Metallica
Hardwired... To Self Destruct

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ciao a tutti questa è la mia prima recensione e scusate per gli errori: volevo colmare una lacuna per quanto riguarda questo disco che è già stato recensito in maniera inadatta (o incomprensibile). Andiamo dunque ad analizzare Hardwired… to self destruct, l'ultimo disco sfornato dai Metallica, che certo non hanno bisogno di presentazioni. Ero esitante nell'approcciarmi al disco, ma quello che avevo sentito su youtube (le tracce erano rese ufficialmente disponibili da asocltare) e i pareri entusiastici della critica mi hanno convinto ad acquistare non il (doppio) CD ordinario ma la deluxe edition dell'album! Ma andiamo ad analizzare il disco nel dettaglio.

Hardwired: prima traccia e singolo di apertura del disco. I metallica che copiano se stessi. Prescindibile.

Atlas, Rise!: inizio già sentito, poi Kirk inizia a darci dentro con gli assoli come non faceva da …and Justice for all e FINALMENTE CAZZO! Assoli addirittura dal sapore vagamente maideniano. James fa un buon lavoro alla voce, peccato per il drumming troppo ripetitivo di Lars Ulrich.

Now That We're Dead: I 'tallica provano a inventare qualcosa di nuovo, ma suonano come I Metallica di And justice for all che coverizzano i Metallica di Load. Non tutte le ciambelle riescono col buco, ma si lascia ascoltare.

Moth Into Flame: I nostri provano a fare un pezzo thrash metal vecchia scuola, che però funziona solo a metà

Dream No More: dovrebbe essere un pezzone lento e solenne, in realtà è noioso e tirato per le lunghe

Halo On Fire: pezzone lento e solenne dalle ampie aperture melodiche: non male, ma tirato troppo per le lunghe e alla lunga annoia.

Confusion: apre il disco 2 questa Confusion che ancora una volta ci ricorda quanto Hetfield&C. siano debitori dei Diamond Head… imitandoli spudoratamente. Metallica siete stati degli eroi ma siete anche dei cazzoni di merda che non sanno quando smetterla.

ManUNkind: un melodico arpeggio ci introduce a una cosa informe e demenziale proprio come il gioco di parole che sta alla base del titolo. James ha scritto grandi lyrics, ma quando prova a fare il passo più lungo della gamba scrive cagate, e questa è la cagata più grossa che abbia fatto dai tempi di Frantic (my lifestyle determines my deathstyle: non è un calembur intelligente James, è una fregnaccia e basta)

Here Comes Revenge: massiccia, nervosa, distorta, niente male affatto, anche se dura troppo (come tutto il disco, la media di sei minuti a canzone è eccessiva)

Am I Savage: cioè prima mi copiate l'intro di Am I Evil e adesso mi copiate il titolo? Oltretutto ci sono buoni spunti dal piacevole retrogusto NWOBHM, ma ci mette troppo a ingranare e alla fine conclude tutto male e frettolosamente.

Murder One: breve e ripetitiva, non è malaccio ma nulla di imperdibile. In questa posizione poi sembra palesemente un riempitivo: essenziale come un filler di Naruto.

Spit Out The Bone: dovrebbe essere la traccia violenta finale, la Dyers' Eve della situazione, ma le idee iniziano a scarseggiare e tira un po' troppo la corda, comunque sufficente.

Lords Of Summer: apre il disco DELUXE una traccia che avevamo già sentito in versioni più brevi. Non malaccio, anche qua troppo tirata per le lunghe. Kirk Hammett però è in stato di grazia come ormai raramente capita e tira fuori assoli che spaccano I culi.

Ronnie Rising Medley: I 'tallica omaggiano Ronnie James Dio (RIP) con un medley di suoi pezzi con I Rainbow (a light in the black, tarot woman, stargazer e kill the king). Apprezziamo lo sforzo, ma James Hetfield non è Dio. E se vogliamo dirla tutta Kirk Hammett per quanto sia un grande non è Ritchie Blackmore. E Lars Ulrich non è Cozy Powell, ma soprattutto lars ulrich è un pagliaccio di merda.

When a Blind Man Cries: dopo aver passato trent'anni a coverizzare gruppi sconosciutissimi Diamond Head, Lynyrd Skynyrd, Motorhead (RIP Lemmy) e Misfits evidentemente I metallica hanno scoperto gruppi ancora più sconosciuti e coverizzano Rainbow e Deep Purple. Strano a dirsi, I nostri riescono a rendere la struggente tristezza del pezzo originale. Promossi Hetfield e Hammett, quasi accettabile Lars Ulrich, Trujillo non pervenuto come sempre.

Remember Tomorrow: Una cover degli Iron Maiden? Ma seriamente? E scegliete quella che aveva MENO possibilità di riuscirvi bene? James si impegna anche ma non ci sono paragoni con l'originale. L'ho già detto che I Metallica sono dei Cazzoni di merda?

L'ultima parte del disco 3 è un live registrato ad aprile 2016… introdotto ANCORA UNA VOLTA da una cover dei Diamond Head: FATTA BENE MA PIANTATELA. Le vecchie glorie vengono eseguite in modo professionale (Hit the lights, The four horsemen, Ride the lightning, fade to black, jump in the fire, for whom the bells tolls, creeping death e metal militia), in chiusura c'è anche una Hardwired di cui avremmo fatto volentieri a meno.

VOTO FINALE: I Metallica continuano col percorso intrapreso con Death Magnetic di cancellare il triste passato di load, re-load e st.anger, che infatti non compaiono nel live finale (non compaiono nemmeno death magnetic e il black album in effetti: meglio perché non li ho mai apprezzati più di tanto, anche se un pezzo da and justice for all non avrebbe sfigurato. Meno clamorosa di quanto possa sembrare l'assenza di songs da Master of puppets, che ormai abbiamo sentito in tutte le salse). JAMES HETFIELD si conferma un rhytm guitarist competente ma soprattutto un vocalist importante che regge bene il passare degli anni, KIRK HAMMET infila riff e assoli come non faceva da anni ed è bello vedere che non è diventato l'ombra di se stesso. Lars Ulrich è un buffone come sempre ma almeno non fa cagare il cazzo come su St. Anger (brrr) e il povero Bob Trujillo è impercettibile come sempre. Un grande disco dunque? Proprio per niente! Ma è un disco con buoni pezzi e che, a parte un sacco di lungaggini di troppo e qualche scivolone conferma il 2016 come un anno importante per il thrash metal storico a stelle e strisce, dove i Metallica, i Megadeth con Dystopia e gli Anthrax con Terminal Redux hanno saputo risollevarsi dignitosamente dopo gli scivoloni degli anni passati. E soprattutto non mi hanno fatto bestemmiare come un turco per aver buttato i miei soldi giù per il cesso.

E possiamo aspettarci un futuro radioso senza Super Collider e St. Anger ad aspettarci...

Questa DeRecensione di Hardwired... To Self Destruct è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/metallica/hardwired-to-self-destruct/recensione-famicom

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

Chainsaw
Opera: | Recensione: |
CAROTE ALLA VICHY
Ingredienti: 450 g di carote, 1 cucchiaino di zucchero, 20 g di burro, prezzemolo q.b., 700 ml di acqua Vichy, sale e pepe q.b.
Procedimento: Pelate le carote, sciacquatele sotto l’acqua corrente e tagliatele a rondelle spesse 5 mm. Fate sciogliere il burro in una padella dai bordi alti, quindi versateci dentro le carote con lo zucchero, il sale e il pepe. Ricoprite le carote con l’acqua di Vichy portandola ad ebollizione, quindi lasciate cuocere per 20 minuti finché non saranno completamente asciutte. Quando le carote si saranno ammorbidite, spegnete il fuoco e aggiungete il prezzemolo tritato grossolanamente, poi impiattatele e servitele calde.
Rendete ancora più gustoso questo contorno aggiungendo 200 g di pisellini primavera assieme a 150 g di prosciutto crudo in fette spesse e tagliato a listarelle!
BËL (06)
BRÜ (00)

Danny The Kid
Opera: | Recensione: |
Qualche giorno fà ho fatto un test su Internet: a quale dittatore del passato somigli di più? Mi è uscito Alfredo Stroessner, un esito in cui mi riconosco pienamente: in pratica significa che me ne frega il giusto di ideologie e culto della personalità, sono pragmatico, efficiente e bado al sodo. Magari se avete tempo fatelo anche voi questo test, è scoprite qual è il dittatore che si cela INSAID YOUUUU
BËL (00)
BRÜ (00)

IgaLygaigay
Opera: | Recensione: |
e via col trak bai track, zio chen!
BËL (00)
BRÜ (00)

Harlan
Opera: | Recensione: |
Mi spiace dirlo, anche perché è la tua prima recensione, ma è proprio sbagliata in alcuni punti. Il track by track elencato in quel modo è noioso a leggere, e poi la descrizione di ogni canzone è parecchio striminzita, ci sono a volte troppe ripetizioni, il maiuscolo è inutile metterlo, e il disco che gli Anthrax hanno fatto uscire si chiama "For All Kings", e non "Terminal Redux", che invece è dei Vektor..
BËL (00)
BRÜ (00)

Famicom: CAXXO! Stavo ascoltando i vektor inviando la recensione e per sbaglio ho scritto il titolo del loro disco invece di quello degli anthrax.. Che te ne pare di terminal redux allora? a me è paiciuto, mi da l'impressione di essere più a fuoco dei precedenti!
masturbatio
Opera: | Recensione: |
Il fossa o fosa è un mammifero carnivoro della famiglia degli Eupleridi endemici del Madagascar.
È lungo 150–180 cm, compresa la coda lunga quanto il corpo, e pesa 7–12 kg. L'altezza al garrese si aggira attorno ai 35 cm; l'animale ha quindi una forma molto allungata e snella, a prima vista si notano subito somiglianze con un piccolo puma o con uno jaguarundi. Il pelame è generalmente fulvo, di un colore simile a quello del cervo nobile o del canguro rosso, ma non mancano esemplari melanici nelle foreste pluviali del Madagascar orientale.
È un predatore, al vertice della catena alimentare. Le sue prede sono i lemuri (che insegue molto agilmente tra gli alberi, dove si muove sfruttando la lunga coda come un bilanciere) e praticamente ogni altro animale che popola l'isola, dai tenrec (Tenrecidae) al votsovotsa (Hypogeomys antimena), dai giovani potamocheri (Potamochoerus porcus) a varie specie di uccelli.
Il fossa è un animale solitario, eccetto che nella stagione degli accoppiamenti (settembre - novembre); ogni esemplare occupa un territorio piuttosto vasto, tanto che alcuni fossa sono stati visti percorrere oltre 7 km in una notte.
BËL (03)
BRÜ (00)

Danny The Kid
Opera: | Recensione: |
Basta così dai, non tollero questo atteggiamento snobistico e denigratorio verso un grande gruppo leggendario e che ha fatto la storia come i Matelica! Per punizione dovrete cantare tutti in coro insieme a me: NEVECCHER FOUAAUIDUUUUUUUU NEVECCHER FOUAUINOOOOO-WOH (woh-woh-woh-woh) BADAINNOOOOOOOOOOOO ENNOTINELSMUEDEEEEEEEEEEE
BËL (00)
BRÜ (00)

IgaLygaigay
Opera: | Recensione: |
Harlan
Opera: | Recensione: |
Comunque ne manca ancora un'altra sull'ultimo dei Liftiba, e poi siamo a posto.
BËL (00)
BRÜ (00)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
IlConte
Opera: | Recensione: |
Mmmmmmhhhhhh .... Voto l'impegno perché il resto e' rivedibile in quasi tutto (il track by track fatto così poi e' insopportabile). Soprattutto @[Harlan] al primo errore ti becca ahah! Guarda un po' le recensioni di altri e riprova no problem!
BËL (01)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
Il buongiorno si vede dal mattino
BËL (01)
BRÜ (00)

MikiNigagi
Opera: | Recensione: |
Dici delle cose sacrosante nel finale, ma sei un po' troppo severo con trujilio. benvenuto, e magari la prossima volta cerca di evitare il track by track
BËL (00)
BRÜ (00)

IgaLygaigay: quando cominsitu ti nvexe?
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Boh ... Secondo me è un bel disco, bei riff . vedo tutti un po' troppo severi con i Metallica in giro
BËL (00)
BRÜ (00)

lipap
Opera: | Recensione: |
Complimenti per il divertentissimo track by track di un triplo album, la grammatica e la chiarezza della tua recensione, visto che il disco era stato recensito in modo "inadatto (o incomprensibile)" in precedenza.
BËL (01)
BRÜ (00)

Famicom: vero scusa
lipap: non voglio essere cattivo, però prima di fare una recensione controlla quello che scrivi e non avere fretta. anch'io all'inizio andavo di fretta e venivano sempre con ripetizioni o eccessivamente corte. buona fortuna!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: