Sto caricando...

Nektar
A Tab in the Ocean

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Questa volta parto da uno spunto personale: la musica mi permette, tra le altre cose, di vivere in maniera migliore certi momenti importanti i quali ci possono mettere in soggezione; in questo periodo il mio motivo di ansia si chiama esame di maturità. Tra i gruppi che devo ringraziare si distingono i Nektar, un gruppo inglese nato ad Amburgo. Questo dato è molto importante, infatti nelle sonorità dei loro album è possibile anche trovare delle venature di Kraut-Rock, segnale dell'ispirazione con la cultura musicale tedesca.

"A Tab In The Ocean" è il loro secondo disco, uscito nel 1972 dopo "Journey To The Centre Of The Eye" dell'anno prima che si era rivelato un disco interessante. Invece questo secondo lavoro di studio è probabilmente il miglior risultato dei Nektar della loro carriera, è curioso far notare che nelle numerose ristampe sono state fatte delle modifiche rispetto alla scaletta originale. Queste riguardano il brano "Desolation Valley/Waves" nell'edizione originale un unico pezzo di oltre 8 minuti, successivamente le due parti furono separate. Andando invece sull'aspetto musicale oltre alle venature di Kraut già citate si può individuare un percorso di ricerca musicale che arriva a creare sonorità originali e variegate, in particolare è lo Space-Rock che riesce a guadagnarsi il suo spazio: questo dato è confermato dalla title-track di apertura e soprattutto nelle sue parti strumentali. Andando avanti i brani successivi, i quali durano sempre di meno, confermano questa tendenza e inoltre vedono meno partecipe le voci dei componenti del gruppo, non particolarmente belle però adatte per creare un buon connubbio con le musiche. Si distingue in particolare "Crying In The Dark", un pezzo energico dove il mellotron e la sezione ritmica compiono un lavoro splendido.

I Nektar sono a metà tra Inghilterra e Germania, questo però non li ha penalizzati. Infatti sono riusciti in maniera egregia ad attingere da entrambi gli ambienti musicali lasciandoci dischi che ancora adesso risultano ascoltabili e validissimi ai nostri giorni, "A Tab In The Ocean" rientra appieno in questo discorso.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaCinque

Il_Paolo
Il_Paolo
Opera:
Recensione:
Scusa Telespalla, non dovresti essere a scuola adesso?


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Per il momento marcisco al box (casa mia) prima del 18 a fare il Tema. Il sottoscritto (si spera) andrà in facoltà e dovrà reggere l'impatto. Ti ringrazio per il commento e il tuo sogno. Oniricamente tuo, Bob


Rooftrampler92
Rooftrampler92
Opera:
Recensione:
Bravo come sempre telespalla. Allora in bocca al lupo per l'esame di maturità.


lavalin
lavalin
Opera:
Recensione:
Telespallabob, un po' ti invidio! (Ma per quale motivo io non ho mai sognato mai la mia maturità? Tutto il mondo l'ha sognata almeno una volta!)I Nektar non li conosco, ma possono interessarmi.


Cristo
Cristo
Opera:
Recensione:
bel ripescaggio. come Lord, mio compagno di tesina alla maturità (tesina effettuata niente e po po di meno che sulla musica progressive e sugli anni '70!!) possiedo il disco ma non lo ho mai ascoltato, o comunque non ricordo


gemini
gemini
Opera:
Recensione:
adesso mi insulterete sprezzanti, lo so, ma devo chiederlo...loro per caso sono quelli di cui gli Iron Maiden hanno fatto una cover di "King of Twilight"? (e se non mi sbaglio, c'era anche un altro pezzo, qualcosa tipo "Crying in the Dark")


hal9000
hal9000
Opera:
Recensione:
Ottimo disco di kraut - progressive, a mio parere il migliore dei Nektar. Rece ben fatta. In bocca al lupo per l'esame!


hal9000
hal9000
Opera:
Recensione:
Ho invertito i voti....


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Gemini, ti rispondo. Sì, sia "Crying In The Dark" e "King of Twilight" sono state coverizzate dai Maiden


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Ah, vi ringrazio ancora per i commenti e per gli auguri!


hal9000
hal9000
Opera:
Recensione:
Ottimo disco di kraut - progressive, a mio parere il migliore dei Nektar. Rece ben fatta. In bocca al lupo per l'esame!


hal9000
hal9000
Opera:
Recensione:
Ho invertito i voti....


pixies77
pixies77
Opera:
Recensione:
questo cd non c'è l'ho, ma mi rifarò presto. piu che altro è inpressionante il numero di amanti del prog che ci sono ancora in giro in Italia. solo su sto sito 3 recenzioni del debutto dei comus, e poi camel, caravan, pavlov's dogs quatermass sorrenti ecc... ottimo


UhuhPanicoUhuh
UhuhPanicoUhuh
Opera:
Recensione:
Mi raccomando Bob, una "bomba" prima di andarci...


UhuhPanicoUhuh
UhuhPanicoUhuh
Opera:
Recensione:
ah, dimenticavo, la maturità si raggiunge con l'assunzione del "Lophophora williamsii"


pixies77
pixies77
Opera:
Recensione:
questo cd non c'è l'ho, ma mi rifarò presto. piu che altro è inpressionante il numero di amanti del prog che ci sono ancora in giro in Italia. solo su sto sito 3 recenzioni del debutto dei comus, e poi camel, caravan, pavlov's dogs quatermass sorrenti ecc... ottimo


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
A quanto pare negli ultimi giorni mi sono perso un bel pò di rece interessanti qui su deb, recupererò. Complimenti per la riscoperta. Gruppo molto affascinante, gran bell'album questo ma "Remember the Future" non è da meno. Bob in gamba per gli esami di maturità, io li ho superati un paio di anni fa... 60 spaccato :).


Neu!_Cannas
Neu!_Cannas Divèrs
Opera:
Recensione:
Bella rece bob, ispirata. In bocca al lupo x l'esame tanto è una cazzata XD


BiancoeNero
BiancoeNero
Opera:
Recensione:
posso fare una previsione? se non ti metti a studiare verrai bocciato! questa recensione è scritta con i piedi, due punti e virgole messi a casaccio, per non parlare dei vari errori,"certi momenti importanti i quali ci possono mettere in soggezione" ma secondo te è italiano questo? e mi meraviglio dei giudizi dei commentatori, asini!


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
@biancoenero. Prima cosa, benvenuto su Debaser. Secondo, grazie per i consigli. Cercherò di metterli a frutto nel tema di Mercoledì. In verità ho fatto anche un altro errore che ho notato solo a rece pubblicata; mi dispiace solo per il fatto che con il tuo voto si è abbassata la media della rece. Speravo di migliorarmi dopo l'exploit dell'ultima. Ringrazio anche gli altri per i commenti.


gemini
gemini
Opera:
Recensione:
letto ora la risposta, bob, grazie mille! mi unisco anch'io agli auguri per gli esami ;)


shooting star
shooting star Divèrs
Opera:
Recensione:
Bravo Bravo, bellissima recensione.


Rhayader
Rhayader
Opera:
Recensione:
Non amo molto i Nektar. Questo album ha molteplici influenze, ma nessuna è sfruttata al meglio e formalmente coesa con le altre. E' un album molto buono, ma non è nelle mie corde.

@ BiancoeNero
ci fai la cortesia di scrivere una recensione? così capiamo tutti come sei bravo.


Ardalo
Ardalo
Opera:
Recensione:
Oh io sono arrivato in ritardo però rialzo la media. Sono come le donne, vengo sempre dopo. aahahhahahahahaahha. Vai Bob buona maturazione


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Informazione riguardante il commento sulla recensione del buon telespalla.
1) Spesso si dice o scrive "asino" a chi fa degli errori o sbaglia, si può leggere anche sulle enciclopedie.
Niente di più sbagliato perchè l'asino non è stupido anzi...
Ad esempio se si vuole far trasportare ad un cavallo molti pesi o materiali il cavallo lo fa anche a rischio della propria morte, mentre l'asino no, perciò non è stupido ma intelligente.
L'asino è si testardo ma in certe situazioni può non essere un difetto.
Anche la vecchia storia del berretto dell'asino (copricapo con due lunghe orecchie) che si metteva in testa agli scolari negligenti o ignoranti è una "cavolata" che dura ancora oggi (nella mia enciclopedia è ancora scritto).
Per tornare alla musica anche A.Belew negli anni con F.Zappa non era in grado di leggere uno spartito ma sapeva suonare...
Se poi ci sono degli errori nelle recensioni non mi sembra così grave, penso che tutti li abbiano fatti chi più chi meno.
Eventualmente se sono gravi si possono far notare "velatamente" ma lo scopo di questo "luogo" secondo me non è la grammatica ma far conoscere della musica, soprattutto buona musica (a seconda dei gusti).
Certo, se lo scritto è fatto come si deve tanto di cappello ed è anche piacevole alle volte per chi lo legge.
Perciò, io non mi sento ignorante riguardo alla valutazione della recensione, mi sento "ignorante" per tutti quegli argomenti che non conosco, in questo caso la musica.
Saluti asineschi.


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Che dire dottore. grazie. Ringrazio anche Ardalo, Rhayader e Shooting (tral'altro penso saprai che in un episodio dei Simpson c'è Tom Petty!). Quello che dici nella seconda parte del commento è corretto però se una rece ha una forma e una sintassi buona tanto di guadagnato! Le valutazioni di Biancoenero sono corrette, per fortuna dagli errori si può imparare. Pure Tobby mi fece una valutazione sulla forma, mi accorsi che aveva ragione e presentai delle modifiche nello stile. L'importante è fare delle critiche in una maniera consona, senza esagerazioni. Altrimenti si passa alle offese gratuite, da denigrare in maniera netta e decisa.


Dj-Salival
Dj-Salival Divèrs
Opera:
Recensione:
Ottima rece soprattutto per la capacità sintetica. forse dovresti cercare di migliorare il fluire della scrittura che sembra un po' zoppicante. Cmq bravo. il disco mi incuriosisce ma ultimamente sono subissato di roba nuova. Metto in coda e vedrò.


Dj-Salival
Dj-Salival Divèrs
Opera:
Recensione:
Ahò TELESPALLA sto disco mi ha preso subito dalla prima canzone. Belli belli belli. Avevo bisogno un po' di questo ritorno alle atmosfere eteree e acide degli anni 70. Grazie mille ;-) a buon rendere.


Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Mi sto (ri)gustando or ora la suite omonima. Sconvolgente, spaziale e mistica. La progressione iniziale è da brivido. Bravo, spero che la matura ti sia andata bene.


Peppe Weapon
Peppe Weapon
Opera:
Recensione:
Io ho letto che addirittura le ristampe digitali sono venute male, nel senso che le chitarre si sentono pesantemente distorte, mentre nel vinile originale si sentono in maniera più chiara e limpida... vabè, dovrò ascoltarli per vedere di che pasta sono fatti.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di A Tab in the Ocean è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link