'è una canzone sulla quale i quattro lavorarono seriamente: "Whole Lotta Love", il riff di tre note più famoso della storia del rock. Un capolavoro - anche se appesantito da un inutile quanto fanatico intermezzo feedback-lisergico - con la voce di Plant che vale quanto il riff, specialmente nello splendido urlo finale. Anche chi ama la musica melodica sa apprezzare il rock quando è fatto a regola d'arte.

"II", per i gruppi mediocri, divenne il disco da riscrivere, e, col senno di poi, si può vedere come il seme che generò la degenerazione del metal, vera apoteosi della mediocrità. Più che rumorosa buffonata, seminale spazzatura.

20 milioni di copie vendute fin'ora. Un gruppo avido lo avrebbe riscritto ad nauseam. I Led, invece, in mezzo alle celebrazioni di fan pazzoidi e alle critiche al vetriolo dei puristi, andarono a nascondersi in un eremo senza corrente elettrica, per scrivere - coraggiosamente, bisogna ammetterlo - una pagina completamente diversa, più meditata e meno buffona, della loro storia. Una pagina con la quale vollero dimostrare - coraggiosamente, bisogna ammetterlo -  di non essere incasellabili.

Questa DeRecensione di II è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/led-zeppelin/ii/recensione-rax

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentOtto)

pozzo
Opera: | Recensione: |
Vi prego trattenetevi...spezzatevi le dita....cavatevi gli occhi ...ma NON COMMENTATE...fate un favore al buon nome di questo sito...iniziate da ora, altrimenti questo non la smette più !

Belghazi: avreste dovuto cominciare a ignorarlo molto prima ma sempre meglio tardi che mai
hjhhjij: Concordo, ho smesso di commentarlo da tempo, ma vedo che le sue rece pigliano sempre trenta commenti a botta, e allora tenetevelo.
Belghazi: appunto, non vi lamentate poi
Nico63: Per me può anche continuare. Se ho voglia di leggerlo lo leggo se non non ne ho voglia no. Del "buon nome" fottesega
ilTrattoreRagno: ma l'avete appena commentato. cioè. per dire.
hjhhjij: Basta non lasciare un commento sulla fottuta recensione. Però hai ragione. Ma ci tenevo a esprimere la mia solidarietà a Pozzo.
ilTrattoreRagno: però sono addirittura 7. anzi 8. fail.
Cunnuemammadua
Opera: | Recensione: |
Qui il pezzo migliore è Ramble On.

mariomagnotta
Opera: | Recensione: |
BASTAAAA NON NE VOGLIO SAPEREEEE MI ISCRIVO AI TERRORISTI PORCA MADONNA TE METTO 'NA BOMBA MANNAGGIA A DIO

alexx
Opera: | Recensione: |
FINALMENTE UN PO' DI DISCHI NUOVI SU DEBBEIZER

Nico63
Opera: | Recensione: |
Non condivido gran parte di quanto scritto ma non è scritto male.

Rax: Grazie Nico.
j&r
j&r
Opera: | Recensione: |
pi-airot
Opera: | Recensione: |
Lester Bangs... quello che nel 1978 scrisse "L'Hard Rock è morto" e dopo una settimana i Van Halen pubblicavano il loro primo album...

March Horses
Opera: | Recensione: |
4,5 al disco, ed i pezzi migliori sono The Lemon Song, Living Loving Maid e, toh, Moby Dick. Tiè. Stranamente, quando si parla di Led Zep si citano l'esordio, il IV ed il Graffiti, e questo a parte Whole Lotta Love viene sempre messo in disparte. Boh, io penso che sia il loro migliore.

Rax: Come vedi in DEB, nessuno la prnsa come fici tu. Chi sono le persone che citi? Ho trovato dei nuovi amivi.
SUPERBOIA
Opera: | Recensione: |
Una serie infinita di idiozie da cui non mi riprenderò più, e da quello che posso capire siamo solo al la seconda sugli Zeppelin. Spreco gli ultimi secondi qui per dirti quanto folle è il tuo paragrafo su Bonham! Neanche se mi pagassero riuscirei a dire simili stronzate dato il fatto che tu un "dio" come Buddy Rich sai chi sia solo per l'avvento di internet e di Youtube! @Pozzo quanto hai ragione.

vicio
Opera: | Recensione: |
Danny The Kid
Opera: | Recensione: |
Egregio Cav. Rax, ma lei per caso è anche cartomante? o astrologo magari? No, perchè vorrei sapere cosa mi riserva il futuro, sono capricorno ascendente scorpione; se per caso può procurarmi dei sali portafortuna o meglio ancora un bel dildo rosso antimalocchio non esiti a spedirli al seguente indirizzo: Via del cucuzzaro 667, Smammate sul Serio (MI), codice di avviamento postale 12345678987654321.

Patatrac : aha aha aahahahaha
Rax: Sei un diavoletto, ma sei simpatico.
mauro60
Opera: | Recensione: |
secondo me gli hanno regalato uno libro sui led zepp per natale

reverse
Opera: | Recensione: |
basta con sto vecchiume.

odesso
Opera: | Recensione: |
hackerhacked
Opera: | Recensione: |
come si dice rax in gaelico?

solveetcoagula
Opera: | Recensione: |
che!?
Opera: | Recensione: |
sembra il riassunto di ottentotti

Kurtd
Opera: | Recensione: |
La tua non può che essere definita pigrizia mentale, non si può dare 2 a questo disco e se lo si fa lo si deve argomentare con le palle, toccare l'intoccabile questo hai appena fatto pochi possono permettersi di farlo e tu non sei tra questi, inutile ripararsi dietro alla soggettività delle cose, bisogna dare i voti anche in base all'importanza storica e non solo al de-gustibus,sembrerò saccente e antipatico lo so, mi capita di rado, ma non potevo continuare a stare in silenzio avrei solo contribuito a questo degrado musicale, e so anche che questo commento sarà utile come un cerotto su una ferita da granata, ma non importa...

Rax: Ciao, sei molto civile nel tuo commento. Lo apprezzo molto. Ho citato Landau. Quello è il mio pensiero.
Rax: L'impotanza storica di un disco è irrilevante - almeno per me. Bella la tua rece su MURMUR. Ti è piaciuta la mia rece su A Day in the life?
anonimo cuculo
Opera: | Recensione: |
Alexander77
Opera: | Recensione: |
"il riff di tre note più famoso della storia del rock": guarda, credo sia la prima volta che commento una tua rece, ma ti posso assicurare che una stronzata del genere l'ho sentita poche volte. Quali sono le tre note? Io sono una sega in matematica, ma a contare fino a dieci ci arrivo...
ps questa rece è una schifezza! ne sei consapevole?

holdsworth: Perchè, di quante note è formato?
Alexander77: ti firmi holdsworth e mi chiedi di quante note sia? va beh che in questo paese la matematica è un'opinione ma qui mi pare si esageri...
cappio al pollo: sono tre sul serio comunque, che poi il mi sia un bicordo (oltretutto la quinta del mi è nuovamente un si) alternato al mi basso non toglie che siano coinvolti solo si, re e mi.
cappio al pollo: Però, boh, forse hai ragione. "Riff di tre note" rende tutt'altra idea.
Alexander77: Eh, forse...si re si re e bicordo di mi...non pensavo suonassi la chitarra, ma forse me lo avevi già detto...comunque, ho avuto la tua stessa sensazione dell'ultimo commento, anche perchè allora anche (uno a caso) il primo riff di searching with my good eye closed è basato su tre note, ma se vai in giro a dire che il riff è di tre note ti ridono in faccia. Praticamente con tre note (ripetute, anche su ottave diverse) ci fai metà dei riff del pianeta. Ma poi era solo per far notare quanto è ridicola questa rece, tra citazioncine di critici luminari a sparate sulle capacità di bonzo etc etc...e bada bene, non sto dicendo che impazzisco per questo disco o che bonzo era un batterista iper tecnico. Qui ogni tanto ci si dimentica che esistono le vie di mezzo
holdsworth: Quindi abbiamo stabilito che sono tre note?
Rax: Non ho detto tre note, ma riff di tre note. Comunque, convieni anche tu sulla sopravvalutazione di Bonham. Forse ho scritto in modo estremo quello che tu pensi in mod piu moderato. Ciao Alex.
Alexander77: Si va beh, buonanotte Holds.
Rax quello è solo uno spunto, al di la di questo la rece è eccessiva, si concordo con te su tante cose, ma far passare bonzo per un principiante è una fesseria...
Rax: Ammetti che trattava il charleston come fosse un pezzo di legno, e che Copeland e Withers sul charleston erano moooolto meglio? Ciao.
holdsworth: Dai rax, non rompere, lo sappiamo tutti che sei un fake. Si, il migliore batterista del mondo sei te e dopo c'è lance armstrong, che però finirà all'inferno perchè non crede in Dio, eccetera. Continuo a non capire la polemica di alexander su quel riff, che è indiscutibilmente di tre note, dobbiamo andare a chiederlo a jimmy page? Dobbiamo applicare delle teorie strane sui numeri per capire che in effetti non sono tre note?
misterNo
Opera: | Recensione: |
Rax, io non discuto le tue opinioni, anzi, se avessimo tutti le stesse opinioni di cosa parleremmo? Però cazzo, trattare a quel modo Bonzo? che sei impazzito? e poi ripetere due volte nel finale: "coraggiosamente, bisogna ammetterlo"... suona malissimooooooooooooooo :)

Rax: coraggiosamente, bisogna ammetterlo"... l'ho ripetuto due volte apposta.
La stessa frase si trova all'inzio di ZoSo. Ciao, MisterSi. TVB.
donnie darko
donnie darko Divèrs
Opera: | Recensione: |
mai sentite tante cazzate tutte insieme..............

Blue Devils
Opera: | Recensione: |
Non è un caso che si sostenga vicendevolmente col Paolo Carpentieri. L'utente Rax ha attribuito 4 stelle su cinque a Tutte Storie di Eros Ramazzotti e due al secondo album dei Led Zeppelin. Devo ammettere che nel mare di idiozie brillano le seguenti frasi "Ascoltabili solo i (mediocrissimi) pezzi acustici: "Thank You" (dedicata da Plant alla moglie con un testo davvero sdolcinato per essere l'album più hard della band); e "Ramble On" (per di più rovinata dal terribile ritornello con l'urletto rock di Plant che distrugge la dolcezza melodica delle strofe)".
Ma anche qui, cerchiamo di non perdere il contatto con la realtà. "BonHam(mer)" (il buon martello) era bon solo nel martellare i tamburi - con tanti errori e ridondanze. Mediocre sui piatti e ridicolo sul charleston, mancava fondamentalmente della classe e dell'intelligenza di maestri come Buddy Rich, Copeland o Pick Whiters, che erano capaci di far cantare la batteria. Comunque, meglio di niente...
"II", per i gruppi mediocri, divenne il disco da riscrivere, e, col senno di poi, si può vedere come il seme che generò la degenerazione del metal, vera apoteosi della mediocrità. Più che rumorosa buffonata, seminale spazzatura".
Trovo inoltre veramente inutile riportare insistentemente i dati relativi alle vendite, come se potessero aggiungere qualcosa alla valutazione artistica dell'opera. Da batterista ti dico lascia stare Bonham


paolofreddie: Rax è malato!
extro91
extro91 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Raxomania ora e sempre!

extro91
extro91 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Raxomania ora e sempre!

Hetzer
Opera: | Recensione: |
Ultimamente stai dimostrando un atteggiamento talmente superficiale da riuscire insopportabile.. La recensione è inefficiace, supponente e di nuovo, tirata via alla grande.. Non mi va nenache di votartela..

Rax: Niente è più profondo della superficie.
Rax: In ogni caso, sui comunisti e su Oblabla la pensiamo uguale. Mi piacciono molto i tuoi commenti politici. Bye.
Ancora D'Oro
Opera: | Recensione: |
Ma sei scemo? Ma ti pare di dover citare due idioti e falliti di critici (leggiti la loro biografia e lo capisci) per affossare un pezzo di storia del rock? Bonham mediocre? Meglio di niente? Ma dove l'hai visto? Chiedi a chiunque ha picchiato tamburi a livello professionale di giudicarlo,nessuno ne parlerà se non benissimo. Sei superficiale fino a rasentare la stupidità. Che gusto ci trovi? Oppure sei falso come Giuda,e lo fai apposta. Mazzalo che pirla!

doby
Opera: | Recensione: |
SE NON DAI 5 A QUESTO A COSA LO DAI 5???

Pink84
Opera: | Recensione: |
non scrivi male devo ammetterlo...e nn ti metto 1 per questo...ma scrivi un marea di cazzate belle e buone...e cmq nemmeno per me "II" è il miglior disco dei led zeppelin e manco il primo...i loro top sono "III" e "IV"....ciao

Rax: Grazie Pink. Sei davvero gentile. III è il loro Rubber Soul, con tanti incanti acustici: il mio preferito. IV è il loro Revolver: le canzoni più belle ma anche tante canzoni che non arrivano all’ascoltatore. I: il loro Pepper, cioè il più omogeneo – nemmeno un punto debole, ma senza i picchi di ZoSo. II è incomprensibile per me. Ma riconosco che è seminale. Ciao a te e alla PronKsima.
Alexander77
Opera: | Recensione: |
cazzaroooooooo, ce la spieghi quella delle tre note?

dosankos
dosankos Divèrs
Opera: | Recensione: |
2 pallini? A che pro? Ma dai! E poi se mi smonti anche Moby Dick è innammissibile. Io ho in bacheca il doppio vinile del live del 1973 "The Song Remaing The Same" e... non ho parole. Un assolo di batteria da far ringalluzzire le tette al cadavere di Lucrezia Borgia. Vero che tra studio e live c'è un abisso ma il concetto è quello.

Rax: Il live è del 76. Ciao.
dosankos: Il live è del '73, il disco fu pubblicato nel '76
Rax: Esattamente. L'ho anche recensito. Ciao.
ugly panda
Opera: | Recensione: |
Non dirò nulla sui Led Zeppelin in generale nè su II in particolare poichè sarebbe inutile e ridondante in questa sede: già si vede dai commenti come si è schierati.
Voglio dire invece in merito a Lester Bangs, sempre nella mia modesta quanto inutile opinione.
Se negli anni in cui usciva l'album in oggetto Bangs diceva quel che ha detto, lo si può anche comprendere poichè lui, sempre attento al nuovo che usciva, sempre lontano dalle valutazioni di tipo tecnico, era uno scrittore di cuore e di anima. Lui amava il detroit sound e le cose sperimentali di lou reed, i velvet ed il primo punk perchè lui amava cose autentiche, sincere e seminali piuttosto che guardare ad un sound che per quanto potente e scintillante risentiva di una tradizione che Bangs in qualche modo rifiutava.
Lo stesso Bangs aveva formato una punk band che non aveva nulla di tecnico. Lo stesso Bangs detestava gli ultra tecnici emerson like & palmer. In conclusione voglio immaginare che se a lester bangs non piacevano i led zeppelin non è per gli stessi motivi tuoi che invece mi sembrano più affondare in motivazioni tecniche e stilistiche. Ecco perchè non mi sembra intellettualmente onesto portare acqua al proprio mulino citando in questo frangente lester bangs, al contrario invece di quanto detto da Landau che mi sembra più affine ai tuoi contenuti. E poi bangs è uno che cambiava spessissimo idea - e meno male direi - dimostrando grande elasticità mentale, larghezza di vedute e capacità di viversi il proprio tempo, anche con i cambiamenti che questo comporta.
Scommetto che se oggi fosse vivo, con quel che c'è in giro, bangs avrebbe amato i led zeppelin. Ma è solo una mia opinione.

nes
nes
Opera: | Recensione: |
rax, lo sai che qua fuori c'è tutto un mondo? Sul serio eh, non sono solo chiacchiere.

Rax: Sono qui su un letto con una gamba rotta. Non me lo dire. Nell'attesa di guarire, Meglio DEB che quel cesso a nome TV. Haloa.
claudio carpentieri
Opera: | Recensione: |
E' pur vero che in alcune recensioni puoi anche aver esagerato, ma in quest'occasione non mi sento e non mi permetto di giudicare il contenuto di quanto hai scritto seppur non pienamente condivisibile. Anche Madonna (tra i tanti e le tante altre) disse: "Che tanta gente parli tanto male di me? L'importante è che se ne parli..!"
La prossima volta voglio la recensione di "Like A Virgin". Addirittura tra i commenti su questa pagina sono stato anche ribattezzato. Va bene lo stesso, nuovo nome nuova vita..chissà.

aries
Opera: | Recensione: |
Passo e voto (con un augurio di pronta guarigione).

WhozappJimizepp
Opera: | Recensione: |
cioè....2 palle a questo disco? Mi dici dove abiti che ti vengo a menare?

j&r: eccolo, il vero serial killer ;)
WhozappJimizepp: eh già, stai in campana perchè con i vecchietti ci prendo più gusto
pirata
Opera: | Recensione: |
il loro disco più sessuale animalesco. e se ascoltate moby dick al contrario è sempre moby dick. grazie al cazzo direi.

Rax: E' Stairway to Heaven che ascoltata al contrario diventa Stairway to Hell. Fa la prova.
paolofreddie
Opera: | Recensione: |
Rax, ripeto quello che ho scritto nella tua ultima recensione: sei uno squilibrato ignorante e per di più idiota, un cavolo di moralista. Non puoi mettere 2 a II! E' grave!!! Dio caro!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: