Sto caricando...

Lucio Battisti
Una giornata uggiosa

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Lucio Battisti - Una giornata uggiosa (1980)

Riuscirà mai Lucio a raggiungere gli Ironmaiden? Boh. Io ci provo. Suegno un cementerio de campagna...

Anche se l'album chiude la collaborazione tra Battisti e Mogol, questa Giornata Uggiosa non si è sbiadita cogli anni: è un grande concept con le canzoni legate da un filo rosso che le attraversa, quello di una soffusa, imbrifera malinconia sulla perdita delle proprie radici e di un progressivo straniamento legato sopratutto alla crisi della coppia : si parte in sordina tra le difficoltà  del vivere e del trovare una casa - "Il monolocale", con uno splendido riff  di chitarra nel crescendo finale, e subito attacca l'old fashioned rock di Arrivederci a questa sera", con coretti e sax very Supertramp del periodo; Gelosa cara col suo incedere latineggiante-Santana?-sui fantasmi della gelosia che caracolla in "Orgoglio e Dignità", in cui sfocia in una quieta disperazione del protagonista. Il bel piano-and-string di "Una vita viva"  sbrodola poi in un groove  discotecaro -disco-goer -intortato dal famoso Battisti's falsetto-but man, it works! potresti cantarlo sotto la doccia, e per radio questo pezzo fu suonato parecchio. O almeno così mi sembra di ricordare. "Amore mio di provincia" è un altro bubble gum pop fresco e spensierato che ci riporta un pò alle atmosfere di Unadonnaperamico- e qui la production tastierosa di George Westley viene fuori pesante con tonnellate di vecchi synths! sir Westley- please don't kill the guitars in that way next time!

Se si sentono i demo e gli outtakes - tipo "Il paradiso non è qui" - che orbitano in rete si capisce che la produzione è un po' troppo pop rispetto a quanto si preannunciava dal Lucione nazionale. La robotica e insieme soul "Questo amore", porta dritta a "Ti vorrei una mela", dove le chitarre acidine mandano dei flashes sul giro di basso e tastiere jazzate. Tutto è pronto e carico per il temporale... Dopo la title track strafamosa, il concept si chiude col dolce incubo di "Con il nastro rosa" con assolo pinkfloydesco e il soffuso e un pò orrorifico coro finale Chissà chissà chi sei...

Una giornata UGGIOSA esce dalle casse del Fiat 128, vacanze di Pasqua... Ero orgoglioso dei miei nuovi stivali tipo camperos, ma le scarpe nuove non sempre risollevano dai periodi no; il fatto è che tutte quel gossip riguardo Valentina, con cui filavo in quel periodo, mi sputtanava. Insomma, si diceva che lei, più grande di me, se la facesse con l'amica del cuore, Annali' detta la Perversa, e le avessero beccate in fallo, appunto con una sopra l'altra e un aggeggio vibrante. Un  pulito amore adolescente oscurato da un boccaccesco episodio da sgangherato b movie. Pezzi di nuvole nere vagavano minacciose sulle lenti dei miei rayban ...Lenti color verde, come lo smeraldo di Nerone.  La giornata era uggiosa e il vibratore era rosa. Quelle parole e quelle musiche battistiane così velate, oscure, non è che si addicessero ad un giovanissimo, ma come metterla con quelle due? Ero una vittima di devianze del femminismo o quelle erano in realtà due futuristiche lesbo-woman?

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SettantaNove

CaptainHowdy
CaptainHowdy
Opera:
Recensione:
Ti e' gia' stato spiegato abbondantemente perche' sbagli Neu! in altre occasioni ma e' come parlare ai muri e se c'e' qualcuno mediocre quello sei tu che ti limiti a copiaincollare le opinioni altrui (nel miglior dei casi) o augurare la morte agli altri (nel peggiore), dovresti esser gia' stato bannato da tempo, perche' come utente sei inutile e fastidioso. Saluti.


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
ANANAS e CAPITAN FARLOCK, perché ve la prendete tanto...gli Iron maiden sono sempre stati considerati un gruppo metal TUNZ TUNZ, degli assoluti mediocri, che non hanno mai incontrato il favore della critica..facevano i festival coi Motley Crue, dai!, mica con Robert Fripp, Captain beefheart o i Soft Machine...perché tanto livore?


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
grazie Mandrappa mai io che c'entro...sono loro che hanno iniziato coi maiden.Una prece +.


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
SENTI ANANASSO: una settimana intera al PRIMO POSTO in classifica come l'album più venduto, sorpassando Ramazzotti, per poi scivolare la seconda settimana al secondo posto e via via discendendo...
QUINDI CONFERMI che credi alle classifiche? Hanno resistito mezza settimana al top in 30 anni di carriera, e con 200 album fotocopia di discografia ufficiale poco. UNA TRISTEZZA. La gente non sa neanche chi siano...USCITE DAL GHETTO METAL, fatevi la ragazza, andate a ballare, chiamate quei fricchettoni sotto casa per una jam session di reggae, passatevi una canna dell'amicizia e della pace,fate pace col mondo.


CaptainHowdy
CaptainHowdy
Opera:
Recensione:
Rivoli sei una macchietta.


CaptainHowdy
CaptainHowdy
Opera:
Recensione:
Immagino che i Cugini di Campagna abbiano incontrato spesso i favori della Critica(come se me ne fregasse qualcosa poi), se stessi zitto faresti meno figure tapine.


Alfredo
Alfredo
Opera:
Recensione:
" no, fa comodo non mettere in relazione due dischi di generi differenti, ottimo modo per nascondere la mediocrità"---> con Neu! non c'è niente da fare...:D


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Quasi, quasi torno a scrivere On DeB. Narrerò le gesta dell'ultimo, epico album-cover dei Pooh; et lo farò scontrare sanguinosamente avec il pallido, statico & stitico return (25 anos dopo) dei Bauhaus..


CaptainHowdy
CaptainHowdy
Opera:
Recensione:
Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
io pensavo, invece, di scrivere una bella recensione sull'esordio dei Cavalera Conspirancy e di paragonarlo a I Cugini di Campagna....
qualke suggerimento?


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
Gli ABBA, tanto cari a capitan Audi,hanno rifatto ilmegasuccessso dei cuginiAnima mia...losapevi,Audi?
leggete qua che scrive il nostro metallaroduro e puro:
Gli Abba sono il Gruppo Pop per eccellenza, han raggiunto un successo planetario che (anche pensando alle origini non Anglo Americane...) sembra inspiegabile.

Anche non volendo, chiunque di noi ha per forza ascoltato almeno una volta singoli del calibro di "Mamma Mia", "Fernando", "Dancing Queen", "Super Trouper" e "Waterloo" of course ed il sottoscritto non fa sicuramente eccezione ma per un motivo o l'altro,ma soprattutto per superficialità e pregiudizi non mi ero mai fermato ad approfondire nulla di loro...



Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
FERNANDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO ti rendi conto...faresti gridare i contorsioni epilettiche Richard Benzon!!!


CaptainHowdy
CaptainHowdy
Opera:
Recensione:
Sei una macchietta Rivoli (ormai mi parte di default), se continui a copincollare mie frasi (di cui rivendico la paternita', a differenza di te io non ho nulla da vergognarmi..comincio a copincollare roba tua?) sembrera' quasi che mi stimi. Sai che secondo me hai un complesso d'inferiorita' nei confronti dei Maiden ,se no non li tireresti in ballo cosi' spesso (e bada bene che sei sempre tu a cominciare). Notte va...


Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
Valerione coglioncone: tu hai detto "mai in classifica" ed io ti ho merdavigliosamente sbugerato!
potrei liquidarti con un puah,ah,ah,ah,ah,ah,ah! e lo farò m a dopo.
gli album fotocopia di tua sorella, loro, nn li hanno mai fatto. Se hai palle e tempo leggi quello che ho dadirti. Sennò vaffanculo e vivi la tua depressione con le mezze seghe che ascolti, che non sono Lucio Battisti o i grandi cantautori italiani (ma che è quel cazzone inumano di Pappalardo, su tutti).
l'esordio era un ibrido di heavy sabatthiano con influenze punk; punk molto meno presente in killers. punk che sparisce in the number of the beast, per lasciar spazio ad un hard rock UNITO AD UN HEAVY METAL MOLTO VELOCE ISPIRATORE AI Judas Priest (chitarre gemelle su tutte e la straordinaria ugola (che i tuoi merdosissimi cantanti col cazzo se la sognano) di Bruce Dickinson). Piece of Mind aveva uno stampo meno veloce e più cadenzato, marziale ed epico. Powerslave, invece, ricalcava, seppur in parte, le orme di “The Number of…”, tuttavia introducendo ulteriori novità, quali uno sprazzo di momenti progressive (specie nella mitica “Rime of The Ancient Mariner”). Non finisce qui, perché i successivi Somewhere in Time e Seventh son of a Seventh son aumentano in dose massiccia i momenti prog (seventh son…) e l’uso di tastiere e synth (che all’epoca, nell’heavy metal, era considerato scandaloso). Quindi, ulteriori tentativi di innovazione sonora, con un Bruce Dickinson (specie in seventh son) mai così ispirato. Non finisce qui. Quando sfornarono “No prayer for the dying” diedero vita ad un disco che tentasse di ricalcare le orme del passato (complice un riscontro poco positivo dei fan sfegatati sulle nuove trovate di tastiere e synth negli ultimi dischi dei Maiden; diski che saranno rivalutati solo anni dopo col senno di poi). Tuttavia, “No prayer” si dimostrò l’album PiÙ MERDOSO della vergine di ferro (ed è così. A me fa schifo). “Fear of the dark”, invece, contiene hit da capogiro che si dimenticano in oscenità da gruppi di seri Z (ma la title trak e alcune songs rimarranno nella storia). L’era Blaze Baley non si dimostra buon per la band, specie perché i fan erano legati a Bruce e, soprattutto, perché la voce di Blaze era inadatta alle songs dei Maiden. Fatto sta che un disco cupo e innovativo, per il genere della band (song marziali e intrise di oscurità) come “The X Factor” non le scrivi in una notte. Album bellissimo ma scadente di una produzione schifosa e di un singer nn proprio sopra le righe. Virtual tenta un nuovo passo verso l’innovazione ma si dimostra ‘na merda (causa produzione e song di serie Y, con un Balze più a suo agio ma col resto del gruppo fiacco, specie per la dipartita di Adrian Smith). Quando riassoldano Bruce, esce Brave New World e le vendite schizzano in tutto il mondo (Italia Compresa) arrivando ai vertici delle classifiche. L’album è uno dei più belli mai scritti dai Maiden, con song come “The Wicker man” che si rifanno ai tempi d’oro e canzoni come Blood Brothers (dove il prg metal e l’epicità è alle stelle) COL CAZZO I TUOI AMICI ME LE SCRIVONO MANCO SE VENDESSERO L’ANIMA AL DIAVOLO IN PERSONA, PIRLONE! Di “Dance of Death” ne ho già parlato, album che inculò tutti i cantani internazionali skizzando al primo posto in classifica. Poi c’è l’ultimo disco, u album strano ma, per certi versi, bello. Per certi versi perché è totalmente “no-heavy metal) ma incentrato esclusivamente su song molto lunghe, tecniche e progressive, ispirandosi ai geni del prog rock degli anni settanta (e se n li conosci, allora, sparati un’overdose di coca nelle vene e vedi di crepare).
Concludo augurandoti una felice morte e un puah,ah,ah,ah,ah,ah,ah promessoti all’inizio.


Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
infine ti invito a farti una vita. La ragazza ce l'ho, non è metallara ma condivide i miei gusti musicali come io condivido i suoi.
Mi sparo dalla amttina alla sera un'overdose di Wofgang Amadeus Mozart (che ha ispirato nemmeno immagini quante heavy metal band). Non fumo e non bevo, come molti dei miei amici metallari. Ergo dimostri ancora l'inconsapevolezza di cosa sia la musica metal e di chi siano i suoi ascoltatori.
Sei un incapace ed inetto, un essere piccolo ed infimo. Una merdaccia, per usare un'espressione a te più consona e conosciuta. Il reggae te l'ascolterai te e i tuoi amici drogati dei centri sociali, suonando tamburelli e innalzando bandiere della PACE al cielo.
Sei un truzzo che si rimbambisce di grande fratello e stronzate varie che lobotomizzano il cervello (ammesso ke tu ne abbia mai posseduto uno), passando intere giornate innanzi alla TV e a MTV senza aver mai capito un cazzo di cosa la vita abbia da offrirti (che non sono discoteche e puttanelle varie).
fatti una vita, coglionaccio.
PER ME DISCORSO CHIUSO.


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
Forma Umana, altezza nella media, manie di conquista del mondo.

Nato in quel dì del 1980 (e, precisamente, il 28 di Agosto) scoprii di essere predestinato al dominio del mondo intero. Sfortunatamente, appartenendo ad una famiglia di ceto "non abbiente" (abbiam fame di danaro!!! Non entra 'nu centesimo scannato!!!!!), io, Anatas, ho deciso che, per impadronirmi del mondo, avrei dovuto sgobbare tanto, ma taaaaaaaanto!
IL PROBLEMA BAMBOCCIONE DEL 1980 èCHE SI VEDE DALLA FACCIA DA CAZZO DELLA FOTO CHI SEI: UN IPOSVILUPPATO, LAUREATO IN CHE BCAZZO ME NE FREGA QUI SU DEBASER, CHE STAI A MANDà UN CURRCIULUM? HAI SICURAMENTE UN PENE PICCOLO, SCOPI POCO, NON TI DROGHI STUDI VAI A MESSA SENTI I MAIDEN E SOGNI DI ESSERE UN FIGO MENTRE SEI UN COGLIONE OTTO PROLETARIO SENZA COSCIENZA POLITICA, SENZA CERVELLO, SEI E RAPPRESENTI LA FECCIA DELLASOCIETà , NON SAI FARE NIENTE DI PARTICOLARE E LO DENOTA LA TUA FISIOGNOMICA SFUGGENTE E I LABBRONI EQUINI. SEI IL CLASSICO DETRITO MORENICO DI UNA SOCIETà ALLO SBANDO CON MAMME, COME LA TUA, CHE PRODUCONO CON IL FORCIPE STURACESSI DEI MOSTRICIATTOLI COME TE, SAPUTELLI,CRITICHELLI,CON SAPERE LIMITATO E TESTA A OGIVA ALLA MUCCINO, PROBABILMENTE SEI PURE IDROCEFALO, COLPA DEL FORCIPE STURACESSI DI CUI SOPRA A CUI SOTTOPOSERO LA DISGRAZIATA DI MAMMETA CHELA SERACHE TI CONCEPì FORSE ASCOLTAVA GLI IRON MAIDEN E A CUI,VISTI I RISULTATI, AVREBBE CONSIGLIATO SICURAMENTE UN RAPPORTO PER VAS NEFANDUM...SEI SOLO UNO DEI TANTI PICCOLI NANETTI INTELLETTUALI, COLLA RISATINA VISCIDA, CHE SI BEANO DELLE LORO TANTE LAUREE CARTA IGIENICA, CONVINTI DI UTILIZZARE IL LORO CERVELLINO RETTILIANO PER FREGARE IL PROSSIMO, INVECE ANDRAI A LAVORARE BAMBACIONE, E MOLTO PRESTO, E DOVRAI FAFRE PURE LAVORI DURI PER TIRARE AVANTI COSI' I BICIPITI DA CHECCA TI SI RINFORZERANNO E LASCERAI PERDERE EDDIE I MAIDEN E I TUOI SOGNI DI GLORIA....IO SARò GIà ALLE BAHAMAS, TU LAVORERAI PER PAGARE LA MIA PENSIONE, CONTENTO? NANETTO SENZA BIANCANEVE,PERCHé OMOSESSUALI PASSIVI LATENTI-IPOSVILUPPO PENIS E CEREBELLUM, TUTTI CALCOLATRICE E DISTINTIVO, SENZ'ANIMA, NEANCHE AD UN ET PIU NANO DI TE POTRESTI INTERESSARE COME ENTITà BIOLOGICA, PREFERIREBBE UN BOVINO.CIAO LIQUAME UMANO.


S4doll
S4doll
Opera:
Recensione:
manda una cartolina dalle bahamas...


Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
Valerio Rivoli: l’uomo che vale quanto il peso del suo uccello: meno di una zanzara,muah,ah,ah,ah….
Ma credevi davvero che sarei rimasto in silenzio a osservare senza reagire, liquame umano?
Vi inviterei a guardare il blog di un sittal essere disgustoso. Disgustoso come la sua immagine, al di là di ogni cattivo gusto umano e sovrannaturale. La pagina si apre con un’orribile song, dal titolo “Sogni Spaventosi” (si, perché, dopo averla ascoltata sai solo che, durante la notte, potrai attenderti solo incubi); song che plagia in maniera a dir poco spudorata la sound track dei film di James Bond.
Proseguendo, si legge sul suo “curriculum” che, il nostro “amico” (mica tanto) ha (udite, udite…): “Suona il basso come sosia di Paul McCartney per cover band dei Beatles”…. Muah,ah,ah,ah,ah,ah,ah,ah!!!! Ma si può essere più cerebrolesi di così? Autoumiliazione a 360 gradi.
L’immagine di Rivoli è, a dir poco, sconcertante: non ha un suo ego ma imita, in maniera squallida, i beoti che spopolavano negli anni 50 e 60: sembra di osservare uno dei cugini di campagna in versione 2008. Uno skifoooooo….
Andiamo avanti: la foto più sconcertante è quella che vede il nostro coglionaccio vestito da glamster: ma egli non si faceva portavoce del non senso, per ciò che concerne gli stereotipi metal tout-court? Ed il glam? Valerio appare come un frocio, un omosessuale o, magari, come un trans in piena estasi da godimento post—orgasmo. Osservando la sua posa sulla cover del suo album autoprodotto (evidentemente dovuto al fatto che, alla maggior parte delle case discografiche, sia esse piccole che grandi, avrà messo addosso la diarrea per mesi) è possibile interpretare quello che è l’animo interiore di Rivoli. Un ragazzino, mentecatto, sodomizzato sessualmente dai genitori in fase pre-matura. Ciò è constatato dal fatto che, Rivoli, non inserisce una sua foto reale nel database di DeBeaser. La ragione è ovvia: si vergogna troppo di se stesso, della sua infanzia travagliata da ricordi di pedopornografia nei quali, egli, era primo attore protagonista. Mentre, attualmente, è diventato regista. Ma, proseguiamo. Rivoli non inserisce una sua foto. È palesemente convinto del fatto che, chiunque, lo potrà insultare. Ma: perché? La ragione è ovvia. Essendo un liquame umano, un essere disgustoso, un viscido lumacone senza guscio, uno schizzo di sperma “errato” in quel che doveva essere un normale atto di stupro di un genitore, evidentemente,, violento e pedofilo su una madre lesbica e puttana, valerio si ritrova a nascere per sbaglio. Portato in ospedale, la mammina putta nona, ebbe la geniale idea di scambiar le culle per portarsi a casa un altro e lasciar il signor Rivoli ai poveri malcapitati di turno. Che di egli ne abusarono sessualmente,. Il patrigno inculava il figliastro che, a sua volta, succhiava il cazzo dello zio, per poi leccare la farfallina alla mammina, degna succeditrice della meretrice babilonese che lo mise al mondo urlando.
Dopo un’infanzia a dir poco travagliata, rivoli si dà alla musica, senza riscontri alcuni. Visto che, oltre a non saper suonare un cazzo, e far finta di suonare il basso, registra alcuni brani (che conosce solo lui), nonché un album “Dammi un’altra notte”, evidentemente dedicato alla puttana della madre che, non vedendosi leccare più la farfallina da parte del valerino, iniziò a percorrere la via dell’autolesionismo, ascoltando “Sogni Spaventosi”, procurandosi incubi spaventosi, degni dell’altra notte dedicatagli. Ma c’è di più: dammi un’altra notte è sinonimo di: VALERIO: NON SCOPO MAI, perché solo un astensionista del sesso avrebbe potuto intitolare un disco così (disco lo si definisce solo perché è di forma tonda, circonferenziale).
Rivoli sogna di andare alle Bahamas…. Si,per poter tentare di plagiare i poveri idioti con i suoi sogni spaventosi dell’altra notte mai concessagli da nessuna donna che non sia stata la mamma puttana, ovvio. Alle Bahamas: nessuno si è mai chiesto la motivazione. Ebbene, si scopre che Rivo


47
47
Opera:
Recensione:
anatas e rivoli: i nuovi mostri


Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
@47
Non posso darti torto alcuno.
Non mi ero spinto MAI così lontano e così in basso.
Se decideranno di bannarmi ad vitam da DeBaser non farò opposizione alcuna.


iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
potrei produrre una telenovela dal commento N°67


mr.shit
mr.shit
Opera:
Recensione:
andate sul sito di valerio e ascoltate che nefandezze e' capace di creare.
sogni paurosi capolavoro senza tempo.mi fai quasi pena...


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
quoto iside di due commenti fa...


archimede
archimede
Opera:
Recensione:
L'album è accettabile, il recensore...lasciamo perdere!


archimede
archimede
Opera:
Recensione:
ho invertito i voti


DELETERIORIVOLI
DELETERIORIVOLI
Opera:
Recensione:
che razza di rece demenziale,rivoli cazzo ti credi di essere, il James Joyce di Montesacro?!?


coolermaster
coolermaster
Opera:
Recensione:
Valerio, sappi che ti detesto perché sei bello, un bel ragazzo, quindi ti odio per questo...
Però se la musica di MySpace è tua cambia mestiere, perché non arriverebbe ultima neanche al festival di "Lamezia Terme"....
Ciao


Skeletron
Skeletron
Opera:
Recensione:
pagina splendida, tra recensione e commenti.


masturbatio
masturbatio
Opera:
Recensione:
questa pagina è una vera chicca. Disco di Battisti molto bello nonostante gli arrangiamenti in alcune circostanze ridondanti e un paio di riempitivi


rivolideleterio: chicca si scrive colla E in mezzo in questo caso,visto l'avvicendarsi degli utenti nevvero_?
rafssru
rafssru
Opera:
Recensione:
Ultimo disco con Mogol che rappresenta la clamorosa discesa dopo 12 anni di fasti. Comunque un disco gradevole, anche se Mogol ha scritto testi troppo semplicistici e di mestiere. "Amore mio di provincia" la adoro e il lavoro di Geoff Westley fu apprezzabile, per un disco comunque non tra i migliori di LB.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Una giornata uggiosa è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link