Offlaga Disco Pax
Socialismo Tascabile (prove tecniche di trasmissione)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Pubblicità Progresso: ascoltateli.

Gli OfflagaDiscoPax sono un gruppo reggiano. Gli OfflagaDiscoPax, nella persona di Max, classe '67, raccontano storie da grande freddo post-guerra fredda e caduta del comunismo (raccontano proprio, con tanto di accento emiliano) ma lo fanno con quel tanto di sarcasmo e ironia evidentemente indispensabili alla sopravvivenza.
Sono storie minime, inzuppate nel clima politico smobilitante dell'Emilia rossa a cavallo tra metà Settanta e i nostri giorni: la storia di un chewing gum da antagonista e della sua scomparsa ("cinnamon"), di una quattordicenne fidanzata barricadera che si vorrebbe 'far crescere' e si scopre 'già cresciuta' ("khmer rossa"), di un militantismo fumettistico che si affianca e si scontra con la morsa e le icone del capitalismo (Berlinguer e Space Invaders citati fianco a fianco nell'elenco di ricordi che è la cavalcata "robespierre").
Come si capisce, sono i testi a rapire l'attenzione innanzitutto, la musica li contestualizza: per questo fare paragoni musicali è un po' stupido (è più importante la simbiosi con le parole che non l'originalità, per dire) ma tant'è... una batteria elettronica e molti tocchi new wave, qualche chitarrismo tra 4AD e shoegazing acustico, "robespierre" è una tirata punk-funk...
Ma, come detto, è soprattutto l'interrelazione testo-musica a contare: spesso ho avuto la sensazione che le due cose fossero troppo slegate, ma dove i contrasti funzionano bene sono fantastici: ad es. nelle chitarre sognanti su cui si appoggia 'kappler' (CAPOLAVORO), testo realista ma atmosfera di abbandono che suggerisce il lasciarsi morire del protagonista dopo la pensione, al termine dei conflitti.
Gli Offlaga invece sono rimasti vivi, naufraghi che resistono ghignando, persi nell'oceano.
Ho tralasciato molte cose, a voi scoprirle...

Questa DeRecensione di Socialismo Tascabile (prove tecniche di trasmissione) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/offlaga-disco-pax/socialismo-tascabile-prove-tecniche-di-trasmissione/recensione-antimo_d

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentaNove)

antimo_d
Opera: | Recensione: |
ach... già c'era, e l'aveva pure letta... ma me n'ero dimenticato... vabbè, provo a essere utile mettendo qualche sempol

pugliamix
Opera: | Recensione: |
Invece hai fatto bene a metterla, l'altra non rendeva giustizia a questa piccola gemma. Stavo pensando di rifarla io, poi ho sempre rimandato, non ho molto tempo ultimamente... complimenti antimo. Ciao

trellheim
Opera: | Recensione: |
antimo_d
Opera: | Recensione: |
trellheim
Opera: | Recensione: |
josi_
Opera: | Recensione: |
Ti dirò antimo, lo spoken word di stampo politico non l'ho mai sopportato. Non che non siano dei bei testi, anzi. Ma il fatto di leggerli sulla musica mi dà una sensazione di supponenza (il suo tono di voce, al proposito, aiuta) sicuramente ingiustificata ma fastidiosa. Ovviamente è una mia opinione personale che non toglie nulla al loro talento! E poi, giusto per fare lo snob che disprezza gli snob, non ce la faccio più a sentirli incensare da tutti-tutti gli snob-indie-bloggers d'Italia :D Minchia che pippa mentale eh

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
non so perché ma non mi ispirano, pensavo di vederli dal vivo poi hanno annullato le date dalle mie parti ... tutto normale :) dopo mi ascolto i samples

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
non li ho sentiti, ma a prescindere è una bella rece :)

antimo_d
Opera: | Recensione: |
insomma, piacciono solo a me e a un branco di alternativi d'ordinanza con la puzza sotto al naso... ah no! c'è Puglia, grande Puglia! però mi sento un po' come il tipo della bancarella del torrone che non ha venduto un cazzo alla festa del paese (aggiungerei bastardi...:D)

antimo_d
Opera: | Recensione: |
ciao k! :) grazie... e vabbè, grazie dei bei voti a tutti, vado agli scrutinii fiducioso!

Anonimo
Opera: | Recensione: |
che disco ragazzi.la cosa più geniale che sia uscita dai tempi di kid a.......e tono metallico standard è un fottuto capolavoro!!!!!!!!!

humax4
Opera: | Recensione: |
nn sopporto questo genere di musica. confermo dopo aver sentito i sempols. la recensione è cmq bella.

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Una brutta copia scimmiottata dei meravigliosi CCCP duecento anni dopo. Patetico.

Anonimo
Opera: | Recensione: |
ma chi se li inc**a....

biaspoint
Opera: | Recensione: |
Li sto ascoltando per la prima volta, non li conoscevo purtroppo, sono molto Massimo Volume, ma gli manca ancora un'po di strada per raggiungerli, cmq una bella realtà proveniente da quell'angolo di Italia che merita di essere idioltrata solo per i gruppi che ha sfornato in questi ultimi 25 anni ! sapete bene di chi sto parlando.....

Anonimo
Opera: | Recensione: |
ahahhahahah Biaspoint, ma chi sei la reincarnazione di Howard Jones ? ahahahhaha

Qzerty
Opera: | Recensione: |
Il Bimbo col Sintetizzatore in copertina non si batte!

biaspoint
Opera: | Recensione: |
Ma vaffanc.... sei un senza coglioni !!! ahahahahah

Qzerty
Opera: | Recensione: |
Però ti ha fatto un gran complimento, vorrei tanto essere io la reincarnazione di Howard Jones...che però mi risulta essere ancora vivo.

frangipane
Opera: | Recensione: |
il buon puglione mi aveva fatto sentire il disco in tempi non sospetti...
i testi sono fantastici... da qui a mettere su il disco, così, tanto per rilassarsi, ne passa...
alcune trovate sono geniali... su tutte: Cinnamon.
Pugliamix ha visto gli Offlaga al calamita di Cavriago (RE), locale dove sono sostanzialmente residenti... Credo che sia l'ultimo comune al mondo con la statua di Lenin in piazza... MITICI!

leretico
Opera: | Recensione: |
Penso che per apprezzare adeguatamente questo disco si debba:
a) avere più di 30 anni, meglio verso i 40
b) essere cresciuti in zone a forte impronta rossa
c) amare le contraddizioni
d) non essere tirolesi, nella tournee bolzanina si è rischiato lo scontro diplomatico per la declassificazione dei loacker
e) programmare le vacanze estive a Praga principalmente per cercare i Tatrankj
Una bella scoperta, non credo abbiano grandi margini di progresso. Temo abbiano già speso le loro migliori cartucce.
E, ovviamente, Prinz verde senza ritorno a tutti quelli che non sono d'accordo...

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Anonimo
Opera: | Recensione: |
pugliamix
Opera: | Recensione: |
Li ho rivisti ieri sera al Banale di Padova. Come se un anno e otto mesi non fossero passati, il set è identico a quello che vidi al Calamita di Cavriago (RE). Loro sono simpaticissimi e disponibili. Frangipane si era messo la maglietta dei Julie's Haircut per provocare (Max si riferisce al cantante di quel gruppo in Tono Metallico Standard) e il gruppo ha gradito. Antimo_d, non ti dispiacere per lo scarso successo della recensione... non sanno quello che fanno!

mikornr
Opera: | Recensione: |
a me piacciono tantissimo, soprattutto il loro modo di "recitare" il testo..

ajejebrazorf
Opera: | Recensione: |
sentiti prima in macchina e con molti pregiudizi, perchè quella sensazione di supponenza e di spocchia di josi_ l'avevo avvertita anche io, e invece l'ho trovato un disco divertentissimo, e loro molto più leggeri e meno compresi nella parte dei Massimo Volume. Non so quanto regga a ripetuti ascolti, ma l'inizio davvero niente male. Son curioso di sapere chi fosse il gruppo bippato del tipo che sembra un commesso e dice qualcosa tipo "Scommetto che Lanegan non lo conosci"

lukin
Opera: | Recensione: |
agege, a me non fanno impazzire....il tipo della canzone è il cantante dei Julie's Haircut, come diceva pugliamix sopra. Ora credo sia finito tutto a tarallucci e vino, ma l'episodio descritto nella canzone è vero.

ajejebrazorf
Opera: | Recensione: |
ho leggiucchiato i commenti e non me n'ero accorto, bello l'episodio, dev'essere contento il cantante:) Magari hai ragione tu Luk sul valore del disco, ma sai, sto sentendo in questi giorni vari gruppi prog settanta italici con testi mediamente orribili e musiche strapompose, e questi sono stati la classica ventata d'aria fresca. Già che ci sono ti consiglio a proposito "un cactus nel bidè" dei "Mamma non piangere". Guarda che scherzo, non te la consiglio:D

lukin
Opera: | Recensione: |
no beh, questione di gusti :D, nemmeno i Massimo Volume mi fanno impazzire, per dire. Gli Offlaga sono divertenti sì, ma niente di più. tutto questo sempre secondo me. Qualcuno nei commenti all'altra recensione parlava dell'accento troppo marcato che a lungo andare può stancare, ed è veramente pesante da sostenere per tutto il disco, però mi sono simpatici perché si prendono poco sul serio. Nonostante, almeno qua nella mia zona, che è anche la loro, siano seguitissimi ed anche in Italia sono diventati abbastanza famosi, grazie soprattutto al passaparola, una cosa simile a quella capitata ai Clap Your Hands Say Yeah. L'episodio di Tono Metallico Standard, suppongo sia stato preso bene dal cantante in questione :D...tra l'altro fa anche il dj in una radio locale dove gli Offlaga sono stra-trasmessi. voto anche ad antimuzzo con la speranza che riprenda a scrivere

ajejebrazorf
Opera: | Recensione: |
sono di sicuro meglio delle pesantezze di fighetti alla Marlene Kuntz, e anche meglio dei Massimo Volume che non adoro ma non mi fanno schifo. Certo non sarà il disco del secolo, ma la leggerezza è dote rara. Durerà poco sul lettore, proporzionalmente all'importanza nulla o quasi della musica nel disco (un po' come le canzoni barzelletta di elio, a un certo punto non ridi più, rivisto da poco dal vivo ho sbadigliato ferocemente, per quanto mi piacesse anni fa), ma per ora mi accontento. Comunque, sai che l'accento a me non disturba per nulla?

Mars
Opera: | Recensione: |
Sottoscrivo: meglio della lagna da parodia poetica extrapretenziosa di Marlene e compagni, forse meno belli dei Massimo Volume. Quest'aria snob nella voce proprio non l'ho sentita, anzi direi che è il tono è volutamente intimista e conversazionale, al pari dei testi: per le menate ideologic-snob del cazzo, rivolgetevi a Giovanni Lindo Ferretti. Musicalmente un pò fiacchi, forse non così interessanti, ma "Kepler" e "Tono Metallico Standard" sono nondimeno dei pezzacci. Saludos.

ajejebrazorf
Opera: | Recensione: |
torno dopo averlo ascoltato per un po'. Mi ha divertito sulle prime, ma in effetti dopo poco mi ha stancato. Max Collini è bravo e scrive bene, ma il disco è un po' monotematico e musicalmente mi dice poco. Comunque Tatranki è un bel pezzo.

Anonimo
Opera: | Recensione: |
fare qualcosa di decente in italia va sempre premiato con il max del voto

ZiOn
Opera: | Recensione: |
So che sono stati definiti come i "CCCP in versione aggiornata"... Sta di fatto che i CCCP mi annoiano da morire e loro mi divertono. Davvero un bell'album ;-)

easycure
Opera: | Recensione: |
ho scoperto solo ora tanto questa recensione tanto il disco.. e sai che è una delle cosa più convincenti e (finalmente) originale che abbia sentito da molto tempo a questo parte? Per giunta anche a livello internazionale.. bello

antimo_d
Opera: | Recensione: |
oh easy, vecchio porco, come va? ;)
mi fa piacere ti piaccia, alla fine mi trovo cmq d'accordo con chi dice che stanca un po' alla lunga, boh... però almeno sulle prime è godibilissimo e pungente, imho

easycure
Opera: | Recensione: |
ciao Antimone, vecchio brigadiere :-D abbastanza bene, anche se alle prese con gli ormai prossimi esami della sessione estiva. Tu?

antimo_d
Opera: | Recensione: |
hola easy, ovviamente non risposi... che dire: periodo di indecisioni, tipo, che cavolo di lavoro fare e dove farlo... haloa

Quentin Quire
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: