Sto caricando...

My Sister's Machine
Diva

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Da tanto, troppo tempo il vinilozzo di Diva non girava sul mio impianto stereo.

Oggi è giunto finalmente il momento di tirar via la polvere dai solchi e scrivere due pensieri sul disco, sulla band.

Rabbia ed aggressività sono le primissime parole che mi sovviene di associare ai grandissimi My Sister's Machine; credo che non siamo in molti sul nostro sito a conoscere i quattro ragazzi che unirono le forze nella uggiosa e grigia periferia di Seattle sul finire degli anni ottanta.

Guidati dal carisma e dalla iconica voce di Nick Pollock che si era già messo in luce nella seconda metà degli anni ottanta ponendo le solidissime basi, insieme all'indimenticabile Layne Staley, per la creazione del primo embrione degli Alice in Chains.

Ma le strade dei due amici si dividono presto; è tempo per Nick di muoversi da solo, di dar sfogo alla sua voglia di musica ed il passo è breve.

Agli inzi del 1992 l'esordio è servito su di un piatto d'argento: dieci brani, equamente divisi sulle sue facciate del supporto in vinile, per una durata che sfiora i quaranta minuti. Minutaggio quindi non corposo; non si perdono in troppi orpelli, in troppi ricami e riempitivi ma si mira al sodo, al concreto.

Diva è un discone, il classico esordio con il detonatore in mano. Pronto ad esplodere con una furia disarmante da tanto incisiva.

Canzoni violente e vorticose che guardano i colleghi di Seattle; echi degli Alice In Chains, dei primi Soundgarden vengono immediatemente percepiti fin dalle prime note dell'opener "Hands and Feet". Le radici Metal della band si mettono in bella mostra, con un uso smodato del distorsore Fuzz nei tremendi assoli delle chitarre. Allucinate trame, balordi giri di note come avviene nell'assassina "I Hate You" della quale consiglio da visione del video che vale molto di più di altre mie parole!!

Voce ipnotica, tirata allo spasimo; micidiale e ficcante il lavoro di un basso che odora di Crossover. Mind Funk e Suicidal Tedencies gli altri termini di paragone di un disco che in breve giunge al termine. Non prima di essere passati dalla parti della rallentata e a tratti "melodica" (ma non melensa) "Wasting Time" che ancora una volta tira in ballo gli Alice In Chains.

Un nuovo lavoro l'anno successivo per I My Sister's Machine; l'altrettanto riuscito Wallflower. Poi la fine, la caduta definitiva, la resa. Ed è un peccato...

Ad Maiora.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
M'è esploso in mano!


sfascia carrozze: Un DeDisco dinamitardo!
UH!
snes: Il disco??? Pensavo fosse un commento onanista...
De...Marga...: Disco portentoso, una delle migliore uscite della Seattle di quelle clamorose annate!!
JonatanCoe: @[snes] AHAHAHAHAHH, ci stiamo lavorando per arrivare a quei livelli!
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Tutto molto givsto!
Tranne che Uollflauer era una cacchina rinsecchita di Antilope delle Galapagos rispetto a qvesto.
Eh!


De...Marga...: Non sono d'accordo caro il mio ragazzo (ex). Ieri mattina mi sono riascoltato Wallflower ed il mio giudizio, a distanza di anni, resta invariato. Allora sicuramente si avverte una minore irruenza nei brani, un maggior controllo strumentale da parte della band che è cresciuta a mio parere rispetto all'esordio. Cresciuta dal punto della coesione dell'affiatamento tra i singoli elementi. Diva resta inarrivabile, anche perchè è uno dei lavori più intensi e meglio riusciti di quegli anni nel Nord-Ovest degli Stati Uniti. Se potessi esprimere un giudizio con un voto Wallflower meriterebbe un buon 8,5; Diva è da 10 con lode!!
sfascia carrozze: Capisco.
se covessi esprimere un giudizio (oggi) direi 7 a "Diva" (che resta un buon disco a distanza di tanti anni, per quanto già all'epoca tremendamente derivativo dal modello madre) e s.v. (perchè non le lo ricordo ma ricordo che non mi era piaciuto per niente) a Muro di Fiori.
Ecco.
nangaparbat
nangaparbat
Opera:
Recensione:
Oh finalmente! Disco davvero ottimo, purtroppo in quel versante del grunge risulto' un po' schiacciato tra due giganti quali Soundgarden e Alice in Chains, le stelle polari del loro sound e quando usci' Wallflower (Un Diva meno riuscito) scivolarono lentamente nel dimenticatoio. Ottimo ripescaggio de marga!


De...Marga...: E si furono schiacciati da una concorrenza spietata...Su Wallflower ho già espresso il mio giudizio nel commento sopra il tuo.
NeKro
NeKro
Opera:
Recensione:
Pensavo di essere l'unico a conoscere i my sisters machine oltre ai parenti stretti dei musicisti.
Almeno un ventennio di polvere avrà addosso dall'ultimo mio ascolto


De...Marga...: Siamo in pochissimi NeKro ma va bene così dai!!
algol
algol
Opera:
Recensione:
Non li conoscevo, e vista la somiglianza anche coi guns non mi sono perso nulla.
Riverberi di AIC presenti.
Tu la solita enciclopedia


sfascia carrozze: DeSomiglianza coi Guns?
Quando?
Dove?
E, soprattutto, pecchè?
algol: Rispondo solo in presenza del mio avvocato.
Che è Anastasio, al contrario di Lei che è un arcinoto disturbatore di forum internet
De...Marga...: Con i Guns, quelli degli esordi, ci sono delle similitudini a livello vocale; in alcuni momenti la voce di Nick è paragonabile a quella di Axl.
algol: Dillo a quel polemico audioleso di @[sfascia carrozze] , visto che ci ho sentito bene? Gne Gne cicca cicca!
Grazie DeMa
sfascia carrozze: Ho capito:
Oramai avete entrambi una certa età e le Vostre orecchie, con tutto quel ciarpame acustico che c'avete buttato dentro fino a oggi, sono oramai consunte.
Vi do (a entrambi) il numero verde dell'Amplifon
800046385
Chiam ate fiduciosi!
algol: Eeeeeeeehhhhhh?
sfascia carrozze: CHIAMATE FIDUCIOSI!
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Mah, sei generoso, DeMa.
Questo certo meglio del successivo, ma all'epoca non avrei dato 5 stelline di sicuro e riascoltando a random adesso penso che un 4 basti e avanzi.
E' il disco di una band di "seconda linea", lo ricordo bello, serrato e senza gossi cali, credo che una certa influenza degli AIC dovuta anche alla presenza del cantante ma da qui a dargli il massimo ne passa, almeno per i miei gusti. Credo di aver regalato il vinile, anni dopo.
Secondo me dice bene nangaparbat, qui sopra: rispetto ai due gruppi citati, (o dei Green River per dire) questi non avevano lo stesso spessore e "profondità",
Ma so che sei mosso da sincera passione e capisco il tuo 5.


De...Marga...: Sono portato sempre ad "esagerare" quando devo dare un giudizio di un disco; e quando si tratta di un lavoro che mi aveva convinto fin da subito, e non era facile negli anni novanta visto quanta Musica clamorosa è nata nel periodo, allora le 5 stelle diventano una sorta di necessità per il sottoscritto. Certo che regalare il vinile....ahahahahahahahahahaha...N on farmi pensare a quanti vinili ho venduto: mi viene da piangere ancora oggi al pensiero.
lector
lector
Opera:
Recensione:
Mi ricordo la copertina......e basta!


De...Marga...: Copertina Divi-na...come tutto il resto.
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Beh, hanno proprio un bel nome!
Il voto è stato espresso da te o dalla giuria DeMascopica?


De...Marga...: Voto sempre in totale autonomia...
HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
Avevo la MC di questi. Mi fu regalata da un batterista radiografo nello stesso pomeriggio in cui mi aveva regalato anche la cassetta dei Green River (lui era passato all'hardcore e riteneva questi gruppi troppo mosci per lui in quel momento e mi passò i Negazione/Lo Spirito Continua - oggi è un collezionista ossessivo-compulsivo di qualsiasi pubblicazione giapponese dei Beatles). Le cassette staranno entrambe in qualche cartone, prima o poi le recupererò e riascolterò (il mio sistema Hi-Fi vecchio di 16 anni ha ancora il vano musicassette funzionante). Copertina fantastica, l'album me lo ricordo vagamente, ma bello tosto. Layne always in our hearts. Good Morning.


De...Marga...: Le musicassette TDK!!! Che ricordi per noi di una certa età!!! Layne sempre con noi sicuramente...
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
ah ecco hai scritto la recensione.. ;) Me li vado a riascoltare, sepolti nella mia memoria 90's


sfascia carrozze: Comunque grazie al qvarantennio ho ascoltato una valanga di robba (più che altro in incartapecorita musicassetta, perchè il lettore CD del radione philips mi ha definitivamente abbandonato) che avevo completamente rimosso.
Speriamo in una prossima sfavillante edizione del Covid (anno 2021) per riscoprire e assaporare tutte quelle che non ho (ancora) fatto in tempo a riascoltare.
#forse
De...Marga...: Secondo me Presidénte onoràrio ti daranno le giuste soddisfazioni.
tia: Confermo!
fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Mica li ricordavo questi. Non male, anche io ci sento pure qualcosa dei Guns, le chitarre soprattutto, ma anche alcuni vocalizzi del cantante.


De...Marga...: Sono d'accordo sul paragone con la voce di Axl; sulle chitarre un po' meno...forse...
snes
snes
Opera:
Recensione:
Mai sentiti nominare, cerco qualche cosa dopo la doccia.


sfascia carrozze: Non sarebbe stato meglio prima?
Se li poteva auscultare durante il tergimento cutaneo.
snes: Eh ma non lo conosco, e sotto la doccia ascolto solo canzoncine co so che son belle da cantare: mentre l'acqua si miscela sto cercando Pierced From Within
snes: Vorrei continuar qvi con lei, ma ho trovato il cd e la voglia di cantar e' ora irrefrenabile. E, a dirla tutta, pure l'olezzo che mi porto dietro.
sfascia carrozze: Si strigioli per benino, mi braccobaldo!
Che tra poco vi sarà il liberitutti e dobbiamo fare la nostra procace (ma pulita) figura!
snes: Anzi sai che ti dico: non mi lavo e lo recensisco. (Forse).
sfascia carrozze: L'omo à da puzza!
Si sà!
snes: Liberatevi voi, io qui comincio a star quasi moderatamente bene. Non mi faccia sprecar tasti, che perdo l'iNspirazione. Cbe forse per i Suffocation e'd'uopo, ma va beh.
sfascia carrozze: Attendo speranzoso cotanta baldanzosa DePagina!
snes: Fatto ma adesso si suffocation vicino alla mia magione...
De...Marga...: Che bellissimo scambio di opinioni il vostro....ahahahahahaha
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Ho tolto un "concreto" di troppo...». Vedi la vecchia versione Diva - My Sister's Machine - recensione Versione 1


hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
Ora ho capito chi sono/cosa fanno. Mi sarà passata in mano mille volte una prima stampa di quest' album in uno dei negozi in cui mi servo, mai capito cosa facessero.. buono a sapersi allora, ben fatto Lurens


De...Marga...: Disco consigliatissimo Simon!! Suono come ho già scritto e detto molte volte tipicamente brumoso, tipicamente di Seattle di quei magici anni novanta. Stagione per me fondamentale per la Musica.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Diva è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link